Il racconto di Andrea Mura, l’italiano che ha vinto la regata Ostar 2017

Il consolato italiano a New York ha celebrato il suo successo. Diciassette giorni in mare, in mezzo alla “tempesta perfetta”. Lo skipper: “Penso che non la farò mai più”

Andrea Mura, classe 64, vive a contatto con il mare dall’età di sei anni. Ha vinto per due volte il premio “Velista dell’anno”, nel 2011 e nel 2014, oltre ad aver guadagnato il primo posto in gare come la Route du Rhum e la Twostar. Il Consolato italiano a New York ha celebrato ieri il suo ultimo successo per la vittoria della Ostar 2017, regata transatlantica in solitaria partita da Plymouth, in Inghilterra e conclusasi a Newport, negli Stati Uniti, il 17 giugno. Una “gara quasi a eliminazione” ha detto lo stesso Mura, dato che due barche sono affondate in una tempesta e gli skipper sono stati recuperati in elicottero, dopo aver trovato onde di oltre 15 metri e vento a 60 nodi. Tra loro anche l’italiano Michele Zambelli, che ha impattato una balena durante la “tempesta perfetta”. “Penso davvero che questa regata non la farò mai più”, ha detto Mura. Aveva già partecipato, e vinto, nel 2013.

Tempo di percorrenza 17 giorni (e notti), 4 ore, 6 minuti, 19 secondi. Racchiusi in alcune immagini girate con il cellulare a bordo, che Mura ha condiviso con i presenti all’evento. Non ha raggiunto il record, ma è comunque entrato nella storia. “Nasce tutto dalla preparazione, soprattutto mentale. Sono salpato dalla Sardegna verso l’Inghilterra con tranquillità e sono arrivato alla partenza non troppo stressato, non troppo in anticipo, pronto”, ha continuato lo skipper.

Per navigare meno di 20 giorni c’è un anno di lavoro alla barca, la sua Vento di Sardegna. “La Raymarine mi ha fatto suo ambasciatore nel mondo, e mi aiuta con i pezzi di ricambio. Cambiare continuamente i pezzi significa che quando poi sono in mare entro un minuto sono in grado di capire cosa succede alla barca, in caso di problemi”. Meccanico, skipper, ma anche (quasi) medico di sé stesso. Mura ha infatti monitorato la sua salute costantemente provandosi la pressione e facendo esami di sangue e urine: “Mi serve per una buona causa: l’Università di Cagliari mi ha dato la laurea ad honorem in Scienze Motorie e sto scrivendo la tesi. In autunno mi laureo, ora possiamo dirlo”, ha aggiunto sorridendo alla compagna Daniela Faranna.

Mai avuta paura? “Parlo da un po’ la lingua del mare, quindi ho affrontato questa regata con il sorriso, nonostante le difficoltà. Però avevo tre timori: che si rompessero le vele o la chiglia, ma più di tutto di impattare una balena, come successo a Michele”. I contatti, durante la Ostar, sono vietati: puoi parlare con i tuoi cari ma solo accedere a informazioni pubbliche sulla navigazione. Non si può chiamare un meteorologo di fiducia, solo fidarsi di sé stessi. “Quando mi ha chiamata la sera della tempesta”, ha confessato la compagna “sono morta di paura. Non potevo aiutarlo”. Ma poi Mura ha preso la decisione che si è rivelata quella giusta: salire verso Nord fino al 57° parallelo per aggirare l’occhio della tempesta e navigare con il vento in poppa, per poi tagliare verso Sud e raggiungere l’occhio. “Io ho attraversato la tempesta quando i venti raggiungevano i 47 nodi, ma quelli più indietro la hanno affrontata quando era troppo forte. Queste condizioni le avevo viste solo su YouTube, in pieno Oceano le onde crescono a dismisura”. Mura, anche se non si direbbe, soffre di mal di mare. Ma per la prima volta non ha avuto problemi, perché ha costruito una calotta blindata che gli ha permesso di stare sempre fuori, mai sottocoperta, anche quando la tempesta gli ha rotto un vetro.

E quando si vede terra? “È una meraviglia. Si pensano cose brutte in questa regata, tipo chi me l’ha fatto fare, quando torno a casa vendo la barca”. È per questo, probabilmente, che non vedremo più Mura partecipare a una Ostar.

A congratularsi con lo sportivo sono stati anche il console italiano a New York, Francesco Genuardi, il delegato del Coni negli Usa Cavalier Mico Delianova Licastro e Giacomo Bandino, presidente del Circolo Shardana New York, il più grande club di emigrati sardi nel mondo. “È con grandissimo onore, questo pomeriggio, avere qui il piacere di salutare un eroe, uno sportivo, un sardo: Andrea Mura, che ha appena compiuto un’impresa di cui tutti gli italiani devono essere orgogliosi – ha detto il Console - Viva la Sardegna, viva New York, viva l’Italia!”.

Altri Servizi

Usa 2020, Biden: il partito democratico non si è spostato a sinistra

"Media e rivali sbagliano a leggere la realtà"
Ap

Il partito democratico statunitense non si è spostato a 'sinistra'. Ne è convinto l'ex vicepresidente statunitense, Joe Biden, che ha detto che i media e i suoi rivali alle primarie sbagliano a leggere la realtà, pensando che Alexandria Ocasio-Cortez, la neodeputata più famosa del Paese, rappresenti la direzione intrapresa dal partito.

Pelosi: "Procediamo con gli articoli di impeachment per Trump"

La speaker della Camera chiede alla commissione Giustizia di redigere le accuse. Trump: "Impeachment? Fatelo in fretta, così poi torniamo al lavoro"
Ap

La speaker Nancy Pelosi ha annunciato che la Camera statunitense comincerà a redigere gli articoli per l'impeachment di Donald Trump, in un discorso durato meno di sei minuti in cui ha dichiarato che è ormai chiaro, dopo due mesi di indagini, che il presidente ha violato il suo giuramento, facendo pressioni su una potenza straniera per ricevere aiuto per le elezioni del 2020. "La nostra democrazia è in gioco. Il presidente non ci lascia altra scelta che agire, perché sta cercando di manipolare, ancora una volta, le elezioni a suo vantaggio".

Wall Street, attenzione sempre rivolta ai rapporti Usa-Cina

Tra i dati attesi oggi, le nuove richieste dei sussidi di disoccupazione
AP

Usa 2020, primarie Dem: si ritira la senatrice Kamala Harris

Dopo un inizio promettente, era finita nell'anonimato. "Non abbiamo i soldi per andare avanti" ha spiegato ai suoi sostenitori

La senatrice Kamala Harris ha annunciato il ritiro della sua candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Nelle ore precedenti, era stata annunciata la cancellazione di un evento di raccolta fondi a New York.

Walt Disney

‘Frozen 2’ batte ogni record. Il film che narra la storia delle due sorelle, Elsa e Anna, ha incassato 123,7 milioni di dollari negli Stati Uniti ed in Canada durante i cinque giorni del weekend di Thanksgiving, superando il precedente record di 110 milioni di dollari detenuto da ‘Hunger Games: La Ragazza di Fuoco’ del 2013.

Umsca, il presidente messicano scrive a Pelosi: "Ratificate l'accordo di libero scambio"

Lopez Obrador: "Noi abbiamo fatto la nostra parte". Il timore è che, con l'avvicinarsi delle elezioni statunitensi, la ratifica possa saltare o essere rimandata
AP

Il presidente messicano, Andrés Manuel Lopez Obrador, ha invitato i democratici della Camera statunitense a ratificare il trattato commerciale tra Stati Uniti, Messico e Canada (Umsca), fondamentale per la ripresa dell'economia del suo Paese, affermando di aver rispettato tutti gli impegni presi riguardo alla salvaguardia dei lavoratori.

Trump: "Forse meglio aspettare le elezioni prima di un accordo con la Cina"

Il presidente Usa: "Non ho una scadenza, mi piace l'idea di attendere"

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha dichiarato che potrebbe essere meglio aspettare che si svolgano le elezioni del 2020 prima di firmare un accordo commerciale con la Cina. "In un certo modo, mi piace l'idea di aspettare fin dopo le elezioni per un accordo con la Cina, ma loro vogliono farlo ora; vedremo. Non ho una scadenza" ha dichiarato Trump, che ha parlato da Londra, dove si trova per il vertice della Nato.

Trump: "Dem antipatriottici". Oggi il rapporto sulle indagini per l'impeachment

I democratici vogliono un voto alla Camera entro Natale; in questo caso, a gennaio partirebbe il processo in Senato
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha definito i democratici "molto antipatriottici" perché vogliono metterlo in stato d'accusa, mentre la commissione Intelligence della Camera si prepara a rendere noto il proprio rapporto sulle prove e le testimonianze raccolte nel corso delle ultime settimane; in base a questo rapporto, la commissione Giustizia deciderà se e quali articoli di impeachment redigere e far votare alla Camera. In settimana, la commissione darà il via alle proprie audizioni e ha invitato Trump a partecipare.

L’ex segretario di Stato Usa, John Kerry, ha creato una nuova coalizione formata da leader globali, esponenti militari e star di Hollywood con lo scopo di promuovere iniziative pubbliche per contrastare il cambiamento climatico.