In lettera a Trump, 107 deputati repubblicani chiedono dazi "su misura"

I legislatori hanno avanzato al presidente Usa quattro richieste.

Poco meno della metà dei deputati repubblicani al Congresso Usa ha scritto e inviato una lettera al presidente americano criticandone la volontà di imporre dazi generalizzati sull'alluminio e sull'acciaio in arrivo negli Stati Uniti. Il loro obiettivo è evitare "conseguenze negative e indesiderate sull'economia americana e sui suoi lavoratori". Per questo chiedono un approccio "su misura" dicendo di condividere con Trump la determinazione a volere risolvere le distorsioni causate dalle pratiche "ingiuste" della Cina.

Alla vigilia dell'annuncio formale da parte di Donald Trump delle tariffe controverse e consapevoli che il leader Usa non cambierà idea, i 107 legislatori parte del Gop si dicono pronti a lavorare con il governo e i partner commerciali degli Stati Uniti su "azioni significative ed efficaci".

I deputati del Gop hanno spiegato all'inquilino della Casa Bianca che se le tariffe verranno imposte, "elementi chiave saranno necessari per minimizzarne le conseguenze negative". Le loro richieste sono quattro. Innanzitutto vogliono che a essere esentati dai dazi siano i prodotti scambiati in modo equo e quelli che non pongono rischi alla sicurezza nazionale americana. Inoltre, desiderano che qualsiasi processo di esenzione sia annunciato sin dall'inizio in modo da permettere alle aziende Usa di chiedere e ottenere velocemente un accesso duty-free alle importazioni che non sono disponibili da fonti americane. Nella lettera viene fatta una terza richiesta: i contratti esistenti per l'acquisto di alluminio o acciaio siano esentati per evitare di rivoluzionare le attività e le finanze di progetti già in corso e per i quali sono già state stanziate risorse determinate. La quarta e ultima richiesta prevede che i rimedi proposti "siano analizzati nel breve termine per determinare se un approccio differente potrebbe meglio servire gli interessi dei nostri lavoratori, consumatori e creatori di occupazione americani".

Nella lettera - firmata anche da Kevin Brady, presidente della commissione Ways & Means della Camera - i legislatori hanno espresso "preoccupazioni profonde". "Siccome le tariffe sono tasse che rendono le aziende Usa meno competitive e i consumatori Usa più poveri, qualsiasi tariffa imposta dovrebbe essere pensata per risolvere disorsioni specifiche causate da pratiche commerciali ingiuste in modo targettizzato minimizzando le conseguenze negative su consumatori e aziende americane", recita la missiva. Secondo i firmatari, dazi "generalizzati" metterebbero a repentaglio "i progressi notevoli" fatti attuando la riforma fiscale per la quale si sono detti "priviligiati" di avere lavorato con Trump e la sua squadra di governo.

Ora non resta che aspettare se - come segnalato dalla portavoce della Casa Bianca - Canada, Messico e altri Paesi verrano esentati dai dazi per ragioni di sicurezza nazionale. Alla fine della giornata odierna si spera ci sia più chiarezza.

Altri Servizi

Wall Street attende il summit Trump-Kim

Venerdì, si è conclusa la migliore settimana da marzo
iStock

Pompeo: "Ansiosi di vedere se la Nordcorea è sincera sulla denuclearizzazione"

Il segretario di Stato Usa ha parlato alla vigilia dello storico incontro tra il presidente Trump e il leader Kim
Ap

"Questa è veramente una missione di pace. La Corea del Nord ci ha precedentemente confermato la sua volontà di procedere con la denuclearizzazione e noi siamo ansiosi di vedere se quelle parole sono sincere". A dirlo è stato il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, durante la conferenza stampa organizzata a Singapore, alla vigilia dell'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e il leader nordcoreano, Kim Jong Un. "Il fatto che i nostri due leader si siederanno faccia a faccia segnala un potenziale enorme per raggiungere qualcosa di cui beneficeranno le nostre popolazioni e il mondo intero" ha aggiunto Pompeo.

Papa Francesco alle compagnie petrolifere: "Il mondo deve convertirsi all'energia pulita"

Incontro in Vaticano con i manager di alcuni colossi del settore, tra cui la statunitense Exxon, spesso criticata dagli ambientalisti. Il pontefice: "Rispettate l'accordo di Parigi"

Il mondo deve convertirsi all'energia pulita. È l'appello lanciato da papa Francesco in Vaticano, alla fine di una conferenza di due giorni a cui hanno partecipato i manager dei principali gruppi petroliferi. "La civiltà richiede energia, ma l'uso di energia non deve distruggere la civiltà", è stato il suo messaggio, sottolineando la necessità di rispettare l'ambiente e le condizioni di vita delle persone.

AP

"Gli attivisti per definizione hanno una visione di breve termine ma molte delle cose in cui siamo coinvolti non sono soluzioni di breve termine, al contrario di quanto si pensi". Lo ha detto Paul Singer, l'investitore attivista a capo di Elliott e particolarmente dinamico in Europa (Italia inclusa).

Wall Street teme tensioni commerciali al G-7

Oggi e domani il summit in Canada
iStock
AP

Le due più grandi comunità ebraiche al mondo sono profondamente divise. Tra gli ebrei americani e gli israeliani c'è un divario, specialmente in relazione al presidente americano Donald Trump. E' quanto emerso da un sondaggio dell'American Jewish Committee (AJC).

La Cina tende la mano agli Usa, il Messico annuncia dazi

Pechino pronta ad aumentare gli acquisti di prodotti agricoli ed energetici americani a patto che Trump non imponga tariffe. La nazione dell'America centrale reagisce ai dazi fatti scattare da Washington su acciaio e alluminio
AP

Mentre la Cina ha teso la mano agli Usa, il Messico ha preso contromisure contro la prima economia al mondo.

Trump conclude il G-7: "Voglio un commercio senza dazi, senza barriere, senza sussidi"

Il presidente Usa ha parlato di summit di "enorme successo", ribadendo che gli altri "hanno approfittato di noi per decenni, ma quei giorni sono finiti". Poi ribadisce: "Meglio tornare al G-8, con la Russia". "Ora vado in missione di pace" da Kim
Ap

"Abbiamo concluso un G-7 davvero di enorme successo" e le discussioni sul commercio sono state "estremamente produttive". Queste le parole del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, a conclusione del (suo) summit del G-7 in Canada, che lascia in anticipo per la sua "missione di pace" a Singapore, dove il 12 giugno incontrerà il leader nordcoreano Kim Jong Un: "un'occasione irripetibile, credo che andrà molto bene". "Le nazioni del G-7 sono unite da valori e convinzioni condivisi, siamo uniti nel grande sforzo di creare un mondo più giusto, pacifico e prospero".

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Dalla Puglia al Diamond district di New York. L'arte del gioiello secondo Sara Greco

La designer 35enne racconta la sua avventura professionale
Sara Greco

Dalla Puglia al Diamond district a Manhattan. Sara Greco, 35enne designer di gioielli ha scelto New York per concretizzare una passione coltivata sin da adolescente nei laboratori di provincia intorno a Lecce, da dove viene. Con una velocità tipica della città che non dorme mai, Greco si è adattata all'arte americana del gioiello per promuovere il suo motto: “Arte Sensibile. Perfezione Irregolare”.