Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Rispetto a quello a cui ci ha abituato Donald Trump a colpi di tweet, il linguaggio del segretario americano al Tesoro Steven Mnuchin - il volto degli Usa di questi lavori primaverili dell'Fmi - è stato "meno dirompente". Così lo ha definito il nostro ministro all'Economia, Pier Carlo Padoan, che nei suoi vari incontri nella capitale americana ha registrato una "grande preoccupazione" che i dazi annunciati o adottati dagli Usa portino a una guerra commerciale. Ma la posizione di Washington non è cambiata. Anzi. Gli Stati Uniti - che del Fondo e della Banca Mondiale sono il principale azionista - vogliono di più dal Fondo monetario di Christine Lagarde.

"In questo momento, gli squilibri commerciali sono circa un terzo più grandi rispetto ai livelli degli anni '80 e '90 e non ci sono segnali che si stiano assottigliando", ha detto Mnuchin in un comunicato al comitato che governa l'Fmi. Il segretario non ha usato mezzi termini aggiungendo che "il Fondo deve fare di più sulla questione, fornendo una voce più forte e insistente nel fare notare quando i Paesi membri ricorrono a politiche commerciali, macroeconomiche e valutarie che facilitano vantaggi competitivi o che portano a una crescita squilibrata". Il chiaro riferimento è alla Cina, ma anche alla Germania famosa per il suo avanzo commerciale e che Lagarde da sempre invita a spendere di più in infrastrutture.

Sostenendo che una crescita forte in Usa e in Europa ha contribuito al rimbalzo dell'economia globale nel 2017, Mnuchin ha dichiarato che "garantire che il commercio sia libero, giusto e reciproco spingerà il commercio globale e sosterrà una crescita più forte e più sostenibile". Secondo lui, per contribuire al raggiungimento di questi obiettivi, il Fondo che tanto ha criticato i dazi sull'acciaio e sull'alluminio voluti da Donald Trump e che ha invitato chi li subisce a evitare ritorsioni "dovrebbe avere una voce più forte affinché i suoi membri smantellino barriere commerciali e non commerciali e proteggano la proprietà intellettuale", di cui gli Usa hanno accusato la Cina di furti.

L'ultima volta che l'Fmi ha cercato di ridurre gli squilibri a cui ha fatto riferimento Mnuchin era il 2006. Allora lanciò "consultazioni multilaterali" in un tentativo fallito di riequilibrare i flussi commerciali nel mondo.

Nella conferenza stampa conclusiva, Lagarde ha espresso il desiderio che il commercio continui a essere di sostegno alla crescita. Dagli Spring Meetings - durante i quali ha chiaramente detto che gli Usa dovrebbero ridurre il debito/Pil ed evitare politiche fiscali procicliche - lei porta a caso uno "slancio per dialogare". Il Fondo, ha spiegato, "continuerà a fornire i dati e le informazioni che sono desiderabili". Nel frattempo Lagarde scommette su un "dialogo pacifico", condotto "in modo discreto, non necessariamente di fronte a tutti voi, non necessariamente con comunicati come vi aspettereste, non necessariamente con dichiarazioni alla stampa o fughe di notizie".

Citando Winston Churchill, ha concluso Lagarde, "better chat chat than war war". Avanti con il dialogo, dunque. Per evitare una guerra commerciale. Perché come ha avvertito Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia, "le restrizioni commerciali potrebbero causare shock avversi all'economia globale", che di conseguenza rischierebbe una "contrazione della crescita". 

Altri Servizi

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Google: i produttori di smartphone in Europa dovranno pagare per avere app del gruppo

La controllata di Alphabet passa a un modello di business a pagamento, conseguenza della multa Ue per abuso di posizione dominante con Android

Google cambia modello di business in Europa, dove lo scorso 18 luglio la controllata di Alphabet è stata colpita dalla Commissione europea con una multa di 4,34 miliardi di euro per abuso di posizione dominante con Android (il suo sistema operativo per dispositivi mobili).

Il rimbalzo dei ricavi di International Business Machines (Ibm) si è fermato dopo soli tre trimestri. E le vendite legate al cloud computing hanno deluso. Questo spiega perché il titolo del gruppo IT sta scivolando nel dopo mercato a Wall Street (-3,7%).

Trump contro Mattis: "È una sorta di democratico, potrebbe andarsene presto"

Il presidente americano in un’intervista alla Cbs ha parlato del rapporto con il segretario alla Difesa

Donald Trump continua a lanciare messaggi ai membri della sua amministrazione. Ultimo in ordine di tempo è il segretario alla Difesa, il generale Jim Mattis, sul quale il tycoon si è espresso durante un’intervista a "60 Minutes" sulla Cbs. "È una sorta di democratico" ha detto il tycoon che ha ammesso di non sapere se Mattis lascerà o meno il suo incarico.

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

"Sip Trip": il viaggio a tappe in Italia con cui il sommelier di Bastianich vuole ingolosire gli Usa

Al via le registrazioni della serie YouTube di Jeff Porter, direttore beverage dell'impero della celebre chef. Dalla Lombardia alla Campania per condividere piatti e vini del nostro Paese

A lui i "superlativi" non piacciono e dunque non si spingerà mai a dire che l'Italia è il migliore produttore di vini in assoluto. Eppure l'Italia sta diventando la "seconda casa" di Jeff Porter. Ed è la "prima porta" di quella casa che il sommelier americano vuole aprire allo spettatore di "Sip Trip", una mini serie su YouTube da lui ideata e che sta per essere girata nelle regioni italiane famose per il loro vino con tappe nelle cantine migliori, dal Veneto al Piemonte passando per Lombardia, Toscana, Umbria e Campania.

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).