Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Affermando che la responsabilità della situazione è da attribuire a "entrambe le parti", Melania ha dato eco alle dichiarazioni del presidente, che sostiene che la separazione tra genitori e figli sia colpa di una legge scritta dai democratici, che ora dovrebbero collaborare con i repubblicani per trovare una soluzione. In realtà, è la politica della 'tolleranza zero' annunciata in primavera dal segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ad aver provocato la separazione di quasi 2.000 bambini dai genitori in sei settimane.

Ieri, anche l'ex first lady repubblicana Laura Bush ha criticato la situazione, interamente attribuita all'attuale amministrazione, definendola "crudele e immorale" in un op-ed scritto per il Washington Post. La senatrice repubblicana Susan Collins ha criticato, a sua volta, la politica della 'tolleranza zero', affermando alla Cbs che "l'amministrazione ha deciso di separare i bambini dai genitori per cercare di mandare il messaggio che, se attraversate il confine con i vostri bambini, vi saranno tolti". "Questo significa traumatizzare i bambini, che sono vittime innocenti. Ed è contrario ai valori che abbiamo in questo Paese". Collins, insieme al collega Jeff Flake, ha scritto alla segretaria per la Sicurezza nazionale, Kirstjen Nielsen, e al segretario per i Servizi umani, Alex Azar, per avere chiarimenti.

Contrariamente a quello che Donald Trump ha affermato più volte, anche con i suoi tweet, nessuna legge prevede che i bambini siano separati dai genitori al confine. È stato Sessions, decidendo di perseguire penalmente tutti gli adulti irregolari, a creare questa situazione, visto che è proibito detenere dei bambini non accusati di alcun crimine. I bambini, classificati come minori non accompagnati, sono consegnati al dipartimento per la Salute e i Servizi umani e trasferiti in altri centri governativi, o affidati a famiglie statunitensi in attesa della risoluzione dei loro casi. 

Le precedenti amministrazioni, sottolinea il New York Times, sceglievano di non perseguire penalmente gli adulti che viaggiavano con figli minorenni, ma l'amministrazione Trump ha deciso di cambiare politica, sperando di dissuadere i migranti. Persino Stephen Miller, consigliere del presidente, ha ammesso chiaramente con il New York Times: "È stata semplicemente una decisione dell'amministrazione, quella di avere una politica di tolleranza zero per gli immigrati irregolari. Punto". La segretaria per la Sicurezza nazionale, Kirstjen Nielsen, ha invece respinto qualsiasi responsabilità, scrivendo su Twitter che "non abbiamo una politica che prevede di separare le famiglie al confine. Punto". Dal punto di vista tecnico, ha ragione: non è una vera e propria politica messa in piedi dall'amministrazione, quanto il risultato della scelta di accusare penalmente tutti i maggiorenni che attraversano illegalmente il confine; quando succede a un genitore, la divisione dai figli è inevitabile.

L'approccio dell'amministrazione Trump è stato criticato anche da Michael Hayden, direttore della Cia con il presidente George W. Bush. In tutta questa confusione, il più chiaro e sintetico è stato forse il senatore repubblicano Lindsey Graham: "Il presidente Trump può fermare tutto questo con una telefonata".

 

Le stime per i prossimi mesi

Secondo un funzionario statunitense sentito dal Washington Examiner, il numero dei minori separati potrebbe raggiungere le 30.000 unità entro la fine di agosto. Per la fonte, il dipartimento della Salute e dei Servizi umani, che prende in custodia i bambini, sta accogliendo in media 250 minori al giorno e questo ritmo dovrebbe proseguire per i prossimi due mesi. Se la stima dovesse rivelarsi corretta, da ora alla fine di agosto il dipartimento prenderebbe in carica circa 18.500 bambini. Venerdì, lo stesso dipartimento ha fatto sapere di avere già accolto 11.500 bambini separati dai genitori (a causa della nuova politica dell'amministrazione Trump, ndr): questo significa che ci sarebbero 30.000 minori separati dai genitori entro la fine di agosto.

