Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP

Per più di un anno i diplomatici americani hanno avuto colloqui segreti a Pyongyang e in alcune città europee con negoziatori nucleari della Corea del Nord, nel tentativo di liberare i prigionieri Usa e di stabilire un canale diplomatico per fermare i programmi nucleari e missilistici del Paese.

A guidare il gruppo nordcoreano c'è Choi Sun Hee, diplomatica molto vicina al  leader della Nord Corea, Kim Jong Un. Questa condizione ha aumentato di molto le speranze dei funzionari americani, che speravano che il regime potesse impegnarsi con l'amministrazione Trump per fermare il suo programma militare.

Allo stesso modo ha aperto qualche speranza anche la notizia del rilascio di Otto Warmbier - lo studente americano in prigione da 17 mesi -, fino a quando si è scoperto che il giovane si trovasse in coma, cosa che dovrebbe rendere il dialogo tra i due stati "estremamente difficile", ha detto Suzanne DiMaggio di New America, un think tank di Washington che ha aiutato a stabilire il contatto con Pyongyang.

DiMaggio ha lavorato per molto tempo per stabilire canali diplomatici nei paesi in conflitto con gli Stati Uniti. Ad esempio, ha avuto numerose discussioni con due funzionari iraniani prima che l'amministrazione Obama iniziasse formalmente i negoziati nucleari con Teheran nel 2012.

Adesso, se la Corea del Nord dovesse liberare subito gli altri tre prigionieri di cittadinanza americana, potrebbe cerare una chance per continuare le discussioni. Il presidente americano, Donald Trump, ha ripetutamente affermato di non volere un cambio di regime e allo stesso tempo non ha escluso negoziati per fermare l'azione nucleare del Paese, nonostante ha detto di essere aperto a tutto, anche a una azione militare.

Nel corso dell'ultima parte dell'amminitrazione Obama, il presidente aveva chiuso ogni contatto con Pyongyang, optando per la "pazienza strategica". Poi, dopo l'elezione di Trump, sono aumentati i tentativi di contatto e di dialogo. Joseph Yun, resposabile del dipartimento di Stato americano dei rapporti con la Corea del Nord, ha avuto un incontro a maggio in Norvegia con Choi Sun Hee.

Non è emersa alcuna certezza da questi colloqui se non una serie di possibili promesse: la Corea del Nord potrebbe voler mantenere il suo arsenale, ma impegnarsi a non ampliarlo. Poi il 6 giugno c'è stato l'incontro a New York tra Yun e i funzionari di Pyongyang alle Nazioni Unite: qui è stato rivelato agli Usa che Warmbier era in coma.

Altri Servizi

Dopo la Corea del Nord Trump minaccia anche il Venezuela

Il presidente americano dice di valutare una opzione militare anche per il Paese e rifiuta la telefonata del presidente venezuelano Nicolas Maduro

Dopo aver minacciato più volte la Corea del Nord, adesso il presidente americano, Donald Trump, ha avvertito che anche per il Venezuela sta valutando una opzione militare. Tuttavia ha fornito pochi dettagli sulle sue intenzioni nel corso di una conferenza stampa dal suo campo da golf a Bedminster, New Jersey, dove sta trascorrendo le vacanze estive. "Non ho intenzione di escludere un'opzione militare", ha detto Trump ai giornalisti. Il Venezuela è un casino", ha poi aggiunto ricordando che il suo governo ha "molte opzioni per il Venezuela, tra cui una possibile opzione militare, se necessario".

Trump contro la rimozione delle statue sudiste: "Fatta a pezzi la Storia"

Dopo le violenze di Charlottesville, prosegue la polemica tra il presidente e gli antirazzisti. Autorità cittadine e statali sempre più decise a cancellare 'gli eroi del Sud'

Bannon: con le divisioni razziali, Trump vincerà

Lo stratega di Trump definisce "un branco di pagliacci" i suprematisti bianchi. Con il suo cinismo, intende sfruttare le polemiche legate a Charlottesville per "connettere" il presidente agli americani

Amanda Knox, tornerò a Perugia "per chiudere il cerchio"

Scagionata dall'omicidio Kercher, la trentenne americana racconta la sua vita dopo il carcere al settimanale People

Charlottesville, anche Cook (Apple) e Dimon (JPMorgan) contro Trump

Molti top manager contro il presidente Usa, che ha messo sullo stesso piano suprematisti bianchi e manifestanti di sinistra

Wall Street: sell-off tra terrorismo e Trump

Gli investitori temono che l'agenda pro-crescita promessa dal presidente non venga attuata
AP

Usa: Egitto collabori pienamente con Italia su morte Regeni

Secondo il dipartimento di Stato, serve un'inchiesta imparziale e completa. Pressing di Washington sul Cairo per la trasparenza. No comment su contatti tra amministrazione Trump e governo italiano e su scambio intelligence

Fed divisa su tutto, dai tassi alla riduzione del suo bilancio

E' quanto emerso dai verbali della riunione dell'Fomc di luglio. Il vista del meeting di settembre, l'attenzione si sposta sul summit della banca centrale Usa a Jackson Hole
AP

Dopo l'uscita di diversi a.d., Trump scioglie due consigli

Decine di amministratori hanno lasciato dopo la decisione di Trump di non condannare in modo univoco i razzisti e i suprematisti bianchi per i fatti di Charlottesville, in Virginia