Il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019

Sono stati scelti dai due critici Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott tra quelli meno acclamati dal pubblico
Scena tratta dal film The Souvenir Wikipedia

Quando siamo ormai a metà di un anno che si è dimostrato già ricchissimo dal punto di vista cinematografico, il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019 tra quelli usciti finora. A scegliere le pellicole sono stati i due più importanti critici del giornale di New York, Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott. Come si legge nell’introduzione dell’articolo, tra i film selezionati non ci sono però quelli più acclamati come Avengers: Endgame o Us bensì quelli che secondo i due critici si sono davvero fatti notare pur non avendo ricevuto la stessa attenzione da parte del pubblico.

La prima pellicola indicata nell’articolo è The Souvenir di Joanna Hogg, film drammatico ispirato a un episodio accaduto nella vita della regista. La storia è ambientata in Inghilterra e parla dell’amore tra una studentessa di cinematografia (interpretata da Honor Swinton Byrne) e un ragazzo con un apparente impiego agli Affari esteri inglesi (interpretato invece da Tom Burke) e una dipendenza dall’eroina. Scott lo ha descritto come “un film intimo che vale come un’esperienza privata che si preferisce tenere per sé".

Subito dopo, tra i film consigliati, troviamo The Last Black Man in San Francisco di Joe Talbot. Ci troviamo ovviamente nella città californiana diventata capitale della tecnologia mondiale dove il protagonista (Jimmie Fails) cerca di riprendersi la casa vittoriana del nonno, costruita nel cuore della metropoli. Aiutato dal suo miglior amico Mont, Jimmie cerca di integrarsi nella città che, con i suoi veloci cambiamenti, sembra correre più veloce di lui. Secondo Dargis "oltre a essere una storia che parla del desiderio più profondo di casa, è una storia sull’essere neri negli Stati Uniti, il che forse fa sembrare il film un lamento quando è più un sogno ad occhi aperti. O, piuttosto, è a volte una cosa e poi l’altra".

Terzo film della lista è Her Smell di Alex Ross Perry che racconta la storia di Becky Something (nei cui panni si cala Elisabeth Moss) una cantante rock discretamente famosa che, come scrive il New York Times, ricorda vagamente Courtney Love, tra la dimensione artistica e reale. Quello che convince maggiormente i due critici è l’interpretazione di Moss "capace di entrare profondamente nella pelle del suo personaggio". Figurano nel cast anche Cara Delevingne e Amber Heard.

Passiamo quindi a Gloria Bell di Sebastian Lelio, remake americano dell’omonimo film cileno girato proprio dallo stesso regista. Protagonista è Julianne Moore che interpreta una donna di mezza età, divorziata e con figli già cresciuti, mentre cerca di riprendersi la propria libertà a Los Angeles. Secondo Dargis il regista si è affidato a una "magistrale" Julian Moore dimostrandosi "incredibilmente sensibile nel rappresentare le assurdità della vita di tutti i giorni".

Subito dopo, nella classifica dei consigli, troviamo Booksmart di Olivia Wilde. Destinate a studiare nelle università della Ivi League (le università che fanno parte della ristretta cerchia delle migliori d’America), due amiche all’ultimo anno di liceo (interpretate da Beanie Feldstein e Kaitlyn Dever) vengono a sapere che alcuni loro compagni di scuola, decisamente meno bravi e costanti, andranno ugualmente a studiare nelle stesse loro università. Proprio per questo, durante i loro ultimi giorni di scuola, decidono di divertirsi un po’ di più e migliorare la loro reputazione da "party girl". Il pensiero di Scott è che sia una commedia "acuta ma non cattiva, calda e nemmeno troppo timida".

C'è spazio poi anche per il documentario Rolling Thunder Revue diretto da Martin Scorsese che usa materiale d’archivio e scene recitate per raccontare la storica tournée di concerti tenuti in giro per gli Stati Uniti fra il 1975 e il 1976 da Bob Dylan assieme a un folto gruppo di artisti. Secondo Dargis è da un lato "una celebrazione, dall’altro una missione di salvataggio di un capitolo unico" della storia del menestrello di Duluth.

Altro documentario vivamente consigliato dai critici del Times è The Edge of Democracy di Petra Costa, opera che si occupa di politica brasiliana fornendo un accurato resoconto della lunga crisi politica che ha colpito il Paese, dall’elezione di Lula a quella recente di Jair Bolsonaro. SecondoScott si tratta di "una cronaca straziante del tradimento civico e dell’abuso di potere".

A chiudere la lista c’è Transit, film diretto da Christian Petzold e ambientato a Parigi. La capitale francese viene invasa da milizie armate che isolano la città. Un immigrato tedesco (Franz Rogowski) fugge a un rastrellamento, si nasconde e raggiunge Marsiglia, dove si riunisce con altri rifugiati in attesa dei documenti che gli permetteranno tornare in Germania. In sostanza, il film non si sofferma più di tanto sulle ragioni dell’occupazione di Parigi né su altri dettagli a essa connessi, un escamatoge che secondo Dargis il regista usa per "abbracciare l’ambiguità come principio, dando a volte l’accelerata di un film d'azione".

Altri Servizi

Fmi: scelta per la Bce, Lagarde dà dimissioni, al via ricerca successore

Il d.g. ad interim resta per il momento David Lipton
World Bank

L'era Christine Lagarde al Fondo monetario internazionale è ufficialmente finita. L'ex ministro francese delle Finanze ha dato le sue dimissioni definitive dall'istituto di Washington che guidava dal 2011 e che lascerà il prossimo 12 settembre.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Trump ancora contro 4 deputate Usa, dopo il precedente attacco razzista

Ieri, il presidente aveva invitato le quattro parlamentari a tornare "da dove vengono"
Ap

Nessun passo indietro, anzi: il presidente statunitense Donald Trump, come nel suo stile, ha rilanciato i suoi attacchi contro quattro deputate, espressione di una società multietnica, invitate ieri "a tornare nei loro Paesi d'origine"; la loro colpa è quella di aver denunciato le pessime condizioni nei centri di detenzione per migranti che si trovano al confine con il Messico e di essere tra le voci più critiche nei confronti del presidente e degli alleati israeliani.

Caso scarpe con bandiera schiavista, Nike costruirà fabbrica in Arizona

Il governatore dello Stato ha negato incentivi fiscali dopo lo stop alla vendita delle calzature ritenute offensive
AP

Nike costruirà la fabbrica che aveva promesso in Arizona, con cui creerà 500 posti di lavoro a tempo pieno e investimenti per almeno 184 milioni di dollari. E questo nonostante la minaccia del governatore dello stato di cancellare incentivi fiscali pari a un miliardo di dollari.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Google ascolta le conversazioni tra utenti e la sua assistente vocale

Scoop di una TV belga. Il gruppo si difende: ascoltato solo lo 0,2% dei "frammenti audio". Cosa "necessaria per sviluppare la tecnologia legata al linguaggio e per creare prodotti come Google Assistant"

Alphabet arruola persone nel mondo per ascoltare alcune delle conversazioni che la gente ha con l'assistente vocale del gruppo, disponibile sulle casse Google Home e sui dispositivi dotati di sistema operativo Android. Lo ha ammesso il gruppo stesso in un blog post dopo le indiscrezioni della televisione pubblica belga VRT NWS, secondo cui quanto ascoltato potrebbe violare la privacy delle persone, di cui si potrebbero venire a sapere nomi e indirizzi. L'emittente ha anche detto che in alcuni casi Google registra la voce degli utenti anche quando non utilizzano la Google Assistant.

Geraci al governo Trump: i dazi Usa per punire Airbus colpiscono l'Italia

Impatto potenziale su 4,3 miliardi di euro l'anno, pari al 10% dell'export italiano. L'amministrazione "rivedrà i suoi numeri". Il sottosegretario in quota Lega: non si è parlato di presunti fondi russi a Salvini
A24

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell'ambito della lunga battaglia legata ai sussidi tra il gruppo americano Boeing e l'arcirivale europeo Airbus finiscono per penalizzare l'Italia. Parola del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Michele Geraci.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Wall Street, altra giornata di trimestrali

Analisti preoccupati dalle nuove accuse di Trump alla Cina
AP