Il teatro libero di Rezzamastrella pensa agli Usa

"Pitecus", spettacolo del 1995, presentato a New York per la prima volta. Il "piacere dell'incognito" porta Antonio Rezza e Flavia Mastrella a voler scoprire come i loro lavori "distorti e aberranti" possano essere accolti Oltreoceano

Il teatro di Rezzamastrella abita fuori dal teatro. È corpo, parola, arte figurativa: un "teatro involontario" senza attore e senza scenografia. Una "lotta estetica" in cui Antonio Rezza non è un attore, ma un congegno che si muove nell'habitat (appunto, non una scenografia) creato da Flavia Mastrella. Tutto questo si vede bene in "Pitecus", lo spettacolo del 1995 che il leggendario duo non teatrale del nostro teatro ha appena portato in scena a New York con il sostegno di Umanism, un'agenzia culturale fondata dagli italiani Valeria Orani, Tommaso Spinelli e Marco Calvani che ha l'obiettivo di far conoscere gli artisti europei in America.

È un incanto vedere come una performance di ventun anni fa, recitata in italiano (con i sottotitoli) davanti a un pubblico anglofono possa essere ancora dirompente. Forse perché non c'è nessun tempo né nessuna nazionalità da servire, ma tutto fluttua in una cosa più grande che è l'arte. "Quello che facciamo è per tutti i paesi, i posti, le culture. Noi non siamo italiani, nel senso che il primo elemento da disprezzare in un artista è la sua provenienza: non esistono artisti italiani, francesi, americani, esiste l'artista, e basta", ci hanno detto Rezza e Mastrella alla fine dello spettacolo. "La provenienza è una trappola: siamo figli del mondo, e il mondo è tutto uguale a livello interiore". E magari è per questo che la loro arte disubbidiente, che in Pitecus è fatta di tanti piccoli episodi che si spostano attraverso la voce e il corpo di Antonio Rezza dentro i micro mondi di stoffa creati da Flavia Mastrella, incatena alla sedia. Perché se siamo tutti uguali a livello interiore allora un certo spavento, un certo dolore, certe risate, sono materia comune. Del resto a ispirare a Mastrella i buchi in cui Rezza inserisce il volto, e da cui ci apre uno squarcio su pochi minuti della vita di un personaggio, sono i tagli di Lucio Fontana: tagli in cui a contare davvero non è il taglio, ma la dimensione infinita che c'è dietro, il mondo nascosto, la potenza di ciò che non vediamo. E quella cosa diventa ancora più potente proprio perché qui lo squarcio non è via di fuga, ma un lucernario affacciato su un insieme scomposto di sofferenze possibili: il solitario che si rintana in casa e non apre più la porta, la famiglia infelice, Giovanna d'Arco che brucia sul rogo, l'uomo che si automutila per denaro e con quel denaro deciderà poi di comprare degli arti. Come tutto questo riesca a far ridere è un mistero, eppure succede: si ride per inquietudine e anche per sincero divertimento. Si ride sperando di essere molto lontani da quei piccoli squarci su mondi infelici, o forse proprio sapendo che non c'è scampo.

"Nei nostri spettacoli c'è una visione distorta, aberrante, aberrata", ci dice Flavia Mastrella. "E quello che abbiamo fatto dopo ha una complessità superiore a questa di cento volte", prosegue Antonio Rezza. "Siamo contenti che Pitecus piaccia così tanto qui perché sappiamo che le cose successive sono ancora più travolgenti, e ci piacerebbe scoprire come potrebbero essere accolte". Il fatto di andare in scena in un altro paese e in un'altra lingua (Rezza ha recitato in italiano, ma alla fine ha fatto il bis di un episodio in inglese) porta in dono, a detta loro, "il piacere dell'incognito, ovvero una cosa che noi cerchiamo continuamente, ma che è sempre più difficile da trovare".

Gli spettacoli del duo (che sono solo una delle loro espressioni, visto che fanno e hanno fatto molto cinema, installazioni, performance televisive) hanno una lunga gestazione. Prima Antonio Rezza improvvisa di fronte a Massimo Camilli, che lo assiste nella creazione del parlato. Separatamente, Flavia Mastrella lavora agli habitat, che sono arte figurativa, più che scenografie (e in effetti all'inizio le loro esibizioni avvenivano nelle gallerie d'arte, non nei teatri). Quando queste due prospettive convergono, nasce il primo germoglio di quella che poi diventerà la performance: Rezza da quel momento in poi vive e si muove dentro quegli habitat per circa un anno, e buona parte di ciò che era stato provato e preparato prima che arrivasse lo spazio viene buttato, e si ricomincia da capo. Da lì, si lavora "a togliere i riferimenti oggettivi". Non esiste testo: nessuno spettacolo viene mai scritto (infatti le brochure recano la precisazione "mai scritto da Antonio Rezza"), ma è invece un insieme di linguaggio, corpo e improvvisazione. Una volta pronto, viene montato come un film. "Il nostro è cinema, più che teatro", dice Rezza. L'obiettivo è scuotere e spiazzare: il pubblico, la critica, e anche e soprattutto se stessi, perché "gli attori sono servi del personaggio, mentre io sono libero". Quanto alla decisione di dire di no ai fondi ministeriali per l'arte, ci sono, spiegano, due motivi. Il primo è "un rifiuto del potere in ogni sua manifestazione". E il secondo è la consapevolezza che la mancanza di fondi sicuri li costringe "a non essere pigri e a fare sempre un lavoro bello, perché l'unica cosa a cui dobbiamo onestà sono i nostri occhi, e davanti ai nostri occhi non possiamo permetterci di sfigurare".

Ad Antonio Rezza e Flavia Mastrella, che prima di essere un duo e basta sono stati anche, per dieci anni, una coppia nella vita ("ci siamo innamorati, poi ci siamo lasciati: il quotidiano distrugge ogni realtà, ma il bene si è trasformato ed è rimasto"), facciamo un'ultima domanda: ci interessa capire da dove nasca, secondo la loro personale esperienza, l'arte. Se ad alimentarla possa essere ogni tanto la felicità, oppure sempre e solo la disperazione. "La disperazione non genera niente. A nutrire l'arte sono la rabbia e l'Ideale", ci rispondono. "La rabbia è molto importante. La rabbia intesa come violenza verso i giusti obiettivi".

Altri Servizi

Lvmh acquista Tiffany per 16,2 miliardi di dollari

L'annuncio ufficiale dato dai due gruppi. Per la chiusura dell'operazione bisognerà aspettare la metà del 2020

Lvmh, colosso francese del lusso, ha raggiunto un accordo per rilevare il gruppo statunitense dei gioielli di lusso Tiffany & Co per 135 dollari per azione in contanti, nell'ambito di una transazione del valore di 14,7 miliardi di euro o 16,2 miliardi di dollari. È quanto si legge in una nota di Lvmh, in cui si sottolinea che l'acquisizione rafforza la presenza di Lvmh negli Stati Uniti e nel comparto dei gioielli. L'operazione, che secondo le previsioni sarà chiusa alla metà del 2020, è già stata approvata dal Cda di entrambe le società.

Caso Gallagher, Esper: resterà nei Seals per ordine di Trump

Il segretario alla Difesa: "È nelle prerogative di un presidente". Ieri, licenziato il segretario alla Marina, Richard Spencer

Il segretario alla Difesa statunitense, Mark Esper, ha dichiarato in conferenza stampa che il presidente Donald Trump gli ha ordinato di permettere al sottufficiale Edward Gallagher, un Navy Seal al centro di un caso di crimini di guerra, di ritirarsi con la spilla del Tridente, ovvero rimanendo nel corpo d'élite.

Wall Street, ottimismo su un accordo Usa-Cina entro la fine dell'anno

Le rinnovate speranze si basano sulle dichiarazioni del consigliere della Casa Bianca O'Brien
AP

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Impeachment, Trump sfida i democratici: "Voglio il processo in Senato"

Il presidente all'attacco su Fox News. La Camera potrebbe votare la sua messa in stato d'accusa prima di Natale

"Voglio il processo in Senato". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha confermato, durante un'intervista a Fox News, di volere l'impeachment e il processo, come dichiarato ieri da un suo portavoce.

Impeachment Trump, Pelosi: "Prove chiare contro il presidente Usa"

Molti deputati chiedono di procedere: non servono altri testimoni. Hill: "I repubblicani hanno diffuso fake news russe"; Holmes: "Aiuti all'Ucraina bloccati per spingere Zelensky a indagare su Biden"
Ap

Dopo tre giorni di audizioni pubbliche, questa settimana, davanti alla commissione Intelligence della Camera, "le prove sono chiare": il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha usato il suo incarico "per un vantaggio personale", e "ha minato la sicurezza nazionale degli Stati Uniti trattenendo gli aiuti militari all'Ucraina, a beneficio della Russia". A dirlo è stata la speaker della Camera, la democratica Nancy Pelosi.

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Un processo 'lampo' di due settimane, per ottenere un'assoluzione che rilanci l'immagine di Donald Trump senza rischiare di trascinare il presidente statunitense in un lungo e pericoloso procedimento. È una delle opzioni al vaglio di senatori repubblicani e funzionari della Casa Bianca, che ieri si sono incontrati per fare un punto sulla strategia da adottare per il possibile impeachment, secondo quanto riportato dal Washington Post.

L’Italia è nuovamente protagonista della 39esima edizione del Private Label Trade Show che si tiene dal 18 al 19 novembre 2019 presso il Donald E. Stephens Convention Center di Rosemont, alla periferia di Chicago, nell’Illinois. La manifestazione, conosciuta anche come PLMA, dal nome dell’associazione che la organizza, è dedicata ai prodotti a marchio privato, o private label, ed è la più grande nel suo genere negli Stati Uniti.

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Lvmh vicino all'acquisto di Tiffany per 18,5 miliardi di dollari

Il gruppo francese avrebbe offerto 135 dollari ad azione; il consiglio di amministrazione della catena statunitense di gioiellerie si esprimerà nelle prossime ore

Il gruppo francese Lvmh avrebbe raggiunto un accordo per l'acquisto di Tiffany per circa 18,5 miliardi di dollari (debito compreso), o 135 dollari ad azione. Lo sostiene il giornalista David Faber della Cnbc, secondo cui nelle prossime ore il consiglio di amministrazione della società statunitense di gioielleria voterà sull'intesa.