Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

Breanna Stewart, ex stella di pallacanestro delle Connecticut Huskies, la squadra dell'Università del Connecticut, con cui lo scorso aprile ha vinto il quarto titolo consecutivo Ncaa, si è unita alla protesta all'aeroporto di Los Angeles contro il divieto di ingresso nel Paese per i rifugiati e i cittadini di sette Paesi musulmani voluto da Trump, poi bocciato in tribunale. Sei membri dei New England Patriots, che hanno appena vinto il campionato di football americano (Nfl), hanno già detto che non parteciperanno al tradizionale incontro alla Casa Bianca, che non è stato ancora messo in agenda.

Coach Luigi 'Geno' Auriemma, l'allenatore italoamericano che ha fatto vincere alla UConn undici titoli femminili Ncaa, un'impresa senza precedenti, e ha portato al successo la nazionale statunitense femminile in tre Olimpiadi e due Mondiali, ha ricevuto una domanda a cui non aveva mai dovuto rispondere da quando la sua squadra ha cominciato a vincere titoli nel 1995, durante il primo mandato alla Casa Bianca di Bill Clinton: qualche componente delle Huskies si rifiuterebbe di incontrare il presidente, nel caso la squadra dovesse vincere il suo dodicesimo titolo?

"Il fatto che, per tutti gli undici campionati vinti, nessuno mi avesse posto questa domanda dice qualcosa di dove siamo finiti" come Paese, ha detto Auriemma al New York Times. "Lascia perdere la risposta. Il fatto stesso che non me l'avessero mai posta significa che sta succedendo qualcosa che non è normale".

UConn ha vinto 100 partite consecutive dal 2014 ed è ancora la favorita per il prossimo titolo; per questo, giocatrici, allenatori e manager stanno già discutendo la possibilità di non celebrare l'eventuale vittoria alla Casa Bianca. Prima ancora che vincesse Trump, le giocatrici dicevano tra loro, scherzando: "Non andremo, se vincerà lui" ha raccontato Napheesa Collier, giocatrice delle Huskies. "Ora che è successo, se vinceremo, non so cosa farà ognuna di noi". La squadra, secondo Stewart e un'altra ex giocatrice, Maya Moore, prenderà una decisione collettiva. Gabba Williams, attuale giocatrice, la pensa allo stesso modo: "È quello che abbiamo costruito qui. Qualsiasi cosa faremo, sarà il frutto di una decisione collettiva".

Per Auriemma, il dilemma è conciliare il rispetto per il ruolo del presidente e la possibilità che alcune giocatrici possano non voler incontrare Trump, sentendo di non essere le benvenute per le posizioni espresse dal miliardario su donne, minoranze, musulmani e immigrati. "Se saremo abbastanza fortunati da vincere e le giocatrici verranno a dire 'Sentite, io non vengo', si tratterebbe di qualcosa con cui non abbiamo mai avuto a che fare prima". "Cosa fare come coach?" si è chiesto Auriemma. "Siamo in un mondo che pochi avrebbero immaginato cinque anni fa". "Non so cosa farei - ha aggiunto - è una bella domanda".

Non c'è nemmeno fretta di rispondere, nessuna necessità di attraversare il punto di non ritorno. "Non oltrepasserò il Rubicone. Quello era Giulio Cesare. Una volta che il tuo esercito ha oltrepassato quel fiume, sei un nemico dello Stato" ha detto l'allenatore, nato nel 1954 a Montella, in provincia di Avellino, ed emigrato con la famiglia in Pennsylvania quando aveva sette anni.

Auriemma non è un sostenitore di Trump e lo ha reso chiaro a tutti la scorsa estate, durante le Olimpiadi di Rio de Janeiro. Alla domanda se il dominio degli Stati Uniti fosse positivo per il basket femminile (la nazionale ha vinto il sesto oro olimpico consecutivo), ha risposto ai giornalisti: "Viviamo in un'era trumpiana dove va bene essere sessisti e umiliare le persone brave, solo perché sono del sesso opposto". Mesi dopo, ha espresso il suo choc per l'elezione di Trump alla Casa Bianca.

