Il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019

Sono stati scelti dai due critici Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott tra quelli meno acclamati dal pubblico
Scena tratta dal film The Souvenir Wikipedia

Quando siamo ormai a metà di un anno che si è dimostrato già ricchissimo dal punto di vista cinematografico, il New York Times ha selezionato i migliori film del 2019 tra quelli usciti finora. A scegliere le pellicole sono stati i due più importanti critici del giornale di New York, Manohla Dargis e Anthony Oliver Scott. Come si legge nell’introduzione dell’articolo, tra i film selezionati non ci sono però quelli più acclamati come Avengers: Endgame o Us bensì quelli che secondo i due critici si sono davvero fatti notare pur non avendo ricevuto la stessa attenzione da parte del pubblico.

La prima pellicola indicata nell’articolo è The Souvenir di Joanna Hogg, film drammatico ispirato a un episodio accaduto nella vita della regista. La storia è ambientata in Inghilterra e parla dell’amore tra una studentessa di cinematografia (interpretata da Honor Swinton Byrne) e un ragazzo con un apparente impiego agli Affari esteri inglesi (interpretato invece da Tom Burke) e una dipendenza dall’eroina. Scott lo ha descritto come “un film intimo che vale come un’esperienza privata che si preferisce tenere per sé".

Subito dopo, tra i film consigliati, troviamo The Last Black Man in San Francisco di Joe Talbot. Ci troviamo ovviamente nella città californiana diventata capitale della tecnologia mondiale dove il protagonista (Jimmie Fails) cerca di riprendersi la casa vittoriana del nonno, costruita nel cuore della metropoli. Aiutato dal suo miglior amico Mont, Jimmie cerca di integrarsi nella città che, con i suoi veloci cambiamenti, sembra correre più veloce di lui. Secondo Dargis "oltre a essere una storia che parla del desiderio più profondo di casa, è una storia sull’essere neri negli Stati Uniti, il che forse fa sembrare il film un lamento quando è più un sogno ad occhi aperti. O, piuttosto, è a volte una cosa e poi l’altra".

Terzo film della lista è Her Smell di Alex Ross Perry che racconta la storia di Becky Something (nei cui panni si cala Elisabeth Moss) una cantante rock discretamente famosa che, come scrive il New York Times, ricorda vagamente Courtney Love, tra la dimensione artistica e reale. Quello che convince maggiormente i due critici è l’interpretazione di Moss "capace di entrare profondamente nella pelle del suo personaggio". Figurano nel cast anche Cara Delevingne e Amber Heard.

Passiamo quindi a Gloria Bell di Sebastian Lelio, remake americano dell’omonimo film cileno girato proprio dallo stesso regista. Protagonista è Julianne Moore che interpreta una donna di mezza età, divorziata e con figli già cresciuti, mentre cerca di riprendersi la propria libertà a Los Angeles. Secondo Dargis il regista si è affidato a una "magistrale" Julian Moore dimostrandosi "incredibilmente sensibile nel rappresentare le assurdità della vita di tutti i giorni".

Subito dopo, nella classifica dei consigli, troviamo Booksmart di Olivia Wilde. Destinate a studiare nelle università della Ivi League (le università che fanno parte della ristretta cerchia delle migliori d’America), due amiche all’ultimo anno di liceo (interpretate da Beanie Feldstein e Kaitlyn Dever) vengono a sapere che alcuni loro compagni di scuola, decisamente meno bravi e costanti, andranno ugualmente a studiare nelle stesse loro università. Proprio per questo, durante i loro ultimi giorni di scuola, decidono di divertirsi un po’ di più e migliorare la loro reputazione da "party girl". Il pensiero di Scott è che sia una commedia "acuta ma non cattiva, calda e nemmeno troppo timida".

C'è spazio poi anche per il documentario Rolling Thunder Revue diretto da Martin Scorsese che usa materiale d’archivio e scene recitate per raccontare la storica tournée di concerti tenuti in giro per gli Stati Uniti fra il 1975 e il 1976 da Bob Dylan assieme a un folto gruppo di artisti. Secondo Dargis è da un lato "una celebrazione, dall’altro una missione di salvataggio di un capitolo unico" della storia del menestrello di Duluth.

Altro documentario vivamente consigliato dai critici del Times è The Edge of Democracy di Petra Costa, opera che si occupa di politica brasiliana fornendo un accurato resoconto della lunga crisi politica che ha colpito il Paese, dall’elezione di Lula a quella recente di Jair Bolsonaro. SecondoScott si tratta di "una cronaca straziante del tradimento civico e dell’abuso di potere".

A chiudere la lista c’è Transit, film diretto da Christian Petzold e ambientato a Parigi. La capitale francese viene invasa da milizie armate che isolano la città. Un immigrato tedesco (Franz Rogowski) fugge a un rastrellamento, si nasconde e raggiunge Marsiglia, dove si riunisce con altri rifugiati in attesa dei documenti che gli permetteranno tornare in Germania. In sostanza, il film non si sofferma più di tanto sulle ragioni dell’occupazione di Parigi né su altri dettagli a essa connessi, un escamatoge che secondo Dargis il regista usa per "abbracciare l’ambiguità come principio, dando a volte l’accelerata di un film d'azione".

Altri Servizi

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Trump verso rinvio di altri 6 mesi per decisione su dazi auto Ue

Lo scrive Politico; decisione già rinviata di sei mesi a maggio
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe intenzione di rimandare di sei mesi la decisione sull'imposizione di dazi fino al 25% sulle auto importate dall'Unione europea. Lo scrive Politico. La scadenza per una decisione è prevista domani ed è già stata rimandata una prima volta, a maggio.

Wall Street, segnali positivi sul fronte Usa-Cina

I negoziati tra i due Paesi sempre al centro delle attenzioni degli investitori
AP

Trump: Boom economico senza precedenti, nonostante gli errori della Fed

Il presidente Usa ha parlato all'Economic Club di New York. "Vicini all'accordo con Pechino, ma decidiamo noi. L'Ue? Peggio della Cina sulle barriere commerciali"
Ap

L'attuale amministrazione statunitense "ha dato inizio a un boom economico senza precedenti", ma l'economia e il mercato azionario andrebbero ancora meglio, senza gli errori della Federal Reserve. Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che ha usato il pulpito dell'Economic Club di New York per incensare il proprio lavoro e attaccare, di nuovo, la Federal Reserve e il suo governatore Jerome Powell.

Amazon contro il Pentagono, Esper: "Nessuna influenza esterna"

Maxicontratto a Microsoft, il segretario alla Difesa: "Procedimento corretto"
AP

Il procedimento che ha portato il dipartimento della Difesa statunitense ad assegnare a Microsoft un contratto da 10 miliardi di dollari per i servizi cloud è stato condotto "in modo corretto" e non ha subito "alcuna influenza esterna". Lo ha dichiarato il segretario alla Difesa, Mark Esper, durante una conferenza stampa a Seul, in Corea del Sud, rispondendo alla domanda di un giornalista.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Wall Street, attenzione rivolta ai negoziati Usa-Cina

Ieri, il Wall Street Journal ha parlato di nuovi ostacoli verso il raggiungimento di un'intesa
AP

‘Tutto molto bene’. Trump rassicura sul suo stato di salute dopo la visita all’ospedale

Presidente si era recato ieri all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center, per esami medici "di routine".
Ap

‘Tutto molto bene’. Cosi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha voluto rassicurare gli americani sulle sue condizioni di salute dopo una visita a sorpresa all’ospedale militare, Walter Reed National Military Medical Center.

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).