Instagram fa marcia indietro su scroll orizzontale dei post

Formalmente è stato un test che doveva essere limitato. Il popolo della rete si è lamentato in massa chiedendo il ritorno all'ordine cronologico e verticale

Una controversa revisione del modo in cui si guardano i post su Instagram ha provocato tra gli utenti non poche polemiche. Formalmente pensato per essere un "test molto limitato finito per sbaglio su larga scala", il redesign della piattaforma ha sorpreso gli utenti della celebre app di condivisione di immagini controllata da Facebook. Invece che scorrere i post verticalmente, alcuni iscritti sono stati obbligati a farlo orizzontalmente come succede per le "storie".

Subito su Twitter è iniziato a circolare l'hashtag #instagramupdate con commenti tutt'altro che positivi. Qualcuno lo ha definito "il peggiore update in assoluto ad essere mai stato fatto", qualcun altro ha fatto capire di volere cancellarsi dalla app e altri ancora hanno sostenuto che l'update abbia rovinato la loro mattinata. Il grido degli utenti è stato chiarissimo con post che hanno sprigionato la creatività degli utenti con foto, video e testi decisamente critici. Loro volevano tornare all'ordine cronologico dei post. La loro richiesta è stata soddisfatta nel giro di 15-20 minuti, ancora prima che l'update fosse arrivato a tutti gli iscritti.

Quello che il numero uno di Instagram, Adam Mosseri, ha definito un "test" finito male per via di uno "sbaglio" che è stato poi corretto richiama la deblace dell'aggiornamento di Snapchat, che a sua volta sollevò le critiche compromettendo la crescita degli utenti della app.

Per sbaglio o no, l'update di Instagram è stato dunque annullato. D'altra parte Facebook dipende sempre di più sulla crescita della app, che ora vanta circa un miliardo di utenti, mentre l'omonimo social media sembra avere raggiunto il suo picco.

Altri Servizi

Wall Street, restano le tensioni commerciali Usa-Cina

Dati: in programma la fiducia dei consumatori dell'Università del Michigan
AP

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap

La pornostar Stormy Daniels ha raggiunto un accordo con l'ex legale di Donald Trump, Michael Cohen, ritirando l'ultima delle tre cause avviate dal suo ex legale Michael Avenatti, nell'ambito della presunta relazione avuta nel 2006 con l'attuale presidente degli Stati Uniti. Lo riporta la Cnn che cita i documenti del tribunale.

Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

Tesla: il ritorno all'utile? Per analisti, è come scalare il Kilimangiaro

Wedbush, a dicembre tra il più ottimista, taglia l'obiettivo di prezzo sotto la media di Wall Street. Il titolo sotto i 200 dollari, prima volta da oltre due anni. Situazione da "codice rosso"
AP

L’Italia dell’High Tech protagonista alla Collision Conference a Toronto

Matteo Picariello, direttore Ice Canada: portiamo 19 aziende, prima presenza in assoluto

Wall Street, si guarda ai rapporti Usa-Cina

Google ha deciso di vietare a Huawei l'aggiornamento di Android
AP

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence