Il Thanksgiving, tra tradizioni e ricette segrete

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del Ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621
Ap

Perché gli americani mangiano il tacchino nel giorno del Ringraziamento? La festa più importante dell'anno, una sorta di celebrazione della nascita del nuovo mondo, ha un antefatto nell'autunno del 1621, un banchetto di 50 padri pellegrini, arrivati dall'Europa a Plymouth, nell'odierno Massachusetts. L'abbondanza del raccolto fu condivisa con una tribù di 90 indiani Wampanoag (un simbolo di cooperazione) e nel menù c'erano, apparentemente, tacchini.

Non è una certezza: i tacchini selvatici, è vero, popolavano quella zona e la cronaca di uno dei coloni parla di "wild fowl", gallinacei selvatici, ma il termine si applica anche a fagiani, anatre e oche. Gli indiani portarono cinque cervi - il piatto forte - mentre volatili, anguille, cozze, noci e uno stufato a base di mais, simile alla polenta, facevano da contorno. Seppure fosse una tradizione popolare quella di celebrare il raccolto in alcune parti del Paese, il Thanksgiving non è sempre stata una festa nazionale. Di tanto in tanto veniva tuttavia proclamata da qualche presidente.

Alexander Hamilton, uno dei padri fondatori e il segretario del Tesoro di George Washington, ha una frase celebre in proposito: "Nessun cittadino degli Stati Uniti dovrebbe essere privato dal tacchino nel giorno del Ringraziamento". Il tacchino, che piaceva anche a Benjamin Franklin, era tuttavia difficile da trovare al di fuori dal New England, almeno fino al 1800.

In quasi tutti i frigoriferi d'America, oggi, c'è un tacchino. La produzione annuale di carne di tacchino, secondo il dipartimento dell'Agricoltura, è rimasta invariata negli ultimi due anni, ed è stata pari a 6 miliardi di libbre (2,72 milioni di tonnellate), dopo il picco di 6,2 miliardi di libbre del 2008. Nonostante nessuna regione abbia il monopolio degli allevamenti, quasi la metà dei tacchini allevati nel 2017 proveniva da quattro Stati: Minnesota, North Carolina, Arkansas e Indiana. Altri Stati con un'alta produzione sono Missouri, Virginia, Iowa e California.

La tradizione non migliora la realtà dei fatti: la carne del tacchino è straordinariamente insapore. Cucinare il tacchino è una sfida, anzi una guerra, che si rinnova ogni anno il quarto giovedì di novembre (il secondo lunedì di ottobre in Canada) e in molti casi il risultato è terribile. Il nostro modo di invitarvi a tavola è condividere le ricette per il menù del giorno del Ringraziamento, a partire dal tacchino.

La preparazione comincia la sera di lunedì con la marinata, in inglese "brine". E' un'arma essenziale per prevenire i due difetti principali del tacchino: la tendenza ad asciugarsi durante la cottura e l'assenza di sapore delle carni bianche. La marinata base è 2 litri di acqua, un etto di sale, un etto di zucchero muscovado (quello scuro e umido), ma è raccomandabile aggiungere un po' di sapore: una o due cipolle tritate, 6 spicchi d'aglio, abbondanti timo e rosmarino tritati, mezz'etto di pepe nero tritato grossolanamente, un cucchiaio di paprica piccante, uno di semi di cumino e alcune foglie di alloro. La marinata va portata a ebollizione e lasciata cuocere per circa mezz'ora.

Ovviamente le quantità vanno proporzionate in misura della stazza del tacchino, che deve essere immerso interamente. Un tacchino di 10 chili deve marinare due giorni, la soluzione salata viene assorbita e in parte mantenuta anche durante la lunga cottura in forno. Esistono migliaia di ricette per la marinata, dal latticello al succo di mele, ma tutte hanno in comune zucchero e sale in quantità. Durante la cottura, sei ore circa per un tacchino di 10 chili, il tacchino va bagnato con i sughi di cottura ma non richiede altre manutenzioni. Salvo quella di incrociare le dita.

Il più saporito dei tacchini non basta per fare una festa. Il piatto forte per molti è il ripieno, lo "stuffing". Ripieno è un termine fuorviante, perché non viene cotto all’interno del tacchino ma in un tegame separato. La ragione è semplice: ottenere la giusta temperatura dentro il tacchino è quasi impossibile e il rischio è che il ripieno resti cotto a metà. No, la cassa toracica del tacchino è in genere riempita di limoni e erbe aromatiche.

Per il ripieno, offriamo una ricetta, firmata da Bobby Flay, uno dei celebrity chef più popolari d’America. Servono quattro etti di chorizo - una salsiccia piccante simile alla soppressata - una cipolla tritata, un etto di carote e un etto di sedano a dadini, due spicchi d’aglio tritati, tre etti di pane dolce a base di polenta (si possono sostituire crostini di pane), un quarto di litro di brodo di pollo, coriandolo fresco tritato. La salsiccia va passata in padella per cinque minuti, prima di aggiungere cipolle, carote, sedano e aglio, che devono cuocere per altri 10 minuti. A questo punto si uniscono il pane dolce di polenta, il brodo e il coriandolo e si informa per 20 minuti in un tegame imburrato.

Tacchino e ripieno si riuniscono nel piatto, un boccone dell'uno e uno dell'altro. Poi ci sono le salse. La più caratteristica è la salsa di cranberry. In italiano si chiamano ossicocco o mortella di palude e non abbiamo la più pallida idea se esistano o no in commercio in Italia. Spesso viene chiamato mirtillo rosso ma non ha nulla a che fare coi mirtilli e sostituirli nella ricetta non funzionerebbe: hanno simile aspetto ma gusto diversissimo, come la lattuga e la rucola. La ricetta per la salsa di mortelle di palude con zenzero candito ve la diamo lo stesso. Ne servono all'incirca mezzo chilo (in genere negli Stati Uniti vengono vendute in buste da 12 once e ne servono due), poi tre etti di zucchero scuro, un quarto di litro di succo d’arancia e uno d’acqua, la scorza grattugiata di un’arancia e un cucchiaio di zenzero tritato. Il tutto va portato ad ebollizione fino a quando lo zucchero non sia dissolto, quindi si lascia cuocere per altri 5 minuti. Le bacche scoppiettano, e la salsa è cotta quando nessuna resta intera. A fine cottura si unisce mezz’etto di zenzero candito tritato.

Poi c'è il gravy, una salsa preparata con i sughi di cottura del tacchino nei trenta minuti in cui, sfornato, va lasciato riposare. Ai sughi raccolti in una padella si aggiungono una noce di burro e un cucchiaio di farina, quindi del brodo. La salsa va portata a ebollizione fino a quando non comincia ad addensarsi.

Sul tavolo del Thanksgiving ci sono altre comparse, sfornati di patate dolci o semplici purè di patate (ma la versione americana non è cremosa e spesso le patate sono cotte con la buccia). I migliori menù del giorno del ringraziamento sono quelli che, con audacia, sostituiscono il tacchino ad esempio con un prosciutto cotto al forno o che, mantenendo il tacchino, ne variano le modalità di cottura: un esempio è il tacchino fritto, un’operazione delicatissima che richiede un grande giardino, un’ingegnosa friggitrice artigianale e un estintore a portata di mano. E infine ci sono i dolci come la torta di zucca e la torta di mele, la cosa più americana che esista.

Altri Servizi

Tesla chiude primo trimestre con una delle sue peggiori perdite

Il ritorno all'utile slitta al terzo trimestre. Problemi nelle consegne della Model 3

Tesla ha annunciato una delle sue peggiori perdite trimestrali deludendo gli analisti. Il Ceo Elon Musk ha tentato di rassicurare la comunità finanziaria e in una call ha detto che in un mese spera di offrire un prodotto assicurativo che "sarà molto più convincente di qualsiasi altra cosa esistente".

Libia: Trump ha dato ad Haftar l'ok all'assalto a Tripoli

Lo sostengono fonti di Bloomberg, le cui ricostruzioni contrastano con le critiche al generale mosse dal segretario di Stato, Mike Pompeo. Il governo di unità nazionale di al-Serraj a rischio
AP

Colpo di scena nelle dinamiche geopolitiche riguardanti la Libia, cosa che rischia di mettere a repentaglio il governo di unità nazionale del primo ministro Fayez al-Serraj.

Microsoft ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con conti migliori delle stime grazie alla performance delle sue attività cloud simboleggiate da Azure, con cui l'azienda sfida Amazon (che resta il leader nel cloud computing).

Rcs: la battaglia legale con Blackstone su via Solferino da NY si sposta in Italia

Lo ha deciso un giudice di New York, dove il fondo di private equity aveva lanciato una causa legale contro il gruppo di Urbano Cairo. Le autorità italiane chiamate a decidere se ci sono le condizioni per un arbitrato. Il private equity: non patteggiamo
A24

Uno a zero per Urbano Cairo nella sua battaglia legale con Blackstone riguardante la controversa vendita della sede storica del Corriere della Sera in via Solferino a Milano, avvenuta nel 2013 per 120 milioni di euro.

Facebook: accantonamenti da 3 miliardi di dollari per multa attesa in Usa

Il denaro messo da parte per affrontare le spese legali pesa sugli utili: -51% a 2,43 miliardi. Ricavi +26% a 15,08 miliardi.

Facebook ha preso il volo ieri nel dopo mercato a Wall Street grazie a una trimestrale migliore del previsto. Gli utili sono stati però frenati da accantonamenti per 3 miliardi di dollari legati all'attesa multa della Federal Trade Commission americana e che, secondo il gruppo californiano, potrebbe provocare una perdita tra i 3 e i 5 miliardi di dollari. L'equivalente americano dell'Agcom ha acceso un faro dopo lo scandalo, esploso nel marzo 2018, associato alla ormai defunta società di dati londinese Cambridge Analytica, accusata di avere condiviso "impropriamente" informazioni di 87 milioni di utenti Facebook senza il loro consenso. FTC sta valutando se è stato violato un accordo vincolante siglato nel 2011 con il social network e pensato per proteggere la privacy e i dati personali degli utenti. "La questione resta irrisolta e non ci sono certezze sulla tempistica o sui termini dell'esito finale", ha spiegato Facebook in un comunicato.

Trump deride ex membri del suo staff: dichiarazioni a Mueller sono "totali stronzate"

Il presidente attacca coloro che alla fine lo hanno salvato dall'accusa di ostruzione alla giustizia (ignorando i suoi ordini). Commissione Giustizia alla Camera Usa vuole rapporto Mueller completo entro l'1 maggio
Ap

All'indomani della pubblicazione del rapporto con cui, dopo 22 mesi, il procuratore speciale Robert Mueller ha messo fine al suo lavoro di inchiesta sul cosiddetto Russiagate, Donald Trump è tornato alla carica. Dopo avere festeggiato per non essere stato accusato di collusione con Mosca e di ostruzione alla giustizia, il 45esimo presidente americano ha definito "pazzo" il rapporto stesso e "totali stronzate" alcune dichiarazioni fornite a Mueller da vari testimoni.

De Niro ancora contro Trump: "Abbiamo un aspirante gangster alla Casa Bianca"

L’attore americano ha parlato al The Late Show dove ha nuovamente puntato il dito contro il presidente americano

Continua lo scontro a distanza tra Robert De Niro e Donald Trump. Ospite del The Late Show condotto da Steven Colbert, il leggendario attore newyorchese ha definito il presidente degli Stati Uniti "un aspirante gangster", "un totale perdente" e un "fesso". L’intervista, andata in onda venerdì sera, è stata in realtà registrata martedì, dunque due giorni prima della pubblicazione del rapporto sul Russiagate del procuratore speciale Robert Mueller.

Car2go sospende il servizio a Chicago: troppi furti e frodi

Oltre 100 auto rubate nell’ultima settimana, 21 persone denunciate dalla polizia

Car2Go ha sospeso il suo servizio di car sharing a Chicago dopo aver subito il furto di decine di auto nell’ultima settimana. L’azienda ha annunciato che la sospensione è temporanea e che sta collaborando con la polizia per risolvere la questione. Come riporta il Washington Post, oltre 100 vetture sono state rubate grazie a delle iscrizioni fasulle all’app di Car2Go, fatte utilizzando carte di identità falsi associate a carte di credito rubate.

Columbine, 20 anni fa la strage del liceo di Littleton

Gli Stati Uniti ricordano le vittime mentre i Dem chiedono leggi per il controllo sulle armi

Sono passati 20 anni dalla strage di Columbine, ancora oggi ricordata come uno dei più sanguinosi massacri mai avvenuti in una scuola degli Stati Uniti. Era infatti il 20 aprile 1999 quando Eric Harris, 18 anni, e Dylan Klebold, 17 anni, entrarono nel loro liceo di Littleton - piccolo sobborgo di Denver, in Colorado - armati di pistole, fucili e bombe artigianali, e aprirono il fuoco contro i loro compagni e professori. In 23 minuti uccisero 12 studenti e un insegnante ferendo 24 persone. Poi si tolsero la vita.