Il riscatto dei retailer tradizionali, grazie al Natale

Titoli di gruppi come Macy's e Kohl's corrono. Lo shopping di questa stagione migliore rispetto al 2016
Shutterstock

La stagione dello shopping natalizio, la più importante di tutto l'anno, sta premiando i retailer tradizionali americani che hanno sofferto un anno caratterizzato da un calo del fatturato e del traffico nei loro punti vendita, casi di bancarotte come quella di Toys ‘R’ Us e chiusure di negozi. Il riscatto premia gruppi come Kohl’s e Macy’s. Lo dimostra la loro performance di borsa, pari rispettivamente a un +6% e a un +5%, all'indomani del Natale mentre Apple soffre (-2,6%) la seduta peggiore dal 10 agosto per via di timori legati a una debole domanda del suo iPhone X.

Secondo MasterCard SpendingPulse, una divisione del gruppo di carte di credito che tiene traccia delle vendite online e nei negozi, il settore retail americano ha visto vendite in rialzo del 4,9% tra il primo novembre e la vigilia di Natale contro un +3,7% registrato nello stesso periodo del 2016; si tratta dell'incremento maggiore dal 2011 (dal calcolo sono esclusi gli acquisiti di auto).

Lo shopping online ha continuato ad accelerare (+18,1% nel periodo) grazie in larga parte alla spinta di Amazon (+0,7%), che proprio oggi ha annunciato una stagione natalizia record. Secondo gli osservatori, una fiducia dei consumatori che a novembre si è spinta ai massimi di 17 anni fa e la tonicità del mercato del lavoro (con un tasso di disoccupazione al 4,1%, minimi del dicembre 2000) hanno spinto una vasta gamma di consumatori - e non solo quelli più abbienti, come in passato - ad aprire i loro portafogli.

Secondo Mastercard, le vendite di prodotti di elettronica e di elettrodomestici sono salite del 7,5%, massimi dell'ultimo decennio. Quelle di mobili e prodotti per la casa sono aumentate del 5,1%; le vendite di gioielli hanno registrato un rialzo del 5,9%, grazie agli acquisiti dell'ultimo minuto. La categoria di abbigliamento e accessori ha visto un +2,7% ma i prodotti per donna non hanno contribuito a questa performance.

Resta da vedere se lo slancio del settore retail registrato a Natale è sostenibile, visto anche il calo del tasso di risparmio al 2,9% a novembre, minimo da 10 anni. Un aumento dei salari, promesso da Donald Trump come effetto della riforma fiscale, potrebbe aiutare. Ma va ricordato che nel terzo trimestre c'è stato un balzo del 16% delle persone in ritardo nel saldare i conti sulle loro carte di credito. Ciò potrebbe indicare che una fetta degli americani sta spendendo più di quanto si possa permettere, cosa che potrebbe portare a un freno alle spese nel 2018.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".