Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

L'agenzia gioca un ruolo cruciale negli Stati Uniti, aiutando le banche a decidere a chi concedere prestiti e a quali tassi di interesse. Non è un caso che tutta l'America stia monitorando il caso.

Equifax ha ammesso che i pirati informatici hanno avuto accesso a nomi, date di nascita, indirizzi, numeri di patente di guida, informazioni relative alle carte di credito e numeri del Social Security (l'equivalente del codice fiscale). Nel dare l'annuncio in un documento depositato presso la Securities and Exchange Commission, l'autorità di Borsa Usa, Equifax ha anche detto che tre suoi executive tra cui il direttore finanziario hanno venduto titoli del gruppo per un valore di quasi due milioni di dollari nei giorni successivi al cyberattacco, tra il primo e il due agosto scorsi. L'intrusione degli hacker è stata scoperta il 29 luglio. Equinox ha definito "una piccola percentuale" la quantità di titoli ceduti dai tre manager che "non erano a conoscenza dell'intrusione nel momento in cui hanno venduto azioni".

Lo Stato di New York ha formalmente aperto un'inchiesta. Sono più di otto milioni i newyorchesi chiamati in causa, ha spiegato il procuratore dell'Empire State Eric T. Schneiderman. In un comunicato ha detto di avere inviato una lettera a Equifax in cui chiede informazioni addizionali sul cyberattacco, che "ha potenzialmente compromesso informazioni personali sensibili di quasi chiunque abbia un rapporto sulla sua tenuta creditizia; il mio ufficio intende capire come e perché questo attacco enorme si è verificato". Il procuratore ha definito "inaccettabile" il linguaggio usato da Equifax sul suo sito internet, laddove offre il monitoraggio gratuito per un anno del proprio profilo creditizio; chi accetta, in pratica rinuncia a compiere azioni legali contro il gruppo.

Intanto una class action è stata depositata già ieri in un tribunale federale di Portland (Oregon). In essa Equifax viene accusata di non avere salvaguardato i dati dei clienti scegliendo di risparmiare denaro invece di investirlo in misure di sicurezza che avrebbero potuto impedire l'introsione degli hacker. Come riferisce Bloomberg, la class action - a cui potrebbero adirere tutti coloro che sono stati lesi dal cyberattacco - punta a ottenere risarcimenti per 70 miliardi di dollari. Intanto la commissione dei Servizi finanziari alla Camera Usa sta organizzando un'audizione sul caso.

Non stupisce che il titolo Equifax soffra a Wall Street la seduta peggiore dall'agosto del 1999. Secondo alcuni analisti il caso è destinato a costare molto al gruppo e a farsi sentire per anni. Morgan Stanley ha tagliato l'obiettivo di prezzo a 140 da 144 dollari mantenendo la raccomandazione "Equal-Weight". JP Morgan ha lasciato invariato il giudizio "overweight". In questo momento il titolo vale 124 dollari, il 13% in meno di ieri quando aveva finito in rialzo dello 0,94% a 142,72 dollari. Da inizio anno ha guadagnato il 20,7% e negli ultimi 12 mesi il 5,5%.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP

Nyt: Russiagate, mandato di comparizione di Mueller per Bannon

Il procuratore speciale indaga sullo staff di Trump. La sua potrebbe essere una mossa per spingere l'ex stratega della Casa Bianca a trattare
AP

Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Steve Bannon, l'ex stratega capo del presidente degli Stati Uniti.

Ferrari: Marchionne promette, saremo i primi a fare super car elettrica

Per il manager di Fca potrebbe già essere nel prossimo piano industriale

Sarà stato anche un "concetto quasi osceno", come aveva detto al salone dell'auto di Ginevra nel 2016, ma quasi due anni dopo una Ferrari elettrica non è più da escludere. Anzi. "Potrebbe essere nel piano" industriale prossimo. Parola di Sergio Marchionne. L'amministratore delegato e presidente del Cavallino Rampante sa bene che l'esperienza di guidare una Ferrari sta nel suono aggressivo prodotto dal motore ma "se si deve costruire una super car elettrica, Ferrari sarà la prima a farla. E' dovuto".

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

General Electric: oneri 6,2 mld $ in IV trim. su revisione attività assicurative

Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).
General Electric

General Electric ha fatto sapere che la revisione di North American Life & Health, il portafoglio assicurativo in run-off di Ge Capital, porterà a oneri straordinari per 6,2 miliardi di dollari al netto delle tasse nel quarto trimestre. Al lordo delle tasse l'onere è di 9,5 miliardi (con la nuova aliquota fiscale passata dal 35 al 21% con la riforma voluta da Donald Trump la cifra scenderebbe a 7,5 miliardi).

Cnn: Fox fermò lo scoop sulla relazione sessuale tra Trump e una pornostar prima delle elezioni

Venerdì scorso, il Wall Street Journal ha scritto che Stephanie Clifford fu pagata 130.000 dollari nell'ottobre 2016 per restare in silenzio

Fox News aveva tra le mani lo scoop con i dettagli della relazione sessuale tra la pornostar Stephanie Clifford - conosciuta come Stormy Daniels - e Donald Trump, ma scelse di non pubblicarlo, perché negli Stati Uniti si era in piena campagna elettorale presidenziale. Lo scrive la Cnn, citando quattro fonti.

Wall Street punta a nuovi record

Oggi trimestrale di Citigroup alle 8 (le 14 in Italia). Fiat Chrysler Automobiles presenta un nuovo Cherokee (Suv di Jeep) alle 8:30 (le 14:30 in Italia)
AP

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Apple stima un "contributo diretto" all'economia Usa per 350 miliardi di dollari in cinque anni

Annunciate spese per capitale da 30 miliardi di dollari, la creazione di 20.000 nuovi posti di lavoro e di un altro campus. Pagherà 38 miliardi di dollari per rimpatriare utili parcheggiati all'estero
iStock

Vantandosi di essere il maggiore contribuente americano, Apple ha annunciato una serie di investimenti negli Stati Uniti con cui sostiene che il suo contributo diretto all'economia americana sarà pari a oltre 350 miliardi di dollari nell'arco dei prossimi cinque anni. Non è tuttavia chiaro come il produttore dell'iPhone e dell'iPad sia giunto a una tale cifra. Il gruppo si è limitato a dire che quel contributo diretto e dato dalla combinazione dei nuovi investimenti annunciati oggi con "l'attuale passo delle spese previste con fornitori [più di 9.000] e gruppi manifatturieri Usa, stimati in 55 miliardi di dollari nel 2018".