Il pasticciaccio brutto dell'assassinio di Obama per mano del Mossad

Lo chiede l'editoriale di un piccolo giornale rivolto alla comunità ebraica di Atlanta. Scoppia un caso, e anche un'indagine dei servizi segreti
New York Times /Doug Mills

Per ore, quando la notizia è rimbalzata su Twitter, è rimasta l'incertezza che fosse una parodia, satira bella e buona come quella di The Onion o di Christwire.org. Perché altrimenti il direttore di un giornale, per quanto piccolo e di nicchia, come l'Atlanta Jewish Times avrebbe chiesto al Mossad di assassinare il presidente degli Stati Uniti Barack Obama per il bene di Israele? Ma Andrew Adler, che ha rilevato il settimanale due anni fa quando aveva cinque reporter e 3.500 abbonati, non scherzava e alla fine è stato costretto a fare mezza marcia indietro e chiedere scusa.

Ecco cos'ha scritto:

... occorre dare il via libera agli agenti del Mossad che operano negli Stati Uniti per fare fuori un presidente che non è amico di Israele affinché l'attuale vice presidente prenda il suo posto. Il nuovo presidente detterà con autorevolezza una nuova politica per aiutare lo stato ebraico ad annientare i suoi nemici. Si avete letto bene. Occorre ordinare l'assassinio del presidente perché è in gioco l'esistenza di Israele. Riflettete. E se questa ipotesi estrema è venuta in mente a me, non pensate che sia stata discussa anche nei circoli più influenti di Israele?

La provocazione di Adler era, secondo l'autore, per l'appunto questo: una provocazione. Una ipotesi controversa formulata per fare discutere. La reazione? "Abbiamo avuto un sacco di telefonate ed email", ha risposto il direttore a John Cook di Gawker, che si è occupato per primo del caso.

Nel frattempo il National Jewish Democratic Council ha risposto con una condanna di fuoco. "E' profondamente irresponsabile ipotizzare un macabro scenario in cui lo stato di Israele ordini l'assassinio del presidente degli Stati Uniti", ha scritto il direttore David Harris in una nota "Inimmaginabile che si osi dare spazio a idee disgustose come queste in un giornale, e ancor più se si tratta dell'editore di una pubblicazione, e in particolare una pubblicazione rivolta alla comunità ebraica. Questa vicenda è la misura dell'abisso in cui è caduta la nostra politica e spero che serva da allerta per i moderati, affiché possano cambiare i toni".

Alla fine, nella serata di venerdì, sono arrivate le scuse di Adler, con la promessa di una rettifica articolata sul prossimo numero. "Rimpiango quello che ho detto, vorrei non avere detto nulla". Ha aggiunto che la reazione dei lettori è stata profondamente negativa. Secondo Fox News l'editoriale ha fatto scattare anche un'indagine dei servizi segreti americani, ma Adler non ha avuto finora né visite né contatti con gli agenti.

Al di là del caso specifico, il cattivo sangue di numerosi attivisti filoisraeliani con Obama ha numerose spiegazioni di carattere politico, dalla posizione giudicata troppo moderata nei confronti del pericolo nucleare iraniano al nodo palestinese con forti divergenze tra la posizione della Casa Bianca e quelle del primo ministro di Gerusalemme Benjamin Netanyahu.

La proposta di Obama di tornare ai confini del 1967 per disegnare la mappa politica dei due Stati ha trovato ferma opposizione nella destra israeliana e ha generato profondo scontento anche nelle comunità ebraiche degli Stati Uniti. Ritornare al 1967 significherebbe per Israele la rinuncia alla Cisgiordania e a Gaza.

Il peso di questa situazione, sul piano politico interno, si misura con la storica sconfitta dei democratici in una delle roccaforti storiche di Brooklyn, alcuni mesi fa, alla vigilia del dibattito alle Nazioni Unite sull'indipendenza dello Stato palestinese.

Altri Servizi

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

 New York, 16 ago - La Fda, l'agenzia federale statunitense che regolamenta i prodotti alimentari, farmaceutici e del tabacco, ha deciso di rilanciare la sua battaglia per l'introduzione di nuovi avvisi grafici sui pacchetti di sigarette per scoraggiare i fumatori. Lo scrive l'Associated Press.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP