Trump ai Ceo della Silicon Valley, aggiorniamo i sistemi informatici obsoleti del governo

Riunione alla Casa Bianca con 18 AD. Il presidente: risparmieremo oltre mille miliardi in 10 anni con la "rivoluzione tech". Kushner: al Pentagono si usano ancora i floppy disk. Cook (Apple): gli Usa siano il governo più moderno al mondo

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi ad assumere funzionari per le posizioni più strategiche, ha avuto un appuntamento attentamente monitorato. Alla Casa Bianca infatti si sono incontrati 18 amministratori delegati di aziende tecnologiche come Amazon, Apple, Ibm, Microsoft e Google con una capitalizzazione complessiva di 3.500 miliardi di dollari. L'obiettivo era quello di gettare le basi per aiutare il presidente Donald Trump a riorganizzare e modernizzare il governo, a prescindere dalle diverse vedute politiche. Questo perché come Barack Obama, Trump crede che Washington continui a essere troppo lenta nell'adattarsi ai cambiamenti dell'era digitale.

Il nuovo presidente vorrebbe che tutte le agenzie adottino i nuovi strumenti messi a disposizione dalla Silicon Valley, intelligenza artificiale prima di tutto, ma anche software per proteggere i computer da possibili attacchi hacker. Dicendo che il governo federale è rimasto indietro nella "rivoluzione tecnologica", Trump ha promesso oltre mille miliardi di risparmi per i contribuenti nel prossimo decennio aggiornando l'ormai obsoleto sistema informatico e migliorando l'infrastruttura IT.

E' stato il genero nonché consigliere Kushner a spiegare che le agenzie federali hanno circa 6.100 data center che possono essere consolidati e che i 10 sistemi informatici più vecchi hanno tra i 39 e i 56 anni. E' stato lui a riferire che al Pentagono vengono ancora usati in alcuni casi i floppy disk. "Siamo qui per migliorare la vita quotidiana del cittadino medio", ha promesso.

"Il nostro obiettivo è capitanare una trasformazione totale della tecnologia del governo federale che porterà a servizi decisamente migliori per i cittadini e a una protezione più forte dai cyber-attacchi", ha detto il presidente durante l'incontro. "Questo è un problema grande, non c'è dubbio. Ci lavoreremo e lo risolveremo".

Il Ceo di Apple, Tim Cook, ha detto all'inizio del meeting che "gli Usa dovrebbero avere il governo più moderno al mondo", che il governo dovrebbe essere concentrato sui cittadini e che "i servizi del governo dovrebbero essere misurati da come i suoi cittadini ricevono quei servizi".

Dalla Casa Bianca non sono emersi altri temi scottanti che sono stati fonte di tensione tra l'industria tecnologica e l'amministrazione: da una parte c'è il problema dell'immigrazione e dei visti, dall'altra quello del rientro dei capitali oltre alla decisione di Trump di uscire dall'accordo sul clima di Parigi, criticata dalla Silicon Valley intera.

Il quotidiano online Axios scrive che all'interno della Casa Bianca la frangia più nazionalista guidata da Steve Bannon vorrebbe iniziare a prendere di mira la Silicon Valley: a infastidire Bannon è il fatto che i colossi tech detengono miliardi di dati personali, fanno profitti e mantengono il loro denaro all'estero, non producono quasi più negli Stati Uniti, a parte rari casi.

Secondo diverse fonti, in questo momento all'interno dell'amministrazione Trump starebbe prevalendo l'ala meno oltranzista, che invece spera di poter fare un patto e poi cercare di far rientrare gli oltre 560 miliardi di dollari che la Silicon Valley ha parcheggiato all'estero in attesa che venga abbassata notevolmente l'aliquota per il loro rimpatrio (cosa promessa dal governo ma ancora non realizzata come d'altra parte il resto degli stimoli fiscali).

Altri Servizi

Trump, con un video attacca Obama, Clinton e Bush su Gerusalemme

Con un tweet il presidente americano critica i suoi predecessori: avevano annunciato lo spostamento dell'ambasciata Usa in Israele da Tel Aviv nella città contesa ma non lo hanno fatto
AP

Due giorni dopo avere riconosciuto Gerusalemme come capitale d'Israele, Donald Trump ha pubblicato su Twitter un video che mostra tre suoi predecessori - Bill Clinton, George W. Bush e Barack Obama - fare la stessa promessa, poi non mantenute. "Io ho mantenuto le promesse della mia campagna elettorale - altri non lo hanno fatto", ha tuonato il45esimo presidente americano.

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte

È stata una settimana straordinaria, quella appena terminata al Congresso statunitense: dopo essere stati accusati di molestie sessuali, tre membri del parlamento si sono dimessi. Per trovare un momento simile, nella storia degli Stati Uniti, bisogna tornare alla Guerra civile e alla schiavitù.

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Apple verso l'acquisto di Shazam, app per riconoscere le canzoni

TechCrunch: il produttore dell'iPhone potrebbe pagare meno di un miliardo di dollari

Obama paragona Trump a Hitler

Invocando lo spettro della Germania nazista, il 44esimo presidente americano avverte i concittadini: non siate compiacenti
Ap

La Casa Bianca cerca di tranquillizzare gli amici newyorchesi di Trump sulle deduzioni

Gli Stati con tasse altre fanno pressing per non vedere ridotta o eliminata la possibilità di detrarre le imposte statali e locali nella dichiarazione dei redditi
AP

Caterpillar fa mea culpa, ha truffato clienti e gettato in mare le prove

Riparazioni inutile ai vagoni di gruppi attivi nel settore ferroviario. Multa da 5 milioni di dollari e rimborsi per 20 milioni. Cifre modeste ma un colpo alla sua reputazione
Caterpillar

L'occupazione Usa cresciuta più del previsto a novembre, Fed pronta a una stretta

Per l'86esimo mese di fila le aziende hanno reclutato personale. I salari orari però sono saliti meno del previsto