 

I tweet di Trump contro la Germania 

Trump ha difeso la sua 'tolleranza zero' sull'immigrazione irregolare, accusando i democratici e citando come esempio da non seguire quello della Germania e dell'Europa in generale. "La popolazione della Germania si sta rivoltando contro i suoi leader" ha scritto Trump, che su Twitter ha definito "debole" la coalizione a Berlino. "Il crimine in Germania sta aumentando (ma in realtà è ai livelli minimi dal 1992, ndr). Grossi errori sono stati fatti in tutta l'Europa, permettendo a milioni di persone di entrare". "Non vogliamo che ciò che sta accadendo in Europa accada anche da noi!". Poi, l'attacco agli avversari politici negli Stati Uniti: "Perché i democratici non ci danno i voti per mettere a posto le peggiori leggi sull'immigrazione al mondo? Dove sono le proteste per gli omicidi e i crimini causati da gang e criminali, inclusa la MS-13 (una banda centroamericana, ndr), entrati illegalmente nel nostro Paese?".

 

Altri tweet: "I bambini usati dai criminali"

"I bambini vengono usati da alcuni dei peggiori criminali sulla Terra come mezzo per entrare nel nostro Paese. Qualcuno ha visto quanti crimini avvengono a sud del confine? È storico, con alcuni Paesi che sono tra i posti più pericolosi al mondo. Non accadrà negli Stati Uniti". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per difendere la sua 'tolleranza zero' contro i migranti irregolari, che ha portato alla separazione dei bambini dai genitori.

"CAMBIARE LE LEGGI" ha poi scritto, ribadendo in pratica la sua accusa ai democratici per la legge che sarebbe responsabile della separazione tra genitori e figli; in realtà, è colpa della decisione assunta dall'attuale amministrazione. Poi, in un terzo tweet, ha attaccato i democratici, definiti "deboli" e "inefficaci" contro il crimine e per la sicurezza al confine. "Dite loro di cominciare a pensare alle persone devastate dal crimine portato dall'immigrazione illegale. Cambiare le leggi!" ha concluso.

 

L'intervento di Trump

Gli Stati Uniti "non saranno un campo di migranti e non saranno un centro di detenzione per profughi. Un Paese senza confini non è un Paese. Vogliamo un Paese sicuro e si comincia con i confini". A dirlo è stato il presidente Donald Trump, che ha poi commentato la separazione dei bambini dai genitori con cui sono entrati negli Stati Uniti irregolarmente: è "molto triste", ma è colpa dei democratici. "Abbiamo bisogno dei confini, abbiamo bisogno di sicurezza. Dobbiamo occuparci della nostra gente" ha aggiunto, parlando dalla Casa Bianca.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Dan Coats, il direttore dell'intelligence nazionale (Dni) degli Stati Uniti, ha detto che avrebbe preferito che il presidente Donald Trump non avesse incontrato, da solo, l'omologo russo, Vladimir Putin, come avvenuto luned" al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il capo dello spionaggio statunitense ha poi detto di non avere idea di cosa si siano detti i due leader. "Se mi avesse chiesto come fare, gli avrei suggerito un modo diverso" ha detto, intervistato all'Aspen Security Forum, ieri. "Ma non è il mio ruolo, non è il mio lavoro".

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Michael Cohen, ex avvocato di Donald Trump, ha segretamente registrato l'attuale presidente prima delle elezioni del 2016, mentre parlavano del pagamento a un'ex modella di Playboy, Karen McDougal, che sosteneva pubblicamente di aver avuto una relazione con lui. Lo rivela una fonte al New York Times, secondo cui la registrazione sarebbe stata sequestrata dall'Fbi nel raid compiuto recentemente nell'ufficio di Cohen.

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Due settimane prima del suo insediamento alla Casa Bianca, il presidente Donald Trump ha avuto accesso a informazioni segrete dell'intelligence che provavano il coinvolgimento in prima persona di Vladimir Putin nelle ingerenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Lo scrive il New York Times, secondo cui dai documenti emergeva che il presidente russo "ordinò personalmente gli attacchi informatici per influenzare le elezioni americane". Trump si sarebbe "convinto con riluttanza", vedendo i documenti il 6 gennaio dello scorso anno, due settimane prima del giuramento, secondo le fonti presenti all'incontro alla Trump Tower tra l'allora presidente eletto e l'intelligence. Tra le prove mostrate a Trump, c'erano messaggi e e-mail di funzionari dell'intelligence militare russa. Inoltre, c'erano anche informazioni ottenute da una fonte top-secret vicina a Putin, da cui emergeva il piano del Cremlino per influenzare le elezioni.

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.