Rinunciare a incontrare il presidente degli Stati Uniti, a prescindere dalle politiche che attua, non è una decisione da prendere a cuor leggero, ha spiegato Auriemma. "Per farlo, devi avere delle convinzioni personali molto forti e noi abbiamo alcune giocatrici molto attive sui temi sociali", vista anche la presenza di giocatrici di origini etniche e culturali diverse. Ma Auriemma è il rappresentante più conosciuto della principale università pubblica del Connecticut e ha vissuto la tradizione storia di successo di un immigrato, diventando ricco e famoso, e anche questo avrà un peso nella decisione. Ha parlato con reverenza della presidenza degli Stati Uniti, definita un simbolo senza eguali per il Paese; saranno le politiche di Trump e il parquet di basket a decidere se Auriemma e UConn andranno alla Casa Bianca, ancora una volta.

Altri Servizi

I nazionalisti bianchi d'America amano Bashar al Assad

Ha la stessa visione di società "in salute" e "omogenea" che hanno i nazisti negli Stati Uniti
iStock

Nel corso della manifestazione della destra nazionalista e suprematista di Charlottesville, in Virginia, un video di YouTube mostra una delle persone presenti alla dimostrazione con una maglietta con la scritta "Bashar’s Barrel Delivery Co.", in riferimento all'uso di gas da parte del regime siriano di Bashar al Assad contro i suoi oppositori. Nel corso della manifestazione sono stati pronunciati altri slogan in favore di Assad. Il quotidiano online The Intercept racconta come glie stremisti di destra americani siano sostenitori del regime di Damasco.

I resort di Trump sulla rotta dell'uragano Irma

Mar-a-Lago, la "Casa Bianca d'inverno", dovrebbe resistere ai forti venti grazie anche all'uso di pietra italiana nella sua costruzione. Altri tre club a rischio in Florida. Se subirà danni, il presidente potrà accedere a fondi federali

Mentre continua la fuga in Florida in vista dell'arrivo dell'uragano Irma, la "Casa Bianca d'inverno" di Donald Trump ha chiuso i battenti. Il resort Mar-a-Lago, amato dal presidente americano per trascorrevi molti fine settimana al posto di stare al freddo di Washington, si trova in un'area dove a partire da ieri alle 23 italiane l'evacuazione era obbligatoria. Grazie anche alle pietre importate da Genova (Italia) per la costruzione delle pareti esterne, degli archi e di alcuni interni, l'immibile dovrebbe resistere ai forti venti della tempesta ma non sono tuttavia esclusi pesanti danni causati da probabili allagamenti.

Repubblicani su tutte le furie dopo accordo Trump-democratici

Le probabilità di una riforma fiscale entro fine anno calano. Lo speaker alla Camera, Paul Ryan, getta dubbi sull'aliquota al 15% delle aziende promossa dal presidente
AP

"Ci ha fottuto". Questo commento dà l'idea dell'aria che tira dentro il partito repubblicano all'indomani dell'accordo siglato tra Donald Trump e l'opposizione democratica. E' la dimostrazione di come l'ostilità tra il Gop al Congresso e il presidente americano abbia raggiunto nuovi livelli. E c'è chi insinua che ora l'approvazione entro fine anno di una riforma fiscale tanto cara al leader Usa sembri meno probabile. Non solo: non manca chi a Washington si aspetta che nelle elezioni di metà mandato del 2018 i democratici riprendano il controllo della Camera (perso nel 2010). Così facendo Capitol Hill non sarebbe più interamente rosso come lo è dal 2014 ma anche blu (il colore del partito democratico).

Irma tocca terra a Cuba e marcia verso la Florida

Lo stato della Florida ha ordinato l'evacuazione di 5,6 milioni di persone mentre il potente uragano Irma minaccia la zona sudorientale Paese. Allarme anche in South Carolina e in Georgia.
White House

L'uragano Irma oscilla tra la categoria 4 e 5, quella più elevata e potenzialmente pericolosa. L'uragano, come ha fatto sapere il National Hurricane Center (Nhc), ha raggiunto Cuba alle 5 ora italiana di sabato, toccando terra sull'Arcipelago Camaguey, con raffiche di 260 chilometri orari e velocità di spostamento stimata in 20 chilometri orari.

Irma rallenta e vira verso Tampa, ma Miami in pericolo. Il governatore Scott: rischio potenzialmente mortale

Complessivamente, secondo gli esperti, Irma potrebbe lasciarsi alle spalle danni per oltre 200 miliardi di dollari, di cui 135 miliardi solo in Florida. Circa 9 milioni di persone potrebbero restare senza energia elettrica. Coprifuoco a Miami.
Ap

Irma, ora uragano di categoria 3, ma secondo le previsioni riguadagnerà forza nelle prossime ore (continua a oscillare tra la categoria 4 e 5, la più alta e pericolosa), viaggia verso la Florida e, dopo avere colpito Cuba, si prepara ad arrivare sulle isole Florida Keys nella mattina di domenica, con venti che soffiano a 200 chilometri all'ora, per poi muoversi verso Miami, che potrebbe essere investita solo marginalmente se l'occhio del ciclone si spostasse ulteriormente verso ovest.

Sale bilancio vittime terremoto in Messico, prosegue ricerca superstiti

Il presidente Enrique Pena Nieto, che ha dichiarato tre giorni di lutto nazionale, si è recato nelle zone terremotate dello stato di Oaxaca.
AP

Prosegue senza sosta la ricerca di superstiti del terremoto che ha colpito il sud del Messico, provocando almeno 64 morti e oltre 200 feriti. Si è trattato del più violento sisma a colpire il Paese nell'ultimo secolo, con una magnitudo di 8,2 sulla scala Richter.

Cohn al posto di Yellen? Trump cambia idea

Secondo il Wsj, al presidente non sarebbero piaciute le critice del suo consigliere economico sui suoi commenti sulle violenze di Charlottesville
AP

Difficilmente Donald Trump nominerà Gary Cohn alla guida della Federal Reserve. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui il presidente americano è disposto a prendere in considerazione altri candidati per la poltrona che sarà ricoperta fino al prossimo febbraio da Janet Yellen. Il nome del consigliere economico della Casa Bianca era visto in pole position da quando, in una intervista del 25 luglio scorso, Trump aveva spiegato al giornale finanziario che stava valutando la promozione di Cohn al comando della banca centrale Usa oltre a una conferma della stessa Yellen. Le cose sono cambiate dopo la critica fatta dall'ex presidente di Goldman Sachs al leader Usa in merito alle violenze esplose il 12 agosto scorso a Charlottesville.

Sponsorizzare i probabili perdenti: la strategia vincente di Guinot

La casa francese di cosmetici punta sui tennisti di basso profilo contro le star: così l'esposizione è assicurata per poche decine di migliaia di dollari
A24

Nel 2009, l'allora numero 25 del mondo, lo svedese Robin Soderling, stupì il mondo battendo il numero uno, lo spagnolo Rafael Nadal, al Roland Garros, dove era imbattuto. Nello stesso torneo, tre anni dopo, la francese Virginie Razzano, 111 della classifica Wta, sconfisse la statunitense Serena Williams, una delle più grandi tenniste della storia, al primo turno. Quest'anno, agli Australian Open, l'uzbeko Denis Istomin, 117 del ranking, ha sconfitto l'ex numero uno, il serbo Novak Djokovic.

L'uragano Irma spaventa Wall Street

Ieri, chiusura mista. Dati in programma oggi: credito al consumo e scorte di magazzino all'ingrosso
AP

Fed: il vicepresidente Fischer dà le dimissioni. E avverte Trump

Ha scritto al presidente comunicando la sua decisione e ricordandogli che con i requisiti stringenti imposti dopo la crisi del 2008 il sistema finanziario è più solido. Yellen: gli sono grata, ci mancherà. Istituto centrale verso una rivoluzione
Wikimedia Commons

Intorno al 13 ottobre prossimo, Stanley Fischer non sarà più il vicepresidente della Federal Reserve né membro del suo Board. Lo ha annunciato lui stesso dando le sue dimissioni per motivi personali. Intende stare più vicino alla moglie. Il mandato all'interno del Board della banca centrale del 73enne nominato da Barack Obama il 28 maggio 2014 doveva scadere il 31 gennaio 2020. Il suo mandato da braccio destro di Janet Yellen sarebbe scaduto il 12 giugno 2018. Quello della prima donna alla guida della Fed finirà nel febbraio del prossimo anno. Questo significa che nell'istituto forse più importante al mondo si preannuncia un giro di poltrone non indifferente che chiama in causa la Casa Bianca (le nomine passato dal suo inquilino).