Indebitamento delle famiglie americane supera il picco pre-crisi

Vale 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. La Fed di New York: non c'è da festeggiare né da allarmarsi

L'indebitamento delle famiglie americane è cresciuto per l'undicesimo trimestre di fila tra gennaio e marzo scorsi e ha sorpassato i livelli pre-crisi. Se in generale onorano i propri impegni nei confronti dei creditori, sono gli studenti ad avere maggiori difficoltà con debiti pari a 1.340 miliardi.

Stando ai dati elaborati dalla Federal Reserve di New York, l'indebitamento degli americani - in crescita da quasi tre anni - ha raggiunto quota 12.730 miliardi di dollari, 50 miliardi di dollari oltre il precedente picco messo a segno nel terzo trimestre del 2008 ossia in piena recessione. L'incremento rispetto agli ultimi tre mesi del 2016 è stato di 149 miliardi di dollari, l'1,2%. La principale componente è data dai mutui per l'acquisto di una casa, che al 31 marzo scorso hanno raggiunto un valo dei 8.630 miliardi di dollari, 147 miliardi in più sul trimestre precedente. Andamento misto per il debito non immobiliare: quello per comprare una vettura è salito di 10 miliardi a 1.170 miliardi di dollari; quello studentesco è aumentato di 34 miliardi e quello delle carte di credito è sceso di 15 miliardi a 764 miliardi di dollari.

La Fed di New York precisa che il dato totale è in termini nominali e che quindi diminuisce l'importanza attribuita al raggiungimento del picco del 2008, cosa per altro avvenuta in un periodo di tempo insolitamente lungo da un punto di vista storico.

"Quasi nove anni dopo, l'indebitamento delle famiglie ha superato il suo picco del 2008 ma il debito e chi lo detiene sono molto diversi oggi" rispetto al 2008, ha commentato in una nota Donghoon Lee, ricercatore della Fed di New York, secondo cui "questo livello di debito non è un motivo per celebrare né una fonte di allarme". Il 67,8% del totale è composto da mutui (era il 73,3% nel 2008), il 10,6% da prestiti per studenti (era 4,8%) e il 9,2% da credito per l'acquisto di auto (era il 6,4%). La Fed di New York ha inoltre fatto notare che il 4,8% del debito totale era in ritardo con i pagamenti, di cui il 3,4% in grave arretrato (almeno 90 giorni), una percentuale sostanzialmente uguale al trimestre precedente. Nei primi tre mesi dell'anno, il debito totale delle famiglie era pari al 66,9% del Pil nominale, contro l'85,4% del terzo trimestre 2008.

Sebbene il tasso dei prestiti con ritardi sui pagamenti di almeno 90 giorni sia migliorato notevolmente dalla Grande Recessione e resti a livelli generalmente bassi, ha precisato l'esperto, ci sono trend divergenti tra i vari tipi di debito. "Quelli per l'acquisto dell'auto e quelli legati alle carte di credito puntano al rialzo e quelli del debito studentesco restano incredibilmente alti".

Dal rapporto, si apprende che il tasso dei prestiti con ritardi sui pagamenti di almeno 90 giorni rispetto al debito totale in circolazione è pari all'11% tra gli studenti; quello tra chi ha siglato un prestito per comprare un'auto è al 3,8% e quello tra chi possiede carte di credito è al 7,5%.

Altri Servizi

Usa sanzionano 11 soggetti: aiutano programma missilistico iraniano

Sono accusati anche di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. Trump rispetta (per ora) lo storico accordo sul nucleare

L'amministrazione Trump ha imposto nuove sanzioni contro 11 tra aziende e persone accusate di contribuire al programma missilistico balistico dell'Iran, di aiutare Teheran a condurre cyberattacchi contro il sistema finanziario americano e di sostenere il terrorismo. La mossa del Tesoro Usa è arrivata mentre il presidente americano si preparava ad estendere l'esenzione delle sanzioni contro l'Iran che gli Usa si erano impegnati a fare venire meno dell'ambito dello storico accordo sul nucleare siglato tra Teheran e cinque principali potenze mondiali tra cui Washington. Quell'accordo fu sottoscritto nell'estate 2015 (quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama) ed entrò in vigore nel gennaio successivo.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

I redditi delle famiglie Usa a livelli record nel 2016

Superato il massimo del 1999. Tasso di povertà sceso sui livelli del 2007, l'anno precedente all'ultima recessione

I redditi delle famiglie americane hanno superato nel 2016 il record messo a segno nel 1999. Stando all'ufficio del censimento Usa, il Census Bureau, lo scorso anno le famiglie Usa hanno registrato redditi per 59.039 dollari contro i 57.230 dollari del 2015; si tratta di un rialzo del 3,2%, tenuto conto della variazione dell'inflazione. L'incremento c'è stato per il secondo anno di fila.

Wall Street, timori per il nuovo missile nordcoreano

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Sono passati tredici anni da quando la sonda Cassini ha iniziato a orbitare attorno a Saturno, permettendoci di vedere da vicino il pianeta e scoprendo nuove caratteristiche di alcune sue lune, sconosciute fino a quel momento, e molto interessanti per comprendere l'evoluzione della vita nel nostro sistema solare. La Nasa ha deciso di farla schiantare su Saturno, in una uscita di scena spettacolare che è iniziata alle 14, ora italiana, ed è rurata pochi minuti: il velivolo è infatti entrato nell'atmosfera di Saturno, prendendo fuoco e trasformandosi in un meteorite, prima di schiantarsi.

Harvard ritira la fellowship a Manning dopo le critiche della Cia

L'università si è scusata per non aver capito le implicazioni della sua decisione
Vogue

Dopo le critiche ricevute, Harvard ha deciso di revocare la 'fellowship' assegnata a Chelsea Manning, l'ex analista militare che trasmise a Wikileaks una serie di documenti riservati statunitensi.

Equifax: oltre la metà degli americani colpita dal mega attacco hacker

Sono 143 milioni. Lo Stato di New York avvia un'inchiesta sull'intrusione dei pirati informatici nell'agenzia di controllo dei crediti. Verso audizione in commissione parlamentare. Titolo soffre seduta peggiore da 18 anni
Shutterstock

Un mega attacco hacker ha colpito Equifax, una delle più grandi agenzie di controllo dei crediti. I dati di 143 milioni di clienti Usa potrebbero essere stati compromessi. Il 55% degli americani dai 18 anni in poi rischia di avere subito danni alle informazioni di tipo finanziario che lo riguarda.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Trump: "Nessun accordo sul Daca", che protegge i giovani immigrati. Smentiti i leader democratici

Schumer e Pelosi avevano dichiarato di aver raggiunto un'intesa con il presidente per proteggere gli illegali arrivati da bambini
iStock

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha scritto su Twitter che "nessun accordo è stato trovato la scorsa notte sul Daca", il programma voluto da Barack Obama per consentire ai giovani immigrati, arrivati illegalmente da bambini, di restare con un permesso biennale e rinnovabile per studiare e lavorare, che sarà cancellato tra meno di sei mesi. "