L'industria delle rose in Colombia ha cancellato quella americana

E ha a che fare con la lotta degli Stati Uniti contro il traffico di cocaina e agli accordi commerciali tra i due Paesi. Nel 2017 sono state spediti in Usa 4 miliardi di rose dalla Colombia.
AP

La maggior parte delle rose che gli americani si scambierano il giorno di San Valentino, circa 200 milioni, crescono in Colombia, nella savana a pochi chilometri da Bogota, dove ci sono 12 ore di luce naturale, l'altitudine è di 2.500 metri e c'è abbondanza di manodopera a basso costo.

Migliaia di ettari di serre bianche, alcune delle dimensioni di diversi campi da calcio, sono piene di rose. Molti vengono portate nei magazzini dai cavalli, refrigerate e poi imballate con altri fiori e messe su aerei cargo - 1,1 milioni alla volta - per essere vendute negli Stati Uniti.

Il Washington Post racconta cosa succede in Colombia nel corso dell'alta stagione di questa industria, che  nel 2017 ha spedito oltre 4 miliardi di fiori negli Stati Uniti.

Questa industria si è sviluppata grazie a tre fattori: il tentativo degli Stati Uniti di mettere fine al traffico di cocaina, l'espansione degli accordi di libero scambio tra i due Paesi e la richiesta da parte dei consumatori americani di rose poco costose.

 In 27 anni, il mercato e le decisioni politiche prese a Washington hanno ridisegnato il business delle rose in due continenti. Questo significa che l'industria dei fiori americana ha visto la sua produzione di rose scendere del 95%, passando da 545 milioni a meno di 30 milioni.

Questo processo - continua il Washington Post - è un chiaro esempio di quello contro cui sta combattendo Donald Trump. Il presidente americano ha di recente imposto tariffe contro i produttori di pannelli solari e lavatrici stranieri e ora valuta l'imposizione di restrizioni anche sull'acciaio e sull'alluminio.  

Ma l'industria delle rose offre un impressionante esempio del perché sia così difficile ripristinare le relazioni economiche tra i Paesi. Dove c'era violenza e corruzione, la Colombia ha fatto crescere un'industria che produce rose in modo più veloce e meno costoso di qualsiasi altro luogo negli Stati Uniti - e può persino portarle a molti rivenditori statunitensi più velocemente dei coltivatori nazionali.

E negli Stati Uniti giganti aziendali come Walmart e i suoi concorrenti hanno sostituito i fioristi locali, ordinando migliaia di fiori per consumatori che hanno poco interesse a pagare di più per una rosa coltivata sul mercato interno.




Altri Servizi

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Trump ancora contro Comey: Flynn distrutto, lui fa i soldi

Il presidente interviene su Twitter dopo la pubblicazione dei memo dell'ex capo dell'Fbi

"Così la vita del generale Michael Flynn può essere totalmente distrutta, mentre James 'il Losco' Comey può far uscire notizie e bugie e fare un sacco di soldi con un libro di terza categoria (che non avrebbe mai dovuto essere scritto). Questo è davvero il modo in cui la vita in America deve funzionare? Non credo!". Questo il tweet del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dedicato a James Comey, in seguito alle notizie diffuse dai media sui memo scritti dall'allora capo dell'Fbi all'inizio della presidenza Trump, ora consegnati dal dipartimento di Giustizia al Congresso e in parte resi accessibili.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Dopo 2 anni di indagini, nessun accusato per la morte di Prince

Le autorità: "Non ci sono prove sufficienti". L'artista morto per un'overdose "accidentale", dovuta all'assunzione di farmaci contraffatti. "Prince non aveva idea che stesse mettendo a rischio la sua vita"

Dopo due anni di indagini, nessuno sarà accusato penalmente per la morte di Prince. Ad annunciare l'archiviazione del caso è stato Mark Metz, procuratore della contea di Carver, che nell'ultimo mese ha valutato il rapporto stilato dall'Ufficio dello sceriffo. "Semplicemente, non abbiamo prove sufficienti per accusare qualcuno di un crimine relativo alla morte di Prince" ha detto. "Non ci sono prove che la pillola o le pillole che hanno ucciso Prince fossero state prescritte da un dottore" ha aggiunto. Il cantante è morto per un'overdose di fentanyl il 21 aprile 2016; aveva 57 anni.

Lagarde: troppo potere nelle mani dei colossi tech? Spezzatino non è soluzione

Per il d.g. del Fond monetario, serve pensare a un "nuovo paradigma"
Facebook

Non crede che uno spezzatino di colossi tecnologici come Amazon, Facebook o Google sia "la risposta giusta" al loro crescente potere. "In passato poteva essere una soluzione" ma ora i legislatori devono "pensare in modo nuovo, e rapidamente". Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, è convinta che anche su questo, come nel commercio, serva la cooperazione delle istituzioni.

Bloomberg intervistato da Lagarde: tra golf e lotta alle guerre commerciali

In un'altra vita, l'ex sindaco di NY avrebbe voluto fare il professionista di golf
iStock

E' a capo di un impero dell'informazione finanziaria che porta il suo nome. E' stato tre volte sindaco di New York City e nel 2016 ha pensato a scendere in campo per correre verso la Casa Bianca. Ma a Michael Bloomberg sarebbe piaciuto essere un golfista professionista. "Avrei vinto tutti i Master".

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria