Il pasticciaccio brutto dell'assassinio di Obama per mano del Mossad

Lo chiede l'editoriale di un piccolo giornale rivolto alla comunità ebraica di Atlanta. Scoppia un caso, e anche un'indagine dei servizi segreti
New York Times /Doug Mills

Per ore, quando la notizia è rimbalzata su Twitter, è rimasta l'incertezza che fosse una parodia, satira bella e buona come quella di The Onion o di Christwire.org. Perché altrimenti il direttore di un giornale, per quanto piccolo e di nicchia, come l'Atlanta Jewish Times avrebbe chiesto al Mossad di assassinare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il bene di Israele? Ma Andrew Adler, che ha rilevato il settimanale due anni fa quando aveva cinque reporter e 3.500 abbonati, non scherzava e alla fine è stato costretto a fare mezza marcia indietro e chiedere scusa.

Ecco cos'ha scritto:

... occorre dare il via libera agli agenti del Mossad che operano negli Stati Uniti per fare fuori un presidente che non è amico di Israele affinché l'attuale vice presidente prenda il suo posto. Il nuovo presidente detterà con autorevolezza una nuova politica per aiutare lo stato ebraico ad annientare i suoi nemici. Si avete letto bene. Occorre ordinare l'assassinio del presidente perché è in gioco l'esistenza di Israele. Riflettete. E se questa ipotesi estrema è venuta in mente a me, non pensate che sia stata discussa anche nei circoli più influenti di Israele?

La provocazione di Adler era, secondo l'autore, per l'appunto questo: una provocazione. Una ipotesi controversa formulata per fare discutere. La reazione? "Abbiamo avuto un sacco di telefonate ed email", ha risposto il direttore a John Cook di Gawker, che si è occupato per primo del caso.

Nel frattempo il National Jewish Democratic Council ha risposto con una condanna di fuoco. "E' profondamente irresponsabile ipotizzare un macabro scenario in cui lo stato di Israele ordini l'assassinio del presidente degli Stati Uniti", ha scritto il direttore David Harris in una nota "Inimmaginabile che si osi dare spazio a idee disgustose come queste in un giornale, e ancor più se si tratta dell'editore di una pubblicazione, e in particolare una pubblicazione rivolta alla comunità ebraica. Questa vicenda è la misura dell'abisso in cui è caduta la nostra politica e spero che serva da allerta per i moderati, affiché possano cambiare i toni".

Alla fine, nella serata di venerdì, sono arrivate le scuse di Adler, con la promessa di una rettifica articolata sul prossimo numero. "Rimpiango quello che ho detto, vorrei non avere detto nulla". Ha aggiunto che la reazione dei lettori è stata profondamente negativa. Secondo Fox News l'editoriale ha fatto scattare anche un'indagine dei servizi segreti americani, ma Adler non ha avuto finora né visite né contatti con gli agenti.

Al di là del caso specifico, il cattivo sangue di numerosi attivisti filoisraeliani con Obama ha numerose spiegazioni di carattere politico, dalla posizione giudicata troppo moderata nei confronti del pericolo nucleare iraniano al nodo palestinese con forti divergenze tra la posizione della Casa Bianca e quelle del primo ministro di Gerusalemme Benjamin Netanyahu.

La proposta di Obama di tornare ai confini del 1967 per disegnare la mappa politica dei due Stati ha trovato ferma opposizione nella destra israeliana e ha generato profondo scontento anche nelle comunità ebraiche degli Stati Uniti. Ritornare al 1967 significherebbe per Israele la rinuncia alla Cisgiordania e a Gaza.

Il peso di questa situazione, sul piano politico interno, si misura con la storica sconfitta dei democratici in una delle roccaforti storiche di Brooklyn, alcuni mesi fa, alla vigilia del dibattito alle Nazioni Unite sull'indipendenza dello Stato palestinese.

Altri Servizi

Tumore al seno: per il 70% delle donne, la chemioterapia non servirà più

E' quanto emerso da uno studio, il più grande ad essere stato realizzato in questo campo. Il test genetico chiamato Oncotype DX indica quali pazienti potranno evitare quel trattamento

La maggior parte delle donne con un tumore al seno nella sua fase iniziale potrà evitare di dovere sottoporsi alla chemioterapia successivamente a un intervento chirurgico. E' quanto emerso dal più grande test mai condotto in questo ambito e che ha coinvolto oltre 10.000 pazienti. Il risultato: oltre il 70% delle donne non dovrebbe essere sottoposto alla chemioterapia, e dunque ai suoi effetti spesso debilitanti, perché non ne migliorerebbe le prospettive di sopravvivenza. Questo significa che quel gruppo di donne può essere trattato con la sola terapia ormonale, che ha effetti collaterali molto più contenuti. Questo significa anche che oltre 85.000 donne all'anno potranno scampare la chemioterapia.

Wall Street ancora trascinata dai titoli tecnologici

Ieri, altra seduta record per il Nasdaq
iStock

Accordo con gli Usa: la cinese ZTE pagherà 1 miliardo di dollari di multa

La pena è per avere violato sanzioni contro Iran e Corea del Nord. Cda e management cambieranno. Washington sceglierà il team della compliance
AP

"Questa mattina alle sei di Washington", le 12 in Italia, gli Stati Uniti hanno siglato un accordo con ZTE, l'azienda cinese che era stata messa in ginocchio dalla decisione dell'amministrazione Trump di impedire alle aziende Usa di fornirle componentistica essenziale per la sua sopravvivenza.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

G-7, Trump fa saltare l'accordo: "Trudeau è debole e disonesto, ora possibili dazi contro le auto"

Le parole del premier canadese durante la conferenza stampa finale scatenano la rabbia del presidente Usa, che twitta dall'Air Force One: "Non appoggeremo il comunicato finale"
Ap

"Debole e disonesto". Conn un colpo di scena finale, il presidente statunitense, Donald Trump, ha spazzato via due giorni di negoziati e il difficile compromesso finale al G-7 con un duro attacco al padrone di casa, il primo ministro canadese, Justin Trudeau. In un tweet inviato quando in Italia era da poco passata l'una di notte, durante il suo viaggio aereo per Singapore, Trump ha scritto: "Sulla base delle false dichiarazioni di Justin durante la sua conferenza stampa, e il fatto che il Canada sta imponendo massicci dazi doganali ai nostri contadini, lavoratori e compagnie, ho istruito i rappresentanti americani di non appoggiare il comunicato finale del G-7, mentre noi valutiamo dazi sulle automobili che inondano il nostro mercato". Trump, alla fine, aveva accettato la dichiarazione comune che bocciava il protezionismo e impegnava i leader a riformare al più presto le regole del Wto, l'Organizzazione mondiale del commercio. Un modo per salvare il summit e lasciare aperto il dialogo politico, finché le parole di Trudeau durante la conferenza stampa finale del G-7 non hanno scatenato la rabbia di Trump, che aveva organizzato ore prima un suo incontro con la stampa, vista la partenza anticipata per Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano, Kim Jong Un.

Exor si dà alle start-up tech, pronti 100 milioni di dollari da investire con Exor Seeds

Cambio di rotta per la controllante di Fca e Ferrari, che da oltre un secolo domina il settore industriale italiano

Domina da oltre un secolo il settore industriale italiano ma ora Exor vuole farsi conoscere anche per i suoi investimenti in start-up tecnologiche. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui la cassaforte della famiglia Agnelli ha accantonato 100 milioni di dollari per investire attraverso la nuova venture chiamata Exor Seeds.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

La fondatrice di Kate Spade morta a 55 anni

La fashion designer ritrovata morta nel suo appartamente a Manhattan. Apparente suicidio

Kate Spade, fashion designer famosissima negli Stati Uniti, è stata trovata morta nel suo appartamento di New York. Aveva 55 anni.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).

Usa 2018: primarie in 8 Stati, focus sulla California

Tra le sfide, anche quella per la carica di governatore del Golden State

Alabama, California, Iowa, Mississippi, Montana, New Jersey, New Mexico e South Dakota: sono gli Stati dove oggi sono in programma le primarie in vista delle elezioni statunitensi di metà mandato, il 6 novembre.