Il restauro del Duomo di Milano parte da New York

Save the Saint, raccolta fondi per il restauro della guglia dedicata a Santa Cabrini ha raggiunto il suo obiettivo di 150mila dollari

Da Milano a New York, un lungo viaggio per restaurare il Duomo di Milano. Non è il titolo di un libro o di un documentario, ma la strada intrapresa da International Patrons of Duomo di Milano, organizzazione benefica americana che si dedica alla raccolta fondi a favore della cattedrale milanese. La charity ha lanciato lo scorso marzo nella Grande Mela Save the Saint, crowd funding il cui obiettivo è il restauro della guglia dedicata a Santa Francesca Xavier Cabrini, “madre dei migranti” e prima santa americana.

Una raccolta fondi il cui obiettivo di 150mila dollari “è stato raggiunto e superato” come testimonia ad America24 Alessandra Pellegrini, chief development officer della International Patrons. Il gemellaggio tra Milano e New York è nato perché l’Expo2015 “ha fatto venir la voglia alla Veneranda Fabbrica del Duomo di guardare con più attenzione anche al mondo oltre l’Europa nel sottolineare e promuovere la funzione del patrimonio artistico culturale italiano”. Un’iniziativa attraverso cui “il Duomo, che è l’icona di Milano, in questa specifica occasione diventa icona di tutto il patrimonio artistico nazionale”.

“I forti legami tra l’America e l’Italia” sono stati un incentivo fondamentale per la scelta di New York come prima città in cui “sviluppare una campagna di raccolta fondi internazionale”, che vede nella statua di Santa Francesca Cabrini un anello di congiunzione perfetto tra la Grande Mela e il capoluogo lombardo. Nata a Sant’Angelo Lodigiano, la missionaria arrivò a New York alla fine dell’800 dove divenne punto di riferimento per la comunità italo-americana. Nel 1946 venne fatta santa e da allora la sua statua campeggia in una guglia dedicata del Duomo di Milano.

“Fondamentale”, come sottolinea Pellegrini, è stato “l’entusiastico coinvolgimento di Oscar Farinetti e di Eataly” che lo scorso ottobre, in occasione della presentazione a New York di International Patrons, “ha voluto ospitare una piccola mostra di reperti del Duomo” nello store che si trova a Flatiron District. “È stato proprio in quell’occasione che abbiamo deciso che sarebbe stato opportuno iniziare una campagna di raccolti fondi anche attraverso il web”. Per tale esigenza è nata la piattaforma ForItaly.org ed è stato “identificato nella statua di Santa Cabrini un simbolo perfetto” per tutti gli americani che “avessero voluto accogliere il nostro invito a partecipare a questo grande restauro del Duomo”.

Tra coloro che hanno accolto con entusiasmo questo invito c’è stata la National Italian American Foundation, Niaf, “che ha effettuato una grossa donazione grazie alla quale è stato possibile raggiungere e superare il traguardo”. Ma in generale, c’è stata una “grande accoglienza, molta disponibilità e voglia di partecipare e dare il proprio contributo” a questa campagna da parte della comunità italiana newyorchese. Una campagna “partita con il piede giusto”, grazie anche a “Oscar Farinetti e alla baronessa Merimò che hanno adottato una guglia ciascuno del Duomo”.

Prossimo step della charity diretta dalla Pellegrini è la raccolta, entro il 2017, di “un milione di euro che andranno a finanziare il restauro del Duomo per il quale sono stati già spesi oltre 30 milioni negli ultimi cinque anni”. Più a breve termine, invece, secondo la Pellegrini è fondamentale “arrivare entro la fine di dicembre ad avere un board strutturato e completo” che rappresenta “in questo tipo di attività uno strumento fondamentale”.

Altrettanto importante, secondo quanto testimoniato dalla Pellegrini che vanta un’esperienza trentennale nel campo del non profit culturale e nel settore del fundraising, è “l’abitudine a restituire al proprio Paese”, il “give back” che “permea la cultura americana ma che non fa parte di quella italiana”. E sebbene secondo la Pellegrini quello italiano è un “popolo molto generoso”, bisognerebbe che fosse “più strutturato ed educato nella valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale nazionale, comprendendo che bisogna impegnare anche le proprie risorse economiche”.

La raccolta fondi è quindi strumento chiave per raggiungere le cifre consistenti necessarie per la cura e salvaguardia della salute del nostro patrimonio che possono, però, essere raggiunte anche “attraverso tante piccole donazioni”. La differenza, in tal senso, tra Stati Uniti e Italia è il fatto che nel Bel Paese “si fa molta più fatica ad ammettere che si hanno i soldi e che si possono spendere”, mentre in America le persone “sono ben felici di dire che hanno delle risorse economiche da spendere per le scuole, gli ospedali e i musei”.

Quello della riservatezza è per Alessandra Pellegrini, che è anche docente di Promozione per l’arte e la cultura alla Facoltà di Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all’Università Cattolica di Milano, un tema che andrebbe “affrontato più spesso e che in Italia risulta essere molto più sensibile di quanto non sia in America”, soprattutto rispetto alle donazioni di denaro.

