Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Per un sistema finanziario, quello turco, pesantemente esposto ai tassi di interesse e di cambio, la situazione è seria. Non a caso il presidente turco Erdogan sabato ha parlato dei cambi valutari e del dollaro forte come "uno strumento per lo sfruttamento", come "proiettili, palle di cannoni e missili della guerra iniziata contro di noi".

Tra gli investitori, il timore è che la crisi valutaria si trasformi in una crisi debitoria e di liquidità con possibili fallimenti di aziende indebitate in valuta straniera e di banche. Per questo c'è chi pensa a un potenziale bailout da parte del Fondo monetario internazionale, all'introduzione di controlli sui capitali e, prima di tutto, a un rialzo significativo dei tassi lasciati recentemente a sorpresa al 17,75%. D'altra parte l'inflazione viaggiava al 16% a luglio. Una stretta monetaria di 10 punti percentuali sarebbe vista come un buon inizio per fermare la caduta libera della lira. Resta da vedere se Erdogan, contrario a un aumento del costo del denaro, lo permetterà visto che l'indipendenza della banca centrale è già stata messa in discussione sin dalla sua rielezione il 25 giugno scorso.

Nel frattampo Erdogan ha risposto con una minaccia al raddoppio dei dazi su acciaio e alluminio turchi voluti da Trump (teoricamente per motivi di sicurezza nazionale ma in pratica per la mancata liberazione di un pastore evangelico americano, simbolo di una fetta importante dell'elettorato trumpiano). Con un editoriale sul New York Times, il presidente turco ha detto: "Se il trend di questo unilateralismo e mancanza di rispetto non viene invertito, inizieremo a guardarci in giro cercando nuovi amici e alleati". Dalla località Rize, nel Nord-Est del Paese, Erdogan ha poi fatto capire a chi si riferisce: "Ci stiamo preparando a scambi in valute locali con i paesi con cui abbiamo il maggiore volume di scambi, come Cina, Russia, Iran e Ucraina". Si tratta di nazioni su cui gli Usa, per motivi diversi, sono molto concentrati: Pechino è protagonista di tensioni commerciali con Washington, Mosca sta per essere punita da nuove sanzioni Usa e Teheran è l'arcirivale di un Trump che da novembre punirà chi non avrà ridotto a zero le importazioni di greggio iraniano. Kiev viene difesa da quando la Russia, nel marzo 2014, ha annesso la penisola di Crimea.

Erdogan è stato chiaro: la Turchia, con il secondo maggiore esercito nella Nato dopo quello Usa, "non accetterà mai l'ordine che ha dichiarato una guerra economica al mondo intero e che tiene i paesi ostaggio con le minacce di sanzioni", facendo riferimento agli Stati uniti.

Il fatto che venerdì il presidente turco abbia fatto leva sul nazionalismo incitando i cittadini a convertire dollari ed euro in lira non ha certo rassicurato. Nemmeno il fatto che come ministro delle finanze Erdogan abbia scelto il genero Berat Albayrak fa stare tranquilli. Questo perché dopo le elezioni del 25 giugno scorso, Erdogan ha formalmente centralizzato il governo sotto la sua presidenza, una presidenza con poteri ampliati e che è vista dagli economisti come una minaccia all'economia (ormai politicizzata) di una nazione che da anni aveva aspirazioni per diventare membro Ue.

La relazione Usa-Turchia

Ma quando la relazione tra Usa e Turchia ha iniziato a deteriorarsi? Secondo alcuni storici, nel 2003 quando i turchi negarono ai soldati americani di passare attraverso la Turchia durante l'invasione dell'Iraq da parte di una coalizione capitanata dagli Stati Uniti.

Le tensioni sono aumentate dopo il fallito tentativo di colpo di stato del luglio 2016, quando il governo turco insinuò che quello statunitense era coinvolto. Allora Barack Obama si rifiutò di estradare l'imam turco Fethullah Gulen, accusato da Ankara di avere orchestrato il fallito colpo di stato; di conseguenza Erdogan disse che gli Usa erano complici. Il 77enne in un auto-esilio in Pennsylvania dal 1999 era un tempo alleato dello stesso Erdogan.

Il presidente turco, inoltre, non ha gradito la decisione dell'amministrazione Trump del 2017 di armare miliziani curdi in Siria impegnati a lottare contro l'Isis. Per Erdogan, sono legati al movimento separatista curdo che la Turchia considera un'organizzazione terrorista.

Quando, nel settembre 2017, la Turchia ha siglato un accordo per comprare dalla Russia un sistema missilistico terra-aria, sono stati gli Usa a reagire male. Il Congresso da allora ha bloccato le consegne di caccia F-35 ad Ankara fino a quando non verrà cancellato il contratto con Mosca.

Ora Erdogan non accetta che la sua allenza con gli Usa nella Nato sia messa in gioco per un pastore evangelico. Trump sempra disposto a ricorrere a una linea dura. E non è solo. Il vicepresidente Mike Pense e il segretario di Stato Mike Pompeo sono cristiani evangelici, un gruppo di elettori chiave per il presidente Usa. Anche in vista delle elezioni di metà mandato di novembre.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i ribassi dei titoli tech

Si prospetta altra giornata in calo. Borse asiatiche giù
iStock

Wall Street, l'attenzione resta sulla guerra commerciale Usa-Cina

Tensioni al vertice Apec, ora si aspetta il G20 di fine mese
AP

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

Petrolio: Arabia Saudita vs Usa

Alla riunione dell'Opec del 6 dicembre, Riad punta a tagliare la produzione per sostenere i prezzi. Washington contraria. Tensioni tra i due alleati, uniti nell'indebolire l'Iran

Uniti sul piano geopolitico nel contrastare l'Iran, Stati Uniti e Arabia Saudita sono sempre più divisi sul fronte petrolifero. Riad vuole ridurre la produzione di greggio per sostenere i prezzi, scesi di oltre il 20% dai massimi di quattro anni di inizio ottobre. Washington è invece contraria a un taglio dell'output e insiste nel volere prezzi più bassi. La diversa strategia sta creando tensioni da un lato tra Arabia Saudita e Russia, impegnati dal gennaio 2017 a riequilibrare il mercato petrolifero, e dall'altro tra Arabia Saudita e Usa, due alleati la cui relazione è già messa alla prova dal caso Jamal Khashoggi, il giornalista saudita ucciso il 2 ottobre scorso non appena mise piede nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia); un'inchiesta condotta dal Paese del Golfo ha esonerato da ogni responsabilità il principe erede al trono  Mohammed bin Salman (Mbs), che invece per la Cia ha ordinato l'assassinio del reporter da un anno in auto-esilio in Usa (almeno stando a quanto riferito dal Washington Post).

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

Warren Buffett scommette su JP Morgan e il settore bancario americano in generale. Berkshire Hathaway, la conglomerata controllata dal celebre investitore, ha annunciato una partecipazione nella banca di Jamie Dimon con cui all'inizio del 2018 aveva unito le forze insieme ad Amazon per lanciare una joint venture volta a ridurre i costi sanitari per i rispettivi dipendenti.

Usa e Cina: è scontro per influenzare l'Asia. L'Apec finisce senza comunicato

Con un duello di dichiarazioni, Pence e Xi hanno messo in evidenza le tensioni non solo commerciali tra le due potenze mondiali

Per la prima volta nei 29 anni di storia dell'Asia Pacific Economic Cooperation (Apec), il summit che si è svolto nel fine settimana in Papua Nuova Guinea si è chiuso di domenica senza un comunicato. Colpa degli scontri tra Cina e Stati Uniti, protagonisti non solo di una guerra commerciale portata avanti a colpi di dazi ma anche di una sfida per esercitare la maggiore influenza economica e politica tra le nazioni che si affacciano sul Pacifico.

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

La Fda limita la vendita di e-cigarette aromatizzate, vuole il divieto sulle sigarette al mentolo

Battaglia dell'ente regolatorio statunitense contro "l'incredibile" aumento dell'uso delle sigarette elettroniche tra gli adolescenti. La dipendenza dalle sigarette al mentolo più pericolosa di quella dalle sigarette tradizionali

La Food and Drug Administration (Fda) ha annunciato che limiterà la vendita delle sigarette elettroniche aromatizzate, vietando la gran parte degli aromi disponibili sul mercato, e che ha intenzione di vietare la vendita delle sigarette al mentolo.

Terrorismo, Trump potrebbe aggiungere il Venezuela alla lista nera

Caracas potrebbe finire in compagnia di Corea del Nord, Iran, Sudan e Siria. A spingere per l'inserimento nella blacklist è un gruppo di parlamentari repubblicani, guidato dal senatore Marco Rubio
AP

L'amministrazione Trump si prepara ad aggiungere il Venezuela alla lista statunitense dei Paesi che sostengono il terrorismo. Lo scrive il Washington Post - citando e-mail governative e funzionari - secondo cui si tratterebbe di una drammatica escalation contro il governo socialista di Nicolas Maduro.

Elezioni Usa, cinque seggi al Congresso ancora da assegnare a due settimane dal voto

Risolti i casi più spinosi, in Georgia e Florida, ci sono ancora un posto in Senato e quattro alla Camera in bilico
Ap

Nei giorni scorsi, sono stati decisi tutti i confronti elettorali che animavano il dibattito politico negli Stati Uniti: in Georgia, il repubblicano Brian Kemp ha sconfitto la democratica Stacey Abrams per la carica di governatore; in Florida, hanno vinto i repubblicani Ron DeSantis per la carica di governatore e Rick Scott per un seggio in Senato. A due settimane dalle elezioni di metà mandato, però, cinque confronti restano ancora senza un vincitore: in ciascun caso, è un repubblicano a difendere il seggio.