Il settore farmaceutico italiano va a caccia di investitori a San Francisco

Oggi la seconda edizione della conferenza “Healthcare: Italy on the Move”, in concomitanza con la JP Morgan Annual Healthcare Conference

Si tiene oggi a San Francisco la seconda edizione della conferenza “Healthcare: Italy on the Move”, l'incontro internazionale dedicato alle Scienze della Vita programmato in concomitanza con l'ultimo giorno dell'annuale JP Morgan Annual Healthcare Conference.

La Healthcare Conference di San Francisco (iniziata l'8 gennaio) coinvolge i più importanti protagonisti mondiali del settore, dalle grandi case farmaceutiche agli investitori internazionali ed è quindi idonea a catalizzare l’attenzione su eventi collaterali a favore delle imprese italiane: in questo contesto, l’Agenzia ICE presenta le opportunità di investimento in Italia nei settori pharma e biotech, raccontando le nuove e più avanzate frontiere della scienza e della ricerca italiana.

Il settore farmaceutico, con un fatturato di 30 miliardi di euro (71% export) e un indotto di 44 miliardi di euro (2° Paese Ue per fatturato), ha visto una crescita dell’export tra il 2010 e il 2016 del 52% (nello stesso periodo: media settoriale europea +32% e media manifatturiero italiano +24%), ed è il primo in Italia per investimenti ed export a opera di aziende straniere (propensione export 70%). Il settore delle biotecnologie italiano ha raggiunto nel 2015 (ultimi dati disponibili) un fatturato di 10,5 miliardi di euro (+6,31% sul 2014).

Dopo l’intervento del Console d’Italia a San Francisco Lorenzo Ortona e il saluto dei rappresentanti di JP Morgan, il presidente dell’Agenzia ICE Michele Scannavini illustrerà a una platea di alto livello le misure di politica industriale italiana e gli incentivi adottati a beneficio degli investitori. A seguire, Fabrizio Landi, presidente di Toscana Life Sciences, illustrerà il progetto del Bioincubatore di Siena (tra i primi 15 incubatori d’Europa) e il Cluster Alisei.

Seguiranno le testimonianze di rappresentanti del mondo scientifico con Rino Rappuoli (GSK) e Luigi Naldini (San Raffaele) e di quello aziendale (Italy Janssen Pharmaceuticals of J&J e Sienna Biopharmaceuticals) che approfondiranno i casi di successo in Italia. In particolare, i temi focus quest’anno sono la ricerca sui vaccini e la ricerca oncologica sulle cellule staminali.

A conclusione è previsto un evento di networking che coinvolgerà 21 aziende italiane leader del settore farmaceutico e delle biotecnologie, che avranno occasione di entrare in contatto con le più importanti controparti internazionali.

Le politiche volte a favorire un ambiente propizio per l’impresa e l’attrazione degli investimenti fanno ormai stabilmente parte delle priorità della politica italiana. Si pensi alla legislazione del lavoro e a quella fiscale, alla riforma della giustizia civile e agli incentivi del Piano “Industria 4.0”. Non a caso, gli investimenti esteri in Italia sono cresciuti del +50% nel 2016 rispetto al 2015, raggiungendo i 29 miliardi di dollari e facendo guadagnare all’Italia cinque posizioni nella classifica internazionale, stilata da UNCTAD, dei paesi di destinazione degli IDE, arrivando cos" al 13esimo posto. La quota percentuale italiana a livello mondiale sui flussi in entrata è salita all’1,7% e si è tradotta nel +35% di nuovi progetti di investimento, per un numero totale di 181, in controtendenza rispetto a Francia (-8%), Regno Unito (-12%) e Germania (-59%). Si tratta di un risultato che tiene conto anche del marcato miglioramento dei “fondamentali” macroeconomici italiani: nell’Eurozona, il debito pubblico italiano è il primo per sostenibilità, mentre l’Italia realizza il più elevato avanzo primario dopo la Germania (Commissione Ue); il Pil per il 2017 è stimato al +1,6%, mentre il Nord Italia corre a velocità ben più elevate e attrae la parte più consistente di capitali stranieri.

Risultati importanti ottenuti anche grazie, da un lato, all’istituzione del Comitato Interministeriale Attrazione Investimenti Esteri, che ha il ruolo di elaborare proposte di semplificazione normativa e amministrativa e facilitare i grandi investimenti e, dall’altro, al ruolo centrale di coordinamento degli investimenti diretti esteri in Italia affidato dal Ministero dello Sviluppo Economico, all’Agenzia ICE che, tramite l’Ufficio di Coordinamento Attrazione Investimenti Esteri, opera per promuovere l’Italia come destinazione per gli investimenti. Fondamentale importanza per la crescita dell’attrattività del Paese riveste il rafforzamento delle attività di contatto con gli investitori stranieri e di promozione svolte dalle Ambasciate, dai Consolati e dalla rete degli Uffici ICE e dei 9 Desk ICE.

Altri Servizi

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.