Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.

Del resto, come sottolinea Glenn Adamson, studioso dello Yale Center for British Art e moderatore della discussione, "l'Italia ha sempre avuto un ruolo centrale e di prestigio nel mondo dell’architettura e del design, così come in quello dell’arte, dell’ingegneria e dell’artigianato. Ed è da sempre stata pioniera di questa visione olistica della creatività, capace di combinare idee astratte e realtà concrete, abilità artistiche e lavoro artigianale".

Organizzato in concomitanza del "NYCxDesign", annuale kermesse del design in tutti i suoi campi, "Material Immaterial" presenta le menti creative dietro due tra i più recenti progetti architettonici di successo italiani, presentati per la prima volta il mese scorso al FuoriSalone di Milano.

Il primo, l’installazione luminosa "Quick brown fox jumps over the lazy dog", è il frutto di una collaborazione tra il gruppo italiano Artemide e lo studio Danese Bjarke Ingels Group (BIG). Il titolo, che è anche il cuore dell’installazione, è un pangramma - una frase di senso compiuto che contenga in sé tutte le lettere dell’alfabeto - e, come spiega Daniel Sundlin, architetto partner di BIG, si propone di sfruttare la luce dell’installazione al neon, elemento astratto e al contempo moderno per eccellenza, per "creare un contrasto con la materialità dell’edificio storico in cui è realizzata", che è appunto il loggiato est dell’Università Statale di Milano.

"L’idea era creare qualcosa che fosse semplice all’esterno, ma racchiudesse al suo interno un’idea complessa", continua Carlotta de Bevilacqua, vice presidente e amministratore delegato del gruppo Artemide. "Qualcosa che, in un certo senso, rispecchiasse il nostro impegno nel guardare alla modernità, al futuro", ha detto.

Il secondo progetto presentato nel corso dell’evento si intitola “Wave/Cave”, realizzato attraverso una collaborazione tra l’azienda ingegneristica italiana Metalsigma Tunesi e la casa creativa tedesca NBK Keramik. A partire dal progetto originario, nato da un’idea dello studio architettonico newyorkese SHoP, “Wave/Cave” si propone di creare un’installazione “lenta”, che trasmetta allo spettatore un senso di solidità, di stabilità, in netta contrapposizione ai ritmi frenetici del mondo odierno.

Come fa presente Christopher Sharples, fondatore e partner di SHoP, mostrando al pubblico l’installazione per fasi, procedendo lentamente e senza fretta di arrivare all’opera finita, questo “ha potuto vedere [l’opera] venire alla luce comprendendo come ogni [sua] parte fosse un tassello di un più grande puzzle”. Sono 1670 i blocchi di terracotta non smaltata che vanno a comporre l’installazione, tagliati secondo un preciso ordine numerico in 797 forme geometriche diverse, e disposti su tre livelli. Dal punto di vista della realizzazione, la sfida era utilizzare un materiale povero e all’apparenza semplice come l’argilla per realizzare una struttura complessa, che fosse al tempo stesso di forte impatto artistico, come spiega Carlo Geddo, amministratore delegato di Metalsigma Usa. L’opera, che occupa un’area di 55 metri quadrati e 3,6 metri in altezza, è anch’essa esposta all’Università Statale di Milano.

Dalle strutture architettoniche e il design di ambienti si passa poi al design digitale, dando la parola a Mauro Porcini, vice presidente senior e direttore capo design per la multinazionale americana PepsiCo. Secondo Porcini, in un’epoca in cui “tutto si muove alla velocità della luce” è cruciale, per un designer, domandarsi: “come essere creativi, e produrre innovazione?”. La risposta, per Porcini, sta nel creare “proposte, e non prodotti - solo così si lasciano i clienti liberi di decidere se quel qualcosa piace o no”. Che è ad ultimo, in questo come in altri settori, ciò che determina il successo a lungo termine di un’idea o di un prodotto.

C’è ancora spazio la creatività e l’innovazione italiana all’estero, e i nostri architetti e designer sono quanto mai richiesti, negli Usa e non solo: questo il messaggio con cui si chiude l’evento. E questa, come conclude Porcini, è per gli Italiani “una splendida opportunità, ma - non dimentichiamoci - anche una grande responsabilità”.

Altri Servizi

Esplosione a NY, l'attentatore voleva vendicare attacchi contro l'Isis

Negli Stati Uniti da sette anni, il 27enne Akayed Ullah si è ispirato agli atti di terrorismo contro i mercati di Natale in Europa
AP

Irritabile. Arrabiato. Scontento. Viene descritto così il 27enne originario del Bangladesh che voleva farsi saltare in aria vicino a uno degli hub di trasporto più trafficati di New York City

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Trump firma documento per riportare uomo sulla Luna e promette Marte in futuro

Un nuovo programma di esplorazione spaziale. L'uomo non mette piede sulla Luna dal 1972 con Apollo 17. Ma continuano a esserci dubbi sui fondi

"Questa volta non pianteremo solo la nostra bandiera e lasceremo le nostre impronte [sulla Luna], ma stabiliremo delle basi da cui fare partire le missioni verso Marte e in futuro verso altri mondi". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmando un documento con il quale si impegna a rafforzare il programma spaziale americano e a riportare gli astronauti Usa sulla Luna e poi su Marte. Sarebbe la prima volta dal 1972, quando la missione Apollo 17 portò per l'ultima volta degli esseri umani sulla Luna. Oggi è il giorno dell'anniversario di Apollo 17, la cui navicella è atterrata sulla Luna l'11 dicembre di 45 anni fa.

New York, tentato attacco terroristico: uomo prova a farsi esplodere in stazione

Il nome dell'attentatore è Akayed Ullah, 27 anni; gravemente ferito, è stato arrestato. Ha fatto scoppiare un ordigno rudimentale poco prima delle 7:20, in un tunnel della fermata della metropolitana

Un consueto inizio di settimana si è trasformato, per molti newyorkesi, in quello che il governatore Andrew Cuomo ha definito "uno dei nostri peggiori incubi": un attentato nella metropolitana che, per fortuna, non ha avuto le conseguenze gravi che "si potevano temere inizialmente". "Questa è New York" ha ricordato il governatore, aggiungendo che la città è "un obiettivo per chi lotta contro la democrazia e la libertà. Chiunque oggi può andare su internet e costruire ordigni artigianali e dobbiamo convivere con questa realtà".

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gli Usa rispondono alla Russia: pronti a sviluppare nuovi missili nucleari

Trump in questo modo ricatta Mosca e spera che decida di tornare a rispettare il trattato sulla non proliferazione di missili di media gittata, firmato nel 1987. Questa settimana previsto un incontro bilaterale a Washington

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Russia che inizieranno a sviluppare nuovi missili nucleari a meno che Mosca non ritorni a rispettare il trattato di non proliferazione che è accusata di aver violato.

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, non riceverà il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, dopo la decisione del presidente Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale d'Israele. L'ha confermato il consigliere diplomatico di Abu Mazen, Majdi al Khaldi. "Non ci sarà un incontro con il vicepresidente americano in Palestina" ha detto al Khaldi. "Gli Stati Uniti hanno superato la linea rossa con la decisione su Gerusalemme".

Apple compra Shazam, la app per riconoscere le canzoni

Il valore della transazione non è stato svelato

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme: Apple acquista Shazam, la app per riconoscere le canzoni.

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24
Unsplash /Oliver Cole