Il racconto di Andrea Mura, l’italiano che ha vinto la regata Ostar 2017

Il consolato italiano a New York ha celebrato il suo successo. Diciassette giorni in mare, in mezzo alla “tempesta perfetta”. Lo skipper: “Penso che non la farò mai più”

Andrea Mura, classe 64, vive a contatto con il mare dall’età di sei anni. Ha vinto per due volte il premio “Velista dell’anno”, nel 2011 e nel 2014, oltre ad aver guadagnato il primo posto in gare come la Route du Rhum e la Twostar. Il Consolato italiano a New York ha celebrato ieri il suo ultimo successo per la vittoria della Ostar 2017, regata transatlantica in solitaria partita da Plymouth, in Inghilterra e conclusasi a Newport, negli Stati Uniti, il 17 giugno. Una “gara quasi a eliminazione” ha detto lo stesso Mura, dato che due barche sono affondate in una tempesta e gli skipper sono stati recuperati in elicottero, dopo aver trovato onde di oltre 15 metri e vento a 60 nodi. Tra loro anche l’italiano Michele Zambelli, che ha impattato una balena durante la “tempesta perfetta”. “Penso davvero che questa regata non la farò mai più”, ha detto Mura. Aveva già partecipato, e vinto, nel 2013.

Tempo di percorrenza 17 giorni (e notti), 4 ore, 6 minuti, 19 secondi. Racchiusi in alcune immagini girate con il cellulare a bordo, che Mura ha condiviso con i presenti all’evento. Non ha raggiunto il record, ma è comunque entrato nella storia. “Nasce tutto dalla preparazione, soprattutto mentale. Sono salpato dalla Sardegna verso l’Inghilterra con tranquillità e sono arrivato alla partenza non troppo stressato, non troppo in anticipo, pronto”, ha continuato lo skipper.

Per navigare meno di 20 giorni c’è un anno di lavoro alla barca, la sua Vento di Sardegna. “La Raymarine mi ha fatto suo ambasciatore nel mondo, e mi aiuta con i pezzi di ricambio. Cambiare continuamente i pezzi significa che quando poi sono in mare entro un minuto sono in grado di capire cosa succede alla barca, in caso di problemi”. Meccanico, skipper, ma anche (quasi) medico di sé stesso. Mura ha infatti monitorato la sua salute costantemente provandosi la pressione e facendo esami di sangue e urine: “Mi serve per una buona causa: l’Università di Cagliari mi ha dato la laurea ad honorem in Scienze Motorie e sto scrivendo la tesi. In autunno mi laureo, ora possiamo dirlo”, ha aggiunto sorridendo alla compagna Daniela Faranna.

Mai avuta paura? “Parlo da un po’ la lingua del mare, quindi ho affrontato questa regata con il sorriso, nonostante le difficoltà. Però avevo tre timori: che si rompessero le vele o la chiglia, ma più di tutto di impattare una balena, come successo a Michele”. I contatti, durante la Ostar, sono vietati: puoi parlare con i tuoi cari ma solo accedere a informazioni pubbliche sulla navigazione. Non si può chiamare un meteorologo di fiducia, solo fidarsi di sé stessi. “Quando mi ha chiamata la sera della tempesta”, ha confessato la compagna “sono morta di paura. Non potevo aiutarlo”. Ma poi Mura ha preso la decisione che si è rivelata quella giusta: salire verso Nord fino al 57° parallelo per aggirare l’occhio della tempesta e navigare con il vento in poppa, per poi tagliare verso Sud e raggiungere l’occhio. “Io ho attraversato la tempesta quando i venti raggiungevano i 47 nodi, ma quelli più indietro la hanno affrontata quando era troppo forte. Queste condizioni le avevo viste solo su YouTube, in pieno Oceano le onde crescono a dismisura”. Mura, anche se non si direbbe, soffre di mal di mare. Ma per la prima volta non ha avuto problemi, perché ha costruito una calotta blindata che gli ha permesso di stare sempre fuori, mai sottocoperta, anche quando la tempesta gli ha rotto un vetro.

E quando si vede terra? “È una meraviglia. Si pensano cose brutte in questa regata, tipo chi me l’ha fatto fare, quando torno a casa vendo la barca”. È per questo, probabilmente, che non vedremo più Mura partecipare a una Ostar.

A congratularsi con lo sportivo sono stati anche il console italiano a New York, Francesco Genuardi, il delegato del Coni negli Usa Cavalier Mico Delianova Licastro e Giacomo Bandino, presidente del Circolo Shardana New York, il più grande club di emigrati sardi nel mondo. “È con grandissimo onore, questo pomeriggio, avere qui il piacere di salutare un eroe, uno sportivo, un sardo: Andrea Mura, che ha appena compiuto un’impresa di cui tutti gli italiani devono essere orgogliosi – ha detto il Console - Viva la Sardegna, viva New York, viva l’Italia!”.

Altri Servizi

Wall Street preoccupata dal coronavirus

Dati in programma: vendite di case nuove, indice manifatturiero Fed di Dallas
AP

Bolton accusa Trump: aiuti a Kiev bloccati per avere indagini su Biden

L'accusa contenuta nella bozza del suo libro
AP

Ad agosto, il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe detto a John Bolton, all'epoca suo consigliere per la sicurezza nazionale, di voler tenere bloccati i 391 milioni di aiuti militari all'Ucraina finché Kiev non avesse deciso di aiutarlo a indagare sui democratici, inclusi l'ex vicepresidente Joe Biden e il figlio Hunter. È quanto si legge nella bozza del libro di Bolton, secondo quanto riportato dal New York Times; l'accusa di Bolton a Trump è stata confermata da uno dei suoi avvocati al Wall Street Journal e rappresenterebbe, potenzialmente, un'importante svolta per il processo in Senato contro Trump, accusato di abuso di potere e intralcio al Congresso, se Bolton fosse chiamato a testimoniare.

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Terzo caso di coronavirus in Usa; i morti in Cina salgono a 56

Oltre 2.000 i casi accertati in tutto il mondo
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno confermato la presenza di una terza persona infetta dal coronavirus proveniente dalla Cina e che continua a diffondersi pericolosamente in tutto il mondo. Si tratterebbe di una persona in California che e’ stato a Wuhan, la citta’ della Cina centrale da dove si crede abbia origine il virus.

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

"Sono sicuro che forse reagiranno negativamente in un primo momento, ma in realtà è molto positivo per loro. Hanno un sacco di incentivi". Questo il commento del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla possibile reazione dei palestinesi all'accordo di pace in Medio Oriente; l'amministrazione statunitense sta lavorando da tempo a un piano.

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP