Il mea culpa di Bannon: il figlio di Trump è un "patriota"

L'ex stratega di Trump chiarisce le sue dichiarazioni controverse che hanno fatto infuriare il presidente. Lui si difende: critiche rivolte a Manafort, ex direttore della campagna elettorale dell'attuale leader Usa

Alla fine un mea culpa esplicito di Steve Bannon è arrivato. L'ex stratega scomunicato da Donald Trump per avere rilasciato commenti controversi all'autore del libro "Fire and Fury", ha fornito spiegazioni che sembrano pensate per ricucire i rapporti (mai idialliaci, nemmeno quando era alla Casa Bianca) con la famiglia del 45esimo presidente americano. Resta da vedere se Trump e suo figlio accetteranno le scuse e come lo faranno.

In una lunga dichiarazione fornita in esclusiva ad Axios, sito ben informato su quanto succede e si dice a Washington, colui che nell'agosto 2016 fu reclutato da Trump per dirigere la fase finale della sua campagna elettorale ha espresso "pentimento" e ha lodato Donald Trump Jr, definendolo un "patriota" e un "buon uomo" che "senza mai mollare un colpo ha promosso il padre e l'agenda che ha aiutato a rilanciare il Paese".

Si tratta di parole ben diverse da quelle contenuto nel libro di Michael Wolff e con cui ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower avvenuto nel giugno 2016 - in piena campagna elettorale - tra il figlio del presidente, il genero Jared Kushner e il direttore della campagna Paul Manafort da un lato e dall'altro russi convinti di avere informazioni compromettenti sulla candidata democratica Hillary Clinton.

Bannon ha fatto riferimento a una sua intervista alla trasmissione 60 Minutes, citata dalla stessa Casa Bianca per dimostrare l'apparente contraddizione tra quanto emerso dal libro e quanto detto in passato. Bannon ha ripetuto che "non c'è stata collusione" tra la campagna Trump e Mosca e che le indagini in corso sono "una caccia alle streghe", proprio come sostiene il presidente Usa. Peccato che, stando al Los Angeles Times, il procuratore speciale che si sta occupando del Russiagate ha chiesto di interrogare di nuovo almeno uno dei partecipanti a quell'incontro alla Trump Tower.

Bannon ha fatto riferimento a commenti controversi nel libro dicendo che sono nati "dalla mia esperienza di funzionario della Marina a bordo di un cacciatorpediniere la cui missione principale era scovare sottomarini sovietici...durante gli anni Reagan, quando il nostro focus era sconfiggere 'l'impero del male'". Per l'ex stratega di Trump, le sue parole dette a Wolff erano rivolte a Manafort, l'ex direttore della campagna elettorale del magnate dell'immobiliare newyorchese e finito ai domiciliari con varie accuse tra cui complotto contro gli Usa. Per Bannon, Manafort è un "professionista maturo di campagne [elettorali] con esperienza e conoscenze su come la Russia agisce. Avrebbe dovuto sapere che [i russi] sono sleali, furbi e che non sono nostri amici". Insomma, le dichiarazioni rilasciare nel libro "Fire and Fury" "non erano rivolte a Don Jr". E per questo, "mi pendo della mia risposta tardiva a una copertura mediatica inaccurata riguardante Don Jr, che ha spostato l'attenzione dai risultati storici del presidente nel suo primo anno di presidenza".

Mentre la Casa Bianca continua a screditare un libro diventato best seller e il suo autore dai metodi discutibili, Bannon ha spiegato che il suo "supporto per il presidente e la sua agenda è inamovibile, come ho dimostrato quotidianamente nelle mie trasmissioni in radio, sulle pagine di Breibart News e nei discorsi e nelle comparse fatte da Tokyo a Hong Kong all'Arizona e all'Alabama".

Il mea culpa di Bannon, arrivato a rischiare il posto a Breitbart, è la conferma di una reazione tiepida mostrata nelle ore successive all'attacco rivoltogli da Trump non appena erano iniziati a emergere stralci del libro controverso. Parlando ai microfoni di  Breibart sembrava avere voluto sminuire "le cose bollenti" che "vengono dette" quando il pensiero di Trump viene condizionato dalla "palude" di Washington. Come a dire che giustificava la durissima reazione del presidente.

Ad Axios, il rappresentante dell'America di ultra destra ha ripetuto che Trump "era il solo candidato che avrebbe potuto farcela e sconfiggere l'apparato Clinton". Bannon considera sé stesso come "l'unica persona ad oggi che guida uno sforzo globale per predicare il messaggio di Trump e il Trumpismo e resto pronto a fare parte di una rottura per fare in modo che gli sforzi del presidente rendano l'America great again".

Altri Servizi

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock