Il Texas guida il fronte contro il Daca, che non sarà difeso in tribunale dal dipartimento di Giustizia

Prosegue la complessa battaglia sul programma in favore degli immigrati irregolari arrivati negli Stati Uniti da bambini
Immigration and Customs Enforcement

Il dipartimento di Giustizia statunitense non difenderà il Deferred Action for Childhood Arrivals (Daca) in tribunale, dopo che il Texas e altri sei Stati ne hanno sfidato la costituzionalità con una causa depositata lo scorso mese. Secondo il dipartimento, il programma Daca è illegale e rappresenta un aggiramento delle leggi sull'immigrazione.

Secondo i sette Stati (Texas, Alabama, Arkansas, Louisiana, Nebraska, South Carolina e West Virginia), nel 2012 l'allora presidente Barack Obama violò la Costituzione e le leggi federali creando il programma Daca. Il presidente Donald Trump ha deciso di mettere fine al Daca, un programma che consente agli immigrati senza documenti, arrivati da bambini, di studiare e lavorare negli Stati Uniti senza dover temere l'espulsione; al momento, la sua decisione è stata bloccata in tribunale. In Congresso, intanto, è cominciata una nuova e difficile discussione per risolvere la questione dei cosiddetti Dreamers.

 

Trump e il Daca

Nel settembre dello scorso anno, Trump ha deciso di mettere fine al Daca perché "incostituzionale", dando sei mesi di tempo al Congresso per trovare una soluzione appropriata per le 689.800 persone interessate dal provvedimento (è l'ultima stima del governo, al 4 settembre 2017) e consentendo entro il 5 ottobre un ultimo rinnovo alle persone con un permesso in scadenza. Tutti i permessi Daca, biennali e rinnovabili per motivi di studio o lavoro, sarebbero scaduti, seguendo i tempi dettati da Trump, entro la fine del settembre 2019.

Alla fine di febbraio, però, la Corte Suprema ha di fatto alleggerito il peso sul Congresso e reso priva di significato la data del 5 marzo, visto che ha deciso di non accettare l'appello presentato dall'amministrazione sulla decisione di un tribunale minore, che ha imposto a Trump di ricominciare ad accettare le richieste di rinnovo per il Daca, in attesa che si concludano le cause contro la decisione del presidente di porre fine al programma. Trump aveva deciso di ricorrere alla Corte Suprema prima ancora della sentenza della Corte d'Appello del Nono circuito, dopo la decisione del giudice William Alsup del distretto settentrionale della California. A questo punto, a Trump non resta che attendere la decisione della Corte d'Appello, dopo la quale potrà tornare, se necessario, alla Corte Suprema, dilatando i tempi: per una sentenza definitiva sul Daca, potrebbe essere necessario più di un anno.

Se da una parte questa nuova situazione è positiva per i Dreamers, che potranno rimanere legalmente negli Stati Uniti, dall'altra aumenta l'incertezza sul loro futuro. Trump ha più volte detto di voler proteggere i Dreamers, ma di volere in cambio i fondi per la costruzione (o, per meglio dire, il completamento) del muro con il Messico, il rafforzamento delle regole e dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena (la possibilità per un residente di sponsorizzare i parenti) e la cancellazione della lotteria per la Green Card, ovvero la residenza permanente. Le varie proposte bipartisan presentate in questi mesi, però, sono state bocciate. I contrasti tra democratici e repubblicani sull'immigrazione hanno anche causato due brevi shutdown, ovvero la chiusura delle attività federali per mancanza di fondi, all'inizio dell'anno. Una soluzione permanente per i Dreamers si cerca in Congresso dal 2001, quando fu presentato il Dream Act, mai approvato. Per questo, nel 2012, intervenne Obama con il Daca, per dare una soluzione temporanea agli immigrati.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di dati e trimestrali

Attesi i dati sui sussidi e sulle vendite al dettaglio. Tra i conti, quelli di American Express
AP
AP

Nel primo trimestre del 2019, Netflix ha saputo attrarre un numero record di abbonati paganti ma le previsioni per i tre mesi in corso sono risultate deboli.

De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Car2go sospende il servizio a Chicago: troppi furti e frodi

Oltre 100 auto rubate nell’ultima settimana, 21 persone denunciate dalla polizia

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate.

La rivista Time: Salvini tra le 100 persone più influenti al mondo

Presenti altri due italiani: lo chef Massimo Bottura e il direttore creativo della maison Valentino, Pierpaolo Piccioli. Per le sei copertine, scelti Taylor Swift, Dwayne Johnson, Sandra Oh, Nancy Pelosi, Gayle King e Mohamed Salah
AP

La cantante Taylor Swift, l'attore e wrestler Dwayne Johnson, l'attrice Sandra Oh, la speaker della Camera statunitense Nancy Pelosi, la giornalista Gayle King e il calciatore egiziano del Liverpool Mohamed Salah sono le persone scelte dalla rivista statunitense Time per le sei copertine del numero dedicato alle cento persone più influenti al mondo. La lista, stilata annualmente, comprende tre italiani: il vicepresidente del Consiglio, Matteo Salvini, inserito tra i 26 leader più influenti al mondo; lo chef Massimo Bottura, inserito tra i pionieri, e Pierpaolo Piccioli, direttore creativo della maison Valentino, tra le icone.

Columbine, 20 anni fa la strage del liceo di Littleton

Gli Stati Uniti ricordano le vittime mentre i Dem chiedono leggi per il controllo sulle armi

Sono passati 20 anni dalla strage di Columbine, ancora oggi ricordata come uno dei più sanguinosi massacri mai avvenuti in una scuola degli Stati Uniti. Era infatti il 20 aprile 1999 quando Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, entrarono nel loro liceo di Littleton - piccolo sobborgo di Denver, in Colorado - armati di pistole, fucili e bombe artigianali, e aprirono il fuoco contro i loro compagni e professori. In 23 minuti uccisero 12 studenti e un insegnante ferendo 24 persone. Poi si tolsero la vita.

Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

Apple e Qualcomm mettono fine alla guerra sulle royalties: c'è accordo

Il titolo del produttore di microprocessori scatta al rialzo: il produttore dell'iPhone verserà denaro. Siglata intesa di licenza di sei anni

E' finita con un patteggiamento la sfida legale da 30 miliardi di dollari tra Apple e Qualcomm. All'indomani dell'inizio di un processo che sarebbe dovuto durare quattro settimane in un tribunale di San Diego (California), le due aziende hanno trovato un'intesa. 

Joe Biden, il vice presidente di Barack Obama, annuncerà la sua candidatura alle elezioni presidenziali americane del 2020 il prossimo mercoledì 24 aprile. E lo farà con un video. Ad anticiparlo sono state alcune fonti alla rivista The Atlantic.

Poco importa che sia disponibile gratuitamente online. Alcuni gruppi editoriali hanno deciso di pubblicare in formato libro il rapporto da 448 pagine che da ieri, 18 aprile, è disponibile in Pdf per tutti seppure con omissis. E Amazon ha deciso di lanciare un audiolibro a un prezzo ispirato a "1984", il celebre romanzo distopico di George Orwell.