Il programma di Uber per evitare i controlli delle forze dell’ordine e confondere i competitor

Si chiama Greyball ed è stato svelato da un'inchiesta del New York Times. Può nascondere le vere posizioni degli autisti a chi prenota le corse per investigare sul servizio ma anche ai rivali che ne studiano la metodologia

Uber, il servizio di trasporto alternativo fondato a San Francisco da Travis Kalanick, ha confermato di aver utilizzato per anni e di continuare tutt’ora ad usare in diversi paesi del mondo in cui è presente la sua app, un sistema grazie al quale può nascondere i suoi autisti ai controlli delle forze dell’ordine. Il sistema, come svelato dal New York Times, si chiama Greyball e, usando dati raccolti dall’app per prenotare le corse, riesce ad individuare coloro che stanno indagando sulla società indirizzandoli ad una finta versione dell’app.

Il Financial Times ha riportato il comunicato della società in risposta all’articolo del New York Times con il quale cerca di sminuire la portata della notizia difendendo il proprio operato. "Questo programma rifiuta le richieste di noleggio agli utenti che stanno violando i termini di servizio — che si tratti di persone che vogliono fare fisicamente del male agli autisti, di concorrenti intenzionati a sabotare le nostre operazioni o di persone d’accordo con le autorità in operazioni sotto copertura pensate per incastrare gli autisti", scrive Uber.

Nell'articolo di denuncia del quotidiano newyorchese si spiega come Greyball faccia parte del programma VTOS, sigla che sta per "violation of terms of service" (violazione dei termini di servizio, ndr) iniziato nel 2014 e tuttora in uso in molti posti, sopratutto al di fuori degli Stati Uniti. Australia, Cina, Corea del Sud e Francia sono gli stati citati dal New York Times che in una prima versione dell’articolo in questione inseriva anche l’Italia, salvo poi eliminarla successivamente. Questi dettagli, che rischiano di creare ulteriori problemi a Uber, sono stati svelati al quotidiano di New York da quattro persone che hanno chiesto di rimanere anonime. Alcune di queste lavorano ancora oggi per Uber mentre altre sono stati dipendenti della società in passato. Tutte quante hanno comunque confermato che l’utilizzo di Greyball era stato approvato dalla squadra legale di Uber.

Rimanendo in ambito legale, gli esperti interpellati dal Nyt hanno sostenuto che questo sistema potrebbe violare delle leggi, tra quelle citate c’è il federal Computer Fraud and Abuse Act ma potrebbe anche essere un caso di "intralcio alla giustizia" secondo Peter Henning, professore di diritto alla Wayne State University che spesso scrive per il quotidiano diretto da Dean Baquet.

Per spiegare meglio l’utilizzo di Greyball il New York Times ha pubblicato un video girato a Portland, in Oregon, e risalente al 2014. All’epoca Uber era appena sbarcata in città senza richiedere alcun permesso al comune, che ha poi dichiarato illegale il servizio. Nel filmato in questione Erich England, poliziotto di Portland che stava investigando su Uber, utilizzando l’app aveva contattato due driver per una corsa ma entrambi, dopo averlo inizialmente accettato come cliente, hanno rifiutato la richiesta. A spiegare il mistero ci ha pensato proprio il New York Times che ha scritto come, nei casi in cui un guidatore accetti accidentalmente la richiesta di un investigatore, intervenga direttamente Uber imponendo allo stesso driver di cancellare la corsa.

Ma come è possibile che Uber riesca ad individuare i poliziotti o gli investigatori? Lo spiega sempre il Nyt in diversi punti del suo articolo. Il primo metodo è quello di esaminare al dettaglio le zone cittadine, soprattutto quelle in cui sono presenti stazioni di polizia o uffici amministrativi, riuscendo ad individuare le persone che in queste aree aprono e chiudono frequentemente l’app di Uber. Un’altra tecnica consiste nel verificare le informazioni sulle carte di credito di alcuni utenti, verificando che non sia direttamente connessa ad un istituto di credito legato alla polizia. Per aggirare questo sistema però i poliziotti hanno pensato a una contromossa: comprare dozzine di telefoni su cui creare account falsi. Uber però ha a sua volta trovato la tecnica per rispondere alla polizia inviando i propri dipendenti nei negozi cittadini di elettronica e verificare quali siano i cellulari più economici, visto che la polizia ha spesso budget limitati per operazioni del genere, in modo tale da circoscrivere la propria ricerca solo a quei modelli utilizzati dalle forze dell’ordine. Infine, se tutto ciò non bastasse, i dipendenti di Uber arrivano addirittura a ricercare sui social network il nome dell’utente sospetto, per verificare che sia un poliziotto o meno.

Il sopracitato articolo di Ft sottolinea come questa sia solo l’ultima di una serie di controverse vicende che stanno creando scompiglio attorno all’app di San Francisco. L’ultima è avvenuta lo scorso martedì dopo che un autista di Uber ha filmato e pubblicato gli insulti ricevuti dal fondatore e amministratore delegato per il solo fatto di essersi lamentato dell’abbassamento delle tariffe e dei compensi dei suoi autisti. Kalanick si è dovuto scusare ma poco dopo, per altre vicende non chiare, ha perso due alti dirigenti: ad Amit Singhal, vice-presidente del reparto ingegneria, è stato chiesto di dimettersi lunedì, mentre Ed Baker, vice presidente che ha guidato gran parte della crescita di Uber negli ultimi tre anni, si è dimesso venerdì.

dal sito di Uber
Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa

Pfizer ha deciso di rinviare il rincaro di decine di farmaci, dopo le critiche ricevute dal presidente statunitense, Donald Trump. Il colosso farmaceutico ha annunciato "il ritorno ai prezzi precedenti al primo luglio per dare al presidente l'opportunità di lavorare al suo piano" per ridurre i prezzi dei farmaci; la decisione è stata presa dopo un colloquio tra l'amministratore delegato, Ian Read, e il presidente.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

AP

Il progetto della premier britannica Theresa May di mantenere una stretta relazione economica con l'Unione Europea dopo la Brexit "ucciderà probabilmente" la possibilità di chiudere un accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Lo ha dichiarato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, in un'intervista al tabloid britannico Sun che sta facendo discutere da ore. Poi, il passo indietro non appena arrivato a Chequers, la residenza di campagna del primo ministro del Regno Unito, che si trova a Ellesborough.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.