Altri Servizi

In Nevada sono già rimasti senza marijuana legale

La cannabis è in vendita dal primo luglio a scopo ricreativo, ma la domanda supera la produzione
AP

L’aumento della domanda di cannabis in Nevada, diventata legale nello stato a novembre grazie al referendum ma in vendita solo dal primo luglio, ha svuotato gli scaffali dei dispensari e costretto i politici locali ad agire d’urgenza. Il governatore repubblicano dello stato, Brian Sandoval, ha attivato misure d’emergenza la scorsa settimana per aumentare la quantità di prodotto nello stato. Tra mercoledì e giovedì, i legislatori hanno annunciato che avrebbero concesso nuove licenze per la distribuzione della cannabis.

Trumpcare, i repubblicani a un voto da un altro fallimento

Il nuovo testo per riformare la sanità, presentato dai senatori, potrebbe essere bocciato prima della discussione in Aula. Il presidente e i leader del partito spingono per l'approvazione
Ap

I repubblicani statunitensi sono a un passo, anzi a un voto, dall'ennesimo fallimento sulla riforma sanitaria che dovrebbe sostituire l'Obamacare. Un altro 'no' di un senatore del Grand Old Party impedirebbe al nuovo testo presentato ieri di arrivare alla discussione in Aula.

Black Lives Matter compie 4 anni e cambia volto con Trump

Dall'hashtag alle proteste di strada. Il movimento denuncia le violenze verso gli afroamericani
Ap

Quattro anni fa nasceva Black Lives Matter, movimento di protesta con lo scopo di accrescere la consapevolezza sulle discriminazioni razziali nei confronti della minoranza afroamericana negli Stati Uniti. “Il movimento iniziò come un desiderio politico degli afroamericani” si legge sul sito dell’organizzazione. “Negli anni a venire siamo riusciti a combattere insieme, e immaginare e creare un mondo libero dalle discriminazioni razziali, dove ogni afroamericano ha il potere economico, sociale e politico di crescere in salute”.

Un italiano alla guida di Tiffany, Alessandro Bogliolo nuovo Ceo

Ex numero uno di Diesel, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Cambio al vertice di Tiffany & Co, dopo l'uscita di Frederic Cumenal. Il colosso americano dei gioielli di lusso ha scelto l'italiano Alessandro Bogliolo, ex numero uno di Diesel, come nuovo amministratore delegato, incarico che rivestirà dal prossimo 2 ottobre. Come si legge in una nota, Bogliolo, 52 anni e una lunga esperienza nel settore del lusso (ha lavorato 16 anni per Bulgari, con vari incarichi, compreso quello di direttore operativo), entrerà anche nel consiglio di amministrazione.

Russiagate: fu Obama a far entrare l'avvocata russa negli Usa

La donna incontrò Donald Trump Jr., che voleva informazioni compromettenti su Clinton

Fu l'amministrazione Obama a garantire l'accesso negli Stati Uniti, senza visto, all'avvocata russa Natalia Veselnitskaya, che nel giugno del 2016 incontrò a New York il figlio dell'attuale presidente, Donald Trump Jr., che si aspettava di ricevere notizie compromettenti su Hillary Clinton. A rivelarlo è The Hill, secondo cui la segretaria alla Giustizia, Loretta Lynch, permise all'avvocata di entrare negli Stati Uniti "in circostanze straordinarie" dopo che la sua richiesta per un visto era stata bocciata.

OpenGov, startup collegata a Kushner, ha contatti con la Casa Bianca

Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, l'amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.
AP

La startup OpenGov, legata alla famiglia Kushner, ha avuto accesso a una riunione alla Casa Bianca. Il mese scorso, durante un meeting con alcune delle più importanti aziende tecnologiche degli Stati Uniti, il suo amministratore delegato Zachary Bookman si è seduto al tavolo accanto a giganti del settore come Apple, Amazon e Microsoft.

Mercati finanziari più ottimisti, ma la fiducia non si traduce in una crescita reale

L'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà. La discrepanza tra rally di Wall Street e dati macro è sottolineata dalle indicazioni recenti.
AP

I mercati finanziari sono sempre più ottimisti, come dimostrano i recenti record di Wall Street, dove la volatilità è stata molto bassa nelle ultime settimane, ma la maggiore fiducia non si traduce in un'accelerazione della crescita economica. In buona sostanza, l'atteso "Trump bump" tarda ad arrivare e, secondo almeno una parte degli analisti, non ci sarà.

Wall Street guarda alle trimestrali Usa

Attesi i risultati di JpMorgan, Citigroup e Wells Fargo
AP

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Raul Castro punta l'indice contro Trump: passi indietro dei rapporti diplomatici

Per il presidente cubano la nuova posizione americana rappresenta un inasprimento dell'embargo contro Cuba, in vigore dal 1962, ed è impregnata di "una retorica vecchia e ostile propria della Guerra Fredda".

Il presidente Donald Trump ha fatto marcia indietro nei rapporti con Cuba rispetto all'apertura del suo predecessore, Barack Obama, questo "è un passo indietro" delle relazioni diplomatiche tra Washington e L'Avana, riavviate due anni fa dopo mezzo secolo di gelo, ovvero dalla rivoluzione castrista del 1959.