Impedire alle aziende cinesi di quotarsi in Usa, l'ultima idea di Trump

Allo studio anche il delisting di quelle già quotate. Sell-off per Alibaba, Baidu e Tencent Music

Impedire alle aziende cinesi di quotarsi negli Stati Uniti. Delistare quelle già quotate sugli exchange statunitensi. Limitare gli investimenti fatti dai fondi pensione del governo americano nell'azionario cinese. Sono queste alcune delle mosse allo studio della Casa Bianca di Donald Trump volte a mettere un freno agli investimenti americani nella seconda economia al mondo.

Stando a fonti di Cnbc, le discussioni sulle potenziali limitazioni di cui ha dato notizia per primo Bloomberg sono in una fase preliminare e nulla è stato ancora deciso, tanto meno sulla tempistica di una loro eventuale adozione. Gli investitori hanno comunque reagito male, con il renminbi offshore in netto calo, l'azionario a Wall Street virato in rosso e con titoli di aziende cinesi quotate in Usa oggetto di sell-off. E' il caso del colosso del commercio elettronico Alibaba, della maggiore società cinese di musica in streaming Tencent Music Entertainment Group (-4%), del motore di ricerca Baidu (-4,2%) e del sito di vendite JD.com (-6,5%).

Se adottati, i limiti agli investimenti americani in Cina rappresenterebbero una netta escalation delle tensioni commerciali sull'asse Washington-Pechino. Dopo i prodotti Made in China, l'America di Trump metterebbe nel mirino i flussi di capitali finendo per colpire direttamente gli investitori più delle tariffe doganali fino ad ora imposte sulle importazioni cinesi. I rumor per altro circolano mentre la Cina si prepara a eliminare tetti agli investimenti stranieri in titoli e bond locali. Inoltre, si avvicina il prossimo round di negoziati, che dovrebbe svolgersi a Washington il 10 e 11 ottobre prossimi. Poi il 15 è prevista l'entrata in vigore dell'aumento al 30% dal 25% dei dazi imposti lo scorso anno su 250 miliardi di dollari di import cinese.

Ora non resta che vedere se le presunte limitazioni agli investimenti americani in Cina siano l'ennesima boutade dell'inquilino della Casa Bianca, i cui toni cambiano di giorno in giorno. Nel suo discorso all'Assemblea Generale dell'Onu di martedì scorso, Trump aveva detto che non accetterà mai un accordo "cattivo". Ma nei giorni successivi aveva aggiunto che un'intesa potrebbe esserci prima del previsto.

Ad essere coinvolto negli ipotetici piani della Casa Bianca è il senatore repubblicano Marco Rubio, che in una mossa bipartisan la settimana scorsa ha presentato una proposta di legge in base alla quale, dal 2025, le aziende straniere verranno delistate dagli exchange Usa se non permetteranno ad ispettori americani l'accesso alle loro revisioni contabili.

Altri Servizi

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Wall Street attende le minute della Fed

L'attenzione resta anche sul coronavirus
AP

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale

Michael Bloomberg prepara il suo ingresso ufficiale nelle primarie democratiche statunitensi con un esercito di utenti sui social network, pagato per pubblicare messaggi a suo sostegno e invitare tutte le persone tra i contatti a votare per lui. Si tratta di una nuova tattica elettorale, resa possibile da una disponibilità praticamente illimitata di fondi.

Gli Usa accusano: Deripaska riciclava denaro per conto di Putin

L'oligarca russo colpito dalle sanzioni Usa
Ap

Il dipartimento del Tesoro statunitense sostiene che l'oligarca Oleg Deripaska avrebbe aiutato il presidente russo Vladimir Putin a riciclare denaro. L'accusa è contenuta in una lettera inviata agli avvocati di Deripaska, ottenuta dal Financial Times, in cui le autorità statunitensi hanno spiegato i motivi delle sanzioni contro di lui.

Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

A Wall Street, preoccupazione per la Cina

Il coronavirus sta cominciando a produrre i primi effetti negativi sull'economia globale: Apple non crede di poter rispettare le stime per il fatturato del secondo trimestre
AP

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Usa 2020, Bloomberg presenta un piano finanziario 'progressista'

Vuole una tassa dello 0,1% su tutte le transazioni finanziarie e un team contro i crimini aziendali che persegua non solo le società, ma anche gli individui

Michael Bloomberg ha presentato un ambizioso piano finanziario che include una tassa sulle transazioni finanziarie e maggiori restrizioni sui rischi che possono sostenere le banche. L'ex sindaco di New York, candidato alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi, vuole inoltre creare una squadra all'interno del dipartimento di Giustizia dedicata ai crimini aziendali con l'intento di "incoraggiare non solo i procedimenti contro le aziende, ma anche contro gli individui".

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi

Numerosi razzi sono stati esplosi nella notte tra sabato e domenica vicino all’ambasciata americana situata nella Green Zone di Baghdad, in Iraq. Secondo quanto riferito da fonti diplomatiche statunitensi le deflagrazioni hanno fatto scattare le sirene dell’ambasciata Usa mentre, per il momento, non si hanno notizie di vittime.