Il Mit studia la punizione "maledetta" di Pirlo

Calcio e matematica. Le cuciture sul Brazuca, il pallone dei mondiali brasiliani, influiscono sulla traiettoria impressa al pallone e rendono la parabola più prevedibile.
Pirlo nella partita vinta dall'Italia contro l'Inghilterra a Manaus, Brasile, il 14 giugno 2014 AP

A foglia morta, di interno, di collo piede, di esterno, alla Zico, alla Mihajlović, alla Del Piero, alla Roberto Carlos, alla Beckham, e da qualche anno “la maledetta”. Sono i modi più conosciuti con cui i calciatori tirano le punizioni. "Maledetta" - il nome è stato coniato in Italia, ma è conosciuta così a livello mondiale - perché alla palla, calciata in modo particolare, viene impressa una traiettoria imprevedibile. Tra i più famosi esecutori di questo beffardo modo di calciare ci sono due “dottori” della materia quali Juninho Pernambucano – ex calciatore brasiliano del Lione - e l’italiano Andrea Pirlo. Nel pieno della febbre mundial la questione ha incuriosito i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, ovvero uno dei più prestigiosi politecnici del mondo con sede a Cambridge, in Massachussetts.

Il Mit, a differenza dei precedenti studi che si sono concentrati sul punto esatto e sul modo in cui il pallone viene calciato, ha preso in esame la superficie dei palloni e come questa possa incidere sull’imprevedibilità della traiettoria. In altri sport come il baseball, invece, non esiste un regolamento internazionale per le cuciture nel cuoio e negli altri materiali utilizzati per i palloni moderni. Non è un fatto di poco conto: anche le variazioni più impercettibili sulla superficie del pallone possono influenzarne la parabola. Una sfera più liscia tipo il Jabulani – il tanto criticato pallone di Sudafrica 2010 – sarebbe più difficile da controllare, mentre il Brazuca – il pallone con cui si stanno giocando i Mondiali brasiliani – ha circa il 50% in più di cuciture, un fattore che renderebbe apparentemente più prevedibile i suoi spostamenti in aria. Guai per Pirlo?

Se Juninho Pernambucano è considerato l’inventore di questo tipo di esecuzione, Pirlo negli ultimi anni è riuscito a migliorarlo al punto tale da ricevere gli apprezzamenti dello stesso Juninho che lo ha definito un "demonio". "Non ha solo copiato il mio tiro, ma lo ha migliorato. Se fossi ancora in attività cercherei di farmi spiegare le sue modifiche per impararle".

Il regista della nazionale ha svelato il segreto nella sua autobiografia: “La magia che stavo inseguendo non dipendeva dal punto in cui colpivo la sfera, ma dal come: Juninho non la prendeva con tutto il piede, bensì con sole tre dita. Il giorno dopo sono andato prestissimo a Milanello e senza togliere nemmeno i mocassini ho cominciato a provare. Fu subito un tiro perfetto, all'angolino. Finalmente avevo battuto il fantasma di Juninho. La palla andava calciata da sotto, usando le prime tre dita del piede. E il piede andava tenuto più dritto possibile, e poi rilasciato con un colpo secco. In quel modo la palla in aria restava ferma e, a un certo punto, scendeva velocemente verso la porta, girando con l'effetto. Senza saperlo, eccola, la "maledetta", come qualcuno avrebbe poi ribattezzato quel tipo di tiro”.

In America, storicamente più attenta e incline ad altri sport, la maledetta ha una sorella gemella nel baseball, la knuckleball. Letteralmente la palla tirata con le nocche della mano. I pitcher (i lanciatori) che la usano sono pochissimi perché perfezionarla è difficilissimo. Il tiro non è particolarmente veloce, la presa per nulla elegante e alla palla non viene impressa alcuna curvatura. Il contrario, il tiro è privo di qualsiasi effetto, e in aria sono i vortici creati dalle cuciture a produrre variazioni di traiettoria imprevedibili.

Ma se nel baseball quella delle cuciture è una scienza esatta, nel calcio no. "I dettagli del flussi d'aria attorno alla sfera sono complicati, e in particolare dipendono da quanto è ruvida la palla”, ha spiegato John Bush, professore di matematica applicata all’Mit e autore di un recente articolo sull’aerodinamica dei palloni da calcio dal titolo "Se la palla è perfettamente liscia, curva nel modo sbagliato”. Per modo sbagliato Bush intende che due palloni diversi, anche solo in modo impercettibile, calciati nello stesso modo e dallo stesso giocatore, possono curvare in maniera totalmente differente proprio in virtù di quelle differenze sulla loro superficie.

Perché accade questo? La risposta è nell’effetto Magnus, scoperto da Gustav Magnus, e responsabile della variazione della traiettoria di un corpo rotante in un fluido (in questo caso l’aria) in movimento. Prima delle punizioni di Pirlo o Juninho, quest’effetto è stato studiato nel tennis e nel baseball. Per quanto riguarda il tennis, si sono evidenziati due differenti modi di colpire la pallina: il topspin e il backspin. Il primo comporta una palla a spiovente per via dell’effetto rotatorio che il colpo imprime dall’alto verso il basso e crea una differenza di pressione tra la parte superiore e quella inferiore che spinge la palla verso il terreno. Nel backspin, invece, la tipologia di colpo appiattisce la sua traiettoria; questa diventa parabolica ascendente a causa di una maggiore rotazione verticale dal basso verso l'alto in senso antiorario per via della quale il rimbalzo della pallina è generalmente corto e frenato dalla stessa rotazione.

Tornando a Bush e alla sua ricerca sui palloni da calcio, egli ritiene che la superficie del pallone influenzi lo strato limite tra le cuciture e l’aria nel punto in cui intervengono maggiormente le differenti pressioni in grado di imprimere effetti diversi al pallone. Secondo lui un pallone come il Brazuca, più “ruvido”, creerebbe la versione perfetta dell’effetto Magnus in cui il fluido rallenta in alto ed accelera in basso, con il risultato che la differenza di pressione genera una cosiddetta portanza (componente della forza aerodinamica globale calcolata in direzione perpendicolare alla direzione del vento relativo) negativa, ovvero diretta verso il basso, ma paradossalmente più prevedibile grazie ad un flusso laminare.

A questa traiettoria non si aggiungerebbero infatti quei cambiamenti di direzione da destra a sinistra e viceversa che danno al pallone un effetto ancora più “impazzito”. Viceversa, l’effetto della pressione sugli strati limite di un pallone liscio o poco ruvido è inferiore e ha come risultante un flusso turbolento, causa della totale imprevedibilità della traiettoria. Che Pirlo o Juninho abbiano fatto questi studi o queste ricerche prima di iniziare a calciare la “maledetta” appare quanto meno improbabile, come improbabile è provare a comprendere questi gesti tecnici senza prendere in considerazione il fattore più importante: la genialità dei grandi campioni.

Altri Servizi

Wall Street attende la Fed

La Federal Reserve alle 14 (le 20 in Italia) diffonde un comunicato con le sue scelte di politica monetaria. Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

Elezioni in Alabama: vince il candidato democratico, sconfitta per Trump

Doug Jones ha avuto la meglio su Roy Moore, che aveva il sostegno del presidente Usa nonostante sia stato accusato di molestie sessuali. Al Senato la maggioranza del Gop si assottiglia
AP

In uno Stato fortemente repubblicano, l'Alabama, un candidato democratico ha vinto le elezioni speciali pensate per eleggere il senatore che andrà a sostituire al Congresso Usa il posto lasciato vuoto da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia. E' la prima volta dal 1992 che un democratico è stato eletto al Senato dallo Stato del Sud.

Alabama, duplice sconfitta per Trump: "Ma sapevo che Moore avrebbe perso"

Il presidente aveva appoggiato Strange alle primarie repubblicane. La sconfitta di Moore è un buon segnale per l'establishment repubblicano contro Bannon, mentre è preoccupante per Trump, che in Alabama aveva stravinto le presidenziali

Dopo la sconfitta del repubblicano Roy Moore nelle elezioni speciali in Alabama per un seggio nel Senato federale statunitense, i media nazionali hanno ricordato che entrambi i candidati sostenuti da Donald Trump hanno perso: alle primarie repubblicane, infatti, il presidente aveva appoggiato Luther Strange, sconfitto poi dal candidato che ieri è stato battuto dal democratico Doug Jones.

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Saudi Aramco: Usa e Giappone temono cessione quota alla Cina

Il collocamento privato vedrebbe aumentare l'influenza di Pechino in Medio Oriente. E Riad potrebbe usare la transazione per aumentare la pressione sull'Iran

Gli Stati Uniti e il Giappone premono sull'Arabia Saudita affinché porti avanti il suo piano originario di quotare la sua Saudi Arabian Oil Company (Aramco), in quella che potrebbe essere la più grande Ipo di sempre su scala globale. Washington e Tokyo temono che Riad opti per un collocamento privato con cui un gruppo di aziende cinesi controllate dallo Stato potrebbe aggiudicarsi una quota. In base a questo scenario, che Usa e Giappone vorrebbero evitare, la Cina vederebbe crescere il suo peso nel Medio Oriente, dove stanno aumentando le tensioni tra l'Arabia Saudita e l'Iran (alimentata anche dall'amministrazione Trump, contraria per esempio allo storico accordo sul nucleare siglato nel 2015 tra Teheran e le principali potenze mondiali). Lo scrive il Wall Street Journal citando alcune fonti.

Molestie sessuali, monta il pressing su Trump affinché si dimetta

Quattro donne chiedono al Congresso di indagare. Quattro senatori vogliono che il presidente Usa lasci il suo incarico come fatto da politici travolti da accuse simili

Su Donald Trump monta la pressione affinché si dimetta sulla scia delle accuse di molestie sessuali lanciate contro di lui da oltre una decina di donne. Ad esercitarla sono quattro senatori, tre democratici e un indipendente, convinti che il 45esimo presidente americano si debba fare da parte come hanno fatto già tre legislatori, a loro volta travolti da accuse simili. Si tratta del senatore Al Franken e del deputato John Conyers, entrambe democratici, e del deputato repubblicano Trent Franks.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Riforma fiscale sempre più vicina: Trump già festeggia

Trovato un accordo di principio sul testo unico della legislazione. Agevolati i ricchi. Aliquota aziendale al 21% dal 35%
Ap

E' ufficiale. I leader repubblicani di Camera e Senato hanno trovato un accordo di principio sul testo finale della riforma fiscale. Di conseguenza, l'approvazione della maggiore riforma del fisco in Usa dal 1986 si fa un passo più vicina.

Riforma fiscale: democratici chiedono al Gop posticipo del voto finale

Vogliono che si aspetti l'arrivo al Senato di Doug Jones, che ha vinto alle elezione speciali in Alabama

Forti di una inattesa vittoria alle elezioni speciali di ieri in Alabama, una duplice sconfitta per Donald Trump, i democratici premono affinché il voto finale sulla riforma fiscale messa a punto dai repubblicani che controllano il Congresso sia posticipato. La minoranza a Capitol Hill vuole che si aspetti l'insediamento di Doug Jones, il candidato democratico che ha sconfitto Roy Moore nel cosiddetto Yellowhammer State aggiudicandosi il seggio al Senato Usa lasciato libero da Jeff Sessions, diventato segretario alla Giustizia.

Fed verso la terza stretta del 2017. Yellen se ne va a pieni voti

Atteso un rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,25-1,5%. Sondaggio Wsj: il 60% degli economisti dà al governatore uscente il giudizio migliore, più del 34% del predecessore Bernanke a fine mandato
AP

Gli investitori non hanno dubbi: domani la Federal Reserve alzerà i tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. La banca centrale americana, per un paio di mesi guidata ancora da Janet Yellen, ha segnalato una tale mossa in più occasioni. E' da un anno che dice che nell'anno in corso avrebbe compiuto tre aumenti del costo del denaro; inoltre, nei verbali della riunione del 31 ottobre e 1 novembre scorsi, diffusi il 22 novembre scorso, emerse che i membri del braccio di politica monetaria dell'istituto centrale si aspettavano una stretta "nel breve termine".