Il messaggio di unità di Barack Obama

Da Chicago l'ultimo discorso del presidente che ha ricostruito otto anni di lavoro. "Il merito è vostro". Conclude con Yes We Can a cui aggiunge Yes We Did. E il pubblico grida: altri quattro anni

Fu George Washington a stabilire due tradizioni, una diventata una regola sacra della democrazia americana, l'altra una consuetudine. Il primo presidente d'America infatti decise che dopo otto anni il suo tempo era finito. Così nel suo discorso di addio (diventato poi una consuetudine di tutti i presidenti) disse di volersi fare da parte per fare spazio alla democrazia. Barack Obama nella notte del 10 gennaio 2017 ha probabilmente sentito dentro la forza di Washington e di tutta la tradizione dei presidenti d'America. "La nostra democrazia è in pericolo solo quando la diamo per scontata", ha detto lasciando dopo due mandati la guida degli Stati Uniti, che hanno superato la peggiore crisi da quella del 1929 e ora sono forti, solidi, con una economia che continua a espandersi.

Ecco, ma il punto è proprio questo. Se l'economia funziona, la disoccupazione è ai minimi storici, Obama lascia nelle mani di Trump un'America in crisi d'identità. Un'America spaventata dal terrorismo, dall'immigrazione, dalla fuga del lavoro all'estero a cui il successore di Obama ha dato una risposta banale e allo stesso tempo vincente: "La renderemo ancora una volta grande". Per fare questo Trump si prepara a distruggere l'eredità di Obama: via alla riforma sanitaria, via alle leggi sull'ambiente, basta all'apertura dei rapporti commerciali con gli altri stati del mondo.

Per il suo discorso d'addio, Obama è voluto ritornare a Chicago, la città da cui è partita la sua parabola politica. Dal McCormick Place di Chicago ha puntato ancora una volta al suo messaggio ottimistico, in un momento in cui gli Stati Uniti sono divisi come non mai. Ha parlato al popolo, ai cittadini, come aveva fatto nel 2008. "Vi chiedo un'ultima cosa da presidente, continuate a credere - non in me ma in voi. Mi avete reso un presidente migliore, un uomo migliore", ha aggiunto Obama.

Un Trump citato esplicitamente una sola volta. "Tra 10 giorni il mondo testimonierà una garanzia della nostra democrazia", ha dichiarato Obama mentre il malumore montava ben udibile tra la folla che poco prima aveva cantato in coro "four more years" (altri quattro anni alla Casa Bianca, impossibili per legge). "No, no, no, no, no", ha detto lui. Interrotto per poco, ha spiegato che quella garanzia di democrazia è "il trasferimento pacifico di potere tra un presidente liberamente eletto a un altro". E in quel momento sono stati gli applausi a prevalere. "Mi sono impegnato con il presidente eletto che la mia amministrazione avrebbe garantito una transizione il più possibile senza intoppi, proprio come il presidente [George W] Bush ha fatto con me". Mentre si udivano altri applausi veniva da domandarsi se Obama pensava davvero di avere mantenuto quella promessa viste le mosse controverse e a scoppio ritardato da lui decise agli sgoccioli del suo mandato, dalla storica astensione degli Usa al Consiglio di sicurezza dell'Onu che il 23 dicembre ha permesso l'adozione di una risoluzione che condanna le colonie israeliane nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e a Gerusalemme Est alle sanzioni contro la Russia annunciate il 29 dicembre 2016 per la sua interferenza nelle elezioni Usa fino al trasferimento - di cui Trump aveva chiesto un congelamento - di altri detenuti nel carcere di massima sicurezza a Guantanamo che Obam sognava di chiudere.

È stato un discorso simbolico quello di Obama, che ha ricostruito le conquiste, le difficoltà e le sfide di otto anni alla Casa Bianca. "Nonostante tutti i progressi che abbiamo fatto, sappiamo che non bastano", ha spiegato elencando in ordine, la lotta al terrorismo, la cattura di Bin Laden, la fine delle torture negli interrogatori, la chiusura sfiorata di Guantanamo, la lotta per fermare le discriminazioni. E ancora l'accordo con l'Iran sul nucleare, i matrimoni omosessuali, la riforma della sanità e la battaglia per l'ambiente.

"Certo, il nostro progresso non è stato uniforme. Il lavoro della democrazia è sempre stato difficile, controverso, a volte violento. Ogni due passi in avanti, spesso facciamo un passo indietro. Ma il lungo cammino dell'America è stato definito dal movimento in avanti, un ampliamento costante della nostra fede fondatrice ad abbracciare tutti, e non solo alcuni", ha detto il presidente. Obama ha mantenuto come sempre un alto livello oratorio, cedendo solo una volta alla commozione, quando ha ringraziato sua moglie Michelle (a sua volta in lacrime) e le figlie Malia e Sacha.

Ad aprire la serata il cantante dei Pearl Jam, Eddie Vedder, che nel 2007 nella canzone Society dell'album 'In to the Wild' cantava: "Society, you're a crazy breed/I hope you're not lonely without me" (Società, sei una razza folle/Spero non ti sentirai sola senza di me), quasi fosse la voce del presidente mentre lascia il suo incarico. In realtà Obama non ha alcuna intenzione di ritirarsi. E infatti ha concluso il suo ultimo discorso con la frase che ha guidato la sua campagna elettorale nel 2008, Yes We Can, unendo però tutto quello che è stato fatto in questi otto anni (Yes We Did) e quello che succederà nei prossimi anni: Yes We Can. Quasi a voler riaprire il cerchio di una nuova stagione "da cittadino".

Altri Servizi

La difesa di Kushner: "Nessuna collusione con la Russia. Trump ha vinto grazie a una campagna migliore"

Il genero e assistente del presidente Trump ha parlato davanti alla commissione Intelligence del Senato; poi, ha rilasciato una dichiarazione dalla Casa Bianca
AP

"Donald Trump ha portato un messaggio migliore e ha corso una campagna migliore e più intelligente, ed è per questo che ha vinto". Lo ha detto Jared Kushner, genero e assistente del presidente statunitense, Donald Trump, parlando dalla Casa Bianca dopo la sua testimonianza, a porte chiuse, davanti alla commissione Intelligence del Senato, a proposito dei contatti avuti con funzionari russi durante la campagna elettorale dello scorso anno e durante il periodo di transizione tra l'amministrazione Obama e quella attuale.

I democratici lanciano l'agenda economica per il 2018: "A better deal"

Evocando il "New Deal" di Roosvelt e schernendo Trump, autore di "The Art of the Deal", l'opposizione punta a riconquistare il Congresso nelle elezioni di metà mandato. Con toni populisti

Evocando il "New Deal", una serie di programmi federali voluti dal 32esimo presidente americano Franklin D. Roosevelt per alimentare la ripresa economica dopo la Grande Depressione degli anni '30, i democratici alla Camera e al Senato sperano di unire il partito e di riconquistare gli elettori con una nuova agenda economica all'insegna del motto "A better deal", un affare migliore. Anche di quello rappresentato da Donald Trump, il repubblicano che a sorpresa ha vinto le elezioni presidenziali dello scorso 8 novembre e che si è sempre presentato come il migliore deal-maker sin dai tempi (era il 1987) in cui ha scritto il libro "The Art of the Deal".

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street, giornata di trimestrali

Agenda ricca di appuntamenti: attesi anche dati macro, Fmi sull'Eurozona e l'inizio della riunione del Federal Open Market Committee, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve
AP

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Sanità, giorno decisivo: si vota in Senato per aprire il dibattito

Voto procedurale in dubbio; in caso di vittoria dei repubblicani, non si sa comunque quale testo dovrebbero poi votare i senatori. Semplice abrogazione dell'Obamacare o anche una nuova riforma?
Ap

È in programma oggi, al Senato statunitense, un voto procedurale per aprire il dibattito sulla riforma sanitaria, anche se non si sa su cosa si discuterebbe, poi: solo dopo il voto, nel corso della settimana, si conoscerebbe il testo da prendere in considerazione. A spingere i repubblicani al voto è il presidente Donald Trump, che vuole consegnare un risultato ai suoi elettori, dopo anni di promesse del partito repubblicano per abrogare e sostituire ("repeal and replace") l'Obamacare. L'ora del voto non si conosce, ma il Senato non si riunirà prima di mezzogiorno (le 18 in Italia).

Per il Fmi economia Eurozona migliora, ma Italia a livelli pre-crisi a metà del prossimo decennio

E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona, dove si legge che in generale, la ripresa ciclica si sta rafforzando e diventa più ampia
IMF

Anche se nell'Eurozona la congiuntura si sta rafforzando, non procede allo stesso passo in tutti i Paesi: "in linea con i trend divergenti visti dopo la crisi, la crescita robusta in Germania e Spagna contrasta con una crescita più debole in Italia", dove, come in altri Paesi dell'Area euro, gli effetti della tempesta finanziaria "sono stati più persistenti" e "il Pil dovrebbe tornare ai livelli pre-crisi verso la metà del prossimo decennio". E' quanto si legge nel rapporto redatto dal Fondo monetario internazionale a conclusione dell'annuale missione di monitoraggio Articolo IV nell'Eurozona.

Alphabet: sugli utili del secondo trimestre pesa la multa Ue

Il risultato è calato del 27,8% a 3,52 miliardi di dollari. E' stata la maggiore flessione dal 2008. Senza la pena pecuniaria, sarebbe salito del 28% a 6,3 miliardi

Nel secondo trimestre del 2017, Alphabet ha registrato 3,52 miliardi di dollari di utili, in ribasso del 27,8% rispetto a 4,88 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. Su quello che è stato il calo maggiore dei profitti dal 2008 ha pesato la multa record per 2,42 miliardi di euro comminata il 27 giugno scorso dalla Commissione Ue alla controllata Google, accusata di avere sfruttato la sua posizione dominante nelle ricerche internet per promuovere i propri servizi. Senza quella multa - in merito alla quale il gruppo sta "analizzando le sue opzioni" - gli utili sarebbero cresciuti del 28% a 6,3 miliardi. I profitti per azione sono passati a 5,01 dollari da 7 dollari ma sarebbero stati pari a 8,9 dollari senza la multa Ue; il risultato ha comunque battuto le stime degli analisti ferme a 4,49 dollari per azione.