Il nuovo sogno di Musk: da New York a Shanghai in 30 minuti

L'idea, nome in codice BFR, potrebbe trasformare il sistema dei trasporti. Ma l'a.d. di SpaceX rilancia anche su Marte: nel 2024 prima missione umana su Marte

Elon Musk continua con la sua opera di evangelizzazione sulla possibilità che l'uomo nei prossimi anni inizi a porre le basi per diventare una specie multiplanetaria. Ma questa volta- l'a.d. di SpaceX - non ha solo parlato di Marte e di spazio, ma anche di come gli esseri umani si sposteranno sulla Terra nei prossimi anni. Secondo l'imprenditore, 46 anni e un patrimonio personale di 21 miliardi di dollari, useremo dei razzi in grado di collegare le grandi città del mondo in 30 minuti e di raggiungere qualsiasi posto sul pianeta in massimo un'ora.

La conferma è arrivata oggi nel corso del suo intervento alla 68esima edizione dell'International Astronautical Congress di Adelaide, Australia. Musk, che aveva anticipato il suo annuncio su Instagram due giorni fa, ha anche ricordato che "il costo sara quello di un volo in aereo in economy". Ogni razzo potrà trasportare 100 persone alla volta.

Per ora si tratta solo di una idea e di un nome in codice: BFR. Ma se dovesse diventare realtà potrebbe aprire a un nuovo mercato in grado di entrare in competizione, e forse distruggere, quello degli aerei commerciali. SpaceX ha già cambiato l'industria dei lanci spaziali, visto che ha sviluppato razzi riusabili più volte. Ma Musk ha anche voluto parlare di Marte, un altro tema su cui l'imprenditore sta lavorando da anni.

SpaceX ha sviluppato navette spaziali in grado di atterrare sulla Luna e su Marte: per questo Musk prevede che nel 2022 manderà i primi razzi, mentre nel 2024 la prima missione con esseri umani. Prima di questo annuncio Musk aveva parlato di 2018 come data del primo lancio verso il pianeta rosso. In realtà Musk vorrebbe poi stabilire delle colonie permanenti su Marte e, in un futuro remoto, terraformare il pianeta, creando un'atmosfera.

Altri Servizi

Wall Street, indici verso la quarta settimana di guadagni

Riemergono però timori sull'approvazione della riforma fiscale
AP

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Una autostrada in cui il traffico viene smistato in corsie veloci e altre lente, a seconda del pedaggio pagato da chi è al volante. Negli Stati Uniti, e in futuro magari anche in Europa, Internet potrebbe diventare quel tipo di autostrada, dove al posto di una vettura ci sono pc, tablet, smartphone e smart-tv. La velocità con cui si arriverà a destinazione - e dunque si fruirà di un contenuto su web come una serie tv di Netflix o le canzoni su Spotify - potrebbe finire per dipendere da quanto verrà pagato agli Internet service provider (Isp) da quelle aziende, che nel peggiore dei casi potrebbero recuperare parte dei costi sostenuti rifacendosi sul consumatore finale. In America si può immaginare così il futuro di internet: non più libero, aperto e neutrale. Di fatto, ricchi e poveri, start-up e multinazionali potrebbero non operare più su un campo da gioco equo.

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale

Fiat Chrysler Automobiles è stata promossa da Fitch, che ha alzato il rating associato al gruppo guidato da Sergio Marchionne a BB da BB- con outlook stabile. Il titolo a Wall Street ha subito accelerato andando a migliorare una già brillante performance: da inizio anno ha guadagnato il 93% e negli ultimi 12 mesi il 101%.

Ufficiale il matrimonio (da 52,4 miliardi) tra Walt Disney e 21st Century Fox

Subito prima dell'acquisizione Fox scorporerà alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). L'amministratore delegato e presidente di Disney Bob Iger resterà in carica fino al 2021.
AP

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi è arrivata l'ufficialità. Walt Disney ha raggiunto un accordo per rilevare 21st Century Fox, una volta che questa avrà scorporato alcuni asset (Fox Broadcasting e le emittenti Fox News, Fox Business, FS1, FS2 e Big Ten Network). Come si legge in una nota, Disney pagherà 52,4 miliardi di dollari in azioni, ovvero 0,2745 azioni per ogni titolo di Fox.

In America internet è meno libera

Stop alle regole sulla Net Neutrality volute da Barack Obama nel 2015 per garantire internet aperta e uguale per tutti. Netflix e i colossi della Silicon Valley contro: sarà una lunga battaglia

La Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha votato per l'eliminazione delle regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un internet a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più. In commissione, il voto ha seguito la divisione tra partiti: i tre repubblicani hanno votato a favore dell'eliminazione, i due democratici contro.

Alabama, duplice sconfitta per Trump: "Ma sapevo che Moore avrebbe perso"

Il presidente aveva appoggiato Strange alle primarie repubblicane. La sconfitta di Moore è un buon segnale per l'establishment repubblicano contro Bannon, mentre è preoccupante per Trump, che in Alabama aveva stravinto le presidenziali

Dopo la sconfitta del repubblicano Roy Moore nelle elezioni speciali in Alabama per un seggio nel Senato federale statunitense, i media nazionali hanno ricordato che entrambi i candidati sostenuti da Donald Trump hanno perso: alle primarie repubblicane, infatti, il presidente aveva appoggiato Luther Strange, sconfitto poi dal candidato che ieri è stato battuto dal democratico Doug Jones.

Corea del Nord: Tillerson apre a trattative. Trump: nulla è cambiato

Gli Usa premono sulla Cina affinché interrompa i rifornimenti di petrolio a Pyongyang
AP

Ancora una volta Rex Tillerson e Donald Trump sembrano muoversi su binari paralleli. Il segretario americano di Stato ha aperto la porta a trattative dirette con la Corea del Nord "senza precondizioni" ma la Casa Bianca ha subito chiarito che la sua linea non è affatto cambiata.

Trump rilancia: stop a lotteria di Carte Verdi e visti sponsorizzati da parenti

Il presidente Usa rilancia la sua proposta dopo il tentato attacco terroristico di New York
AP

Così come aveva fatto dopo il 31 ottobre scorso, quando un uomo di origini uzbeche causò a New York il primo attacco terroristico dall'11 settembre 2001, Donald Trump è tornato a criticare l'impianto regolatorio in vigore in tema di immigrazione ribadendo di volere mettere fine a una lotteria a cui ogni anno partecipano milioni di persone da tutto il mondo e che consente a stranieri di vincere una Green Card e dunque di diventare residenti permanenti degli Usa ed eventualmente cittadini americani.

Disney scommette sullo streaming comprando asset Fox

C'è anche Sky. La transazione vale 66,1 miliardi di dollari, debito incluso. Iger resta fino al 2021. Rupert Murdoch esce da Hollywood per concentrarsi su live news e sport. La parola passa ai regolatori

Rupert Murdoch si dissocia da Hollywood attraverso un'operazione destinata a rivoluzionare i settori dell'intrattenimento e dei media, vecchi e nuovi, a livello globale. In quello che per il magnate dell'informazione non è un "ritracciamento" ma semmai un "momento decisivo", la sua 21st Century Fox ha raggiunto un accordo per cedere a Walt Disney asset cinematografici e televisivi. Oltre a risparmi per due miliardi di dollari, il gruppo da Bob Iger punta a competere contro Netflix (da cui aveva già annunciato un divorzio) e Amazon ma anche Google e Facebook attraverso un contrattacco senza precedenti da parte di un'azienda media tradizionale. E lo farà anche con servizi in streaming propri. La transazione vale 52,4 miliardi di dollari ma se si aggiunge anche il debito si arriva a 66,1 miliardi.