Il muro con il Messico? Per Trump non è poi così importante

Lo dimostra la trascrizione, ottenuta dal Washington Post, della prima telefonata al presidente messicano. Pressing del leader Usa affinché smettesse di dire che Nieto non avrebbe pagato il conto

Nella sua prima telefonata da presidente americano a quello messicano, Donald Trump ha praticamente cercato di chiudere la bocca a Enrique Pena Nieto su un tema carissimo al neo leader Usa (ma apparentemente solo per fini politici): la costruzione di un muro lungo il confine tra le due nazioni. E' quanto emerge dalla trascrizione di quella conversazione, ottenuta dal Washington Post e risalente al 27 gennaio scorso.

Una settimana dopo il suo insediamento alla Casa Bianca, il miliardario di New York disse al leader messicano: "Non puoi dire alla stampa" che Città del Messico non pagherà mai per la realizzazione del muro, come invece promesso da Trump. L'inquilino della Casa Bianca fece capire di sapere bene che i finanziamenti per l'opera infrastrutturale sarebbero dovuti arrivare da altrove ma minacciò di tagliare i ponti con Nieto se lui continuava a rilasciare i commenti indesiderati.

"Se continui a dire che il Messico non pagherà per il muro, allora non voglio incontrarvi più perché non mi sta bene", avrebbe detto Trump in base alla trascrizione. Il presidente Usa descrisse il muro come "la cosa meno importante di cui stiamo parlando ma politicamente potrebbe essere la più importante".

Nel primo giro di telefonate con leader stranieri da Commander in chief, Trump ebbe una conversazione accesa con il primo ministro australiano Malcom Turnbull e una invece definita "piacevole" con il presidente russo Vladimir Putin.

"Ne ho avuto abbastanza", disse Trump a Turnbull, con cui stava discutendo di un accordo sui rifugiati. "Sto facendo telefonate da tutto il giorno e questa è la più spiacevole di tutte", disse il leader Usa. Prima di concludere la telefonata con il premier australiano, Trump aggiunse che almeno una telefonata era filata via liscia: "Quella con Putin è stata una chiamata piacevole".

Nelle telefonate con i leader di Messico e Australia, il focus fu su questioni legate all'immigrazione, un tema importante per Trump visto che ha organizzato la sua campagna elettorale promettendo di costruire ostacoli (fisici o legali) per chi intende mettere piede in Usa. E' chiaro che, piuttosto che guardare alla sostanza, Trump era preoccupato delle conseguenze sulla sua immagine. Non a caso disse a Turnbull: "Questa cosa mi ucciderà. Sono la persona migliore al mondo che non vuole lasciare che le persone entrino nel Paese e ora sto trovando un accordo per ricevere 2mila persone" (riferimento all'intesa siglata dall'amministrazione Obama per accogliere in realtà 1.250 rifugiati).

Anche con il Messico, Trump sapeva di rischiare una crisi reputazionale: "Devo avere il Messico che paga per il muro. Ne parlo da due anni", disse a Nieto offrendo una soluzione: "Dovremmo tutti e due dire 'troveremo una soluzione' invece che avere sia io che te dire 'non pagheremo'". Ovviamente Trump fece pressing dicendo a Nieto "Non puoi riferirlo alla stampa". Alla fine Nieto difese "la dignità" del suo Paese ma decise di "smettere di parlare del muro".

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP