Il restauro del Duomo di Milano parte da New York

Save the Saint, raccolta fondi per il restauro della guglia dedicata a Santa Cabrini ha raggiunto il suo obiettivo di 150mila dollari

Da Milano a New York, un lungo viaggio per restaurare il Duomo di Milano. Non è il titolo di un libro o di un documentario, ma la strada intrapresa da International Patrons of Duomo di Milano, organizzazione benefica americana che si dedica alla raccolta fondi a favore della cattedrale milanese. La charity ha lanciato lo scorso marzo nella Grande Mela Save the Saint, crowd funding il cui obiettivo è il restauro della guglia dedicata a Santa Francesca Xavier Cabrini, “madre dei migranti” e prima santa americana.

Una raccolta fondi il cui obiettivo di 150mila dollari “è stato raggiunto e superato” come testimonia ad America24 Alessandra Pellegrini, chief development officer della International Patrons. Il gemellaggio tra Milano e New York è nato perché l’Expo2015 “ha fatto venir la voglia alla Veneranda Fabbrica del Duomo di guardare con più attenzione anche al mondo oltre l’Europa nel sottolineare e promuovere la funzione del patrimonio artistico culturale italiano”. Un’iniziativa attraverso cui “il Duomo, che è l’icona di Milano, in questa specifica occasione diventa icona di tutto il patrimonio artistico nazionale”.

“I forti legami tra l’America e l’Italia” sono stati un incentivo fondamentale per la scelta di New York come prima città in cui “sviluppare una campagna di raccolta fondi internazionale”, che vede nella statua di Santa Francesca Cabrini un anello di congiunzione perfetto tra la Grande Mela e il capoluogo lombardo. Nata a Sant’Angelo Lodigiano, la missionaria arrivò a New York alla fine dell’800 dove divenne punto di riferimento per la comunità italo-americana. Nel 1946 venne fatta santa e da allora la sua statua campeggia in una guglia dedicata del Duomo di Milano.

“Fondamentale”, come sottolinea Pellegrini, è stato “l’entusiastico coinvolgimento di Oscar Farinetti e di Eataly” che lo scorso ottobre, in occasione della presentazione a New York di International Patrons, “ha voluto ospitare una piccola mostra di reperti del Duomo” nello store che si trova a Flatiron District. “È stato proprio in quell’occasione che abbiamo deciso che sarebbe stato opportuno iniziare una campagna di raccolti fondi anche attraverso il web”. Per tale esigenza è nata la piattaforma ForItaly.org ed è stato “identificato nella statua di Santa Cabrini un simbolo perfetto” per tutti gli americani che “avessero voluto accogliere il nostro invito a partecipare a questo grande restauro del Duomo”.

Tra coloro che hanno accolto con entusiasmo questo invito c’è stata la National Italian American Foundation, Niaf, “che ha effettuato una grossa donazione grazie alla quale è stato possibile raggiungere e superare il traguardo”. Ma in generale, c’è stata una “grande accoglienza, molta disponibilità e voglia di partecipare e dare il proprio contributo” a questa campagna da parte della comunità italiana newyorchese. Una campagna “partita con il piede giusto”, grazie anche a “Oscar Farinetti e alla baronessa Merimò che hanno adottato una guglia ciascuno del Duomo”.

Prossimo step della charity diretta dalla Pellegrini è la raccolta, entro il 2017, di “un milione di euro che andranno a finanziare il restauro del Duomo per il quale sono stati già spesi oltre 30 milioni negli ultimi cinque anni”. Più a breve termine, invece, secondo la Pellegrini è fondamentale “arrivare entro la fine di dicembre ad avere un board strutturato e completo” che rappresenta “in questo tipo di attività uno strumento fondamentale”.

Altrettanto importante, secondo quanto testimoniato dalla Pellegrini che vanta un’esperienza trentennale nel campo del non profit culturale e nel settore del fundraising, è “l’abitudine a restituire al proprio Paese”, il “give back” che “permea la cultura americana ma che non fa parte di quella italiana”. E sebbene secondo la Pellegrini quello italiano è un “popolo molto generoso”, bisognerebbe che fosse “più strutturato ed educato nella valorizzazione del patrimonio artistico e monumentale nazionale, comprendendo che bisogna impegnare anche le proprie risorse economiche”.

La raccolta fondi è quindi strumento chiave per raggiungere le cifre consistenti necessarie per la cura e salvaguardia della salute del nostro patrimonio che possono, però, essere raggiunte anche “attraverso tante piccole donazioni”. La differenza, in tal senso, tra Stati Uniti e Italia è il fatto che nel Bel Paese “si fa molta più fatica ad ammettere che si hanno i soldi e che si possono spendere”, mentre in America le persone “sono ben felici di dire che hanno delle risorse economiche da spendere per le scuole, gli ospedali e i musei”.

Quello della riservatezza è per Alessandra Pellegrini, che è anche docente di Promozione per l’arte e la cultura alla Facoltà di Economia e gestione dei beni culturali e dello spettacolo all’Università Cattolica di Milano, un tema che andrebbe “affrontato più spesso e che in Italia risulta essere molto più sensibile di quanto non sia in America”, soprattutto rispetto alle donazioni di denaro.

Altri Servizi

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.

Trump pubblica la dichiarazione finanziaria 2016: il suo impero vale 1,4 miliardi di dollari

Il presidente ha incassato 597 milioni di dollari dalle sue aziende, nel periodo tra gennaio 2015 e aprile 2016. La sua dichiarazione dei redditi, però, resta segreta

Donald Trump continua a rifiutarsi di presentare la propria dichiarazione dei redditi, ma ha reso pubbliche le informazioni relative alla sua situazione finanziaria, contenute in un documento di 98 pagine.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

La giuria non arriva al verdetto, annullato il processo a Bill Cosby per violenza sessuale

L'attore comico, 79 anni, rischiava una pena fino a 30 anni di carcere. La procura potrà chiedere un nuovo processo sul caso Constand: la donna è solo una delle tante ad averlo accusato, ma l'unica a poterlo far condannare
Ap

È stato annullato il processo contro l'attore statunitense Bill Cosby, dopo che la giuria non è riuscita ad arrivare a un verdetto unanime su nessuno dei capi di imputazione in oltre 50 ore di camera di consiglio nell'arco di sei giorni. L'attore comico, 79 anni, era sotto processo per violenza sessuale, commessa nel 2004 contro l'ex giocatrice di basket Andrea Constand, 44 anni, conosciuta alla Temple University di Philadelphia, dove all'epoca la donna lavorava e Cosby era membro del consiglio di amministrazione. All'annuncio dell'annullamento del processo, che era sostenuto dai suoi avvocati, Bill Cosby - ormai quasi cieco - non ha mostrato alcuna reazione. La giuria era composta da sei uomini bianchi, quattro donne bianche, un uomo afroamericano e una donna afroamericana.

Facebook verso servizio di notizie a pagamento?

Potrebbe arrivare entro la fine dell'anno e prevedere un paywall che blocca Instant article dopo certo numero di articoli letti. I ricavi potrebbero andare tutti ai produttori di contenuti

Facebook potrebbe a breve lanciare un servizio di notizie a pagamento per i suoi utenti. Si tratterebbe di un importante cambiamento all'interno delle politiche del colosso della Silicon Valley, che finora ha fornito agli iscritti milioni di informazioni, spesso di ottima qualità, in altri casi aiutando la diffusione di fake news.

Russiagate: anche il numero due del dipartimento di Giustizia potrebbe astenersi

E' un'ipotesi che circola e che riguarda Rod Rosenstein, preso di mira da un tweet di Trump. Una tale mossa seguirebbe quella del suo capo Jeff Sessions
AP

Anche il numero due del dipartimento della Giustizia potrebbe dovere tirarsi fuori dal Russiagate. E' un'ipotesi presa in considerazione dal diretto interessato Rod Rosenstein, l'uomo che ha la parola finale sul procuratore speciale da lui scelto e che sta gestendo l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna Trump e funzionari russi.

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Le cinque peggiori città dove andare a vivere negli Stati Uniti

Il sito 24/7 Wall St. ha preso in considerazione diversi parametri per determinare quali centri urbani sconsigliare: in testa, non ci sono sorprese

La qualità della vita in una città statunitense dipende spesso dal quartiere in cui si vive, visto che povertà e crimine possono spesso essere a pochi isolati dalla prosperità. Ci sono però città con problemi così estesi ed evidenti che riducono la qualità della vita di tutti i residenti.

Caso Russia, Trump twitta e ammette: "Sono indagato"

Il presidente Usa accusa il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, di guidare la 'caccia alle streghe'
Ap

"Sono [stato messo] sotto indagine per aver licenziato il direttore dell'Fbi (James Comey, ndr) dall'uomo che mi ha detto di licenziare il direttore dll'Fbi (il vicesegretario alla Giustizia, Rod Rosenstein, ndr]! Caccia alle streghe". Questo l'ultimo tweet pubblicato dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che sta già facendo particolarmente discutere i giornalisti statunitensi, visto che sembra confermare il fatto che sia indagato, come scritto per primo dal Washington Post; sembra inoltre che Rosenstein sia entrato nella lista delle persone da screditare, dopo essere stato l'uomo con cui Trump si era fatto scudo, affermando di aver licenziato Comey su raccomandazione del vicesegretario, salvo poi dichiarare in televisione che lo avrebbe comunque licenziato. Ora, invece, Trump lo considera la persona che guida la "caccia alle streghe".