Il vicegovernatore del Texas: "Torniamo al lavoro, nonni pronti al 'sacrificio'"

Con le misure contro il coronavirus, l'economia Usa rischia di crollare. Anche il presidente Trump 'insofferente'

Il vicegovernatore del Texas, il repubblicano Dan Patrick, ha dichiarato ieri sera che gli Stati Uniti dovrebbero tornare al lavoro e che le persone con più di 70 anni sono pronte a "correre il rischio" di ammalarsi di Covid-19 per il bene dell'economia del Paese. Patrick, che sta per compiere 70 anni, ha detto che correrà il rischio come cittadino anziano per il bene degli Stati Uniti e di credere che ci siano "molti nonni nel Paese" che la pensano allo stesso modo. "Nessun me lo ha chiesto, ma se lo scambio è correre un rischio sulla mia sopravvivenza" per salvare l'economia per figli e nipoti, "io ci sto". 

"Penso solo che ci siano molti nonni come me [...] Non vogliamo che l'interno Paese si sacrifichi". "Stiamo avendo un collasso economico" ha aggiunto. "Il mio messaggio è: torniamo al lavoro, torniamo a vivere, noi anziani baderemo a noi stessi, ma non sacrifichiamo il Paese. Non facciamolo". "Abbiamo una scelta da fare. Noi tutti vogliamo vivere, vogliamo stare con i nostri figli e nipoti il più a lungo possibile, ma il punto è che il nostro più grande dono per il nostro Paese, i nostri figli e i nostri nipoti è l'eredità del nostro Paese [...] Qui rischiamo un collasso totale, recessione, depressione, un collasso della nostra società".

Le parole di Patrick mostrano l'insofferenza di una certa parte del Paese di fronte alle cupe prospettive per il Pil statunitense, che potrebbe crollare di circa il 30% nel secondo trimestre a causa delle misure adottate per fermare la diffusione della Covid-19. Insofferenza mostrata anche dal presidente statunitense Donald Trump, che ha fatto intendere che le misure di contenimento potrebbero essere presto allentate: "Non possiamo avere una cura peggiore del problema" ha detto ai giornalisti, ribadendo un concetto già espresso su Twitter domenica. "Dobbiamo riaprire il Paese perché altrimenti i problemi potrebbero essere ancora più grandi".