L'industria delle rose in Colombia ha cancellato quella americana

E ha a che fare con la lotta degli Stati Uniti contro il traffico di cocaina e agli accordi commerciali tra i due Paesi. Nel 2017 sono state spediti in Usa 4 miliardi di rose dalla Colombia.
AP

La maggior parte delle rose che gli americani si scambierano il giorno di San Valentino, circa 200 milioni, crescono in Colombia, nella savana a pochi chilometri da Bogota, dove ci sono 12 ore di luce naturale, l'altitudine è di 2.500 metri e c'è abbondanza di manodopera a basso costo.

Migliaia di ettari di serre bianche, alcune delle dimensioni di diversi campi da calcio, sono piene di rose. Molti vengono portate nei magazzini dai cavalli, refrigerate e poi imballate con altri fiori e messe su aerei cargo - 1,1 milioni alla volta - per essere vendute negli Stati Uniti.

Il Washington Post racconta cosa succede in Colombia nel corso dell'alta stagione di questa industria, che  nel 2017 ha spedito oltre 4 miliardi di fiori negli Stati Uniti.

Questa industria si è sviluppata grazie a tre fattori: il tentativo degli Stati Uniti di mettere fine al traffico di cocaina, l'espansione degli accordi di libero scambio tra i due Paesi e la richiesta da parte dei consumatori americani di rose poco costose.

 In 27 anni, il mercato e le decisioni politiche prese a Washington hanno ridisegnato il business delle rose in due continenti. Questo significa che l'industria dei fiori americana ha visto la sua produzione di rose scendere del 95%, passando da 545 milioni a meno di 30 milioni.

Questo processo - continua il Washington Post - è un chiaro esempio di quello contro cui sta combattendo Donald Trump. Il presidente americano ha di recente imposto tariffe contro i produttori di pannelli solari e lavatrici stranieri e ora valuta l'imposizione di restrizioni anche sull'acciaio e sull'alluminio.  

Ma l'industria delle rose offre un impressionante esempio del perché sia così difficile ripristinare le relazioni economiche tra i Paesi. Dove c'era violenza e corruzione, la Colombia ha fatto crescere un'industria che produce rose in modo più veloce e meno costoso di qualsiasi altro luogo negli Stati Uniti - e può persino portarle a molti rivenditori statunitensi più velocemente dei coltivatori nazionali.

E negli Stati Uniti giganti aziendali come Walmart e i suoi concorrenti hanno sostituito i fioristi locali, ordinando migliaia di fiori per consumatori che hanno poco interesse a pagare di più per una rosa coltivata sul mercato interno.




Altri Servizi

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Vertice Nato, Trump: sull’energia la Germania è “prigioniera” della Russia. Poi assicura: "Rapporto eccezionale" con Berlino

Bilaterale tra il presidente Usa e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, per provare a dissipare le tensioni
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha assicurato di avere "dei rapporti molto buoni" con la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante il summit della Nato, a Bruxelles. Trump aveva attaccato la Germania, questa mattina, affermando che Berlino "è prigioniera" della Russia e non contribuisce sufficientemente agli sforzi militari della Nato. Merkel aveva risposto che la Germania prende le sue decisioni in modo "indipendente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Amazon non riesce a limitare prodotti razzisti e suprematisti

Insieme a musica e libri neo-nazisti. Lo denuncia uno studio di due non profit americane

Su Amazon è possibile comprare prodotti con simboli del suprematismo bianco, come una collana di svastiche, una tutina da neonato con una croce infuocata e uno zaino da bambino con un meme neo-nazista. Tutto questo è contro le politiche del colosso americano e un rapporto segnala come Amazon non riesca a fare nulla per fermare la vendita di questi prodotti.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP