Nuovo piano bipartisan sull'immigrazione: piacerà a Trump?

Nella loro proposta, McCain e Coons affrontano due dei quattro pilastri elencati dal presidente per una riforma: sarà sufficiente per arrivare finalmente a un risultato?

Due senatori statunitensi hanno presentato un piano bipartisan per l'immigrazione, nella speranza di arrivare a un risultato su due questioni centrali nel dibattito politico sul tema. Il repubblicano John McCain e il democratico Christopher Coons hanno formalmente introdotto una proposta di legge che garantirebbe lo status legale permanente agli immigrati senza documenti, arrivati da bambini e conosciuti come 'Dreamers', e darebbe il via libera al rafforzamento della sicurezza al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. La proposta però non autorizzerebbe immediatamente la spesa di 25 miliardi richiesta dal presidente Donald Trump per il muro con il Paese confinante.

Il piano McCain-Coons garantirebbe la permanenza legale anche degli immigrati arrivati senza permesso dal 2013 in poi, inserendo nella moratoria un numero di persone superiore agli 1,8 milioni che Trump è disposto a proteggere. La proposta bipartisan non affronta invece il problema della migrazione a catena, ovvero della possibilità dei residenti stranieri di sponsorizzare i parenti, e nemmeno quello delle residenze permanenti assegnate tramite la lotteria, due strade per l'ingresso nel Paese che Trump e i repubblicani vorrebbero eliminare.

Secondo Coons, che ha parlato con il Washington Post, la proposta ideata con McCain rappresenta "una nuova e forte partenza" per il dibattito in Senato, nella consapevolezza che è necessario trovare un accordo entro il 5 marzo, come stabilito dalla Casa Bianca sei mesi prima con l'annuncio della fine del programma Daca, creato dal presidente Barack Obama per proteggere gli immigrati arrivati da bambini in modo irregolare; la fine del programma è però stata per ora bloccata da un tribunale.

Un'altra scadenza, ancor più ravvicinata, è fissata all'8 febbraio, giorno entro il quale è necessario un accordo per evitare lo shutdown, ovvero la chiusura delle attività dell'amministrazione federale, già provocato lo scorso mese per lo scontro sull'immigrazione. In una nota, McCain ha detto che il piano affronta "le priorità più urgenti", ovvero la sicurezza ai confini e la regolarizzazione dei Dreamers, in modo che poi il Congresso "possa andare avanti". 

Nel suo discorso alla conferenza annuale del partito repubblicano a White Sulphur Springs, in West Virginia, Trump ha detto la scorsa settimana che "quasi sette americani su dieci sostengono una riforma sull'immigrazione che includa una soluzione permanente sul Daca, il rafforzamento dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena e la cancellazione della terribile lotteria per la Green Card. Questi sono i quattro pilastri del piano della Casa Bianca, che porterà finalmente il nostro sistema sull'immigrazione nel ventunesimo secolo".

Trump ha poi chiesto "che il nostro piano sia la proposta su cui far votare il Senato". Un piano che prevede un percorso verso la cittadinanza per 1,8 milioni di immigrati (tra cui i 690.000 Dreamers) e anche i fondi per la costruzione (o, per meglio dire, per il completamento) del muro al confine con il Messico.

Lo scorso mese, un gruppo bipartisan di senatori statunitensi aveva raggiunto un accordo su una proposta di legge che avrebbe protetto i Dreamers dall'espulsione, respinta duramente da Trump, che nel corso dell'incontro alla Casa Bianca con i proponenti avrebbe anche usato un linguaggio offensivo nei confronti dei Paesi dell'America centrale e dell'Africa.

Sempre a gennaio, lo scontro tra repubblicani e democratici sull'immigrazione ha poi causato lo shutdown, ovvero la chiusura delle attività federali per mancanza di fondi, durato tre giorni. Poi, la promessa dei repubblicani di affrontare la questione dei Dreamers è bastata ai democratici per 'riaprire' l'amministrazione federale. Un nuovo shutdown potrebbe però scattare se un accordo non sarà trovato entro l'8 febbraio.

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Ford riprende la produzione di pickup F-Series, lo stop peserà su utili Q2

Il gruppo ha confermato le guidance per l'intero esercizio

Ford sta per riprendere prima del previsto la produzione di uno dei suoi veicoli più popolari e redditizi parte della famiglia di pick-up truck F-Series. Lo stop c'era stato dopo un incendio che il 2 maggio aveva colpito un suo fornitore, Meridian Magnesium Products of America con sede in Michigan, causando una carenza di componentistica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock