Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Rispetto a quello a cui ci ha abituato Donald Trump a colpi di tweet, il linguaggio del segretario americano al Tesoro Steven Mnuchin - il volto degli Usa di questi lavori primaverili dell'Fmi - è stato "meno dirompente". Così lo ha definito il nostro ministro all'Economia, Pier Carlo Padoan, che nei suoi vari incontri nella capitale americana ha registrato una "grande preoccupazione" che i dazi annunciati o adottati dagli Usa portino a una guerra commerciale. Ma la posizione di Washington non è cambiata. Anzi. Gli Stati Uniti - che del Fondo e della Banca Mondiale sono il principale azionista - vogliono di più dal Fondo monetario di Christine Lagarde.

"In questo momento, gli squilibri commerciali sono circa un terzo più grandi rispetto ai livelli degli anni '80 e '90 e non ci sono segnali che si stiano assottigliando", ha detto Mnuchin in un comunicato al comitato che governa l'Fmi. Il segretario non ha usato mezzi termini aggiungendo che "il Fondo deve fare di più sulla questione, fornendo una voce più forte e insistente nel fare notare quando i Paesi membri ricorrono a politiche commerciali, macroeconomiche e valutarie che facilitano vantaggi competitivi o che portano a una crescita squilibrata". Il chiaro riferimento è alla Cina, ma anche alla Germania famosa per il suo avanzo commerciale e che Lagarde da sempre invita a spendere di più in infrastrutture.

Sostenendo che una crescita forte in Usa e in Europa ha contribuito al rimbalzo dell'economia globale nel 2017, Mnuchin ha dichiarato che "garantire che il commercio sia libero, giusto e reciproco spingerà il commercio globale e sosterrà una crescita più forte e più sostenibile". Secondo lui, per contribuire al raggiungimento di questi obiettivi, il Fondo che tanto ha criticato i dazi sull'acciaio e sull'alluminio voluti da Donald Trump e che ha invitato chi li subisce a evitare ritorsioni "dovrebbe avere una voce più forte affinché i suoi membri smantellino barriere commerciali e non commerciali e proteggano la proprietà intellettuale", di cui gli Usa hanno accusato la Cina di furti.

L'ultima volta che l'Fmi ha cercato di ridurre gli squilibri a cui ha fatto riferimento Mnuchin era il 2006. Allora lanciò "consultazioni multilaterali" in un tentativo fallito di riequilibrare i flussi commerciali nel mondo.

Nella conferenza stampa conclusiva, Lagarde ha espresso il desiderio che il commercio continui a essere di sostegno alla crescita. Dagli Spring Meetings - durante i quali ha chiaramente detto che gli Usa dovrebbero ridurre il debito/Pil ed evitare politiche fiscali procicliche - lei porta a caso uno "slancio per dialogare". Il Fondo, ha spiegato, "continuerà a fornire i dati e le informazioni che sono desiderabili". Nel frattempo Lagarde scommette su un "dialogo pacifico", condotto "in modo discreto, non necessariamente di fronte a tutti voi, non necessariamente con comunicati come vi aspettereste, non necessariamente con dichiarazioni alla stampa o fughe di notizie".

Citando Winston Churchill, ha concluso Lagarde, "better chat chat than war war". Avanti con il dialogo, dunque. Per evitare una guerra commerciale. Perché come ha avvertito Ignazio Visco, governatore della Banca d'Italia, "le restrizioni commerciali potrebbero causare shock avversi all'economia globale", che di conseguenza rischierebbe una "contrazione della crescita". 

Altri Servizi

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Wall Street digerisce bene le minute della Fed

Banca centrale disposta a fare correre per un po' l'inflazione sopra il 2%. Ma le incertezze fiscali e commerciali pesano sulla fiducia delle aziende
iStock

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley
ICE

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale
AP

Usa ritirano invito fatto alla Cina per partecipare a esercitazione militare

Si chiama Rimpac, coinvolge 27 nazioni ed è prevista nel Pacifico a giugno. Washington contro la militarizzazione delle isole controverse nel Mar Cinese Meridionale
U.S. Department of Defense

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno