Il racconto di Andrea Mura, l’italiano che ha vinto la regata Ostar 2017

Il consolato italiano a New York ha celebrato il suo successo. Diciassette giorni in mare, in mezzo alla “tempesta perfetta”. Lo skipper: “Penso che non la farò mai più”

Andrea Mura, classe 64, vive a contatto con il mare dall’età di sei anni. Ha vinto per due volte il premio “Velista dell’anno”, nel 2011 e nel 2014, oltre ad aver guadagnato il primo posto in gare come la Route du Rhum e la Twostar. Il Consolato italiano a New York ha celebrato ieri il suo ultimo successo per la vittoria della Ostar 2017, regata transatlantica in solitaria partita da Plymouth, in Inghilterra e conclusasi a Newport, negli Stati Uniti, il 17 giugno. Una “gara quasi a eliminazione” ha detto lo stesso Mura, dato che due barche sono affondate in una tempesta e gli skipper sono stati recuperati in elicottero, dopo aver trovato onde di oltre 15 metri e vento a 60 nodi. Tra loro anche l’italiano Michele Zambelli, che ha impattato una balena durante la “tempesta perfetta”. “Penso davvero che questa regata non la farò mai più”, ha detto Mura. Aveva già partecipato, e vinto, nel 2013.

Tempo di percorrenza 17 giorni (e notti), 4 ore, 6 minuti, 19 secondi. Racchiusi in alcune immagini girate con il cellulare a bordo, che Mura ha condiviso con i presenti all’evento. Non ha raggiunto il record, ma è comunque entrato nella storia. “Nasce tutto dalla preparazione, soprattutto mentale. Sono salpato dalla Sardegna verso l’Inghilterra con tranquillità e sono arrivato alla partenza non troppo stressato, non troppo in anticipo, pronto”, ha continuato lo skipper.

Per navigare meno di 20 giorni c’è un anno di lavoro alla barca, la sua Vento di Sardegna. “La Raymarine mi ha fatto suo ambasciatore nel mondo, e mi aiuta con i pezzi di ricambio. Cambiare continuamente i pezzi significa che quando poi sono in mare entro un minuto sono in grado di capire cosa succede alla barca, in caso di problemi”. Meccanico, skipper, ma anche (quasi) medico di sé stesso. Mura ha infatti monitorato la sua salute costantemente provandosi la pressione e facendo esami di sangue e urine: “Mi serve per una buona causa: l’Università di Cagliari mi ha dato la laurea ad honorem in Scienze Motorie e sto scrivendo la tesi. In autunno mi laureo, ora possiamo dirlo”, ha aggiunto sorridendo alla compagna Daniela Faranna.

Mai avuta paura? “Parlo da un po’ la lingua del mare, quindi ho affrontato questa regata con il sorriso, nonostante le difficoltà. Però avevo tre timori: che si rompessero le vele o la chiglia, ma più di tutto di impattare una balena, come successo a Michele”. I contatti, durante la Ostar, sono vietati: puoi parlare con i tuoi cari ma solo accedere a informazioni pubbliche sulla navigazione. Non si può chiamare un meteorologo di fiducia, solo fidarsi di sé stessi. “Quando mi ha chiamata la sera della tempesta”, ha confessato la compagna “sono morta di paura. Non potevo aiutarlo”. Ma poi Mura ha preso la decisione che si è rivelata quella giusta: salire verso Nord fino al 57° parallelo per aggirare l’occhio della tempesta e navigare con il vento in poppa, per poi tagliare verso Sud e raggiungere l’occhio. “Io ho attraversato la tempesta quando i venti raggiungevano i 47 nodi, ma quelli più indietro la hanno affrontata quando era troppo forte. Queste condizioni le avevo viste solo su YouTube, in pieno Oceano le onde crescono a dismisura”. Mura, anche se non si direbbe, soffre di mal di mare. Ma per la prima volta non ha avuto problemi, perché ha costruito una calotta blindata che gli ha permesso di stare sempre fuori, mai sottocoperta, anche quando la tempesta gli ha rotto un vetro.

E quando si vede terra? “È una meraviglia. Si pensano cose brutte in questa regata, tipo chi me l’ha fatto fare, quando torno a casa vendo la barca”. È per questo, probabilmente, che non vedremo più Mura partecipare a una Ostar.

A congratularsi con lo sportivo sono stati anche il console italiano a New York, Francesco Genuardi, il delegato del Coni negli Usa Cavalier Mico Delianova Licastro e Giacomo Bandino, presidente del Circolo Shardana New York, il più grande club di emigrati sardi nel mondo. “È con grandissimo onore, questo pomeriggio, avere qui il piacere di salutare un eroe, uno sportivo, un sardo: Andrea Mura, che ha appena compiuto un’impresa di cui tutti gli italiani devono essere orgogliosi – ha detto il Console - Viva la Sardegna, viva New York, viva l’Italia!”.

