Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.

Le parole dell'anonimo funzionario arrivano in un momento in cui, in Senato, si discute di una riforma bipartisan, che dovrebbe garantire una protezione ai Dreamers, ovvero gli immigrati senza documenti arrivati nel Paese da bambini. Secondo Axios, la riforma che i moderati stanno discutendo in Senato non ha alcuna possibilità di essere approvata da Trump.

Tra le varie proposte già presentate e quelle che stanno nascendo in queste ore, nessuna sembra soddisfare completamente Trump, che ha presentato il suo piano: include una soluzione permanente sul Daca - ovvero il programma a difesa dei Dreamers ideato da Barack Obama e cancellato dall'attuale presidente - il rafforzamento dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena e la cancellazione della lotteria per la Green Card. I contrasti tra democratici e repubblicani sull'immigrazione hanno causato due brevi shutdown, ovvero la chiusura delle attività federali per mancanza di fondi, nelle ultime settimane.


Nuovo tentativo

Il gruppo bipartisan al Senato statunitense guidato dalla repubblicana Susan Collins ha raggiunto un accordo per proteggere i Dreamers, in cambio di un rafforzamento della sicurezza ai confini, che comprenderebbe anche 25 miliardi per il muro con il Messico. Lo riporta Bloomberg. L'accordo non prevede nulla sugli altri due 'pilastri' del presidente Donald Trump: la fine della migrazione a catena e la cancellazione della lotteria per la Green Card. Senza questi due punti, è probabile che l'accordo bipartisan sia destinato a naufragare alla Camera o, comunque, a ricevere il veto del presidente statunitense.

Altri Servizi

Processo a Manafort, senza verdetto la prima giornata in camera di consiglio della giuria

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre. La prima giornata in camera di consiglio è finita senza verdetto. I giurati hanno chiesto chiarimenti al giudice, anche sulla definizione di "colpevolezza oltre ogni ragionevole dubbio".

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Quale era l'intento reale di Elon Musk quando, il 7 agosto scorso, ha scritto una serie di tweet annunciando la sua intenzione di delistare la sua Tesla con una maxi operazione di buyout per la quale a sua detta i fondi erano "garantiti"? E' questa la domanda a cui la Securities and Exchange Commission sta cercando di rispondere.

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa. Telefonata minacciosa al Boston Globe, che ha lanciato l'iniziativa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Bannon punta su Wall Street in vista delle elezioni Usa di novembre

Lancia il gruppo "Citizens of the American Republic". Il 9 settembre a New York la premiere di "Trump @ War", film scritto e diretto da lui per promuovere l'agenda del presidente che lo ha silurato
AP

Sta entrando nel vivo l'offensiva di Steve Bannon in vista delle elezioni americane di metà mandato del prossimo novembre. Mentre da Bruxelles, con la sua organizzazione "The Movement", punta a unire i movimenti populisti nazionali sperando abbiano la meglio alle elezioni europee del maggio prossimo, da Washington il simbolo dell'ultra-destra punta a convincere l'elettorato americano a votare per i repubblicani con un suo nuovo gruppo creato ad hoc. Si chiama "Citizens of the American Republic" ma non è chiaro chi lo finanzi (essendo formalmente una non profit, non è tenuto a comunicare che siano i donatori).

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

I dazi voluti da Donald Trump per ridurre il deficit commerciale degli Usa - pari nel 2017 a 568,4 miliardi di dollari (il 2,9% del Pil) - sono pensati per ridurre le importazioni dell'America dal resto del mondo "ma non si può dare per scontato che il valore delle esportazioni resti invariato". Anzi. Stando a un'analisi pubblicata sul sito della Federal Reserve di New York da alcuni ricercatori, l'export americano di fatto "calerà, non solo per via delle tariffe doganali adottate da altri Paesi come ritorsione sulle esportazioni americane ma anche perché il costo per le aziende Usa di produrre beni per l'esportazione salirà rendendo l'export Usa meno competitivo nel mercato mondiale".