Il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019

Sono stati scelti dai due critici Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott tra quelli meno acclamati dal pubblico
Scena tratta dal film The Souvenir Wikipedia

Quando siamo ormai a metà di un anno che si è dimostrato già ricchissimo dal punto di vista cinematografico, il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019 tra quelli usciti finora. A scegliere le pellicole sono stati i due più importanti critici del giornale di New York, Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott. Come si legge nell’introduzione dell’articolo, tra i film selezionati non ci sono però quelli più acclamati come Avengers: Endgame o Us bensì quelli che secondo i due critici si sono davvero fatti notare pur non avendo ricevuto la stessa attenzione da parte del pubblico.

La prima pellicola indicata nell’articolo è The Souvenir di Joanna Hogg, film drammatico ispirato a un episodio accaduto nella vita della regista. La storia è ambientata in Inghilterra e parla dell’amore tra una studentessa di cinematografia (interpretata da Honor Swinton Byrne) e un ragazzo con un apparente impiego agli Affari esteri inglesi (interpretato invece da Tom Burke) e una dipendenza dall’eroina. Scott lo ha descritto come “un film intimo che vale come un’esperienza privata che si preferisce tenere per sé".

Subito dopo, tra i film consigliati, troviamo The Last Black Man in San Francisco di Joe Talbot. Ci troviamo ovviamente nella città californiana diventata capitale della tecnologia mondiale dove il protagonista (Jimmie Fails) cerca di riprendersi la casa vittoriana del nonno, costruita nel cuore della metropoli. Aiutato dal suo miglior amico Mont, Jimmie cerca di integrarsi nella città che, con i suoi veloci cambiamenti, sembra correre più veloce di lui. Secondo Dargis "oltre a essere una storia che parla del desiderio più profondo di casa, è una storia sull’essere neri negli Stati Uniti, il che forse fa sembrare il film un lamento quando è più un sogno ad occhi aperti. O, piuttosto, è a volte una cosa e poi l’altra".

Terzo film della lista è Her Smell di Alex Ross Perry che racconta la storia di Becky Something (nei cui panni si cala Elisabeth Moss) una cantante rock discretamente famosa che, come scrive il New York Times, ricorda vagamente Courtney Love, tra la dimensione artistica e reale. Quello che convince maggiormente i due critici è l’interpretazione di Moss "capace di entrare profondamente nella pelle del suo personaggio". Figurano nel cast anche Cara Delevingne e Amber Heard.

Passiamo quindi a Gloria Bell di Sebastian Lelio, remake americano dell’omonimo film cileno girato proprio dallo stesso regista. Protagonista è Julianne Moore che interpreta una donna di mezza età, divorziata e con figli già cresciuti, mentre cerca di riprendersi la propria libertà a Los Angeles. Secondo Dargis il regista si è affidato a una "magistrale" Julian Moore dimostrandosi "incredibilmente sensibile nel rappresentare le assurdità della vita di tutti i giorni".

Subito dopo, nella classifica dei consigli, troviamo Booksmart di Olivia Wilde. Destinate a studiare nelle università della Ivi League (le università che fanno parte della ristretta cerchia delle migliori d’America), due amiche all’ultimo anno di liceo (interpretate da Beanie Feldstein e Kaitlyn Dever) vengono a sapere che alcuni loro compagni di scuola, decisamente meno bravi e costanti, andranno ugualmente a studiare nelle stesse loro università. Proprio per questo, durante i loro ultimi giorni di scuola, decidono di divertirsi un po’ di più e migliorare la loro reputazione da "party girl". Il pensiero di Scott è che sia una commedia "acuta ma non cattiva, calda e nemmeno troppo timida".

C'è spazio poi anche per il documentario Rolling Thunder Revue diretto da Martin Scorsese che usa materiale d’archivio e scene recitate per raccontare la storica tournée di concerti tenuti in giro per gli Stati Uniti fra il 1975 e il 1976 da Bob Dylan assieme a un folto gruppo di artisti. Secondo Dargis è da un lato "una celebrazione, dall’altro una missione di salvataggio di un capitolo unico" della storia del menestrello di Duluth.

Altro documentario vivamente consigliato dai critici del Times è The Edge of Democracy di Petra Costa, opera che si occupa di politica brasiliana fornendo un accurato resoconto della lunga crisi politica che ha colpito il Paese, dall’elezione di Lula a quella recente di Jair Bolsonaro. SecondoScott si tratta di "una cronaca straziante del tradimento civico e dell’abuso di potere".

A chiudere la lista c’è Transit, film diretto da Christian Petzold e ambientato a Parigi. La capitale francese viene invasa da milizie armate che isolano la città. Un immigrato tedesco (Franz Rogowski) fugge a un rastrellamento, si nasconde e raggiunge Marsiglia, dove si riunisce con altri rifugiati in attesa dei documenti che gli permetteranno tornare in Germania. In sostanza, il film non si sofferma più di tanto sulle ragioni dell’occupazione di Parigi né su altri dettagli a essa connessi, un escamatoge che secondo Dargis il regista usa per "abbracciare l’ambiguità come principio, dando a volte l’accelerata di un film d'azione".

Altri Servizi

Le calciatrici della nazionale Usa chiedono 66 milioni in danni per discriminazione

A maggio comincerà il processo contro la federcalcio Usa
Ap

Le giocatrici della nazionale statunitense di calcio chiedono un risarcimento di oltre 66 milioni di dollari alla federcalcio (U.S. Soccer Federation) nell'ambito della loro causa per discriminazione di genere. La richiesta è contenuta nei documenti presentati ieri sera al tribunale distrettuale di Los Angeles, prima dell'inizio del processo, in programma il 5 maggio. Tra i documenti presentati, anche gli accordi collettivi della nazionale maschile e della nazionale femminile, da cui emerge non solo la disparità di trattamento per i bonus, ma anche la differente struttura dei pagamenti riservati ad atleti e atlete.

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Il senatore Bernie Sanders fu molto vicino a sfidare l'allora presidente Barack Obama alle primarie democratiche del 2012. Lo riporta The Atlantic, che in un articolo ripercorre i difficili rapporti tra il candidato alla nomination democratica per le presidenziali di novembre e il 44esimo presidente.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Entrance Poll e primi dati: si va verso una vittoria di Bernie Sanders ai caucus in Nevada

Il senatore verso un successo netto; alle sue spalle, l'ex vicepresidente Joe Biden
Ap

Buffett rassicura su Berkshire Hathaway, dopo la performance peggiore a Wall Street dal 2009

Nella consueta lettera annuale agli azionisti, ha invitato a concentrarsi sugli utili operativi e ha tranquillizzato sul futuro della conglomerata senza di lui: "La vostra società è pronta al 100%"
AP

Libertà religiosa e legami personali al centro della visita di Trump in India

Il presidente Usa sarà lunedì e martedì dal premier Modi, che ha preparato una grande accoglienza. New Delhi criticata all'estero per la legge sulla cittadinanza e la cancellazione dell'autonomia del Kashmir. I contrasti commerciali in secondo piano
Ap

"Mercenari social" di Bloomberg, Twitter sospende 70 account

Gli utenti degli account sospesi "hanno spesso usato identici testi, messaggi, link e hashtag" per promuovere contenuti a sostegno del candidato. Twitter ha comunicato che questo viola le sue regole sullo spam e sulla manipolazione della piattaforma

L'intelligence Usa: "La Russia sta cercando di aiutare Sanders"

Mosca vorrebbe la rielezione di Trump. Lo staff di Biden: "Sappiamo chi Putin non vuole come presidente"
AP

Afghanistan, accordo tra Usa e talebani per una riduzione delle violenze

Si tratta del primo passo verso un accordo tra talebani e governo afgano e il ritiro delle truppe statunitensi
AP