Il summit delle Americhe messo in ombra dalla Siria; focus sul commercio (e la Cina)

Il vice Pence a Lima al posto del presidente Trump. Si parla di commercio e Venezuela, di Pechino e del ruolo di Washington
Ap

I leader dell'America Latina sono riuniti a Lima, in Perù, per un summit regionale (il Latin American Summit, o Latam) che è stato messo in ombra dalla decisione di Washington di lanciare degli attacchi missilistici in Siria, portando il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, a lasciare improvvisamente la cerimonia di apertura; Pence era arrivato a Lima in sostituzione del presidente Donald Trump, che giorni prima aveva annunciato la volontà di non partecipare al summit delle Americhe per restare a Washington a seguire la crisi siriana.

Pence ha interrotto la propria partecipazione per tornare in albergo e parlare al telefono con i leader democratici e repubblicani del Congresso, prima del lancio dell'attacco. Nel giro di un'ora, i raid sono terminati e Pence ha raggiunto gli altri leader al banchetto in corso al palazzo presidenziale.

Nonostante l'assenza di Trump, i funzionari statunitensi hanno raggiunto Lima con l'obiettivo di contrastare la crescente influenza della Cina nell'America Latina e per condannare il governo del Venezuela. All'agenda si è aggiunta la Siria, visto che il vice capo di gabinetto di Pence, Jarrod Agen, ha detto all'agenzia Reuters che il vicepresidente ha intenzione di discutere dei raid nel suo discorso e negli incontri con gli altri leader.

Venerd", Pence aveva incontrato i leader dell'opposizione in Venezuela, promettendo 16 milioni di dollari in aiuti ai migranti venezuelani, che hanno lasciato il loro Paese, che sta attraversando una grave crisi economica. Una dozzina di Paesi della regione hanno già aumentato la pressione sul presidente socialista del Venezuela, Nicolas Maduro, e dovrebbero sottoscrivere un documento di condanna delle elezioni del 20 maggio, ampiamente criticate a livello mondiale.

Le posizioni sono invece più distanti sul commercio. Il presidente cileno, Sebastian Pinera, uno dei volti del ritorno dei conservatori al potere in Sudamerica negli ultimi anni, ha ricordato quanto il libero scambio sia stato celebrato al primo summit delle Americhe, nel 1994. "Oggi, abbiamo un presidente degli Stati Uniti che sta affrontando una guerra commerciale con la Cina e altri Paesi" ha detto Pinera.

La disputa commerciale con Pechino è arrivata in America Latina nel corso della settimana. A Lima, il segretario al Commercio statunitense, Wilbur Ross, ha preso di mira i crescenti legami di Pechino con la regione e ha promesso che Washington non cederà la leadership nella regione. Ross, però, ha aggiunto di volere che le nazioni dell'America Latina facciano di più per ridurre le barriere commerciali.

Il presidente Trump, ha detto Ross, è per il libero scambio, che però deve essere "equo, reciproco, reale". "Non vediamo l'ora di avvicinarci al libero scambio e di vedere che il comportamento delle persone corrisponda alla retorica".

Ross ha poi detto di essere "ottimista" che ci sarà un accordo sul North American Free Trade Agreement (Nafta), forse a maggio. Come segnale di un possibile avanzamento verso l'obiettivo, Pence e il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, hanno in programma un incontro.

Altri Servizi
AP

L'irriverente Elon Musk riuscirà davvero a delistare la sua Tesla realizzando un buyout a debito piuttosto costoso? E' quello che si chiedono esperti e analisti all'indomani di una serie controversa di tweet in cui il fondatore e Ceo del produttore americano di auto elettriche ha annunciato che sta valutando se trasformare Tesla in un'azienda non più quotata acquistando le azioni in circolazione a 420 dollari, un'offerta che valuterebbe il gruppo 82 miliardi di dollari (debito incluso). Per ora una decisione finale non è stata presa ma Musk, ha poi detto ieri in un memo ai dipendenti, pensa che quella indicata sia la strada giusta da percorrere. Il cda del gruppo oggi ha ammesso che "la settimana scorsa" Musk ha iniziato a parlarne e che da allora il board "si è riunito varie volte e sta compiendo i passi appropriati per valutare" una simile mossa. Va notato tuttavia che sei sui nove membri del cda si sono sentiti in dovere di dire qualcosa. A non firmare la nota diffusa sono stati Musk, il fratello Kimbal e un venture capitalist. I dubbi del mercato su una simile operazione abbondano, visto che l'azienda ha un flusso di cassa negativo, non è redditizia (ma dovrebbe iniziare a esserlo dal trimestre in corso) e pur avendo finito il secondo trimestre con 2,2 miliardi di cash ha un debito di oltre 10 miliardi di dollari. C'è poi chi teme che l'autorità di borsa Usa, la Sec, possa accendere un faro sulle modalità scelte da Musk per comunicare le sue intenzioni.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Coca-Cola sfida PepsiCo investendo in start-up appoggiata da Kobe Bryant

Si chiama BodyArmor e produce bevande sportive che sfidano Gatorade e Powerade

Coca-Cola ha deciso di comprare una quota in BodyArmor, una start-up di bevande sportive tra i cui sostenitori figurano la stella americana del basket Kobe Bryant e altri atleti. Così facendo il colosso delle bibite punta a sfidare (e magari vincere contro) Gatorade, la bevanda per sportivi di proprietà di PepsiCo che domina il mercato di riferimento.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock