Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

Lo spoglio ha mostrato che 833 lavoratori hanno votato contro il sindacato, mentre in 776 si sono espressi a favore. Lo Uaw sta vivendo anni di declino continuo del numero di iscritti e non riesce a espandere la propria influenza oltre le Big Three (General Motors, Ford e Fiat Chrysler). L'esito della votazione rappresenta l'ennesimo tentativo fallito dello Uaw di entrare per la prima volta nella fabbrica di una casa automobilistica straniera nel Sud degli Stati Uniti: nonostante producano milioni di veicoli ogni anno, i lavoratori delle società straniere di auto non sono sindacalizzati; la maggior parte delle fabbriche si trova nei cosiddetti 'right-to-work States', dove è forte il sentimento antisindacale.

Dopo la sconfitta, lo Uaw ha chiesto al Congresso statunitense di rafforzare le protezioni per i lavoratori. "Le nostre leggi sul lavoro sono incomplete" ha detto Brian Rothenberg, portavoce dell'Uaw. "I lavoratori non dovrebbero sopportare minacce e intimidazioni per ottenere il diritto alla contrattazione collettiva". Un portavoce di Volkswagen ha dichiarato che la società è rimasta neutrale e ha rispettato il diritto dei lavoratori di decidere.

Il numero di iscritti al sindacato dei lavoratori del settore automobilistico salì fino a 1,5 milioni nel 1979, per poi vivere un calo che lo ha portato fino ai 400.000 dello scorso anno, anche perché, nel frattempo, molte società statunitensi hanno spostato le fabbriche in Messico o in altri Paesi dove la manodopera è più economica.

Lo Uaw aveva già tentato di entrare nello stabilimento Volkswagen nel 2014 - tre anni dopo la sua apertura - quando fu sconfitto per 712 a 626. Negli stabilimenti Volkswagen, il maggior gruppo automobilistico al mondo per numero di auto vendute, i lavoratori sono sindacalizzati in tutti gli altri Paesi del mondo, tranne in Cina.

Altri Servizi

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Jeffrey Epstein, il milionario arrestato per abusi e traffico sessuale di minorenni poi morto suicida in prigione, è riuscito ad attirare nella sua orbita una serie sorprendente di uomini ricchi, potenti e famosi. C'erano miliardari del calibro di Leslie Wexner e Leon Black, politici come Bill Clinton e Bill Richardson, addirittura premi Nobel quali Murray Gell-Mann e Frank Wilczek fino ad arrivare ai reali come il principe Andrea.

Caso Ucraina, Trump blocca la deposizione al Congresso di un testimone chiave

L'ambasciatore Sondland era atteso da tre commissioni della Camera

L'amministrazione Trump ha ordinato a un alto diplomatico statunitense di non presentarsi oggi in Congresso, dove era atteso per testimoniare nell'ambito delle indagini della Camera su un possibile impeachment del presidente Donald Trump.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

Negli Stati Uniti continua a tenere banco l’Ucrainagate. L'ambasciatore americano nell’Unione Europea, Gordon Sondland, dopo un primo divieto da parte di Donald Trump, parlerà al Congresso e dirà che il presidente americano gli assicurò personalmente in una telefonata che non c'era nessun "quid pro quo" fra gli aiuti all'Ucraina e la richiesta di aprire un'indagine su Joe Biden.

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.

Wall Street, cala l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Le trattative riprenderanno il 10 ottobre
AP

L'avvocato del whistleblower conferma: "C'è un secondo segnalatore"

Dopo le indiscrezioni del New York Times, la conferma del legale su Abc News
Ap

L'avvocato che rappresenta il whistleblower che ha denunciato il comportamento del presidente statunitense Donald Trump durante la sua telefonata con l'omologo ucraino Volodymyr Zelensky, dando di fatto il via all'inchiesta dei democratici per il possibile impeachment del capo di Stato, ha confermato che ora rappresenta un secondo whistleblower, un altro membro dell'intelligence statunitense, con "conoscenze di prima mano" su alcune delle accuse.