Il pasticciaccio brutto dell'assassinio di Obama per mano del Mossad

Lo chiede l'editoriale di un piccolo giornale rivolto alla comunità ebraica di Atlanta. Scoppia un caso, e anche un'indagine dei servizi segreti
New York Times /Doug Mills

Per ore, quando la notizia è rimbalzata su Twitter, è rimasta l'incertezza che fosse una parodia, satira bella e buona come quella di The Onion o di Christwire.org. Perché altrimenti il direttore di un giornale, per quanto piccolo e di nicchia, come l'Atlanta Jewish Times avrebbe chiesto al Mossad di assassinare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il bene di Israele? Ma Andrew Adler, che ha rilevato il settimanale due anni fa quando aveva cinque reporter e 3.500 abbonati, non scherzava e alla fine è stato costretto a fare mezza marcia indietro e chiedere scusa.

Ecco cos'ha scritto:

... occorre dare il via libera agli agenti del Mossad che operano negli Stati Uniti per fare fuori un presidente che non è amico di Israele affinché l'attuale vice presidente prenda il suo posto. Il nuovo presidente detterà con autorevolezza una nuova politica per aiutare lo stato ebraico ad annientare i suoi nemici. Si avete letto bene. Occorre ordinare l'assassinio del presidente perché è in gioco l'esistenza di Israele. Riflettete. E se questa ipotesi estrema è venuta in mente a me, non pensate che sia stata discussa anche nei circoli più influenti di Israele?

La provocazione di Adler era, secondo l'autore, per l'appunto questo: una provocazione. Una ipotesi controversa formulata per fare discutere. La reazione? "Abbiamo avuto un sacco di telefonate ed email", ha risposto il direttore a John Cook di Gawker, che si è occupato per primo del caso.

Nel frattempo il National Jewish Democratic Council ha risposto con una condanna di fuoco. "E' profondamente irresponsabile ipotizzare un macabro scenario in cui lo stato di Israele ordini l'assassinio del presidente degli Stati Uniti", ha scritto il direttore David Harris in una nota "Inimmaginabile che si osi dare spazio a idee disgustose come queste in un giornale, e ancor più se si tratta dell'editore di una pubblicazione, e in particolare una pubblicazione rivolta alla comunità ebraica. Questa vicenda è la misura dell'abisso in cui è caduta la nostra politica e spero che serva da allerta per i moderati, affiché possano cambiare i toni".

Alla fine, nella serata di venerdì, sono arrivate le scuse di Adler, con la promessa di una rettifica articolata sul prossimo numero. "Rimpiango quello che ho detto, vorrei non avere detto nulla". Ha aggiunto che la reazione dei lettori è stata profondamente negativa. Secondo Fox News l'editoriale ha fatto scattare anche un'indagine dei servizi segreti americani, ma Adler non ha avuto finora né visite né contatti con gli agenti.

Al di là del caso specifico, il cattivo sangue di numerosi attivisti filoisraeliani con Obama ha numerose spiegazioni di carattere politico, dalla posizione giudicata troppo moderata nei confronti del pericolo nucleare iraniano al nodo palestinese con forti divergenze tra la posizione della Casa Bianca e quelle del primo ministro di Gerusalemme Benjamin Netanyahu.

La proposta di Obama di tornare ai confini del 1967 per disegnare la mappa politica dei due Stati ha trovato ferma opposizione nella destra israeliana e ha generato profondo scontento anche nelle comunità ebraiche degli Stati Uniti. Ritornare al 1967 significherebbe per Israele la rinuncia alla Cisgiordania e a Gaza.

Il peso di questa situazione, sul piano politico interno, si misura con la storica sconfitta dei democratici in una delle roccaforti storiche di Brooklyn, alcuni mesi fa, alla vigilia del dibattito alle Nazioni Unite sull'indipendenza dello Stato palestinese.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence