Il mercato immobiliare a New York scricchiola ma tiene (per ora)

Effetto Trump e l'arrivo di Amazon con il secondo quartier generale. Intervista ad Andrea Pedicini, 36enne di Pordenone e agente immobiliare in Usa dal 2010

Chi vuole prendere casa a Manhattan deve essere paziente nell’individuare la proprietà giusta ma veloce nel concludere la trattativa. Un immobile o un appartamento messo sul mercato a New York, infatti, viene venduto mediamente in 54 giorni di tempo. Che è molto meno di quanto occorra il più delle volte per ottenere un mutuo dalla banca. Abbiamo intervistato Andrea Pedicini, 36enne di Pordenone e agente immobiliare nella metropoli americana. Laureato in Economia presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia, si occupa di real estate negli Usa dal 2010. Lavora per Citi Habitats.

Raccontaci in breve come il tuo lavoro ti ha portato a New York e qual è stato il primo impatto con il mercato.

Nonostante la mia specializzazione in Marketing e Comunicazione, appena conseguita la laurea ho deciso di iniziare il mio percorso professionale in KPMG, multinazionale della revisione contabile, un’attività che poco aveva a che fare con il marketing e la comunicazione ma che mi ha consentito di ampliare e rafforzare quanto appreso negli anni dell’università. Durante il mio terzo anno in KPMG ho fatto un’esperienza di circa quattro mesi in California e poco dopo, una volta rientrato in Italia, mi è stato proposto di occuparmi di investimenti immobiliari a New York per un’affermata realtà immobiliare italiana. Arrivato a New York nel gennaio del 2010, il contesto di mercato era ancora piuttosto depresso, il che mi ha dato la possibilità di studiare e capirne le dinamiche senza particolari pressioni.

Da allora sono trascorsi otto anni. Come è cambiato l'approccio all'acquisto dei newyorchesi con la nuova presidenza?

Non c’è necessariamente una correlazione diretta tra la presidenza degli Stati Uniti e l’andamento del mercato immobiliare di New York, che risente invece più delle politiche promosse a livello locale, sia statale, ad Albany, che municipale. Va detto però che la riforma fiscale voluta dall’amministrazione Trump (e approvata al Congresso nel dicembre 2017,ndr) ha avuto invece un impatto diretto anche sul mercato immobiliare della città, e paradossalmente si è trattato di un impatto negativo: è stato infatti posto un limite per le persone fisiche pari a 10.000 dollari annui alle deduzioni fiscali sulle imposte locali (le cosiddette SALT, State and Local Taxes). Di esse fanno ad esempio parte anche le tasse pagate sulle proprietà immobiliari. Ecco dunque che per una città come New York, dove le SALT sono generalmente molto più alte rispetto al resto degli Stati Uniti, il limite approvato l’anno scorso rappresenta un ridimensionamento notevole di un vantaggio fiscale prima presente. Un’altra deduzione venuta meno in virtù della medesima riforma è quella degli oneri passivi sui mutui, anche qui eliminando di fatto un vantaggio precedentemente presente. Queste misure, unite a un inventario storicamente molto elevato e al graduale aumento dei tassi d’interesse promosso dalla Fed, hanno di fatto rallentato il mercato, che oggi si trova infatti in una fase recessiva.

È vero che Manhattan a livello immobiliare sta subendo continui cambiamenti? Si parla di una grande emigrazione verso altre città. Se sì, quali è perché secondo te?

Più in generale è lo Stato di New York che dal 2011 si colloca in cima alla lista degli Stati che perdono più abitanti nel corso dell’anno. Dal 2010, infatti, oltre un milione di persone hanno deciso di andare a vivere altrove, e a “emigrare” è per lo più la fascia dei Millennials. A incidere sono in particolare il costo della vita molto elevato e una tassazione locale (statale e municipale) più alta rispetto ad altre aree. Ad esse va poi aggiunto un clima non facile per circa un quarto dell’anno. È anche vero però che la città di New York continua ad offrire opportunità uniche, seppur non necessariamente in maniera diffusa, e chi è in grado di coglierle preferisce ovviamente restare.

Pensi che ci siano incentivi interessanti per gli europei che vogliono investire in città? Se sì, come bisogna procedere?

Gli incentivi sono dati per lo più dagli aspetti fisiologici del mercato immobiliare newyorchese: da un lato la sua solidità e dinamicità, che gli ha consentito di tenere molto bene dopo la crisi del 2008, con cali significativamente minori rispetto ad altre piazze, come pure di riprendersi in tempi relativamente rapidi, soprattutto se paragonati a quelli di altri mercati. Dall’altro lato, la sua trasparenza: qui lo storico dei prezzi di acquisto è a disposizione di tutti e c’è sempre estrema chiarezza sui costi d’acquisto. Va anche citata una predisposizione particolare verso gli investitori, caratterizzata da una burocrazia molto snella, che consente ad esempio di costituire veicoli societari semplici, volti all’acquisto di unità immobiliari, in pochi giorni e senza requisiti particolari a livello di capitale sociale.

Raccontaci della tua ultima operazione a Battery Park.

È stata senza dubbio una delle negoziazioni più complesse della mia carriera. Si è trattato di un pacchetto di 21 unità residenziali al Downtown Club Condominium, un palazzo storico di Manhattan, tra Battery Park e il Financial District. Alcune di queste unità presentavano delle criticità strutturali importanti, il che ha reso la ricerca di un compratore ancora più ostica. Quest’estate però, dopo un paio di mesi di trattative estenuanti sono finalmente riuscito a convincere un fondo americano a rilevarle tutte in un blocco per circa 14 milioni di dollari. Una bella soddisfazione, a maggior ragione considerando che stiamo oggi operando in un mercato che attraversa una fase recessiva importante.

Amazon ha recentemente scelto Long Island City in Queens per il suo secondo quartier generale. Perché proprio Long Island City e che impatto avrà Amazon per l’intera area?

Dopo oltre un anno di ricerche volte a individuare la location ideale per il suo secondo quartiere generale, la scelta di Amazon ha colto molti di sorpresa. In realtà quello di Long Island City (LIC) è un fenomeno che molti addetti ai lavori conoscono da tempo. Io stesso ho iniziato a studiare il quartiere dal 2014. Si trattava allora di un’area decisamente poca battuta e poco conosciuta dagli investitori internazionali che di solito rappresento e non è stato facile far passare l’idea che potesse rappresentare un buon investimento. I clienti che si sono fidati, godono già oggi di rivalutazioni significative delle loro proprietà, destinate a crescere ulteriormente proprio grazie ad Amazon. Il quartiere dista solo 5 minuti di metropolitana da Manhattan e ha ancora un potenziale urbanistico significativo: credo che questo, unito al fatto che i due principali aeroporti di New York, JFK e La Guardia, sono facilmente raggiungibili da LIC e più in generale alla capacità di New York di attrarre nuovi talenti, abbia fatto propendere Amazon per LIC. L’impatto sarà notevole: il budget stanziato per l’operazione è nell’ordine dei 2-3 miliardi di dollari e dei 25.000 nuovi dipendenti che Amazon assumerà, lo stipendio medio di ciascuno sarà superiore ai 100.000 dollari annui, rendendo dunque la propria presenza ancora più appetibile. Infine LIC è destinato a diventare una quartiere "a trazione Millennials” se è vero che la maggior parte dei nuovi dipendenti avrà tra i 28 e i 35 anni. Anche questo contribuirà significativamente a delineare una nuova fisionomia per l’intera area.

Pensi che questo tipo di lavoro possa essere molto diverso in Europa?

L’unica piazza europea che si avvicina a New York per numeri e dinamiche di mercato, e che quindi potrebbe offrire un’esperienza lavorativa analoga a quella di New York, è Londra. Questo anche nonostante la paventata “Brexit", che ha di fatto segnato l’inizio di una fase profondamente recessiva per il mercato londinese. Tuttavia ritengo che il mercato londinese resti interessante, soprattutto nel medio-lungo periodo, pur non reputando questo ancora il momento giusto per comprare. In Europa vedo poi molto bene Milano, anche se è ancora lontana dagli standard newyorchesi, soprattutto in termini di capacità di attrarre investitori stranieri.

E tu torneresti in Italia?

Certo, anche se non subito (a meno che non si presentasse un’opportunità di lavoro irrinunciabile, addirittura migliore rispetto a quella attuale). L’Italia è un paese meraviglioso, con un sacco di difetti, ma pur sempre meraviglioso.Il mercato immobiliare a New York scricchiola ma tiene (per ora)

Andrea Pedicini
iStock
Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.