In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Solo un mese dopo la sua "visione focalizzata sulla protezione della privacy", espressa da Zuckerberg in un post di 3.000 parole apparso sul social network da lui fondato, i suoi avvocati hanno spiegato a un giudice della California che la privacy su Facebook non esiste.

In aula, secondo quanto scritto da Law360 e poi riportato da The Intercept in base alle trascrizioni, gli avvocati di Facebook hanno affermato che le accuse di invasione della privacy degli utenti che hanno fatto causa, perché i loro dati personali sul social network sono stati forniti senza il loro consenso alla società Cambridge Analytica e successivamente ai consiglieri della campagna elettorale di Donald Trump, sono "nulle" perché gli utenti di Facebook non hanno alcuna aspettativa sulla difesa della privacy sul social network. Il semplice atto di usare Facebook, ha detto l'avvocato Orin Snyder - secondo la trascrizione del suo discorso - nega qualsiasi aspettativa di riservatezza degli utenti: "Non c'è nessun interesse alla privacy, perché la condivisione su un social network, con centinaia di persone, di informazioni private, nega qualsiasi ragionevole aspettativa di privacy". Una parte terza non può violare quello che tu stesso hai distrutto, è la linea difensiva di Facebook.

Il giudice non è sembrato convinto dalla difesa e ha respinto l'idea di rappresentare il trattamento della privacy come binario: "Se condivido delle informazioni con 10 persone, questo non elimina le mie aspettative di privacy. Le potrebbe diminuire, ma non le elimina. Se condivido qualcosa con dieci persone credendo che l'entità che mi sta aiutando a condividerla non la diffonderà a migliaia di società, non capisco perché non dovrei avere delle aspettative, e perché [la diffusione a terzi] non sia una violazione della mia aspettativa di privacy".

La difesa di Facebook, però, ha continuato a procedere sullo stesso binario. "Se vuoi davvero che qualcosa resti privato, usa Facebook come archivio, impostalo come visibile solo a te". "L'intera premessa di Facebook e dei social media è di rendere non privato quello che ti piace, quello che non ti piace, quello che pensi. Se pubblico una foto è per dirlo alle persone, non per tenerlo privato". Una difesa, quella di Facebook, quantomeno strana, visto che il social network ha pubblicato un regolamento piuttosto dettagliato sulla privacy, dove c'è scritto, per esempio: "Ti diamo il controllo della tua privacy". Parole che contrastano, e sanno di beffa, rispetto a quelle di Snyder, in aula: "Una volta che condividi le informazioni, ne perdi il controllo".

Altri Servizi

Fmi: scelta per la Bce, Lagarde dà dimissioni, al via ricerca successore

Il d.g. ad interim resta per il momento David Lipton
World Bank

L'era Christine Lagarde al Fondo monetario internazionale è ufficialmente finita. L'ex ministro francese delle Finanze ha dato le sue dimissioni definitive dall'istituto di Washington che guidava dal 2011 e che lascerà il prossimo 12 settembre.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Trump ancora contro 4 deputate Usa, dopo il precedente attacco razzista

Ieri, il presidente aveva invitato le quattro parlamentari a tornare "da dove vengono"
Ap

Nessun passo indietro, anzi: il presidente statunitense Donald Trump, come nel suo stile, ha rilanciato i suoi attacchi contro quattro deputate, espressione di una società multietnica, invitate ieri "a tornare nei loro Paesi d'origine"; la loro colpa è quella di aver denunciato le pessime condizioni nei centri di detenzione per migranti che si trovano al confine con il Messico e di essere tra le voci più critiche nei confronti del presidente e degli alleati israeliani.

Caso scarpe con bandiera schiavista, Nike costruirà fabbrica in Arizona

Il governatore dello Stato ha negato incentivi fiscali dopo lo stop alla vendita delle calzature ritenute offensive
AP

Nike costruirà la fabbrica che aveva promesso in Arizona, con cui creerà 500 posti di lavoro a tempo pieno e investimenti per almeno 184 milioni di dollari. E questo nonostante la minaccia del governatore dello stato di cancellare incentivi fiscali pari a un miliardo di dollari.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Google ascolta le conversazioni tra utenti e la sua assistente vocale

Scoop di una TV belga. Il gruppo si difende: ascoltato solo lo 0,2% dei "frammenti audio". Cosa "necessaria per sviluppare la tecnologia legata al linguaggio e per creare prodotti come Google Assistant"

Alphabet arruola persone nel mondo per ascoltare alcune delle conversazioni che la gente ha con l'assistente vocale del gruppo, disponibile sulle casse Google Home e sui dispositivi dotati di sistema operativo Android. Lo ha ammesso il gruppo stesso in un blog post dopo le indiscrezioni della televisione pubblica belga VRT NWS, secondo cui quanto ascoltato potrebbe violare la privacy delle persone, di cui si potrebbero venire a sapere nomi e indirizzi. L'emittente ha anche detto che in alcuni casi Google registra la voce degli utenti anche quando non utilizzano la Google Assistant.

Geraci al governo Trump: i dazi Usa per punire Airbus colpiscono l'Italia

Impatto potenziale su 4,3 miliardi di euro l'anno, pari al 10% dell'export italiano. L'amministrazione "rivedrà i suoi numeri". Il sottosegretario in quota Lega: non si è parlato di presunti fondi russi a Salvini
A24

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell'ambito della lunga battaglia legata ai sussidi tra il gruppo americano Boeing e l'arcirivale europeo Airbus finiscono per penalizzare l'Italia. Parola del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Michele Geraci.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Wall Street, altra giornata di trimestrali

Analisti preoccupati dalle nuove accuse di Trump alla Cina
AP