Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Breanna Stewart, ex stella di pallacanestro delle Connecticut Huskies, la squadra dell'Università del Connecticut, con cui lo scorso aprile ha vinto il quarto titolo consecutivo Ncaa, si è unita alla protesta all'aeroporto di Los Angeles contro il divieto di ingresso nel Paese per i rifugiati e i cittadini di sette Paesi musulmani voluto da Trump, poi bocciato in tribunale. Sei membri dei New England Patriots, che hanno appena vinto il campionato di football americano (Nfl), hanno già detto che non parteciperanno al tradizionale incontro alla Casa Bianca, che non è stato ancora messo in agenda.

Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa, un'impresa senza precedenti, e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere da quando la sua squadra ha cominciato a vincere titoli nel 1995, durante il primo mandato alla Casa Bianca di Bill Clinton: qualche componente delle Huskies si rifiuterebbe di incontrare il presidente, nel caso la squadra dovesse vincere il suo dodicesimo titolo?

"Il fatto che, per tutti gli undici campionati vinti, nessuno mi abbia posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, ha detto Auriemma al New York Times. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'abbiano mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale".

UConn ha vinto 100 partite consecutive dal 2014 ed è ancora la favorita per il prossimo titolo; per questo, giocatrici, allenatori e manager stanno già discutendo la possibilità di non celebrare l'eventuale vittoria alla Casa Bianca. Prima ancora che vincesse Trump, le giocatrici dicevano tra loro, scherzando: "Non andremo, se vincerà lui" ha raccontato Napheesa Collier, giocatrice delle Huskies. "Ora che è successo, se vinceremo, non so cosa farà ognuna di noi". La squadra, secondo Stewart e un'altra ex giocatrice, Maya Moore, prenderà una decisione collettiva. Gabba Williams, attuale giocatrice, la pensa allo stesso modo: "È quello che abbiamo costruito qui. Qualsiasi cosa faremo, sarà il frutto di una decisione collettiva".

Per Auriemma, il dilemma è conciliare il rispetto per il ruolo del presidente e la possibilità che alcune giocatrici possano non voler incontrare Trump, sentendo di non essere le benvenute per le posizioni espresse dal miliardario su donne, minoranze, musulmani e immigrati. "Se saremo abbastanza fortunati da vincere e le giocatrici verranno a dire 'Sentite, io non vengo', si tratterebbe di qualcosa con cui non abbiamo mai avuto a che fare prima". "Cosa fare come coach?" si è chiesto Auriemma. "Siamo in un mondo che pochi avrebbero immaginato cinque anni fa". "Non so cosa farei - ha aggiunto - è una bella domanda".

Non c'è nemmeno fretta di rispondere, nessuna necessità di attraversare il punto di non ritorno. "Non oltrepasserò il Rubicone. Quello era Giulio Cesare. Una volta che il tuo esercito ha oltrepassato quel fiume, sei un nemico dello Stato" ha detto l'allenatore, nato nel 1954 a Montella, in provincia di Avellino, ed emigrato con la famiglia in Pennsylvania quando aveva sette anni.

Auriemma non è un sostenitore di Trump e lo ha reso chiaro a tutti la scorsa estate, durante le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Alla domanda se il dominio degli Stati Uniti fosse positivo per il basket femminile (la nazionale ha vinto il sesto oro olimpico consecutivo), ha risposto ai giornalisti: "Viviamo in un'era trumpiana dove va bene essere sessisti e umiliare le persone brave, solo perché sono del sesso opposto". Mesi dopo, ha espresso il suo choc per l'elezione di Trump alla Casa Bianca.

Rinunciare a incontrare il presidente degli Stati Uniti, a prescindere dalle politiche che attua, non è una decisione da prendere a cuor leggero, ha spiegato Auriemma. "Per farlo, devi avere delle convinzioni personali molto forti e noi abbiamo alcune giocatrici molto attive sui temi sociali", vista anche la presenza di giocatrici di origini etniche e culturali diverse. Ma Auriemma è il rappresentante più conosciuto della principale università pubblica del Connecticut e ha vissuto la tradizione storia di successo di un immigrato, diventando ricco e famoso, e anche questo avrà un peso nella decisione. Ha parlato con reverenza della presidenza degli Stati Uniti, definita un simbolo senza eguali per il Paese; saranno le politiche di Trump e il parquet di basket a decidere se Auriemma e UConn andranno alla Casa Bianca, ancora una volta.

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

Candidato repubblicano alla Camera incriminato per aver aggredito un reporter

Greg Gianforte, favorito per il seggio lasciato libero dal segretario degli Interni, Ryan Zinke, non ha gradito l'insistenza di un giornalista del Guardian nel chiedere un commento sulla riforma sanitaria del Gop

Greg Gianforte, candidato repubblicano per la Camera statunitense alle elezioni speciali previste oggi in Montana, è stato formalmente accusato di aver aggredito un giornalista del Guardian, Ben Jacobs. Secondo la registrazione dell’accaduto, diffusa dal giornalista, e secondo i racconti di altri giornalisti presenti, Gianforte avrebbe preso il giornalista per il collo con entrambe le mani e lo avrebbe sbattuto a terra.

Trump vuole portare il caso 'muslim ban' alla Corte Suprema

Lo ha detto il segretario alla Giustizia dopo che una corte di appello ha confermato lo stop al divieto di ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane
AP

L'amministrazione Trump intende portare fino alla Corte Suprema il caso "muslim ban". Lo ha detto il segretario americano alla Giustizia, Jeff Sessions, nel giorno in cui il divieto di ingresso in Usa da parte di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane è rimasto congelato su volere del quarto circuito della Corte d'Appello.

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Meno aiuti ai poveri, più soldi alla Difesa: il budget di Trump

L'amministrazione statunitense ha presentato il suo piano, con tagli pari a 3.600 miliardi in dieci anni. Ma le sue proposte, in Congresso, hanno pochi estimatori

L'amministrazione Trump ha presentato la sua prima proposta di budget completa, che prevede profondi tagli agli aiuti ai poveri e maggiori fondi per la Difesa. Si tratta di un piano, sottolinea Bloomberg, che ridurrà drammaticamente il ruolo del governo nella società, colpendo duramente molti dei sostenitori rurali e a basso reddito che hanno portato Trump alla Casa Bianca, oltre alle comunità agricole e ai quartieri poveri delle città. Gli elettori a cui Trump ha chiesto, in campagna elettorale, cosa avessero da perdere, votandolo, possono trovare una risposta nei tagli alla spesa da 3.600 miliardi in dieci anni richiesti oggi, che includono pesanti riduzioni ai programmi di assistenza ai poveri, dal Medicaid ai buoni alimentari. Anche per questo, il piano di Trump non avrà molti sostenitori in Congresso, nemmeno tra i repubblicani.

Fca: caso emissioni, non siamo come Volkswagen

I legali del gruppo in un tribunale di San Francisco per contenziosi con privati riguardanti gli stessi veicoli presi di mira dal dipartimento di Giustizia. C'è soluzione rapida per risolvere la disputa. Ok a modifiche forse tra qualche settimana
Fca

Fiat Chrysler Automobiles non deve essere confrontata con Volkswagen perché i casi sulle emissioni diesel riguardanti i due gruppi sono decisamente diverso. E' questo il messaggio che i legali del gruppo guidato da Sergio Marchionne hanno lanciato da una stanza di un tribunale di San Francisco, dove si sono presentati nell'ambito di dispute iniziate da consumatori alla luce del presunto uso illecito di software nei motori diesel a tre litri di circa 104.000 vetture tra Jeep Grand Cherokee e Ram 1500.