Il racconto di Andrea Mura, l’italiano che ha vinto la regata Ostar 2017

Il consolato italiano a New York ha celebrato il suo successo. Diciassette giorni in mare, in mezzo alla “tempesta perfetta”. Lo skipper: “Penso che non la farò mai più”

Andrea Mura, classe 64, vive a contatto con il mare dall’età di sei anni. Ha vinto per due volte il premio “Velista dell’anno”, nel 2011 e nel 2014, oltre ad aver guadagnato il primo posto in gare come la Route du Rhum e la Twostar. Il Consolato italiano a New York ha celebrato ieri il suo ultimo successo per la vittoria della Ostar 2017, regata transatlantica in solitaria partita da Plymouth, in Inghilterra e conclusasi a Newport, negli Stati Uniti, il 17 giugno. Una “gara quasi a eliminazione” ha detto lo stesso Mura, dato che due barche sono affondate in una tempesta e gli skipper sono stati recuperati in elicottero, dopo aver trovato onde di oltre 15 metri e vento a 60 nodi. Tra loro anche l’italiano Michele Zambelli, che ha impattato una balena durante la “tempesta perfetta”. “Penso davvero che questa regata non la farò mai più”, ha detto Mura. Aveva già partecipato, e vinto, nel 2013.

Tempo di percorrenza 17 giorni (e notti), 4 ore, 6 minuti, 19 secondi. Racchiusi in alcune immagini girate con il cellulare a bordo, che Mura ha condiviso con i presenti all’evento. Non ha raggiunto il record, ma è comunque entrato nella storia. “Nasce tutto dalla preparazione, soprattutto mentale. Sono salpato dalla Sardegna verso l’Inghilterra con tranquillità e sono arrivato alla partenza non troppo stressato, non troppo in anticipo, pronto”, ha continuato lo skipper.

Per navigare meno di 20 giorni c’è un anno di lavoro alla barca, la sua Vento di Sardegna. “La Raymarine mi ha fatto suo ambasciatore nel mondo, e mi aiuta con i pezzi di ricambio. Cambiare continuamente i pezzi significa che quando poi sono in mare entro un minuto sono in grado di capire cosa succede alla barca, in caso di problemi”. Meccanico, skipper, ma anche (quasi) medico di sé stesso. Mura ha infatti monitorato la sua salute costantemente provandosi la pressione e facendo esami di sangue e urine: “Mi serve per una buona causa: l’Università di Cagliari mi ha dato la laurea ad honorem in Scienze Motorie e sto scrivendo la tesi. In autunno mi laureo, ora possiamo dirlo”, ha aggiunto sorridendo alla compagna Daniela Faranna.

Mai avuta paura? “Parlo da un po’ la lingua del mare, quindi ho affrontato questa regata con il sorriso, nonostante le difficoltà. Però avevo tre timori: che si rompessero le vele o la chiglia, ma più di tutto di impattare una balena, come successo a Michele”. I contatti, durante la Ostar, sono vietati: puoi parlare con i tuoi cari ma solo accedere a informazioni pubbliche sulla navigazione. Non si può chiamare un meteorologo di fiducia, solo fidarsi di sé stessi. “Quando mi ha chiamata la sera della tempesta”, ha confessato la compagna “sono morta di paura. Non potevo aiutarlo”. Ma poi Mura ha preso la decisione che si è rivelata quella giusta: salire verso Nord fino al 57° parallelo per aggirare l’occhio della tempesta e navigare con il vento in poppa, per poi tagliare verso Sud e raggiungere l’occhio. “Io ho attraversato la tempesta quando i venti raggiungevano i 47 nodi, ma quelli più indietro la hanno affrontata quando era troppo forte. Queste condizioni le avevo viste solo su YouTube, in pieno Oceano le onde crescono a dismisura”. Mura, anche se non si direbbe, soffre di mal di mare. Ma per la prima volta non ha avuto problemi, perché ha costruito una calotta blindata che gli ha permesso di stare sempre fuori, mai sottocoperta, anche quando la tempesta gli ha rotto un vetro.

E quando si vede terra? “È una meraviglia. Si pensano cose brutte in questa regata, tipo chi me l’ha fatto fare, quando torno a casa vendo la barca”. È per questo, probabilmente, che non vedremo più Mura partecipare a una Ostar.

A congratularsi con lo sportivo sono stati anche il console italiano a New York, Francesco Genuardi, il delegato del Coni negli Usa Cavalier Mico Delianova Licastro e Giacomo Bandino, presidente del Circolo Shardana New York, il più grande club di emigrati sardi nel mondo. “È con grandissimo onore, questo pomeriggio, avere qui il piacere di salutare un eroe, uno sportivo, un sardo: Andrea Mura, che ha appena compiuto un’impresa di cui tutti gli italiani devono essere orgogliosi – ha detto il Console - Viva la Sardegna, viva New York, viva l’Italia!”.

Altri Servizi

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Afghanistan, Trump stringe i tempi per un accordo con i talebani

Il presidente, contrario alla presenza di soldati Usa nel Paese, vuole trovare una soluzione prima delle presidenziali del prossimo anno
AP

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha incontrato i suoi massimi consiglieri per valutare un possibile accordo con i talebani, che potrebbe permettere agli Stati Uniti di mettere fine alla loro presenza in Afghanistan. All'incontro hanno partecipato, tra gli altri, il vicepresidente Mike Pence, il segretario di Stato, Mike Pompeo, la direttrice della Cia, Gina Haspel, e il consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton. In un tweet dopo l'incontro, che si è tenuto nel suo golf club in New Jersey, Trump ha scritto che gli Stati Uniti "stanno cercando di fare un accordo, se possibile".

BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP

Il Dipartimento del Commercio statunitense dovrebbe estendere di 90 giorni il permesso concesso a Huawei Technologies di acquistare forniture dagli Stati Uniti in modo da garantire l'assistenza ai suoi clienti americani, il funzionamento delle reti di telecomunicazione, in particolare nelle zone rurali, e gli aggiornamenti dei software. Lo riporta l'agenzia Reuters, che ricorda che la "licenza provvisoria" è in scadenza luned" prossimo.

Cbs e Viacom tornano a sposarsi

Nasce ViacomCBS, un gruppo con rivavi di oltre 28 miliardi di dollari

Cbs e Viacom hanno deciso di tornare a sposarsi creando un colosso dell'intrattenimento con ricavi di oltre 28 miliardi di dollari. Lo hanno annunciato in una nota congiunta le due aziende. Il gruppo che nasce dalla fusione si chiamerà ViacomCBS.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Ap

La popolarità di Donald Trump è in forte calo e il presidente sarebbe sconfitto nelle elezioni del 2020 da uno qualsiasi dei quattro principali candidati democratici. È il risultato dell'ultimo sondaggio condotto da Fox News.