Indebitamento delle famiglie americane supera il picco pre-crisi

Vale 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. La Fed di New York: non c'è da festeggiare né da allarmarsi

L'indebitamento delle famiglie americane è cresciuto per l'undicesimo trimestre di fila tra gennaio e marzo scorsi e ha sorpassato i livelli pre-crisi. Se in generale onorano i propri impegni nei confronti dei creditori, sono gli studenti ad avere maggiori difficoltà con debiti pari a 1.340 miliardi.

Stando ai dati elaborati dalla Federal Reserve di New York, l'indebitamento degli americani - in crescita da quasi tre anni - ha raggiunto quota 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. L'incremento rispetto agli ultimi tre mesi del 2016 è stato di 149 miliardi di dollari, l'1,2%. La principale componente è data dai mutui per l'acquisto di una casa, che al 31 marzo scorso hanno raggiunto un valo dei 8.630 miliardi di dollari, 147 miliardi in più sul trimestre precedente. Andamento misto per il debito non immobiliare: quello per comprare una vettura è salito di 10 miliardi a 1.170 miliardi di dollari; quello studentesco è aumentato di 34 miliardi e quello delle carte di credito è sceso di 15 miliardi a 764 miliardi di dollari.

La Fed di New York precisa che il dato totale è in termini nominali e che quindi diminuisce l'importanza attribuita al raggiungimento del picco del 2008, cosa per altro avvenuta in un periodo di tempo insolitamente lungo da un punto di vista storico.

"Quasi nove anni dopo, l'indebitamento delle famiglie ha superato il suo picco del 2008 ma il debito e chi lo detiene sono molto diversi oggi" rispetto al 2008, ha commentato in una nota Donghoon Lee, ricercatore della Fed di New York, secondo cui "questo livello di debito non è un motivo per celebrare né una fonte di allarme". Il 67,8% del totale è composto da mutui (era il 73,3% nel 2008), il 10,6% da prestiti per studenti (era 4,8%) e il 9,2% da credito per l'acquisto di auto (era il 6,4%). La Fed di New York ha inoltre fatto notare che il 4,8% del debito totale era in ritardo con i pagamenti, di cui il 3,4% in grave arretrato (almeno 90 giorni), una percentuale sostanzialmente uguale al trimestre precedente. Nei primi tre mesi dell'anno, il debito totale delle famiglie era pari al 66,9% del Pil nominale, contro l'85,4% del terzo trimestre 2008.

Sebbene il tasso dei prestiti con ritardi sui pagamenti di almeno 90 giorni sia migliorato notevolmente dalla Grande Recessione e resti a livelli generalmente bassi, ha precisato l'esperto, ci sono trend divergenti tra i vari tipi di debito. "Quelli per l'acquisto dell'auto e quelli legati alle carte di credito puntano al rialzo e quelli del debito studentesco restano incredibilmente alti".

Dal rapporto, si apprende che il tasso dei prestiti con ritardi sui pagamenti di almeno 90 giorni rispetto al debito totale in circolazione è pari all'11% tra gli studenti; quello tra chi ha siglato un prestito per comprare un'auto è al 3,8% e quello tra chi possiede carte di credito è al 7,5%.

Altri Servizi

Wall Street si allontana dai record

Morgan Stanley ha battuto le stime con la sua trimestrale. A mercati chiusi i conti di American Express e Ibm
AP

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Il Congresso Usa approva il rinnovo di un programma di sorveglianza, sconfitta la privacy

Dopo il voto della Camera, è arrivato quello del Senato. La sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act rinnovata per sei anni. Attesa la firma di Trump

Il Senato statunitense ha approvato (con 65 voti a favore e 34 contro) il rinnovo per sei anni della sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act, che permette alle agenzie di spionaggio di obbligare le aziende statunitensi, come Google e AT&T, a consentire l'accesso illimitato e senza mandato alle e-mail e ad altre comunicazioni di stranieri all'estero, anche quando comunicano con cittadini statunitensi che si trovano in patria. Si tratta di una sconfitta per le associazioni che si battono per la difesa della privacy. Il provvedimento, approvato dalla Camera la scorsa settimana, dovrebbe essere firmato domani dal presidente Donald Trump.

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Il capo, il fidanzato e l'Fbi: Simona Mangiante, l'italiana finita nel Russiagate

L'avvocata di diritto internazionale sta con Papadopoulos, ex consigliere di Trump, e ha lavorato per Mifsud, misterioso professore maltese finito al centro delle indagini di Mueller

C'è un uomo misterioso emerso come figura centrale nelle indagini di Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle ultime elezioni presidenziali statunitensi: Joseph Mifsud, un professore maltese che avrebbe fatto da intermediario tra George Papadopoulos, ex consigliere di Donald Trump per la politica estera durante la campagna elettorale, e alcuni funzionari russi, promettendo allo statunitense informazioni compromettenti sulla candidata democratica, Hillary Clinton. Per Mifsud ha lavorato Simona Mangiante, fidanzata di Papadopoulos. Su queste tre figure si concentra un articolo del Guardian.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP