La Cina tende la mano agli Usa, il Messico annuncia dazi

Pechino pronta ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli ed energetici americani a patto che Trump non imponga tariffe. La nazione dell'America centrale reagisce ai dazi fatti scattare da Washington su acciaio e alluminio
AP

Mentre la Cina ha teso la mano agli Usa, il Messico ha preso contromisure contro la prima economia al mondo.

Secondo il Wall Street Journal, la Cina ha offerto agli Usa di comprare quasi 70 miliardi di dollari di prodotti agricoli ed energetici. Pechino ha posto però una condizione: l'amministrazione Trump deve abbandonare i suoi piani di imporre dazi contro la seconda economia al mondo. Stando ai funzionari sentiti dal giornale, lo scorso fine settimana i negoziatori cinesi capitanati dal vicepremier Liu He hanno presentato alla delegazione Usa guidata dal segretario al Commercio Wilbur Ross un piano che include maggiori acquisti di soia, mais, gas naturale, petrolio e carbone americani. I funzionari sia cinesi sia americani stimano che quel piano valga quasi 70 miliardi di dollari il primo anno. Liu avrebbe chiarito a Ross che una simile offerta verrebbe ritirata se Washington tira dritto con la sua intenzione di fare scattare "poco dopo il 15 giugno" dazi su 50 miliardi di dollari di prodotti tecnologici cinesi.

Il peso messicano è sceso sui minimi di 15 mesi contro il dollaro nel giorno in cui il Messico ha pubblicato un decreto firmato dal presidente Enrique Pena Nieto con cui si annunciano dazi contro una serie di prodotti agricoli e in acciaio in arrivo dagli Usa. La nazione dell'America centrale ha risposto così alla decisione del presidente americano Donald Trump di fare scattare anche per il Messico -  come il Canada e la Ue - le tariffe dogali contro acciaio e alluminio (entrate in vigore l'1 giugno scorso). Un dollaro è arrivato a comprare 20,4270 peso.

Ad essere presi di mira sono carne di maiale, mele e patate (su cui verranno imposti dazi del 20%), formaggi e bourbon (20-25%) oltre a prodotti in acciaio. Lo scorso anno il Messico ha importato quasi 650.000 tonnellate di carne di maiale (spalla e stinco, snobbate dagli Usa dove si preferiscono pancetta e costine) per un valore di 1,07 miliardi di dollari. Per sostituire le forniture dagli Usa, il Messico potrebbe rivolgersi al Canada o alla Ue.

La situazione complica ulteriormente i negoziati per la riscrittura del North America Free Trade Agreement (Nafta), a cui Trump preferirebbe un accordo ad hoc siglato separatamente con Canada e Messico.

A pesare sul peso sono state anche le parole di John Cornyn, il numero tre del partito repubblicano al Senato, secondo cui difficilmente i legislatori Usa avranno il tempo per approvare quest'anno un nuovo Nafta. Lo speaker della Camera, Paul Ryan, aveva indicato che un nuovo patto doveva essere siglato almeno in linea di principio entro il 17 maggio in modo da permettere all'attuale Congresso di votare prima di fine anno. Da gennaio infatti la composizione di Capitol Hill potrebbe cambiare a seconda dell'esito delle elezioni di metà mandato di novembre.

Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

Usa-Russia, vertice sull'energia a Washington

L'amministrazione Trump ha chiesto (e ottenuto) un aumento della produzione di petrolio degli altri Paesi, visto il rialzo del prezzo della benzina
AP

I due maggiori produttori di petrolio e gas al mondo si siederanno allo stesso tavolo, la prossima settimana. Il segretario statunitense dell'Energia, Rick Perry, ospiterà a Washington l'omologo russo, in una fase in cui i rapporti tra le due potenze sono costantemente sotto i riflettori.

Pompeo avverte l'Iran sul nucleare: "Speriamo che la forza militare non sia mai necessaria"

Gli Stati Uniti, che hanno abbandonato l'accordo sul nucleare firmato da Obama, continuano a minacciare Teheran: "A prescindere dal destino dell'intesa, non sarebbe nel loro interesse sviluppare armi nucleari"
Ap

Il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha avvertito l'Iran di non tentare di sviluppare armi nucleari, perché affronterebbe "l'ira del mondo intero"; poi, ha dichiarato di augurarsi che non sia mai necessario usare la forza militare contro Teheran.

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.