Nuovo piano bipartisan sull'immigrazione: piacerà a Trump?

Nella loro proposta, McCain e Coons affrontano due dei quattro pilastri elencati dal presidente per una riforma: sarà sufficiente per arrivare finalmente a un risultato?

Due senatori statunitensi hanno presentato un piano bipartisan per l'immigrazione, nella speranza di arrivare a un risultato su due questioni centrali nel dibattito politico sul tema. Il repubblicano John McCain e il democratico Christopher Coons hanno formalmente introdotto una proposta di legge che garantirebbe lo status legale permanente agli immigrati senza documenti, arrivati da bambini e conosciuti come 'Dreamers', e darebbe il via libera al rafforzamento della sicurezza al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. La proposta però non autorizzerebbe immediatamente la spesa di 25 miliardi richiesta dal presidente Donald Trump per il muro con il Paese confinante.

Il piano McCain-Coons garantirebbe la permanenza legale anche degli immigrati arrivati senza permesso dal 2013 in poi, inserendo nella moratoria un numero di persone superiore agli 1,8 milioni che Trump è disposto a proteggere. La proposta bipartisan non affronta invece il problema della migrazione a catena, ovvero della possibilità dei residenti stranieri di sponsorizzare i parenti, e nemmeno quello delle residenze permanenti assegnate tramite la lotteria, due strade per l'ingresso nel Paese che Trump e i repubblicani vorrebbero eliminare.

Secondo Coons, che ha parlato con il Washington Post, la proposta ideata con McCain rappresenta "una nuova e forte partenza" per il dibattito in Senato, nella consapevolezza che è necessario trovare un accordo entro il 5 marzo, come stabilito dalla Casa Bianca sei mesi prima con l'annuncio della fine del programma Daca, creato dal presidente Barack Obama per proteggere gli immigrati arrivati da bambini in modo irregolare; la fine del programma è però stata per ora bloccata da un tribunale.

Un'altra scadenza, ancor più ravvicinata, è fissata all'8 febbraio, giorno entro il quale è necessario un accordo per evitare lo shutdown, ovvero la chiusura delle attività dell'amministrazione federale, già provocato lo scorso mese per lo scontro sull'immigrazione. In una nota, McCain ha detto che il piano affronta "le priorità più urgenti", ovvero la sicurezza ai confini e la regolarizzazione dei Dreamers, in modo che poi il Congresso "possa andare avanti". 

Nel suo discorso alla conferenza annuale del partito repubblicano a White Sulphur Springs, in West Virginia, Trump ha detto la scorsa settimana che "quasi sette americani su dieci sostengono una riforma sull'immigrazione che includa una soluzione permanente sul Daca, il rafforzamento dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena e la cancellazione della terribile lotteria per la Green Card. Questi sono i quattro pilastri del piano della Casa Bianca, che porterà finalmente il nostro sistema sull'immigrazione nel ventunesimo secolo".

Trump ha poi chiesto "che il nostro piano sia la proposta su cui far votare il Senato". Un piano che prevede un percorso verso la cittadinanza per 1,8 milioni di immigrati (tra cui i 690.000 Dreamers) e anche i fondi per la costruzione (o, per meglio dire, per il completamento) del muro al confine con il Messico.

Lo scorso mese, un gruppo bipartisan di senatori statunitensi aveva raggiunto un accordo su una proposta di legge che avrebbe protetto i Dreamers dall'espulsione, respinta duramente da Trump, che nel corso dell'incontro alla Casa Bianca con i proponenti avrebbe anche usato un linguaggio offensivo nei confronti dei Paesi dell'America centrale e dell'Africa.

Sempre a gennaio, lo scontro tra repubblicani e democratici sull'immigrazione ha poi causato lo shutdown, ovvero la chiusura delle attività federali per mancanza di fondi, durato tre giorni. Poi, la promessa dei repubblicani di affrontare la questione dei Dreamers è bastata ai democratici per 'riaprire' l'amministrazione federale. Un nuovo shutdown potrebbe però scattare se un accordo non sarà trovato entro l'8 febbraio.

Altri Servizi

Cooperare o morire. Facebook smentisce minaccia fatta agli editori

A darne notizia è The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch. Il social network non più interessato a inviare traffico ai gruppi media

Facebook ha smentito quando riportato da un sito australiano, secondo cui al Ceo Mark Zuckerberg "non importa" nulla degli editori e che il social network li lascerebbe morire se non cooperano con il gigante tecnologico. Stando alle indiscrezioni del The Australian, parte della galassia di Rupert Murdoch - il manager responsabile delle partnership nel campo dell'informazione (Campbell Brown) avrebbe messo in guardia i gruppi editoriali che non vogliono lavorare con l'azienda californiana. Lo avrebbe fatto la settimana scorsa durante un incontro a Sidney: "Vi terrò per mano mentre il vostro business muore, come si fa in un hospice". Facebook ha reagito dicendo che i commenti "sono stati decontestualizzati".

Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Trump vuole una Space Force, Pence: "Sarà la sesta forza armata Usa"

Il vicepresidente, parlando dal Pentagono: "Non vogliamo essere solo presenti nello spazio, ma dominare"

Anche lo spazio è un campo di battaglia e per questo è il momento di istituire un esercito spaziale statunitense. Lo ha annunciato il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, con un discorso tenuto al Pentagono per presentare il piano fortemente voluto dal presidente Donald Trump.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La Fed avverte Trump: i dazi faranno calare le esportazioni americane

Con essi il presidente Usa vuole ridurre il deficit commerciale della nazione, che però non migliorerà
iStock

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap