Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Cinque giorni di perquisizioni hanno portato all'arresto di 212 immigrati senza documenti che lavoravano in 122 imprese della California del Sud. A gennaio, erano invece stati controllati 77 esercizi commerciali nella parte settentrionale dello Stato. Le operazioni dei federali seguono la controversa 'legge santuario', che limita la cooperazione delle forze dell'ordine locali con quelle federali nel contrasto all'immigrazione irregolare; lo Stato ha inoltre approvato una legge che vieta ai datori di lavoro di fornire volontariamente informazioni sui dipendenti alle autorità di Washington, pena una multa fino a 10.000 dollari. I datori di lavoro con dipendenti irregolari rischiano di essere perseguiti penalmente, se riconosciuti colpevoli di aver dato lavoro consapevolmente a persone irregolari. Per anni, ricorda il Los Angeles Times, la legge federale non ha proibito l'assunzione di persone irregolari; poi, la situazione è cambiata nel 1986, quando il presidente Ronald Reagan ha firmato l'Immigratio Reform ad Control Act, che per la prima volta prevedeva delle multe per i datori di lavoro.

"Sembra essere una battaglia tra la California, come Stato, e il governo federale" ha commentato Angelo Paparelli, avvocato che si occupa di immigrazione, parlando con la Cnbc. L'Ice (United States Immigration and Customs Enforcement), agenzia federale statunitense responsabile del controllo della sicurezza delle frontiere e dell'immigrazione, ha reso noto che l'88% degli arrestati ha subito delle condanne e ha specificato che l'operazione nella regione di Los Angeles aveva come obiettivo "gli individui che pongono una minaccia alla sicurezza nazionale", pur specificando che la sola violazione delle leggi sull'immigrazione potrà portare all'arresto, alla detenzione e all'espulsione dagli Stati Uniti. Il sindaco di Los Angeles, Eric Garcetti, ha dichiarato che "l'amministrazione dovrebbe concentrarsi su persone che hanno commesso gravi crimini o che pongono una minaccia alla sicurezza nazionale, piuttosto che separare delle famiglie che lavorano duramente".

Pochi giorni dopo il suo ingresso alla Casa Bianca, Trump ha firmato un ordine esecutivo per "togliere i fondi federali alle sanctuary cities", ovvero le città che proteggono gli immigrati irregolari, e "rafforzare i poteri dell'Ice per arrestare, detenere e allontanare gli immigrati irregolari". L'ordine esecutivo è stato sfidato dai sindaci democratici di alcune delle maggiori città statunitensi in tribunale: ad aprile, l'ordine è stato bloccato temporanamente; poi, a novembre, il giudice federale William Orrick lo ha bloccato in modo permanente.



Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere