Il dipartimento del Lavoro americano accusa Google: "sottopagate le donne"

Si tratterebbe di un "problema sistemico" attraverso il quale cui le impiegate non vengono pagate allo stesso modo dei loro colleghi uomini

Il dipartimento del Lavoro americano ha accusato Google di aver un "problema sistemico" nel trattamento economico dei propri dipendenti per colpa del quale le donne vengono pagate meno dei colleghi uomini. A sostenere tale tesi, davanti ad un tribunale di San Francisco, è stata Janette Wipper, direttrice della sede californiana del dipartimento del Lavoro, secondo cui questa disparità di trattamento tra uomini e donne è facilmente riscontrabile in tutta la forza lavoro del gigante di Mountain View.

Si tratta di una denuncia molto grave che arriva in seguito ad un’accurata indagine del dipartimento americano sulla remunerazione dei dipendenti della compagnia. La risposta di Google, che è rimasta basita dalle parole di Wipper, è arrivata con un comunicato stampa con cui ha "respinto duramente le accuse". "Ogni anno facciamo un'analisi completa e robusta sulla retribuzione tra i sessi e non abbiamo trovato alcun divario retributivo di genere", si legge nella nota. "Oltre a fare una dichiarazione infondata, che abbiamo sentito per la prima volta in tribunale, il dipartimento del Lavoro non ha fornito alcun dato né condiviso la sua metodologia di analisi", ha concluso poi la società.

Come sottolinea il Financial Times, la Silicon Valley sta lottando per superare una storia consolidata di sessismo e disparità di genere nei luoghi di lavoro delle industrie tecnologiche. Un recente studio condotto da Glassdoor, sito internet nel quale gli impiegati e gli ex impiegati recensiscono anonimamente le loro aziende e i loro superiori, ha messo in evidenza che i programmatori uomini sono il 28% in più delle donne in tutti gli Stati Uniti.

Si tratta di una situazione abbastanza nota sulla quale si è recentemente espresso anche Tim Cook, amministratore delegato di Apple. In un’intervista al The Auburn Plainsman, giornale dell’omonima università dove Cook si è laureato, il Ceo di Cupertino ha dichiarato che "gli Stati Uniti perderanno la loro leadership nella tecnologia se non cambiano le cose".

Nello specifico, come riporta NbcNews, su 70.000 dipendenti di Google solo un terzo sono donne. Il dipartimento del Lavoro ha iniziato la sua azione legale nel mese di gennaio chiedendo formalmente che Google fornisse i dati sui compensi ai suoi dipendenti. Per il momento tale richiesta non è stata pienamente soddisfatta poiché secondo la compagnia potrebbe andare incontro alla violazione della privacy dei suoi dipendenti. D’altro canto, come scrive Ft, se le accuse mosse contro l’azienda dovessero rivelarsi fondate Google rischia di perdere molti contratti stipulati col governo americano. Una perdita da miliardi di dollari.

"Come molti contractor del governo federale, Google ha l’obbligo legale di fornire informazioni pertinenti che vengono richieste nel corso di una valutazione della conformità dei contratti", ha dichiarato Thomas Dowd, direttore del Officer of Federal Contract Compliance Programs che fa parte dello stesso dipartimento del Lavoro. Lo stesso Dowd ha sottolineato che proprio a causa del rifiuto di Mountain View a fornire tali dati il dipartimento si è visto costretto a chiedere l’intervento di un tribunale federale.

 

Altri Servizi

Dopo essere stato licenziato dallo studio cinematografico da lui cofondato e dopo essere stato lasciato dalla moglie, Harvey Weinstein è stato silurato anche dal club degli Oscar. Il produttore più vicino come forse nessun altro all'organo che di fatto governa Hollywood ne è stato "espulso con effetto immediato". Si tratta dell'ultimo risvolto dello scandalo che ha travolto un uomo accusato di molestie e abusi sessuali  perpetrati per decenni, anche su alcune delle star del cinema americano e non, e su cu stanno indagando la polizia di New York e Londra.

G20: Schaeuble con Padoan, vietato compiacersi

Alla riunione di Washington, non si è discusso di commercio nonostante i negoziati sul Nafta e quelli legati alla Brexit

L'ultimo G20 presieduto dalla Germania ha ignorato il tema del commercio nonostante i negoziati in corso sul Nafta e sulla Brexit. Dalla riunione dei ministri delle Finanze e dei governatori delle bance centrali delle principali economie al mondo è invece stato lanciato un messaggio che ricalca esattamente quello del Fondo monetario internazionale: è vietato compiacersi di fronte a una ripresa dell'economia globale forte e generalizzata come non succedeva da un decennio.

