Il vestito bianco di Marilyn comprato per 5,6 milioni

Parte della collezione di Debbie Reynolds, battuto all'asta a Beverly Hills

E' uno degli abiti più famosi della storia del cinema, quello bianco che Marilyn Monroe indossava in "Quando la moglie è in vacanza" nella "scena della metropolitana", è stato battuto all'asta per 4,6 milioni di dollari a Beverly Hills. Ovviamente, massimo riserbo sul nome della persona che se lo è aggiudicato e che dovrà sborsare anche un milione di dollari in commissioni alla casa d'aste, per un totale di 5,6 milioni.

Gli abiti fanno parte della collezione di oltre 3.500 abiti di scena e memorabilia raccolti dall'attrice, ballerina e cantante Debbie Reynolds negli ultimi 50 anni. "Le offerte sono state folli, soprattutto in questo momento di crisi", ha detto Keya Morgan, collezionista.

 La scena del film del 1955, con Tom Ewell e diretto da Billy Wilder. Il titolo originale è "The seven year itch"

I fan della diva americana si sono contesi anche altri tre abiti di scena, pagati complessivamente 2,7 milioni di dollari: quello indossato in "Gli uomini preferiscono le bionde", battuto per 1,47 milioni di dollari (contro i 300.000 dollari attesi), e quelli di "Follie dell'anno", in inglese "There's no business like show business", e "La magnifica preda", in inglese "River of no return", venduti per 1,2 milioni di dollari.

Una scena di "There's no business like show business"

 Marilyn Monroe e Robert Mitchum in "River of no return"

I 5,6 milioni pagati per l'abito bianco hanno polverizzato il precedente record, fissato a 1,26 milioni di dollari nel 2009 dal vestito che Marilyn ha indossato nel maggio 1962 per cantare "Happy birthday" all'allora presidente americano John F. Kennedy.

Durante l'asta sono stati venduti anche altri abiti della collezione di Reynolds, per esempio il vestito azzurro e un paio di scarpette scarlatte indossate da Judy Garland nel "Mago di Oz" (erano stati confezionati per prova e non sono mai stati indossati durante le riprese, ma sono comunque stati venduti per quasi 1,75 milioni di dollari), l'abito da matador indosasto da Rodolfo Valentino in "Sangue e arena", in inglese "Blood and Sand", del 1922 (venduto per 258.000 dollari) e una delle bombette nere indossate da Charlie Chaplin (battuta a 135.300 dollari).

 Rodolfo Valentino in una scena di "Blood and sand". Nita Naldi era Dona Sol

Judy Garland in "The wizard of Oz", del 1939