Il mea culpa di Bannon: il figlio di Trump è un "patriota"

L'ex stratega di Trump chiarisce le sue dichiarazioni controverse che hanno fatto infuriare il presidente. Lui si difende: critiche rivolte a Manafort, ex direttore della campagna elettorale dell'attuale leader Usa

Alla fine un mea culpa esplicito di Steve Bannon è arrivato. L'ex stratega scomunicato da Donald Trump per avere rilasciato commenti controversi all'autore del libro "Fire and Fury", ha fornito spiegazioni che sembrano pensate per ricucire i rapporti (mai idialliaci, nemmeno quando era alla Casa Bianca) con la famiglia del 45esimo presidente americano. Resta da vedere se Trump e suo figlio accetteranno le scuse e come lo faranno.

In una lunga dichiarazione fornita in esclusiva ad Axios, sito ben informato su quanto succede e si dice a Washington, colui che nell'agosto 2016 fu reclutato da Trump per dirigere la fase finale della sua campagna elettorale ha espresso "pentimento" e ha lodato Donald Trump Jr, definendolo un "patriota" e un "buon uomo" che "senza mai mollare un colpo ha promosso il padre e l'agenda che ha aiutato a rilanciare il Paese".

Si tratta di parole ben diverse da quelle contenuto nel libro di Michael Wolff e con cui ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower avvenuto nel giugno 2016 - in piena campagna elettorale - tra il figlio del presidente, il genero Jared Kushner e il direttore della campagna Paul Manafort da un lato e dall'altro russi convinti di avere informazioni compromettenti sulla candidata democratica Hillary Clinton.

Bannon ha fatto riferimento a una sua intervista alla trasmissione 60 Minutes, citata dalla stessa Casa Bianca per dimostrare l'apparente contraddizione tra quanto emerso dal libro e quanto detto in passato. Bannon ha ripetuto che "non c'è stata collusione" tra la campagna Trump e Mosca e che le indagini in corso sono "una caccia alle streghe", proprio come sostiene il presidente Usa. Peccato che, stando al Los Angeles Times, il procuratore speciale che si sta occupando del Russiagate ha chiesto di interrogare di nuovo almeno uno dei partecipanti a quell'incontro alla Trump Tower.

Bannon ha fatto riferimento a commenti controversi nel libro dicendo che sono nati "dalla mia esperienza di funzionario della Marina a bordo di un cacciatorpediniere la cui missione principale era scovare sottomarini sovietici...durante gli anni Reagan, quando il nostro focus era sconfiggere 'l'impero del male'". Per l'ex stratega di Trump, le sue parole dette a Wolff erano rivolte a Manafort, l'ex direttore della campagna elettorale del magnate dell'immobiliare newyorchese e finito ai domiciliari con varie accuse tra cui complotto contro gli Usa. Per Bannon, Manafort è un "professionista maturo di campagne [elettorali] con esperienza e conoscenze su come la Russia agisce. Avrebbe dovuto sapere che [i russi] sono sleali, furbi e che non sono nostri amici". Insomma, le dichiarazioni rilasciare nel libro "Fire and Fury" "non erano rivolte a Don Jr". E per questo, "mi pendo della mia risposta tardiva a una copertura mediatica inaccurata riguardante Don Jr, che ha spostato l'attenzione dai risultati storici del presidente nel suo primo anno di presidenza".

Mentre la Casa Bianca continua a screditare un libro diventato best seller e il suo autore dai metodi discutibili, Bannon ha spiegato che il suo "supporto per il presidente e la sua agenda è inamovibile, come ho dimostrato quotidianamente nelle mie trasmissioni in radio, sulle pagine di Breibart News e nei discorsi e nelle comparse fatte da Tokyo a Hong Kong all'Arizona e all'Alabama".

Il mea culpa di Bannon, arrivato a rischiare il posto a Breitbart, è la conferma di una reazione tiepida mostrata nelle ore successive all'attacco rivoltogli da Trump non appena erano iniziati a emergere stralci del libro controverso. Parlando ai microfoni di  Breibart sembrava avere voluto sminuire "le cose bollenti" che "vengono dette" quando il pensiero di Trump viene condizionato dalla "palude" di Washington. Come a dire che giustificava la durissima reazione del presidente.

Ad Axios, il rappresentante dell'America di ultra destra ha ripetuto che Trump "era il solo candidato che avrebbe potuto farcela e sconfiggere l'apparato Clinton". Bannon considera sé stesso come "l'unica persona ad oggi che guida uno sforzo globale per predicare il messaggio di Trump e il Trumpismo e resto pronto a fare parte di una rottura per fare in modo che gli sforzi del presidente rendano l'America great again".

Altri Servizi

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

The Ronald Reagan Presidential Foundation

Donald Trump ha iniziato la sua prima domenica del 2018 tornando ad attaccare, a colpi di tweet, il libro controverso sulla 'sua Casa Bianca', quello che lo ha portato a scomunicare una volta per tutte il suo ex stratega nonché direttore della fase finale della sua campagna elettorale del 2016. Lo ha fatto paragonando ancora una volta il trattamento ricevuto dai media a quello del 40esimo presidente americano Ronald Reagan.

Con Trump, ingressi di rifugiati in Usa verso i minimi del 1980

Tra ottobre e dicembre a circa 5.000 è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni
AP

Le regole più severe imposte da Donald Trump dallo scorso ottobre rischiano di portare ai minimi del 1980 il numero di rifugiati ammessi negli Stati Uniti. Nel primo trimestre dell'anno fiscale 2018, iniziato il primo ottobre 2017, a circa 5.000 rifugiati è stato consentito mettere piede su suolo americano; si tratta di una cifra decisamente inferiore a quella registrata nello stesso periodo negli ultimi anni. A meno che ci sia un'accelerazione nei mesi a venire, il numero di rifugiati che potrà arrivare in Usa sarà inferiore al tetto da 45.000 imposto dal 45esimo presidente americano nell'autunno scorso. Quel tetto è il più basso da quando il programma di rifugiati fu avviato 38 anni fa.

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock