Il programma di Uber per evitare i controlli delle forze dell’ordine e confondere i competitor

Si chiama Greyball ed è stato svelato da un'inchiesta del New York Times. Può nascondere le vere posizioni degli autisti a chi prenota le corse per investigare sul servizio ma anche ai rivali che ne studiano la metodologia

Uber, il servizio di trasporto alternativo fondato a San Francisco da Travis Kalanick, ha confermato di aver utilizzato per anni e di continuare tutt’ora ad usare in diversi paesi del mondo in cui è presente la sua app, un sistema grazie al quale può nascondere i suoi autisti ai controlli delle forze dell’ordine. Il sistema, come svelato dal New York Times, si chiama Greyball e, usando dati raccolti dall’app per prenotare le corse, riesce ad individuare coloro che stanno indagando sulla società indirizzandoli ad una finta versione dell’app.

Il Financial Times ha riportato il comunicato della società in risposta all’articolo del New York Times con il quale cerca di sminuire la portata della notizia difendendo il proprio operato. "Questo programma rifiuta le richieste di noleggio agli utenti che stanno violando i termini di servizio — che si tratti di persone che vogliono fare fisicamente del male agli autisti, di concorrenti intenzionati a sabotare le nostre operazioni o di persone d’accordo con le autorità in operazioni sotto copertura pensate per incastrare gli autisti", scrive Uber.

Nell'articolo di denuncia del quotidiano newyorchese si spiega come Greyball faccia parte del programma VTOS, sigla che sta per "violation of terms of service" (violazione dei termini di servizio, ndr) iniziato nel 2014 e tuttora in uso in molti posti, sopratutto al di fuori degli Stati Uniti. Australia, Cina, Corea del Sud e Francia sono gli stati citati dal New York Times che in una prima versione dell’articolo in questione inseriva anche l’Italia, salvo poi eliminarla successivamente. Questi dettagli, che rischiano di creare ulteriori problemi a Uber, sono stati svelati al quotidiano di New York da quattro persone che hanno chiesto di rimanere anonime. Alcune di queste lavorano ancora oggi per Uber mentre altre sono stati dipendenti della società in passato. Tutte quante hanno comunque confermato che l’utilizzo di Greyball era stato approvato dalla squadra legale di Uber.

Rimanendo in ambito legale, gli esperti interpellati dal Nyt hanno sostenuto che questo sistema potrebbe violare delle leggi, tra quelle citate c’è il federal Computer Fraud and Abuse Act ma potrebbe anche essere un caso di "intralcio alla giustizia" secondo Peter Henning, professore di diritto alla Wayne State University che spesso scrive per il quotidiano diretto da Dean Baquet.

Per spiegare meglio l’utilizzo di Greyball il New York Times ha pubblicato un video girato a Portland, in Oregon, e risalente al 2014. All’epoca Uber era appena sbarcata in città senza richiedere alcun permesso al comune, che ha poi dichiarato illegale il servizio. Nel filmato in questione Erich England, poliziotto di Portland che stava investigando su Uber, utilizzando l’app aveva contattato due driver per una corsa ma entrambi, dopo averlo inizialmente accettato come cliente, hanno rifiutato la richiesta. A spiegare il mistero ci ha pensato proprio il New York Times che ha scritto come, nei casi in cui un guidatore accetti accidentalmente la richiesta di un investigatore, intervenga direttamente Uber imponendo allo stesso driver di cancellare la corsa.

Ma come è possibile che Uber riesca ad individuare i poliziotti o gli investigatori? Lo spiega sempre il Nyt in diversi punti del suo articolo. Il primo metodo è quello di esaminare al dettaglio le zone cittadine, soprattutto quelle in cui sono presenti stazioni di polizia o uffici amministrativi, riuscendo ad individuare le persone che in queste aree aprono e chiudono frequentemente l’app di Uber. Un’altra tecnica consiste nel verificare le informazioni sulle carte di credito di alcuni utenti, verificando che non sia direttamente connessa ad un istituto di credito legato alla polizia. Per aggirare questo sistema però i poliziotti hanno pensato a una contromossa: comprare dozzine di telefoni su cui creare account falsi. Uber però ha a sua volta trovato la tecnica per rispondere alla polizia inviando i propri dipendenti nei negozi cittadini di elettronica e verificare quali siano i cellulari più economici, visto che la polizia ha spesso budget limitati per operazioni del genere, in modo tale da circoscrivere la propria ricerca solo a quei modelli utilizzati dalle forze dell’ordine. Infine, se tutto ciò non bastasse, i dipendenti di Uber arrivano addirittura a ricercare sui social network il nome dell’utente sospetto, per verificare che sia un poliziotto o meno.

Il sopracitato articolo di Ft sottolinea come questa sia solo l’ultima di una serie di controverse vicende che stanno creando scompiglio attorno all’app di San Francisco. L’ultima è avvenuta lo scorso martedì dopo che un autista di Uber ha filmato e pubblicato gli insulti ricevuti dal fondatore e amministratore delegato per il solo fatto di essersi lamentato dell’abbassamento delle tariffe e dei compensi dei suoi autisti. Kalanick si è dovuto scusare ma poco dopo, per altre vicende non chiare, ha perso due alti dirigenti: ad Amit Singhal, vice-presidente del reparto ingegneria, è stato chiesto di dimettersi lunedì, mentre Ed Baker, vice presidente che ha guidato gran parte della crescita di Uber negli ultimi tre anni, si è dimesso venerdì.

dal sito di Uber
Altri Servizi

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Fca deposita richiesta di certificazione emissioni diesel in Usa

Mossa frutto di "collaborazione" tra Epa e Carb, autorità che a gennaio avevano accusato il gruppo di una possibile violazione delle leggi. Il gruppo conta di risolvere così le loro preoccupazioni e di aggiornare software di 104.000 auto finite nel mirino
Fca Us

Fiat Chrysler Automobiles ha fatto un passo concreto verso quella che spera sia una soluzione per archiviare le accuse di violazione delle leggi sulle emissioni avanzate all'inizio dell'anno dall'Agenzia per la protezione ambientale (Epa) e la California Air Resources Board (Carb) americane e riguardanti circa 104.000. Se ci riuscisse, eviterebbe anche una causa da parte del dipartimento di Giustizia, ipotesi che nei due giorni scorsi aveva pesato sul titolo.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.

Accordo Trump-Riad: Arabia Saudita comprerà armi Usa per 110 miliardi

L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.
AP

Il presidente americano Donald Trump e il re dell'Arabia Saudita Salman hanno firmato un accordo in base al quale Riad comprerà armi e sistemi di difesa dagli Usa per 110 miliardi di dollari. L'obiettivo è più ambizioso: arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari in dieci anni. La firma è avvenuta nel corso di una imponente cerimonia nel palazzo reale di Riad.

Il design italiano sbarca in Usa con "Material Immaterial". Focus su creatività e investimenti

Gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura. In questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.
America24

Celebrare la sinergia tra il mondo del design italiano e gli Stati Uniti: questo l'obiettivo dell’evento "Material Immaterial", organizzato dal periodico italiano di design "Interni" in collaborazione con il Consolato generale d'Italia a New York. Perché se gli Stati Uniti hanno dimostrato grande interesse a investire in nuove proposte nel settore dell’architettura, è anche vero che, in questo campo, l'Italia è da sempre fucina di idee e progetti all’avanguardia.

Il Washington Post apre un nuovo fronte sul Russiagate: un consigliere di Trump è persona di interesse nelle indagini

Non è dato sapere di chi si tratti, ma le indicazioni raccolte dal quotidiano sembrano portare a Jared Kushner, marito di Ivanka Trump, genero del presidente e uno dei suoi più stretti collaboratori.
AP

L'ex direttore dell'Fbi, licenziato da Trump, testimonierà in Congresso sul Russiagate

"Comey merita l'opportunità di raccontare la sua versione dei fatti, e il popolo americano merita l'opportunità di ascoltarla", ha detto la commissione Servizi. Non è ancora stata fissata alcuna data per l'audizione.