Il summit delle Americhe messo in ombra dalla Siria; focus sul commercio (e la Cina)

Il vice Pence a Lima al posto del presidente Trump. Si parla di commercio e Venezuela, di Pechino e del ruolo di Washington
Ap

I leader dell'America Latina sono riuniti a Lima, in Perù, per un summit regionale (il Latin American Summit, o Latam) che è stato messo in ombra dalla decisione di Washington di lanciare degli attacchi missilistici in Siria, portando il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, a lasciare improvvisamente la cerimonia di apertura; Pence era arrivato a Lima in sostituzione del presidente Donald Trump, che giorni prima aveva annunciato la volontà di non partecipare al summit delle Americhe per restare a Washington a seguire la crisi siriana.

Pence ha interrotto la propria partecipazione per tornare in albergo e parlare al telefono con i leader democratici e repubblicani del Congresso, prima del lancio dell'attacco. Nel giro di un'ora, i raid sono terminati e Pence ha raggiunto gli altri leader al banchetto in corso al palazzo presidenziale.

Nonostante l'assenza di Trump, i funzionari statunitensi hanno raggiunto Lima con l'obiettivo di contrastare la crescente influenza della Cina nell'America Latina e per condannare il governo del Venezuela. All'agenda si è aggiunta la Siria, visto che il vice capo di gabinetto di Pence, Jarrod Agen, ha detto all'agenzia Reuters che il vicepresidente ha intenzione di discutere dei raid nel suo discorso e negli incontri con gli altri leader.

Venerd", Pence aveva incontrato i leader dell'opposizione in Venezuela, promettendo 16 milioni di dollari in aiuti ai migranti venezuelani, che hanno lasciato il loro Paese, che sta attraversando una grave crisi economica. Una dozzina di Paesi della regione hanno già aumentato la pressione sul presidente socialista del Venezuela, Nicolas Maduro, e dovrebbero sottoscrivere un documento di condanna delle elezioni del 20 maggio, ampiamente criticate a livello mondiale.

Le posizioni sono invece più distanti sul commercio. Il presidente cileno, Sebastian Pinera, uno dei volti del ritorno dei conservatori al potere in Sudamerica negli ultimi anni, ha ricordato quanto il libero scambio sia stato celebrato al primo summit delle Americhe, nel 1994. "Oggi, abbiamo un presidente degli Stati Uniti che sta affrontando una guerra commerciale con la Cina e altri Paesi" ha detto Pinera.

La disputa commerciale con Pechino è arrivata in America Latina nel corso della settimana. A Lima, il segretario al Commercio statunitense, Wilbur Ross, ha preso di mira i crescenti legami di Pechino con la regione e ha promesso che Washington non cederà la leadership nella regione. Ross, però, ha aggiunto di volere che le nazioni dell'America Latina facciano di più per ridurre le barriere commerciali.

Il presidente Trump, ha detto Ross, è per il libero scambio, che però deve essere "equo, reciproco, reale". "Non vediamo l'ora di avvicinarci al libero scambio e di vedere che il comportamento delle persone corrisponda alla retorica".

Ross ha poi detto di essere "ottimista" che ci sarà un accordo sul North American Free Trade Agreement (Nafta), forse a maggio. Come segnale di un possibile avanzamento verso l'obiettivo, Pence e il presidente messicano, Enrique Pena Nieto, hanno in programma un incontro.

Altri Servizi

Volkswagen e Ford studiano alleanza strategica sui veicoli commerciali

Escluso un merger. Le due aziende vogliono diventare più competitive

Volkswagen e Ford Motor stanno esplorando una "alleanza strategica" pensata per "rafforzare la competitività delle due aziende e per meglio servire i propri clienti" mentre le vetture nel mondo diventano tecnologicamente sempre più avanzate cambiando le aspettative dei consumatori.

Wall Street prova a mettere da parte le tensioni Usa-Cina

Tra i dati in programma oggi, le vendite di case esistenti
iStock

Gli Usa lasciano lo Human Rights Council dell'Onu, "pregiudizi contro Israele"

Ambasciatrice Haley: non ha nulla a che vedere con il suo nome

Gli Stati Uniti si sono ritirati dallo Human Rights Council delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato ieri l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sostenendo che l'organo delle Nazioni Unite "non ha più nulla a che vedere con il suo nome". Da giorni si parlava di una imminente uscita da parte di Washington: proprio luned", a Ginevra, l'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha iniziato la sessione annuale che durerà fino al 3 luglio. "Facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci permette di essere parte di una ipocrita ed egocentrica organizzazione che deride i diritti umani", ha continuato Haley.

Gli Usa lasciano lo Human Rights Council dell'Onu, "pregiudizi contro Israele"

Ambasciatrice Haley: non ha nulla a che vedere con il suo nome

Gli Stati Uniti si sono ritirati dallo Human Rights Council delle Nazioni Unite. Lo ha annunciato ieri l'ambasciatrice americana alle Nazioni Unite, Nikki Haley, sostenendo che l'organo delle Nazioni Unite "non ha più nulla a che vedere con il suo nome". Da giorni si parlava di una imminente uscita da parte di Washington: proprio luned", a Ginevra, l'Alto commissariato per i diritti umani delle Nazioni Unite ha iniziato la sessione annuale che durerà fino al 3 luglio. "Facciamo questo passo perché il nostro impegno non ci permette di essere parte di una ipocrita ed egocentrica organizzazione che deride i diritti umani", ha continuato Haley.

Trump vuole una legge sull'immigrazione. E vuole il muro

Il presidente ha incontrato i deputati repubblicani: "Sono al 1000% con voi", a patto che sostengano le sue misure. Due proposte presentate, ma entrambe rischiano di non essere approvate. Nessun passo indietro sulla separazione genitori/figli
AP

"Abbiamo bisogno di un muro. È umano; è intelligente; è economico. Riusciremo a farlo. Sarò con voi fino in fondo". Queste le parole che il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe detto ai deputati repubblicani nell'incontro a porte chiuse di ieri sera, secondo il racconto di The Hill.

Ge: dopo oltre un secolo cacciato dal Dow, al suo posto entra Walgreens

Il cambio di guardia tra i due titoli sarà effettivo dal 26 giugno
Walgreens

A partire dal 26 giugno prossimo, General Electric lascerà il Dow Jones Industrial Average e al suo posto arriverà Walgreens Boots Alliance. Lo ha annunciatoamercati Usa chiusi S&P Dow Jones Indices, società che gestisce vari indici. Ge era parte dell'indice delle 30 blue chip dal suo lancio nel 1896 e ne è stato parte in modo continuativo dal 1907.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Un sell-off dell'azionario su scala mondiale, con il Dow Jones Industrial Average in calo per sei sedute di fila (la serie temporale negativa più lunga da oltre un anno). Una corsa verso porti considerati sicuri come i Treasury. Un ribasso del petrolio e un andamento volatile del dollaro. E' questa la fotografia della prima giornata di trading succissiva alle nuove minacce commerciali lanciate alla Cina dal presidente americano Donald Trump.

Con la sua Boring Company, Musk si aggiudica contratto a Chicago

Costruirà sistema sotterraneo di treni super veloci: dall'aeroporto O'Hare al centro della città in 12 minuti anziché 40
AP

Inizia a concretizzarsi il piano con cui l'irriverente Elon Musk dal 2016 promette di ridurre il traffico cittadino rendendo i trasporti più veloci. La sua Boring Company si è aggiudicata un contratto valutato in centinaia di milioni di dollari per costruire un sistema sotterraneo di treni super veloci volto a trasferire la gente dall'aeroporto internazionale O'Hare di Chicago al centro della città dell'Illinois. Come annunciato dal sindaco della cosiddetta Windy City, Rahm Emanuel, il progetto non prevede nemmeno un dollaro da parte dei contribuenti essendo finanziato privatamente.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.