L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Martin Shkreli, l'imprenditore farmaceutico considerato come il più odiato d'America, è stato giudicato colpevole di tre degli otto capi di imputazione che pendevano su di lui. E' finito così, dopo un mese di dibattimento e cinque giorni di riunione della giuria, un processo seguito a livello internazionale e che ha visto come protagonista un trentenne irriverente, capace di trasmettere su YouTube per ore la sua vita e diventato tristemente famoso per avere gonfiato i prezzi di medicinali salva-vita.

Sia lui sia la procura hanno cantato vittoria. Il verdetto è "ragionevolmente positivo", ha detto il legale di Shkreli definendosi "contento al 90%". La soddisfazione nasce dal fatto che i capi di imputazione più gravi sono decaduti: la giuria ha per esempio deciso che non ha rubado denaro alla sua stessa azienda per pagare gli investitori. E' stato invece giudicato colpevole di avere commesso frodi finanziarie per cui rischia 20 anni di carcere (ma lui spera di trascorrere dietro le spalle molto meno).

Il diretto interessato ha detto che quella contro di lui è stata una "caccia alle streghe di proporzioni epiche". Shkreli ha spiegato come sia stato preoccupante il modo in cui il governo gli è stato addosso con le sue accuse. Mentre lui lasciava sorridente l'aula del tribunale di Brooklyn dove è arrivata la decisione, un rappresentante della Giustizia Usa si è detta "grata" dell'attenzione prestata dalla giuria e ha dichiarato che "giustizia è stata fatta".

Shkreli, oggi 34 anni, aveva fondato un hedge fund quando aveva una ventina di anni tanto da essere finito nella classifica di Forbes dedicata ai 30 giovani promettenti con un'età inferiore ai 30 anni. Allora considerato un investitore accorto e un provocatore trasformatosi in un'attivista, Shkreli è diventato in un decennio l'imprenditore farmaceutico più odiato d'America e dalla Giustizia e dalla Securities and Exchange Commission. L'Fbi lo aveva arrestato a Manhattan, New York, nel dicembre 2015 accusandolo di frodi finanziarie (confermate dalla giuria) condotte quando gestiva i suoi ormai defunti hedge fund MSMB Capital Management e MSBM Healthcare Management e quando era al vertice del gruppo farmaceutico Retrophin quotato sul Nasdaq e a sua volta da lui fondato.

Se per la procura i fatti risalenti al 2009-2011 non hanno fatto altro che mostrare quello che Shkreli è, "un truffatote che ha rubato milioni di dollari", per il suo avvocato di alto profilo "sulla carta, [quanto fatto] non sembra grandioso" ma non ci sono state vittime (la tesi è che gli investitori sono stati rimborsati o hanno registrato guadagni)

Se non fosse per le sue dichiarazioni al vetriolo sui social media e se non fosse soprattutto per le sue azioni da top manager di gruppi farmaceutici, il caso non avrebbe creato tanto clamore. Nel 2015 Shkreli decise di alzare di oltre il 5.000% il prezzo di un farmaco, Daraprim, acquisito dall'azienda dove era passato, la Turing Pharmaceuticals. Così facendo, dal giorno alla notte, lasciò molti pazienti colpiti da cancro o Aids senza l'accesso tanto necessario alla medicina che combatte infezioni. Il tema dei prezzi alle stelle dei farmaci finì così nel dibattito della campagna elettorale poi vinta da Donald Trump, da lui spesso citato. Ora si aspetta la sentenza, la cui data non è ancora stata fissata.

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga Donald Trump Vs Hillary Clinton sulle presunte ingerenze russe nella campagna elettorale del 2016. Secondo l’ex candidata democratica non ci sono dubbi sulla questione: "È stato un enorme cyber attacco al nostro sistema elettorale, e ha avuto successo". La Clinton, intervenuta sabato pomeriggio all’OzyFest, un festival di incontri e di musica a Central Park, lo definisce ancora. "Un attacco al cuore della nostra democrazia. Il grande mistero è perché il nostro presidente non abbia parlato (nel meeting di Helsinki con Putin, ndr) in favore del suo Paese".

Wall Street: continuano le tensioni commerciali. Focus su Fca

Titolo del gruppo auto sotto pressione dopo il cambio ai vertici dovuto a gravi problemi di salute che hanno colpito Marchionne
AP

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Il Pentagono ha annunciato che fornirà 200 milioni di dollari in aiuti per la sicurezza all'Ucraina. Il finanziamento è già stato approvato e coincide con una serie di riforme approvate da Kiev per rendere più moderna la difesa. La decisione di Washington irriterà la Russia, che pochi giorni fa aveva dichiarato di essere pronta a lavorare con il dipartimento della Difesa statunitense su una serie di tematiche sulla sicurezza, dopo il vertice tra i presidenti Donald Trump e Vladimir Putin.

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi