Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Nel 2017, nelle maggiori 150 città del Paese, sono state costruite 395.775 case, il 46% in più rispetto al 2016, secondo le stime riportate da RealPage, una società che si occupa di software di gestione immobiliare e dati societari. Gli edifici di lusso hanno rappresentato tra il 75 e l'80% dell'offerta presente sul mercato. Secondo Greg Willet, capo economista di RealPage, "è davvero difficile consegnare dei prodotti (case ndr) a prezzi più bassi" considerando "il costo del terreno, dei materiali di costruzione e della manodopera. È praticamente lo stesso, indipendentemente dal prodotto che stai costruendo".

La richiesta di appartamenti di lusso è ancora forte, ma risponde a una scelta arbitraria e non a una necessità. Coloro che vivono in case di lusso non fanno nulla affinché possano sempre permettersi i pagamenti mensili, tutt'altro: spesso affittano anche seconde o terze case.

"Nel nostro portfolio ci sono 70.000 unità abitative, la maggior parte di lusso. Stiamo notando che i nostri affitttuari stanno spendendo per l'affitto un importo relativamente basso rispetto alle loro entrate, nonostante le rendite siano sensibilmente alte" ha commentato alla Cnbc Toby Bozzuto, presidente e Ceo di Bozzuto Group, società americana di sviluppo immobiliare e costruzioni. E ha aggiunto che tendenzialmente chi guadagna di meno e affitta una casa di un valore più basso, tende a spendere di più in rapporto alle proprie entrate, rispetto a una persona più agiata. Dinamiche che spingono Bozzuto a ritenere che stia per arrivare una "profonda crisi".

Secondo un rapporto risalente alla fine del 2017 del Joint Center for Housing Studies di Harvard, nonostante l'aumento dei redditi, quasi la metà (47%) di tutte le famiglie di affittuari (21 milioni) investe più del 30% del proprio reddito nell'affitto di una casa. Di questi, 11 milioni di famiglie destinano più del 50% delle loro entrate.

"Mentre il mercato ha risposto alle esigenze di case in affitto per famiglie a reddito più elevato, ci sono tendenze preoccupanti che suggeriscono una crescente incapacità di fornire alloggi a prezzi accessibili per gli affittuari di classe media e operaia, per non parlare di quelli con redditi molto bassi", ha detto Christopher Herbert, amministratore delegato del centro.

Gli affitti di fascia alta si sono appiattiti nell'ultimo anno e i proprietari stanno iniziando a offrire alcune agevolazioni, come pacchetti con servizi di lusso o affitti gratuiti per un mese. In più secondo Willet in alcune località con affitti di fascia alta sono state registrate "rendite leggermente in calo". Al contrario, il canone mensile delle abitazioni più modeste sta salendo per via della scarsa offerta. Secondo Bozzuto, "gli affitti devono essere alti per sostenere i costi ".

Gli investitori, secondo il numero uno di Bozzuto Group, stanno ora spostando la propria attenzione dagli edifici di lusso alle vecchie "scorte", il ché fa aumentare ancora di più il costo delle locazioni degli attuali inquilini. Ci sono alcuni programmi governativi che offrono incentivi finanziari alle imprese immobiliari per costruire alloggi di fascia medio-bassa, ma non sembrano essere sufficienti.

Queste risorse, secondo Bozzuto, sarebbero "esaurite" e aggiunge: "Molti di noi sono in competizione per quelle risorse già di per sé molto limitate". Il costruttore ha inoltre aggiunto che il mercato del lusso è vicino "all'eccesso di offerta, ma penso che le condizioni macroeconomiche ci stiano trattenendo quest'anno dal costruire ancora". Il motivo? "I costi del terreno" e quelli legati al lavoro "renderanno più difficile costruire nuove case ".

Altri Servizi

Wall Street, occhi su Fomc e Onu

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee, Trump parla all'Assemblea generale
iStock

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Trump attacca l'Opec: "Ci frega"

Il presidente Usa torna ad attaccare il cartello dei paesi produttori di greggio: "Prezzi troppo alti"

Per la seconda volta in cinque giorni, il presidente americano Donald Trump è tornato ad attaccare l'Opec, accusato di "fregare" gli Stati Uniti e il resto del mondo. "Questo non mi piace e non dovrebbe piacere a nessuno", ha affermato il leader Usa suscitando nuovi mugugni nella platea dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, alla quale si è rivolto per la seconda volta da quando ha messo piede alla Casa Bianca nel gennaio 2017.

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema