Il mea culpa di Bannon: il figlio di Trump è un "patriota"

L'ex stratega di Trump chiarisce le sue dichiarazioni controverse che hanno fatto infuriare il presidente. Lui si difende: critiche rivolte a Manafort, ex direttore della campagna elettorale dell'attuale leader Usa

Alla fine un mea culpa esplicito di Steve Bannon è arrivato. L'ex stratega scomunicato da Donald Trump per avere rilasciato commenti controversi all'autore del libro "Fire and Fury", ha fornito spiegazioni che sembrano pensate per ricucire i rapporti (mai idialliaci, nemmeno quando era alla Casa Bianca) con la famiglia del 45esimo presidente americano. Resta da vedere se Trump e suo figlio accetteranno le scuse e come lo faranno.

In una lunga dichiarazione fornita in esclusiva ad Axios, sito ben informato su quanto succede e si dice a Washington, colui che nell'agosto 2016 fu reclutato da Trump per dirigere la fase finale della sua campagna elettorale ha espresso "pentimento" e ha lodato Donald Trump Jr, definendolo un "patriota" e un "buon uomo" che "senza mai mollare un colpo ha promosso il padre e l'agenda che ha aiutato a rilanciare il Paese".

Si tratta di parole ben diverse da quelle contenuto nel libro di Michael Wolff e con cui ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower avvenuto nel giugno 2016 - in piena campagna elettorale - tra il figlio del presidente, il genero Jared Kushner e il direttore della campagna Paul Manafort da un lato e dall'altro russi convinti di avere informazioni compromettenti sulla candidata democratica Hillary Clinton.

Bannon ha fatto riferimento a una sua intervista alla trasmissione 60 Minutes, citata dalla stessa Casa Bianca per dimostrare l'apparente contraddizione tra quanto emerso dal libro e quanto detto in passato. Bannon ha ripetuto che "non c'è stata collusione" tra la campagna Trump e Mosca e che le indagini in corso sono "una caccia alle streghe", proprio come sostiene il presidente Usa. Peccato che, stando al Los Angeles Times, il procuratore speciale che si sta occupando del Russiagate ha chiesto di interrogare di nuovo almeno uno dei partecipanti a quell'incontro alla Trump Tower.

Bannon ha fatto riferimento a commenti controversi nel libro dicendo che sono nati "dalla mia esperienza di funzionario della Marina a bordo di un cacciatorpediniere la cui missione principale era scovare sottomarini sovietici...durante gli anni Reagan, quando il nostro focus era sconfiggere 'l'impero del male'". Per l'ex stratega di Trump, le sue parole dette a Wolff erano rivolte a Manafort, l'ex direttore della campagna elettorale del magnate dell'immobiliare newyorchese e finito ai domiciliari con varie accuse tra cui complotto contro gli Usa. Per Bannon, Manafort è un "professionista maturo di campagne [elettorali] con esperienza e conoscenze su come la Russia agisce. Avrebbe dovuto sapere che [i russi] sono sleali, furbi e che non sono nostri amici". Insomma, le dichiarazioni rilasciare nel libro "Fire and Fury" "non erano rivolte a Don Jr". E per questo, "mi pendo della mia risposta tardiva a una copertura mediatica inaccurata riguardante Don Jr, che ha spostato l'attenzione dai risultati storici del presidente nel suo primo anno di presidenza".

Mentre la Casa Bianca continua a screditare un libro diventato best seller e il suo autore dai metodi discutibili, Bannon ha spiegato che il suo "supporto per il presidente e la sua agenda è inamovibile, come ho dimostrato quotidianamente nelle mie trasmissioni in radio, sulle pagine di Breibart News e nei discorsi e nelle comparse fatte da Tokyo a Hong Kong all'Arizona e all'Alabama".

Il mea culpa di Bannon, arrivato a rischiare il posto a Breitbart, è la conferma di una reazione tiepida mostrata nelle ore successive all'attacco rivoltogli da Trump non appena erano iniziati a emergere stralci del libro controverso. Parlando ai microfoni di  Breibart sembrava avere voluto sminuire "le cose bollenti" che "vengono dette" quando il pensiero di Trump viene condizionato dalla "palude" di Washington. Come a dire che giustificava la durissima reazione del presidente.

Ad Axios, il rappresentante dell'America di ultra destra ha ripetuto che Trump "era il solo candidato che avrebbe potuto farcela e sconfiggere l'apparato Clinton". Bannon considera sé stesso come "l'unica persona ad oggi che guida uno sforzo globale per predicare il messaggio di Trump e il Trumpismo e resto pronto a fare parte di una rottura per fare in modo che gli sforzi del presidente rendano l'America great again".

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati".

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.