Il pasticciaccio brutto dell'assassinio di Obama per mano del Mossad

Lo chiede l'editoriale di un piccolo giornale rivolto alla comunità ebraica di Atlanta. Scoppia un caso, e anche un'indagine dei servizi segreti
New York Times /Doug Mills

Per ore, quando la notizia è rimbalzata su Twitter, è rimasta l'incertezza che fosse una parodia, satira bella e buona come quella di The Onion o di Christwire.org. Perché altrimenti il direttore di un giornale, per quanto piccolo e di nicchia, come l'Atlanta Jewish Times avrebbe chiesto al Mossad di assassinare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il bene di Israele? Ma Andrew Adler, che ha rilevato il settimanale due anni fa quando aveva cinque reporter e 3.500 abbonati, non scherzava e alla fine è stato costretto a fare mezza marcia indietro e chiedere scusa.

Ecco cos'ha scritto:

... occorre dare il via libera agli agenti del Mossad che operano negli Stati Uniti per fare fuori un presidente che non è amico di Israele affinché l'attuale vice presidente prenda il suo posto. Il nuovo presidente detterà con autorevolezza una nuova politica per aiutare lo stato ebraico ad annientare i suoi nemici. Si avete letto bene. Occorre ordinare l'assassinio del presidente perché è in gioco l'esistenza di Israele. Riflettete. E se questa ipotesi estrema è venuta in mente a me, non pensate che sia stata discussa anche nei circoli più influenti di Israele?

La provocazione di Adler era, secondo l'autore, per l'appunto questo: una provocazione. Una ipotesi controversa formulata per fare discutere. La reazione? "Abbiamo avuto un sacco di telefonate ed email", ha risposto il direttore a John Cook di Gawker, che si è occupato per primo del caso.

Nel frattempo il National Jewish Democratic Council ha risposto con una condanna di fuoco. "E' profondamente irresponsabile ipotizzare un macabro scenario in cui lo stato di Israele ordini l'assassinio del presidente degli Stati Uniti", ha scritto il direttore David Harris in una nota "Inimmaginabile che si osi dare spazio a idee disgustose come queste in un giornale, e ancor più se si tratta dell'editore di una pubblicazione, e in particolare una pubblicazione rivolta alla comunità ebraica. Questa vicenda è la misura dell'abisso in cui è caduta la nostra politica e spero che serva da allerta per i moderati, affiché possano cambiare i toni".

Alla fine, nella serata di venerdì, sono arrivate le scuse di Adler, con la promessa di una rettifica articolata sul prossimo numero. "Rimpiango quello che ho detto, vorrei non avere detto nulla". Ha aggiunto che la reazione dei lettori è stata profondamente negativa. Secondo Fox News l'editoriale ha fatto scattare anche un'indagine dei servizi segreti americani, ma Adler non ha avuto finora né visite né contatti con gli agenti.

Al di là del caso specifico, il cattivo sangue di numerosi attivisti filoisraeliani con Obama ha numerose spiegazioni di carattere politico, dalla posizione giudicata troppo moderata nei confronti del pericolo nucleare iraniano al nodo palestinese con forti divergenze tra la posizione della Casa Bianca e quelle del primo ministro di Gerusalemme Benjamin Netanyahu.

La proposta di Obama di tornare ai confini del 1967 per disegnare la mappa politica dei due Stati ha trovato ferma opposizione nella destra israeliana e ha generato profondo scontento anche nelle comunità ebraiche degli Stati Uniti. Ritornare al 1967 significherebbe per Israele la rinuncia alla Cisgiordania e a Gaza.

Il peso di questa situazione, sul piano politico interno, si misura con la storica sconfitta dei democratici in una delle roccaforti storiche di Brooklyn, alcuni mesi fa, alla vigilia del dibattito alle Nazioni Unite sull'indipendenza dello Stato palestinese.

Altri Servizi

Nfl, tornano le proteste e la crociata di Trump contro gli atleti

Atleti 'contro' l'inno nazionale, Trump:"Protestate in altro modo". Il primo fu Kaepernick, rimasto senza squadra. Lega e associazione giocatori in trattativa per evitare lo scontro in tribunale sull'obbligo di seguire in piedi 'The Star-Spangled Banner'

Insieme alla Nfl, è tornata la crociata del presidente statunitense Donald Trump contro le proteste durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Ieri sera, diversi giocatori hanno poggiato un ginocchio a terra o hanno alzato un pugno durante 'The Star-Spangled Banner', prima di alcune partite amichevoli in vista del prossimo campionato di football, per protestare contro la brutalità della polizia, la diseguaglianza razziale e l'ingiustizia sociale.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

©Ap

Nell'ultimo tentativo di dimostrare - agli investitori e all'autorità di Borsa Usa - che con i suoi tweet controversi del 7 agosto scorso faceva sul serio, il Ceo di Tesla ha detto di avere iniziato a lavorare con gli advisor per il delisting del produtture di auto elettriche.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.