Imbarazzo per Apple: il riconoscimento facciale dell'iPhone X non funziona al primo colpo

Mentre fa i conti con le vendite a Wall Street (-1%), colpa di consegne del suo nuovo iPhone X che non ci saranno prima di novembre, Apple cerca di superare un momento imbarazzante che non è passato innosservato quando il gruppo ha lanciato una serie di nuovi prodotti incluso lo smartphone che segna il decimo anniversario del lancio del dispositivo.

L'iPhone X, pronunciato iPhone 10, è il primo nella storia del telefonino a vantare una funzione che permette lo sblocco attraverso un sofisticato sistema di riconoscimento facciale. Peccato che quando Craig Federighi, a capo del software di Apple, sia salito sul palco dello Steve Jobs Theater per una dimostrazione del cosiddetto Face ID questo abbia fatto cilecca (vedi qui il video al punto 1:36:00) . "Sbloccarlo è tanto facile quanto guardarlo", ha detto Federighi mentre teneva nella sua mano un iPhone X. Quando lo sblocco non c'è stato, ha aggiunto: "Proviamo di nuovo". A guardalo erano mille persone riunite per la prima volta nella sala dedicata al cofondatore del gruppo e situata nel nuovo campus dell'azienda. A quel punto è comparsa la tastiera con i numeri da pigiare per sbloccare il dispositivo attraverso una password numerica. "Oh, oh, oh", ha detto Federighi mostrandosi sorpreso e passando al Piano B: ha afferrato un secondo iPhone X che ha funzionato al primo colpo.

Per quanto l'episodio non sia indicativo di un cattivo funzionamento del riconoscimento facciale, è stato comunque imbarazzante per Apple. Per il primo iPhone senza il tasto Home da quanto lo smartphone è stato lanciato nel 2017, il gruppo voleva che tutto andasse via liscio. E invece, un paio di secondi imprevisti hanno rovinato la presentazione di un prodotto da mille dollari (nessun iPhone è mai costato così tanto). Ora i consumatori intenzionati ad acquistarlo, dovranno aspettare il 3 novembre per verificare se Face ID funziona bene. Si tratta di una tempistica più lunga del solito visto che in genere i nuovi iPhone sono disponibili da settembre.

Altri Servizi

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock