La storia del tailleur rosa di Jacqueline sporco di sangue. Quello di JFK

“Lasciate che tutti vedano cosa hanno fatto”. La first lady, tornata a Washington dopo l'assassinio di Dallas, non volle cambiarsi d'abito. Il suo vestito di lana con taglio Chanel, icona di eleganza diventò uno storico simbolo di violenza
22 novembre 1963, la first lady Jacqueline Kennedy, con macchie di sangue del marito sul vestito, stringe la mano del fratello Robert Kennedy dopo l'arrivo alla base di Andrews di Washington. John Kennedy era stato assassinato poche ore prima. Associated Press

“Lasciate che tutti vedano cosa hanno fatto”. Con questa frase secca Jacqueline Kennedy rispose a coloro che a bordo dell'Air Force One di ritorno a Washington DC le consigliarono di cambiarsi d'abito. Il suo, quello rosa con taglio Chanel, era pieno di sangue. Quello del marito, il 35esimo presidente che poche ore prima a Dallas, in Texas, era stato assassinato. Era il 22 novembre del 1963.

Negli ultimi 50 anni quasi nessuno ha visto quel tailleur, uno dei capi d'abbigliamento più riconoscibili della storia americana, simbolo della violenza di quel giorno così come dell’eleganza e del fascino che hanno fatto di Jacqueline un’icona di stile.

Un reperto dal simbolismo forte, forse troppo forte per soddisfare l'istinto voyerista di chi cerca ancora risposte ai misteri veri o presunti intorno alla morte di JFK. E' stata la stessa famiglia Kennedy a chiedere nel 2003 che l’abito ancora incrostato di sangue venisse messo al riparo per 100 anni prima di essere esposto nuovamente. E' infatti preservato presso i National Archives in una camera di sicurezza climatizzata nei pressi di Washington insieme ad altri accessori come i collant, anch'essi macchiati di sangue. Solo il cappellino e i guanti bianchi dell'allora first lady mancano. Sono andati persi nella confusione di quel giorno. Legalmente, quegli oggetti appartengono a Caroline Kennedy in quanto figlia ed erede vivente di Jacqueline.

Come ha raccontato il New York Times, dopo il ritorno della first lady ormai vedova alla Casa Bianca, i suoi abiti sono stati messi in una busta presumibilmente dalla sua domestica, Providencia Paredes. Subito dopo sono stati infilati in una scatola ed entro il luglio 1964 sono arrivati agli archivi con una semplice nota: “Il vestito e la borsa di Jackie — indossati il 22 novembre del 1963”. Sembra sia stata la stessa Jackie a volere che là finissero.

Il tailleur di lana rosa che Chez Ninon di Park Avenue aveva confezionato per lei era stato indossato almeno altre sei volte, tra cui una visita a Londra nel 1962 e nello stesso anno per accogliere il primo ministro algerino.

Secondo Paredes, si trattava di un vestito pratico, adatto per viaggiare. Anche il libro di William Manchester “The Death of a President” (“La morte di un Presidente”), il libro sull'assassinio commissionato dai Kennedy, intreccia a doppio filo il destino dell’abito e di JFK. “Sii sobria, mostra a questi texani cosa sia il vero buon gusto”, ha detto alla moglie prima di partire per Dallas. Non si era mai interessato prima di allora a cosa la moglie avrebbe indossato.

Cathy Horyn del New York Times definisce l’abbigliamento alla moda che Jackie era solita indossare, come una sorta di “armatura”, qualcosa che la proteggeva dagli sguardi della folla che così numerosa la seguiva e acclamava nei suoi spostamenti a fianco del marito.

Negli anni, studiosi e ricercatori hanno potuto vedere i vestiti dello stesso Kennedy e l’arma usata da Lee Harvey Oswald, ma non il tailleur di Jaqueline. Clint Hill, l’agente del Secret Service - l'agenzia federale parte del dipartimento della Sicurezza nazionale chiamata alla protezione di leader passati e presenti - a lei assegnato ricorda che quell'abito sembrava fluorescente rispetto al colore scuro dell'automobile sulla quale Jackie e il presidente viaggiavano. Era come se il sole l’avesse illuminato, ha detto l'autore del libro "Five days in november", pubblicato giusto in tempo per il 50esimo anniversario dell'assassinio. Ora l’abito riposa al buio, nascosto, fino al 2103.

Altri Servizi

Per i Ceo d'America, garantire valore ai soci non è più la sola priorità

Più attenzione a consumatori, dipendenti, fornitori e comunità. Dimon: "Il sogno americano è vivo ma si sta logorando"
Wikimedia Commons

Creare ricchezza per i propri soci non è più la sola priorità per i Ceo d'America. La Business Roundtable, un gruppo di amministratori delegati delle principali aziende Usa, ha diffuso un comunicato offrendo una nuova definizione di "scopo di un'azienda". Invece che servire prima di tutto i propri azionisti massimizzando i profitti, la nuova idea di "corporation" prevede investimenti nei dipendenti, valore per i consumatori, una gestione etica delle relazioni con fornitori e sostegno alle comunità locali dove le aziende operano.

Kudlow: "Vogliamo un nuovo round di negoziati con la Cina. E non c'è nessuna recessione all'orizzonte"

Il consigliere economico della Casa Bianca rassicura sui colloqui con Pechino e sull'economia. Ma aveva pronunciato le stesse affermazioni nel 2007, poco prima della grande recessione
Gage Skidmore /Gage Skidmore

L'amministrazione statunitense vuole portare avanti i negoziati con la Cina per porre fine alla guerra commerciale tra i due Paesi (vissuta con molto nervosismo dai mercati). Lo ha dichiarato il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, in un'intervista alla trasmissione Fox News Sunday.

Toronto, la Silicon Valley canadese

Aumentano le società tech che investono nella quarta città nordamericana, attirati da costi inferiori e leggi sull'immigrazione migliori rispetto a quelle statunitensi
Ap

La Silicon Valley sta invadendo Toronto. Intel Corp. ha annunciato che costruirà un laboratorio, Uber Technologies aprirà un polo ingegneristico, Alphabet (Google) ha proposto la costruzione di un nuovo campus e Microsoft ha reso noto di voler aumentare la propria forza lavoro in città di oltre il 20 per cento. C'è cos" tanto fermento che la Silicon Valley Bank, che finanzia alcune delle maggiori società di venture-capital e startup al mondo, vi ha aperto un ufficio lo scorso marzo, dopo aver gestito per 19 anni gli affari canadesi da Seattle e Boston.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell

Gli Stati Uniti fomentano il caos a Hong Kong. L'accusa è stata formulata dalla portavoce del ministero degli Esteri cinese, secondo cui ci sono "prove evidenti" del coinvolgimento di Washington nelle proteste. La portavoce Hua Chunying ha commentato: "Gli Stati Uniti hanno negato in molte occasioni il loro coinvolgimento nelle violenze in corso a Hong Kong. I commenti di alcuni membri del Congresso - il riferimento è alla speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi, e al leader della maggioranza repubblicana in Senato, Mitch McConnell, ndr - hanno fornito al mondo nuove ed evidenti prove del coinvolgimento" degli Stati Uniti.

Wall Street, investitori concentrati sui rapporti Usa-Cina

Giornata priva di spunti macroeconomici
AP

Usa verso proroga di 3 mesi per permettere a Huawei di acquistare da fornitori Usa

La Casa Bianca ha subito le pressioni delle società tecnologiche Usa, preoccupate dalla possibilità di perdere diversi miliardi di dollari
AP