L'imprenditore pharma più odiato d'America colpevole di frodi

Lo ha deciso una giuria chiudendo un caso seguito su scala internazionale. Il 34enne Martin Shkreli canta vittoria: colpevole di tre degli otto capi di imputazione. Ma rischia 20 anni di carcere

Martin Shkreli, l'imprenditore farmaceutico considerato come il più odiato d'America, è stato giudicato colpevole di tre degli otto capi di imputazione che pendevano su di lui. E' finito così, dopo un mese di dibattimento e cinque giorni di riunione della giuria, un processo seguito a livello internazionale e che ha visto come protagonista un trentenne irriverente, capace di trasmettere su YouTube per ore la sua vita e diventato tristemente famoso per avere gonfiato i prezzi di medicinali salva-vita.

Sia lui sia la procura hanno cantato vittoria. Il verdetto è "ragionevolmente positivo", ha detto il legale di Shkreli definendosi "contento al 90%". La soddisfazione nasce dal fatto che i capi di imputazione più gravi sono decaduti: la giuria ha per esempio deciso che non ha rubado denaro alla sua stessa azienda per pagare gli investitori. E' stato invece giudicato colpevole di avere commesso frodi finanziarie per cui rischia 20 anni di carcere (ma lui spera di trascorrere dietro le spalle molto meno).

Il diretto interessato ha detto che quella contro di lui è stata una "caccia alle streghe di proporzioni epiche". Shkreli ha spiegato come sia stato preoccupante il modo in cui il governo gli è stato addosso con le sue accuse. Mentre lui lasciava sorridente l'aula del tribunale di Brooklyn dove è arrivata la decisione, un rappresentante della Giustizia Usa si è detta "grata" dell'attenzione prestata dalla giuria e ha dichiarato che "giustizia è stata fatta".

Shkreli, oggi 34 anni, aveva fondato un hedge fund quando aveva una ventina di anni tanto da essere finito nella classifica di Forbes dedicata ai 30 giovani promettenti con un'età inferiore ai 30 anni. Allora considerato un investitore accorto e un provocatore trasformatosi in un'attivista, Shkreli è diventato in un decennio l'imprenditore farmaceutico più odiato d'America e dalla Giustizia e dalla Securities and Exchange Commission. L'Fbi lo aveva arrestato a Manhattan, New York, nel dicembre 2015 accusandolo di frodi finanziarie (confermate dalla giuria) condotte quando gestiva i suoi ormai defunti hedge fund MSMB Capital Management e MSBM Healthcare Management e quando era al vertice del gruppo farmaceutico Retrophin quotato sul Nasdaq e a sua volta da lui fondato.

Se per la procura i fatti risalenti al 2009-2011 non hanno fatto altro che mostrare quello che Shkreli è, "un truffatote che ha rubato milioni di dollari", per il suo avvocato di alto profilo "sulla carta, [quanto fatto] non sembra grandioso" ma non ci sono state vittime (la tesi è che gli investitori sono stati rimborsati o hanno registrato guadagni)

Se non fosse per le sue dichiarazioni al vetriolo sui social media e se non fosse soprattutto per le sue azioni da top manager di gruppi farmaceutici, il caso non avrebbe creato tanto clamore. Nel 2015 Shkreli decise di alzare di oltre il 5.000% il prezzo di un farmaco, Daraprim, acquisito dall'azienda dove era passato, la Turing Pharmaceuticals. Così facendo, dal giorno alla notte, lasciò molti pazienti colpiti da cancro o Aids senza l'accesso tanto necessario alla medicina che combatte infezioni. Il tema dei prezzi alle stelle dei farmaci finì così nel dibattito della campagna elettorale poi vinta da Donald Trump, da lui spesso citato. Ora si aspetta la sentenza, la cui data non è ancora stata fissata.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan