Immigrazione ed economia: cosa aspettarsi dal discorso di Trump sullo stato dell'Unione

Il presidente parlerà dei suoi successi e aprirà a un secondo anno di presidenza all'insegna del dialogo con i democratici, a partire dall'immigrazione
AP

 Questa sera (le 3 di domani mattina in Italia), Donald Trump pronuncerà il suo primo discorso sullo stato dell'Unione, la consueta relazione annuale del presidente degli Stati Uniti sui risultati ottenuti e sulle riforme per il futuro, di fronte al Congresso a Camere riunite. Sarà, senza dubbio, l'occasione per magnificare i risultati conseguiti nel suo primo anno alla Casa Bianca, a partire dalla riforma fiscale e da un'economia in crescita, anche se non solo grazie a lui. Sarà, soprattutto, l'occasione per vedere se Trump ha intenzione di chiudere l'era della "carneficina americana", del declino di cui aveva parlato nel suo discorso inaugurale, e dello scontro frontale con i democratici, per lasciare spazio a un Trump più presidenziale e pronto a scendere a patti con gli avversari politici. Per farlo, dovrebbe per una sera dimenticare, e far dimenticare, le indagini sul suo staff elettorale nell'ambito dell'inchiesta sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali, che stano segnando la sua amministrazione.

Lo stesso Trump, ieri, ha fatto intendere che farà delle importanti aperture verso i democratici su grandi temi, a partire dall'immigrazione, e che il suo discorso toccherà "molte questioni". Bisognerà vedere, poi, se Trump deciderà di seguire il discorso preparato dal consigliere Stephen Miller o se prevarrà il suo istinto che, inevitabilmente, lo porterebbe fuori dagli schemi.

"Per molti anni, i parlamentari hanno parlato di immigrazione ma non hanno fatto nulla" ha detto ieri ai giornalisti. "Faremo qualcosa, speriamo che sia bipartisan" ha affermato con raro realismo, dato che "i repubblicani non hanno i voti per farlo in altro modo. Quindi deve essere bipartisan". Per questo, il presidente è pronto a proteggere i Dreamers, ovvero i migranti arrivati illegalmente da bambini e a rischio espulsione dopo la fine del programma Daca, da lui voluta, ed è pronto anche a inserirli in un percorso verso la cittadinanza, ma solo se i democratici approveranno i fondi per la costruzione del muro al confine con il Messico, un punto su cui la Casa Bianca non è intenzionata a cedere.

Non sarà il Trump immaginato nella West Wing e raccontato dai principali quotidiani, quello che fa la sfuriata ai parlamentari perché non capisce il motivo per cui gli Stati Uniti debbano accogliere immigrati da "Paesi di merda"; sarà un Trump che ricorderà che gli Stati Uniti sono "una nazione di immigrati", sottolineando però che ogni Paese ha il diritto e la responsabilità di difendere i propri confini.

Oltre all'immigrazione, saranno quattro i grandi temi trattati: occupazione ed economia, piano infrastrutturale da almeno mille miliardi di dollari, commercio "giusto ed equo" e sicurezza nazionale, una questione, quest'ultima, che porterà Trump ad attaccare Corea del Nord e Iran.

Nel suo primo discorso davanti a un Congresso riunito - quello del 28 febbraio 2017, che non fu tecnicamente un discorso sullo stato dell'Unione - Trump riusc" a essere ambizioso e pacato, concentrato più sul futuro che sui presunti errori passati. "Tutto ciò che non funziona nel nostro Paese può essere aggiustato, ogni problema può essere risolto. E ogni famiglia che soffre può trovare speranza" disse in quell'occasione. Un Trump presidenziale, come si vede solo una volta all'anno.

Altri Servizi

Netflix vende 2 miliardi di dollari di bond "spazzatura"

Saranno denominati in valuta Usa e in euro. Ricavato usato per finanziare nuovi contenuti
AP

Dopo Uber, anche Netflix si dà al mercato obbligazionario ad alti rendimenti. Il gruppo che offre un servizio di video in streaming intende rastrellare 2 miliardi di dollari attraverso il collocamento di bond "spazzatura" denominati sia in dollari sia in euro per investitori istituzionali qualificati. Netflix - famosa per le serie come "House of cards" e "Orange is the new black" ha spiegato che i rendimenti offerti e le scadenze delle obbligazioni saranno decisi più avanti, dopo i negoziati con gli acquirenti iniziali.

Nella sua battaglia contro la Federal Reserve, 'rea' secondo lui di volere stringere troppo la cinghia, Donald Trump sembra da solo. Persino Randal Quarles, il primo uomo a essere stato nominato da lui nella banca centrale Usa, ha difeso la politica monetaria fatta di rialzi graduali dei tassi. L'uomo, un repubblicano moderato, non è stato l'unico nella giornata odierna a difendere la Fed. Secondo Alan Greenspan, a capo della Fed dal 1987 e il 2006, l'istituto centrale guidato da Jerome Powell dovrebbe mettersi un "paraorecchi e non ascoltare" quello che dice il 45esimo presidente americano. Per Gary Cohn, ex presidente di Goldman Sachs ed ex consigliere economico di Trump, l'inquilino della Casa Bianca "non dovrebbe fare commenti su alcuna agenzia indipendente" tanto più che la Fed, secondo lui, "sta facendo il suo lavoro".

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Gli Usa accusano cittadina russa di volere interferire nelle elezioni

Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni, accusata di essere a capo di "Project Lakhta". L'intelligence americana "preoccupata" dalle azioni di Cina, Russia e Iran
Bigstock

I procuratori federali statunitensi hanno accusato una cittadina russa di volere influenzare le elezioni di metà mandato previste in Usa il prossimo sei novembre. E' quanto emerge dai documenti relativi al rinvio a giudizio che vede protagonista Elena Alekseevna Khusyaynova, 44 anni di San Pietroburgo.

Facebook recluta politico britannico per riparare la sua immagine

Nick Clegg, 51 anni, ex vice premier, da gennaio si trasferirà nella Silicon Valley

Facebook ha affidato a Nick Clegg, ex vice primo ministro britannico, il compito di gestire il team dedicato agli affari globali e alla comunicazione.

Trump pronto a fare pressione su Netanyahu sul piano di pace in Medio Oriente

Lo scorso mese, per la prima volta, il presidente Usa ha appoggiato pubblicamente la soluzione a due Stati. Il piano statunitense sarà presentato a breve
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe detto all'omologo francese, Emmanuel Macron, di essere pronto a fare pressione sul primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, affinché accetti il piano di pace per il Medio Oriente che presenterà a breve. Lo hanno riferito quattro diplomatici - al corrente del colloquio tra Trump e Macron dello scorso mese - a Barak Ravid, giornalista dell'israeliana Channel 10 e del sito statunitense Axios.

Al via in Canada il road show del vino italiano

Inizia “A TASTING OF WINES FROM ITALY” con tappe a Vancouver, Calgary, Toronto e Montréal

Parte oggi “A TASTING OF WINES FROM ITALY”, il roadshow del vino italiano in Canada. Giunto alla 23esima edizione, il tour farà tappa come ogni anno a Vancouver, Calgary, Toronto e terminerà a Montréal. L’iniziativa - organizzata dall’ICE Canada - è divenuta con gli anni l’appuntamento commerciale di riferimento per il trade canadese e rappresenta oggi l’evento più atteso e accreditato dedicato al vino italiano in Canada. Sono 100 i produttori italiani che parteciperanno ai 'walk around tasting' e che prenderanno contatti con oltre 3.500 operatori tra agenti del vino, rappresentanti dei monopoli provinciali canadesi (che sono tra i principali importatori di vini e liquori al mondo), HoReCa, giornalisti specializzati, opinion leader, wine lover e altri interlocutori specializzati che prenderanno parte agli eventi previsti nelle quattro città.

Carovana di migranti verso gli Usa, 5.000 persone sfidano Trump

Nonostante il presidente abbia minacciato l'intervento dell'esercito, cresce il numero di persone in marcia verso il confine. Washington accusa i democratici e minaccia i Paesi di provenienza dei migranti
AP

Una carovana di almeno 5.000 persone, in gran parte provenienti dall'Honduras, continua ad attraversare il Messico per arrivare al confine con gli Stati Uniti, nonostante il presidente Donald Trump abbia minacciato di usare l'esercito per fermarli.

Wall Street, ottimismo dall'Asia

Il balzo a Shanghai, grazie alle buone notizie dal dato del Pil cinese, trascina le altre borse del continente
iStock