Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Breanna Stewart, ex stella di pallacanestro delle Connecticut Huskies, la squadra dell'Università del Connecticut, con cui lo scorso aprile ha vinto il quarto titolo consecutivo Ncaa, si è unita alla protesta all'aeroporto di Los Angeles contro il divieto di ingresso nel Paese per i rifugiati e i cittadini di sette Paesi musulmani voluto da Trump, poi bocciato in tribunale. Sei membri dei New England Patriots, che hanno appena vinto il campionato di football americano (Nfl), hanno già detto che non parteciperanno al tradizionale incontro alla Casa Bianca, che non è stato ancora messo in agenda.

Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa, un'impresa senza precedenti, e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere da quando la sua squadra ha cominciato a vincere titoli nel 1995, durante il primo mandato alla Casa Bianca di Bill Clinton: qualche componente delle Huskies si rifiuterebbe di incontrare il presidente, nel caso la squadra dovesse vincere il suo dodicesimo titolo?

"Il fatto che, per tutti gli undici campionati vinti, nessuno mi avesse posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, ha detto Auriemma al New York Times. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'avessero mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale".

UConn ha vinto 100 partite consecutive dal 2014 ed è ancora la favorita per il prossimo titolo; per questo, giocatrici, allenatori e manager stanno già discutendo la possibilità di non celebrare l'eventuale vittoria alla Casa Bianca. Prima ancora che vincesse Trump, le giocatrici dicevano tra loro, scherzando: "Non andremo, se vincerà lui" ha raccontato Napheesa Collier, giocatrice delle Huskies. "Ora che è successo, se vinceremo, non so cosa farà ognuna di noi". La squadra, secondo Stewart e un'altra ex giocatrice, Maya Moore, prenderà una decisione collettiva. Gabba Williams, attuale giocatrice, la pensa allo stesso modo: "È quello che abbiamo costruito qui. Qualsiasi cosa faremo, sarà il frutto di una decisione collettiva".

Per Auriemma, il dilemma è conciliare il rispetto per il ruolo del presidente e la possibilità che alcune giocatrici possano non voler incontrare Trump, sentendo di non essere le benvenute per le posizioni espresse dal miliardario su donne, minoranze, musulmani e immigrati. "Se saremo abbastanza fortunati da vincere e le giocatrici verranno a dire 'Sentite, io non vengo', si tratterebbe di qualcosa con cui non abbiamo mai avuto a che fare prima". "Cosa fare come coach?" si è chiesto Auriemma. "Siamo in un mondo che pochi avrebbero immaginato cinque anni fa". "Non so cosa farei - ha aggiunto - è una bella domanda".

Non c'è nemmeno fretta di rispondere, nessuna necessità di attraversare il punto di non ritorno. "Non oltrepasserò il Rubicone. Quello era Giulio Cesare. Una volta che il tuo esercito ha oltrepassato quel fiume, sei un nemico dello Stato" ha detto l'allenatore, nato nel 1954 a Montella, in provincia di Avellino, ed emigrato con la famiglia in Pennsylvania quando aveva sette anni.

Auriemma non è un sostenitore di Trump e lo ha reso chiaro a tutti la scorsa estate, durante le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Alla domanda se il dominio degli Stati Uniti fosse positivo per il basket femminile (la nazionale ha vinto il sesto oro olimpico consecutivo), ha risposto ai giornalisti: "Viviamo in un'era trumpiana dove va bene essere sessisti e umiliare le persone brave, solo perché sono del sesso opposto". Mesi dopo, ha espresso il suo choc per l'elezione di Trump alla Casa Bianca.

Rinunciare a incontrare il presidente degli Stati Uniti, a prescindere dalle politiche che attua, non è una decisione da prendere a cuor leggero, ha spiegato Auriemma. "Per farlo, devi avere delle convinzioni personali molto forti e noi abbiamo alcune giocatrici molto attive sui temi sociali", vista anche la presenza di giocatrici di origini etniche e culturali diverse. Ma Auriemma è il rappresentante più conosciuto della principale università pubblica del Connecticut e ha vissuto la tradizione storia di successo di un immigrato, diventando ricco e famoso, e anche questo avrà un peso nella decisione. Ha parlato con reverenza della presidenza degli Stati Uniti, definita un simbolo senza eguali per il Paese; saranno le politiche di Trump e il parquet di basket a decidere se Auriemma e UConn andranno alla Casa Bianca, ancora una volta.

Altri Servizi

"Hawaii sotto attacco missilistico. Cercate riparo". Il falso allarme scatena il caos nelle isole

Le "Hawaii sono sotto attacco missilistico. Cercate riparo immediato. Questa non è un'esercitazione". Questo messaggio è comparso sui cellulari degli americani, facendo immediatamente scattare l'allarme. Era un falso allarme

Banca centrale indonesiana contro bitcoin: rischio per la stabilità del sistema

L'istituto centrale già in passato non aveva riconosciuto le valute digitali come strumento legale di scambio, impedendo di fatto che potessero essere usate come forma di pagamento nel Paese asiatico.

Wsj accusa: 130.000 dollari a pornostar per silenzio su rapporti sessuali con Trump

Uno dei legali del presidente avrebbe predisposto il pagamento a Stephanie Clifford, il cui nome d'arte è Stormy Daniels. Si sarebbero conosciuti nel 2006, quando Trump era già sposato con Melania. La Casa Bianca smentisce.
AP

Trump gode di una salute eccellente (ma fa poco sport)

Lo ha fatto sapere la Casa Bianca, commentando il check up annuale a cui il presidente americano si è sottoposto all'ospedale militare Walter Reed.
AP

Troppi estremisti sui social: Facebook e Google al Senato Usa per spiegare cosa faranno

Nonostante le promesse e gli sforzi degli ultimi anni, sembra infatti che i colossi non riescano a eliminare queste posizioni radicali e radicalizzate dai loro siti.
iStock

Italia, Dbrs avverte: stabilità prossimo governo a rischio, non escluse nuove elezioni

L'agenzia canadese conferma il rating BBB (High) e l'outlook stabile. La ripresa continua. Debito pubblico e Npl ancora alti. Dalla chiamata alle urne del 4 marzo non si aspetta un vincitore. Ipotizza coalizione guidata da M5S

Usa: inflazione rafforzata a fine 2017, Fed verso rialzo tassi a marzo

Il rendimento del Treausry a due anni sopra il 2%, prima volta dal 2008. La banca centrale americana sarà più "falco" che "colomba"?

Trump lascia intatto (per ora) l'accordo sul nucleare, ultimatum ai partner Ue

Il presidente ha mantenuto il congelamento di sanzioni legate alla storica intesa raggiunta nel 2015 da Teheran e le principali potenze mondiali. Bruxelles ha 120 giorni per modificarla. Sanzionato capo magistratura iraniana

Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

Facebook annuncia cambiamenti al News Feed. Titolo giù del 5%

Più storie di amici e meno aziende e notizie. E si teme per la macchina pubblicitaria del colosso