Il restauro del Duomo di Milano parte da New York

Save the Saint, raccolta fondi per il restauro della guglia dedicata a Santa Cabrini ha raggiunto il suo obiettivo di 150mila dollari

Da Milano a New York, un lungo viaggio per restaurare il Duomo di Milano. Non è il titolo di un libro o di un documentario, ma la strada intrapresa da International Patrons of Duomo di Milano, organizzazione benefica americana che si dedica alla raccolta fondi a favore della cattedrale milanese. La charity ha lanciato lo scorso marzo nella Grande Mela Save the Saint, crowd funding il cui obiettivo è il restauro della guglia dedicata a Santa Francesca Xavier Cabrini, “madre dei migranti” e prima santa americana.

Una raccolta fondi il cui obiettivo di 150mila dollari “è stato raggiunto e superato” come testimonia ad America24 Alessandra Pellegrini, chief development officer della International Patrons. Il gemellaggio tra Milano e New York è nato perché l’Expo2015 “ha fatto venir la voglia alla Veneranda Fabbrica del Duomo di guardare con più attenzione anche al mondo oltre l’Europa nel sottolineare e promuovere la funzione del patrimonio artistico culturale italiano”. Un’iniziativa attraverso cui “il Duomo, che è l’icona di Milano, in questa specifica occasione diventa icona di tutto il patrimonio artistico nazionale”.

“I forti legami tra l’America e l’Italia” sono stati un incentivo fondamentale per la scelta di New York come prima città in cui “sviluppare una campagna di raccolta fondi internazionale”, che vede nella statua di Santa Francesca Cabrini un anello di congiunzione perfetto tra la Grande Mela e il capoluogo lombardo. Nata a Sant’Angelo Lodigiano, la missionaria arrivò a New York alla fine dell’800 dove divenne punto di riferimento per la comunità italo-americana. Nel 1946 venne fatta santa e da allora la sua statua campeggia in una guglia dedicata del Duomo di Milano.

“Fondamentale”, come sottolinea Pellegrini, è stato “l’entusiastico coinvolgimento di Oscar Farinetti e di Eataly” che lo scorso ottobre, in occasione della presentazione a New York di International Patrons, “ha voluto ospitare una piccola mostra di reperti del Duomo” nello store che si trova a Flatiron District. “È stato proprio in quell’occasione che abbiamo deciso che sarebbe stato opportuno iniziare una campagna di raccolti fondi anche attraverso il web”. Per tale esigenza è nata la piattaforma ForItaly.org ed è stato “identificato nella statua di Santa Cabrini un simbolo perfetto” per tutti gli americani che “avessero voluto accogliere il nostro invito a partecipare a questo grande restauro del Duomo”.

Tra coloro che hanno accolto con entusiasmo questo invito c’è stata la National Italian American Foundation, Niaf, “che ha effettuato una grossa donazione grazie alla quale è stato possibile raggiungere e superare il traguardo”. Ma in generale, c’è stata una “grande accoglienza, molta disponibilità e voglia di partecipare e dare il proprio contributo” a questa campagna da parte della comunità italiana newyorchese. Una campagna “partita con il piede giusto”, grazie anche a “Oscar Farinetti e alla baronessa Merimò che hanno adottato una guglia ciascuno del Duomo”.

Prossimo step della charity diretta dalla Pellegrini è la raccolta, entro il 2017, di “un milione di euro che andranno a finanziare il restauro del Duomo per il quale sono stati già spesi oltre 30 milioni negli ultimi cinque anni”. Più a breve termine, invece, secondo la Pellegrini è fondamentale “arrivare entro la fine di dicembre ad avere un board strutturato e completo” che rappresenta “in questo tipo di attività uno strumento fondamentale”.

Altrettanto importante, secondo quanto testimoniato dalla Pellegrini che vanta un’esperienza trentennale nel campo del non profit culturale e nel settore del fundraising, è “l’abitudine a restituire al proprio Paese”, il “give back” che “permea la cultura americana ma che non fa parte di quella italiana”. E sebbene secondo la Pellegrini quello italiano è un “popolo molto generoso”, bisognerebbe che fosse “più strutturato ed educato nella valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale nazionale, comprendendo che bisogna impegnare anche le proprie risorse economiche”.

La raccolta fondi è quindi strumento chiave per raggiungere le cifre consistenti necessarie per la cura e salvaguardia della salute del nostro patrimonio che possono, però, essere raggiunte anche “attraverso tante piccole donazioni”. La differenza, in tal senso, tra Stati Uniti e Italia è il fatto che nel Bel Paese “si fa molta più fatica ad ammettere che si hanno i soldi e che si possono spendere”, mentre in America le persone “sono ben felici di dire che hanno delle risorse economiche da spendere per le scuole, gli ospedali e i musei”.

Quello della riservatezza è per Alessandra Pellegrini, che è anche docente di Promozione per l’arte e la cultura alla Facoltà di Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all’Università Cattolica di Milano, un tema che andrebbe “affrontato più spesso e che in Italia risulta essere molto più sensibile di quanto non sia in America”, soprattutto rispetto alle donazioni di denaro.

Altri Servizi

Warren Buffett critica Wall Street ed elogia gli immigrati. E intanto guadagna con Apple

Nella consueta lettera annuale agli azionisti, 'l'oracolo di Omaha' se la prende con gli investitori spericolati e, indirettamente, critica il presidente Trump

Berkshire Hathaway, la conglomerata di Warren Buffett, ha guadagnato 1,6 miliardi di dollari dal suo investimento in Apple, dopo che le azioni della società di Cupertino hanno raggiunto nuovi record. È quanto emerge dalla consueta lettera annuale agli azionisti di Buffett, conosciuto da tutti come 'l'oracolo di Omaha' e terzo uomo più ricco del mondo, secondo Forbes.

Trump pronto a incontrare Ceo assicurazioni mediche per abolire Obamacare

Il presidente vuole smantellare la riforma entrata in vigore nel 2010. Lunedì 27 febbraio vedrà i vertici di UnitedHealth, Aetna, Blue Cross and Blue Shield, Cigna e Humana

Dopo avere incontrato i leader del settore manifatturiero, finanziario, farmaceutico e retail, Donald Trump si prepara ad accogliere alla Casa Bianca i rappresentanti di gruppi assicurativi. Secondo fonti del Wall Street Journal, il meeting previsto lunedì 27 febbraio ha un obiettivo: incoraggiare quei gruppi a sottoscrivere le misure che il governo Trump sta mettendo a punto in tema di sanità. Perché l'intento è quello di smantellare la riforma sanitaria approvata nel 2010 e tanto voluta dall'allora presidente americano Barack Obama.

Aspettando gli Oscar, tra record, politica e diversità

Il musical "La La Land" è destinato a una pioggia di statuette in una edizione forse piena di critiche a Trump. Per la prima volta, potrebbero essere tre gli attori di colore vincitori
Fence © MMXVI Paramount Pictures Corporation

E' vero. Gli Oscar generalmente determinano quali film vengono finanziati e quanto i vincitori delle statuette verranno poi pagati. Ma l'edizione 2017, oltre a celebrare il cinema e la bravura dei vari artisti, si caratterizza anche per altri fattori: è meno bianca e più politica del solito. Nell'era Trump, non potrebbe essere che così.

La Champions League 'saluta' Fox Sports: in Usa sarà trasmessa da Turner e Univision

La Uefa incasserà quasi 100 milioni di dollari all'anno per le partite della maggior competizione europea di calcio; gli accordi validi a partire dal 2018
Ap

Turner Sports e Univision hanno acquistato i diritti televisivi per gli Stati Uniti della Champions League europea di calcio. Gli accordi triennali con l'organo che governa il calcio europeo, la Uefa, sono a partire dal 2018.

Lilesa, il maratoneta in esilio che ha scelto l'Arizona

Alle Olimpiadi, ha vinto la medaglia d'argento, attraversando il traguardo con i polsi incrociati, sopra la testa. Un gesto politico, che non gli ha permesso di tornare in Etiopia
Ap

La sua protesta politica lo ha portato negli Stati Uniti, sui sentieri polverosi di Sedona, in Arizona, dove si allena, a 14.000 chilometri da casa. Una lontananza decisa dai 42,195 chilometri più importanti, finora, della sua vita, non solo agonistica.

Wall Street, la corsa del Dow Jones non si ferma

Undicesimo record consecutivo per l'indice delle 30 blue chip
AP

Cambiamenti in corso alla Casa Bianca

Il 'caso Flynn' potrebbe aver segnato un punto di svolta. Il 'cerchio magico' dei fedelissimi di Donald Trump, eredità della campagna elettorale, si sta indebolendo; e la presidenza Trump cambia di conseguenza

Donald Trump sapeva dei dubbi sulla veridicità delle affermazioni di Michael Flynn da circa tre settimane. L’Fbi ha infatti cominciato ad indagare sul comportamento del consigliere per la Sicurezza Nazionale - che avrebbe discusso le sanzioni volute da Obama con l’ambasciatore russo senza averne l’autorità - subito dopo l’insediamento del nuovo presidente. Se per Flynn ora potrebbero anche esserci delle ripercussioni legali, per Trump è invece giunto il momento di guardare avanti. Per il momento a ricoprire l’incarico è stato chiamato Keith Kellog, un altro generale in pensione, ma il presidente dovrà ora scegliere un vero professionista. La presenza nel suo gabinetto di quei fedelissimi che lo hanno affiancato nella vittoria alle elezioni, ma che continuano ad avere un atteggiamento più elettorale che di governo, rischia infatti di danneggiarlo. E Flynn ne è la prova evidente. Tra i vari nomi emergono quello del vice ammiraglio Robert Harward, che ha già lavorato nel consiglio sotto Bush Jr., e sopratutto quello dell’ex capo della Cia David Petraeus. La sua esperienza e la sua autorità potrebbero essere molto preziosi per Trump, specialmente per arginare le figure più estreme all’interno della sua amministrazione, uno su tutti Stephen Bannon, ma su questa scelta resta un problema aperto. Petraeus deve infatti scontare ancora due mesi di bando dagli incarichi pubblici per aver in passato rivelato segreti di stato a una sua ex amante.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

Trump: "Gli Usa pronti a espandere il proprio arsenale atomico"

Il presidente, intervistato da Reuters, afferma che l'accordo Start sui limiti alle testate nucleari "non è un buon accordo" e cambia apparentemente idea sull'Unione europea ("una cosa stupenda")

Donald Trump vuole che gli Stati Uniti restino il Paese più potente in termini di armi nucleari, espandendo, se necessario, l'arsenale atomico di cui dispongono al momento. La dichiarazione del presidente, che potrebbe scatenare una nuova corsa agli armamenti, è stata fatta durante un'intervista rilasciata ieri all'agenzia Reuters e rilanciata da tutti i media internazionali.

Usa, Europa e sicurezza. L’analisi del Generale Vincenzo Camporini, vicepresidente dello IAI

Nel corso del loro viaggio europeo Jim Mattis e Mike Pence hanno rassicurato gli alleati, ma restano alcune questioni aperte. Sul fronte Usa il segretario Kelly firma le direttive per una stretta sull'immigrazione illegale. Paura per 11 mln di persone

Tolleranza zero per gli immigrati irregolari. Il segretario per la Sicurezza interna John Kelly ha firmato ieri un paio di direttive che andranno ad aggiungersi agli ordini esecutivi firmati lo scorso mese dal presidente Donald Trump. Ad essere soggetti all’espulsioni dal paese saranno ora anche tutti quegli immigrati che risiedono negli Stai Uniti senza avere le carte in regola, a prescindere dal fatto che si siano responsabili o meno di reati gravi, cos" come prevedeva la normativa sotto Obama. Il giro di vite ha immediatamente scatenato grande preoccupazione, ad essere interessate potrebbero essere infatti ben 11 milioni di persone - è questo il numero approssimativo degli irregolari presenti negli Usa - e le loro famiglie.