Altri Servizi

Congresso americano, raggiunto accordo su nuove sanzioni alla Russia. Segnali positivi dalla Casa Bianca

Si profila uno scontro con Trump la cui volontà è invece quella di incrementare le relazioni diplomatiche con Mosca
Ap

Continua il braccio di ferro tra il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e il Congresso americano. Al termine della settimana in cui la nuova amministrazione ha festeggiato i sei mesi di carica, Capitol Hill ha raggiunto un accordo bipartisan che rischia di portare allo scontro definitivo con il tycoon newyorchese.

Russiagate, Trump Jr. e Manafort testimonieranno a porte chiuse

Accordo con la commissione Giustizia del Senato per un'udienza non aperta al pubblico. Nei prossimi giorni, anche Kushner atteso in Congresso, sempre in merito alle indagini sulle possibili collusioni con la Russia
AP

Il figlio del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump Jr., e l'ex manager della campagna elettorale, Paul Manafort, hanno raggiunto un accordo con la commissione Giustizia del Senato per testimoniare, la prossima settimana, a porte chiuse, prima di un'eventuale udienza pubblica. La testimonianza verterà sui presunti rapporti tra lo staff di Trump e le autorità russe, su cui sono in corso le indagini, e in particolar modo sull'ormai famoso incontro alla Trump Tower, nel giugno 2016, con alcuni cittadini russi con presunti legami con il Cremlino e l'intelligence russa.

Simona Ferrari, dalla tv italiana ai documentari a New York: "Qui ci sono molte più opportunità"

Intervista con la regista e video editor di Milano, che ora vive a Brooklyn e lavora ad Harlem

Si potrebbe pensare che i cunicoli sotterranei di Parigi e la montagna El Capitan nel parco Yosemite in California in comune non abbiano niente. Si potrebbe, ma sarebbe un pensiero sbagliato, perché a legare questi due luoghi così diversi c’è una donna italiana di quarantun anni che vive a Brooklyn: Simona Ferrari.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Wall Street, cattive notizie dal Fondo monetario

L'Fmi ha abbassato le previsioni di crescita per gli Stati Uniti
AP

Amministrazione Trump, Scaramucci "ripulisce il suo Twitter" e annuncia grandi cambiamenti alla Casa Bianca

Il nuovo capo della comunicazione di Trump ha eliminato i vecchi tweet contro il presidente perché "le opinioni si sono evolute". Poi in tv ha dichiarato che porrà fine alla fuga di notizie provenienti dall’amministrazione

"Piena trasparenza: sto cancellando vecchi tweet. Le opinioni precedenti si sono evolute e non dovrebbero essere una distrazione. Servo l'agenda di @POTUS e questo è tutto ciò che conta". Con queste parole Anthony Scaramucci, nuovo direttore della comunicazione della Casa Bianca, ha annunciato di aver eliminato i tweet in cui in passato ha condiviso opinioni in contrasto con il presidente americano.

Effetto Trump sul Wall Street, un colpo da 312mln per Dimon and Blankfein

I numeri uno di Jp Morgan e Goldman Sachs hanno portato a casa oltre 150 milioni a testa

In questi primi sei mesi alla Casa Bianca Donald Trump è risultato essere il presidente con il più basso indice di gradimento della storia americana, eppure qualcuno che ha molte ragioni per apprezzare il tycoon newyorchese c'è. Almeno due persone, per essere precisi, non possono che sorridere quando sentono pronunciare il nome del commander in chief americano.

Washington Post: A Mosul l'Isis avrebbe potuto costruire una "bomba sporca"

I jihadisti, dopo la conquista di Mosul, trovarono del materiale radioattivo che non hanno mai usato
iStock

Il giorno che lo Stato islamico ha conquistato Mosul nel 2014, i jihadisti si sono impossessati di uno dei più grandi arsenali mai finiti nelle mani di un gruppo terroristico: numerose basi militari piene di armi, bombe, razzi e carri armati. Eppure questo è nulla rispetto a ciò che i militanti dell’Isis hanno trovato in un deposito dell’Università di Mosul e che avrebbe potuto essere usato per costruire una "bomba sporca". Come riporta il Washington Post in un lungo articolo, i terroristi hanno infatti trovato una grande quantità di cobalto-60, un metallo molto radioattivo usato nelle radioterapie per uccidere le cellule tumorali.

Texas, dramma immigrazione. Trovati otto corpi in un camion

Tra i cadaveri anche quelli di due bambini. I corpi sono stati scoperti in un rimorchio fermo nel parcheggio del grande magazzino Walmart di San Antonio. Delle altre 30 persone, 20 sono in pericolo di vita

Otto persone, tra cui due bambini, sono state trovate morte all’interno del rimorchio di un camion parcheggiato nei pressi di un Walmart di San Antonio in Texas. Il bilancio, per ora provvisorio, di questo dramma dell’immigrazione clandestina conta altre 30 persone, di cui 20 in gravissime condizioni immediatamente trasportate negli ospedali della zona.