Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Cinque giorni di perquisizioni hanno portato all'arresto di 212 immigrati senza documenti che lavoravano in 122 imprese della California del Sud. A gennaio, erano invece stati controllati 77 esercizi commerciali nella parte settentrionale dello Stato. Le operazioni dei federali seguono la controversa 'legge santuario', che limita la cooperazione delle forze dell'ordine locali con quelle federali nel contrasto all'immigrazione irregolare; lo Stato ha inoltre approvato una legge che vieta ai datori di lavoro di fornire volontariamente informazioni sui dipendenti alle autorità di Washington, pena una multa fino a 10.000 dollari. I datori di lavoro con dipendenti irregolari rischiano di essere perseguiti penalmente, se riconosciuti colpevoli di aver dato lavoro consapevolmente a persone irregolari. Per anni, ricorda il Los Angeles Times, la legge federale non ha proibito l'assunzione di persone irregolari; poi, la situazione è cambiata nel 1986, quando il presidente Ronald Reagan ha firmato l'Immigratio Reform ad Control Act, che per la prima volta prevedeva delle multe per i datori di lavoro.

"Sembra essere una battaglia tra la California, come Stato, e il governo federale" ha commentato Angelo Paparelli, avvocato che si occupa di immigrazione, parlando con la Cnbc. L'Ice (United States Immigration and Customs Enforcement), agenzia federale statunitense responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione, ha reso noto che l'88% degli arrestati ha subito delle condanne e ha specificato che l'operazione nella regione di Los Angeles aveva come obiettivo "gli individui che pongono una minaccia alla sicurezza nazionale", pur specificando che la sola violazione delle leggi sull'immigrazione potrà portare all'arresto, alla detenzione e all'espulsione dagli Stati Uniti. Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, ha dichiarato che "l'amministrazione dovrebbe concentrarsi su persone che hanno commesso gravi crimini o che pongono una minaccia alla sicurezza nazionale, piuttosto che separare delle famiglie che lavorano duramente".

Pochi giorni dopo il suo ingresso alla Casa Bianca, Trump ha firmato un ordine esecutivo per "togliere i fondi federali alle sanctuary cities", ovvero le città che proteggono gli immigrati irregolari, e "rafforzare i poteri dell'Ice per arrestare, detenere e allontanare gli immigrati irregolari". L'ordine esecutivo è stato sfidato dai sindaci democratici di alcune delle maggiori città statunitensi in tribunale: ad aprile, l'ordine è stato bloccato temporanamente; poi, a novembre, il giudice federale William Orrick lo ha bloccato in modo permanente.



Altri Servizi

Fca: richiama in Usa quasi 900mila vetture, non rispettano standard su emissioni

Epa soddisfatta dell'azione volontaria del gruppo. La mossa segue test condotti dall'azienda e dall'Agenzia per la protezione ambientale. Fca: veicoli sicuri, nessuna multa
FCA

Fiat Chrysler Automobiles ha deciso di richiamare quasi 900mila vetture negli Stati Uniti, per l'esattezza 862.520. La mossa segue test sulle emissioni condotti dall'Agenzia per la protezione ambientale americana (l'Epa) e dall'azienda stessa come richiesto dalla legge. A dare l'annuncio è stata l'Epa, che "dà il benvenuto all'azione di Fiat Chrysler di richiamare volontariemente i suoi veicoli che non rispettano gli standard sulle emissioni Usa".

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

La senatrice Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la propria candidatura alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi del prossimo anno, con un video intitolato "Il coraggioso vince", che parte da un verso dell'inno nazionale (Di' dunque, sventola ancora la nostra bandiera adorna di stelle sulla terra dei liberi e la patria dei coraggiosi?) per affermare che il coraggio degli americani può aiutare il Paese a raggiungere risultati come il sistema sanitario universale, il congedo parentale per tutti e una nuova riforma per l'ambiente. "Abbiamo bisogno di un leader che faccia delle scelte notevoli e coraggiose. Qualcuno che non sia spaventato dal progresso. Ecco perché mi candido alla presidenza".

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Trump propone budget da 4.700 mld di dollari, Congresso pronto a bocciarlo

Chiede 8,6 miliardi aggiuntivi per il muro. A ottobre rischio shutdown

Il presidente americano, Donald Trump, ha presentato una proposta di budget per l'anno fiscale 2020 che vale 4.700 miliardi di dollari ma che rischia già in partenza di creare tensioni al Congresso, che deve approvare la manovra (la prima, firmata Trump, con una Camera controllata dall'opposizione democratica).

Boeing: "piena fiducia" nel 737 Max ma vari Paesi ne impediscono l'uso

Regno Unito, Francia e Germania tra le nazioni che puntano su sicurezza. Romney primo senatore Gop a chiedere lo stop all'uso del jet. L'aviazione civile Usa dalla parte del gruppo. Passeggeri preoccupati. Trump: aerei troppo complessi.

Messo sotto pressione dalle autorità dell'aviazione civile nel mondo, Boeing ha diffuso un comunicato difendendo la sicurezza dei suoi jet 737 Max, nei quali ha "piena fiducia".

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Il presidente della Federcalcio statunitense, Carlos Cordeiro, ha manifestato la propria sorpresa, e quella dell'organizzazione che presiede, nel prendere atto della causa intentata dalle calciatrici della nazionale per discriminazione di genere. Cordeiro ha detto che non aveva mai sentito lamentele sull'accordo collettivo contrattato e firmato tra le due parti due anni fa.

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Parte lunedì il road show di Lyft per la sua Ipo, durante la quale cercherà di raccogliere fino a due miliardi di dollari, per arrivare a una valutazione di oltre 20 miliardi di dollari. Lyft dovrà cercare di convincere gli investitori a preferire la sua Ipo a quella di Uber, che dovrebbe lanciarla il prossimo mese.