Il Mit studia la punizione "maledetta" di Pirlo

Calcio e matematica. Le cuciture sul Brazuca, il pallone dei mondiali brasiliani, influiscono sulla traiettoria impressa al pallone e rendono la parabola più prevedibile.
Pirlo nella partita vinta dall'Italia contro l'Inghilterra a Manaus, Brasile, il 14 giugno 2014 AP

A foglia morta, di interno, di collo piede, di esterno, alla Zico, alla Mihajlović, alla Del Piero, alla Roberto Carlos, alla Beckham, e da qualche anno “la maledetta”. Sono i modi più conosciuti con cui i calciatori tirano le punizioni. "Maledetta" - il nome è stato coniato in Italia, ma è conosciuta così a livello mondiale - perché alla palla, calciata in modo particolare, viene impressa una traiettoria imprevedibile. Tra i più famosi esecutori di questo beffardo modo di calciare ci sono due “dottori” della materia quali Juninho Pernambucano – ex calciatore brasiliano del Lione - e l’italiano Andrea Pirlo. Nel pieno della febbre mundial la questione ha incuriosito i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology, ovvero uno dei più prestigiosi politecnici del mondo con sede a Cambridge, in Massachussetts.

Il Mit, a differenza dei precedenti studi che si sono concentrati sul punto esatto e sul modo in cui il pallone viene calciato, ha preso in esame la superficie dei palloni e come questa possa incidere sull’imprevedibilità della traiettoria. In altri sport come il baseball, invece, non esiste un regolamento internazionale per le cuciture nel cuoio e negli altri materiali utilizzati per i palloni moderni. Non è un fatto di poco conto: anche le variazioni più impercettibili sulla superficie del pallone possono influenzarne la parabola. Una sfera più liscia tipo il Jabulani – il tanto criticato pallone di Sudafrica 2010 – sarebbe più difficile da controllare, mentre il Brazuca – il pallone con cui si stanno giocando i Mondiali brasiliani – ha circa il 50% in più di cuciture, un fattore che renderebbe apparentemente più prevedibile i suoi spostamenti in aria. Guai per Pirlo?

Se Juninho Pernambucano è considerato l’inventore di questo tipo di esecuzione, Pirlo negli ultimi anni è riuscito a migliorarlo al punto tale da ricevere gli apprezzamenti dello stesso Juninho che lo ha definito un "demonio". "Non ha solo copiato il mio tiro, ma lo ha migliorato. Se fossi ancora in attività cercherei di farmi spiegare le sue modifiche per impararle".

Il regista della nazionale ha svelato il segreto nella sua autobiografia: “La magia che stavo inseguendo non dipendeva dal punto in cui colpivo la sfera, ma dal come: Juninho non la prendeva con tutto il piede, bensì con sole tre dita. Il giorno dopo sono andato prestissimo a Milanello e senza togliere nemmeno i mocassini ho cominciato a provare. Fu subito un tiro perfetto, all'angolino. Finalmente avevo battuto il fantasma di Juninho. La palla andava calciata da sotto, usando le prime tre dita del piede. E il piede andava tenuto più dritto possibile, e poi rilasciato con un colpo secco. In quel modo la palla in aria restava ferma e, a un certo punto, scendeva velocemente verso la porta, girando con l'effetto. Senza saperlo, eccola, la "maledetta", come qualcuno avrebbe poi ribattezzato quel tipo di tiro”.

In America, storicamente più attenta e incline ad altri sport, la maledetta ha una sorella gemella nel baseball, la knuckleball. Letteralmente la palla tirata con le nocche della mano. I pitcher (i lanciatori) che la usano sono pochissimi perché perfezionarla è difficilissimo. Il tiro non è particolarmente veloce, la presa per nulla elegante e alla palla non viene impressa alcuna curvatura. Il contrario, il tiro è privo di qualsiasi effetto, e in aria sono i vortici creati dalle cuciture a produrre variazioni di traiettoria imprevedibili.

Ma se nel baseball quella delle cuciture è una scienza esatta, nel calcio no. "I dettagli del flussi d'aria attorno alla sfera sono complicati, e in particolare dipendono da quanto è ruvida la palla”, ha spiegato John Bush, professore di matematica applicata all’Mit e autore di un recente articolo sull’aerodinamica dei palloni da calcio dal titolo "Se la palla è perfettamente liscia, curva nel modo sbagliato”. Per modo sbagliato Bush intende che due palloni diversi, anche solo in modo impercettibile, calciati nello stesso modo e dallo stesso giocatore, possono curvare in maniera totalmente differente proprio in virtù di quelle differenze sulla loro superficie.

Perché accade questo? La risposta è nell’effetto Magnus, scoperto da Gustav Magnus, e responsabile della variazione della traiettoria di un corpo rotante in un fluido (in questo caso l’aria) in movimento. Prima delle punizioni di Pirlo o Juninho, quest’effetto è stato studiato nel tennis e nel baseball. Per quanto riguarda il tennis, si sono evidenziati due differenti modi di colpire la pallina: il topspin e il backspin. Il primo comporta una palla a spiovente per via dell’effetto rotatorio che il colpo imprime dall’alto verso il basso e crea una differenza di pressione tra la parte superiore e quella inferiore che spinge la palla verso il terreno. Nel backspin, invece, la tipologia di colpo appiattisce la sua traiettoria; questa diventa parabolica ascendente a causa di una maggiore rotazione verticale dal basso verso l'alto in senso antiorario per via della quale il rimbalzo della pallina è generalmente corto e frenato dalla stessa rotazione.

Tornando a Bush e alla sua ricerca sui palloni da calcio, egli ritiene che la superficie del pallone influenzi lo strato limite tra le cuciture e l’aria nel punto in cui intervengono maggiormente le differenti pressioni in grado di imprimere effetti diversi al pallone. Secondo lui un pallone come il Brazuca, più “ruvido”, creerebbe la versione perfetta dell’effetto Magnus in cui il fluido rallenta in alto ed accelera in basso, con il risultato che la differenza di pressione genera una cosiddetta portanza (componente della forza aerodinamica globale calcolata in direzione perpendicolare alla direzione del vento relativo) negativa, ovvero diretta verso il basso, ma paradossalmente più prevedibile grazie ad un flusso laminare.

A questa traiettoria non si aggiungerebbero infatti quei cambiamenti di direzione da destra a sinistra e viceversa che danno al pallone un effetto ancora più “impazzito”. Viceversa, l’effetto della pressione sugli strati limite di un pallone liscio o poco ruvido è inferiore e ha come risultante un flusso turbolento, causa della totale imprevedibilità della traiettoria. Che Pirlo o Juninho abbiano fatto questi studi o queste ricerche prima di iniziare a calciare la “maledetta” appare quanto meno improbabile, come improbabile è provare a comprendere questi gesti tecnici senza prendere in considerazione il fattore più importante: la genialità dei grandi campioni.

Altri Servizi

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

I dazi di Trump fanno male alla nuova moda della Silicon Valley

Gli scooter elettrici potrebbero aumentare di prezzo. E in questo momento oltre che una moda sembrano un ottima risposta al traffico della Bay Area

I dazi di Donald Trump sui prodotti cinesi potrebbero provocare i primi effetti collaterali. Faranno infatti aumentare i prezzi di uno dei prodotti più di moda in questo momento nella Silicon Valley: gli scooter elettrici. Sono tutti prodotti in Cina e negli ultimi mesi sono diventati la principale risposta al traffico della Bay Area. Allo stesso tempo sono degli interessanti mezzi di micro trasporto alternativo in una città, San Francisco, dove ci sono più macchine in circolazione rispetto ai parcheggi.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock
AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.