G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Amministrazione Trump contro Fmi: vuole che riforma fiscale fallisca

L'istituto di Washington aspetta dettagli sulla legislazione ma avverte: non aumenti il deficit. Le probabilità che un taglio alle tasse si finanzi da solo è bassa
AP

Washington - L'amministrazione Trump ha apertamente attaccato il Fondo monetario internazionale, accusandolo di volere un fallimento della riforma fiscale che il presidente americano vorrebbe portare a casa entro fine anno; per lui, sarebbe la prima vittoria legislativa da quando mise piede alla Casa Bianca dal 20 gennaio scorso.

Draghi: il problema dei Npl è in Italia, va risolto. Visco: verso misure non destabilizzanti per le banche

Il governatore della Bce commenta le reazioni sull'addendum alle linee guida sulla gestione dei crediti deteriorati. Il governatore di Bankitalia: è manifestazione della forte volontà a mettere in sicurezza le banche. Padoan chiede chiarezza

Da Washington, Mario Draghi cerca di riportare la calma sull'asse Roma-Francoforte-Bruxelles. Dieci giorni dopo la pubblicazione dell'addendum della Banca centrale europea alle linee guida per la gestione dei crediti deteriorati - da molti visto come un modo per penalizzare l'Italia e le sue banche - il governatore dell'Eurotower ha spiegato che quanto fatto dal consiglio direttivo è stato "pubblicare un documento e chiedere reazioni". Per quelle c'è tempo fino alla mezzanotte (Central European Time) dell'8 dicembre. Poi, come detto da Ignazioni Visco - che oltre a essere governatore di Banca d'Italia è anche membro del consiglio direttivo della Bce - "vedremo cosa emergerà dalle consultazioni. In quel momento faremo le considerazioni necessarie".

Wall Street, occhi su trimestrali e Fmi

Attesi i conti di Wells Fargo e Bank of America
AP

Trump, altro colpo all'Obamacare: taglia i fondi per le polizze ai poveri

Annunciato ore dopo la firma di un ordine esecutivo sulla sanità, con cui il presidente ha compiuto il primo passo per smantellare la riforma del predecessore

L'amministrazione Trump, con un annuncio arrivato in serata, ha reso noto di aver deciso di porre fine ai fondi per le compagnie assicurative, che li usavano per poter offrire polizze sanitarie a costi molto ridotti ai più poveri sui mercati creati dall'Obamacare. Ore prima, il presidente Donald Trump aveva firmato un ordine esecutivo con cui apriva la strada a un ritorno ad alcune vecchie regole, compiendo il primo passo verso lo smantellamento della riforma di Obama, vista l'incapacità del Congresso, a maggioranza repubblicana, di riuscirci.

Padoan: "grandi risultati" per rafforzare la crescita. Fmi: abbassare il debito

Per il ministro, la legge di bilancio "compatta ed efficace" continua l'aggiustamento dei conti pubblici. Npl? E' nell'interesse del nostro Paese ridurli in modo "ordinato e rapido".

Washington - Ancora una volta, Pier Carlo Padoan si è presentato ai lavori semiannuali del Fondo monetario internazionale per difendere i "grandi risultati" fatti in Italia per rafforzare la crescita, anche attraverso un lavoro sulle riforme che va avanti a prescindere dal fatto che si vada verso nuove elezioni. Il ministro italiano delle Finanze ha riconosciuto tuttavia che ci sia ancora "molto da fare", a cominciare dalla riduzione dei non performing loan e del debito pubblico. Lo vuole il suo governo. Lo chiedono il Fondo monetario internazionale e la Banca centrale europea. Lo desidera anche il Ceo di Intesa Sanpaolo. Padoan lo sa bene. Non a caso è risultato in totale sintonia con il collega tedesco Wolfgang Schaeuble, che al suo ultimo G20 ha detto: "nella situazione attuale in cui c'è una buona situazione economica, essere compiaciuti potrebbe essere la tentazione più grande". Una tentazione che per Padoan "va respinta con forza" anche se Mario Draghi ha parlato di una ripresa "decisa e ampia" nell'Eurozona e ha promesso la continuazione di una politica accomodante.

Nbc: Trump vorrebbe decuplicare l'arsenale nucleare; il presidente nega

Dopo quell'incontro, Tillerson lo avrebbe definito un "imbecille". Il presidente vorrebbe che gli Stati Uniti, che hanno 4.000 testate nucleari, tornassero ad averne 32.000, come negli anni '60

Il presidente Donald Trump avrebbe detto di voler quasi decuplicare la quantità di armi nucleari a disposizione degli Stati Uniti. Lo sostiene la Nbc, che ha rivelato in esclusiva il presunto contenuto di un incontro con i vertici militari e politici avvenuto la scorsa estate, grazie a tre fonti, presenti al vertice.

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.