Il Piemonte si promuove a New York

Dalle Alpi alle colline delle Langhe, dal vino all'eleganza di Torino, passando per lo Juventus Stadium: questo e altro in una regione da 'vendere' ai turisti americani

Il Piemonte è tante cose, ma per molto tempo è stato soprattutto un segreto ben custodito. Solo negli ultimi anni ha iniziato ad accogliere turisti, che ora camminano per le vie di Torino, vanno in cerca di tartufi nelle Langhe e sciano sulle montagne piemontesi scoprendo una regione ricca di bellezze. Proprio per far conoscere meglio il Piemonte si è tenuta al Consolato generale d'Italia a New York una colazione speciale organizzata dal console in collaborazione con l'Italian National Tourist Board.

In tavola cioccolato torinese e a parlare al pubblico sei ambasciatori della regione, non tutti piemontesi. I sei erano Maria Elena Rossi, a capo del Piemonte Tourist Board, Stefano Mosca del Biella Tourist Board, Marco Albano, responsabile dello Juventus Museum and Stadium Tour, Mauro Carbone del National Centre for the Study of Truffles, Gianni Miradoli del tour operator Central Holidays che da anni porta gli americani in Italia, e Marco Leona, piemontese che da tredici anni lavora al Metropolitan Museum.

I primi quattro sono venuti a New York a presentare una serie di tour ideati dal Piemonte Tourist Board, pensati per gli americani che desiderano fare un'esperienza speciale in una regione finora rimasta fuori dai circuiti canonici del turismo in Italia, ma tutta da scoprire. Grazie al Ptb sarà infatti possibile andare in cerca dei "real experience providers", come li ha definiti Maria Elena Rossi: quelle cose che possono regalare al turista un viaggio non solo fisico, nel senso di spostamento verso un luogo, ma anche "sensoriale, visivo, emotivo" nelle esperienze che quel luogo può generare; che siano di gusto, paesaggistiche, o sportive: "Il vino, il cibo, i paesaggi, il tessile, il design automobilistico, il calcio: sono tutte esperienze che in Piemonte si possono fare". Cercare tartufi nelle Langhe, visitare il museo della Juventus e il nuovo stadio della squadra torinese, recarsi nelle fabbriche del tessile di Biella (Ermenegildo Zegna, Loro Piana) per vedere i luoghi dove viene prodotto quello stesso cachemire venduto nelle boutique della Quinta Avenue.

"Vogliamo far crescere il mercato turistico piemontese", ha detto Rossi. "Per fortuna, per innovare bisogna avere radici profonde, tradizioni profonde. E le tradizioni sono una cosa che in Piemonte non manca".

"Si paragonano spesso Piemonte e Toscana, per i vini, per certi paesaggi", ha aggiunto Miradoli. "Da non piemontese, vi posso dire con cognizione di causa che il Piemonte non è secondo a nessuno".

Altri Servizi

Gentiloni guarda al futuro. La ripresa c'è, ma attenzione ai populismi

Il presidente del Consiglio a New York per l'apertura dell'assemblea generale dell'Onu. All'Europa chiede politiche comuni per i migranti e alla chiusura di Trump risponde con il multilateralismo. Oggi il suo intervento

In un periodo di divisioni e populismi, Paolo Gentiloni racconta di un'Italia che nonostante le difficoltà continua a crescere e proprio in questo momento non deve perdere la forza delle riforme. Il presidente del consiglio si trova a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale delle Nazioni Unite: l'assemblea di Trump, della riforma dell'Onu, della Corea del Nord e dei cambiamenti climatici. "Viviamo in un periodo di difficile transizione. L'instabilità geopolitica è ancora presente, allo stesso tempo il dinamismo economico e, in Europa, un rinnovato sentimento di fiducia per il nostro cammino comune, sta alimentando le speranze di un periodo migliore", ha detto Gentiloni, iniziando il suo viaggio negli Stati Uniti dalla Casa Italiana Zerilli-Marimò della New York University, dove ieri sera ha dialogato con studenti, professori dell'università e con la comunità italiana della metropoli americana.

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Gentiloni: costruire una società aperta, no a barriere e muri

Il presidente del consiglio all'assemblea generale Onu parla di cooperazione e dell'esperienza dell'Europa. E poi di Libia, Siria, terrorismo, clima e del fatto che solo uniti si possono affrontare le sfide. Ma su Trump non va all'attacco diretto

La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Clinton spiana la strada a Bloomberg e conia termine per il populismo di destra

E' "tribalismo separatista". Il 42esimo presidente americano promuove un'agenda inclusiva durante un evento che ha preso il posto della sua Clinton Global Initiative
Bloomberg

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà

Wall Street non teme la normalizzazione della Fed

Chiusura record per Dow e S&P 500
AP

Gentiloni: anche l'Italia, non solo gli Usa, tutela i propri interessi nazionali

Il presidente del consiglio sottolinea l'approccio multilaterale del nostro Paese. Con l'America, "rapporto di collaborazione strettissima". Fincantieri-Stx? Ottimista
Palazzo Chigi /T. Barchielli

Migranti, Alfano: investire sui Paesi di origine, rapporto più stretto Europa-Africa

Così il ministro degli Esteri da New York, consapevole che per molti politici è una strategia politicamente scomoda nel breve termine
Farnesina