Intel: l'economia delle auto autonome varrà 7mila miliardi di dollari nel 2050

Una rivoluzione nel mondo dei trasporti: sarà la Passenger Economy

Le auto che si guidano da sole - su cui gruppi come Uber, Google e Apple stanno facendo sempre più ricerca e sperimentazione - daranno l'impulso alla nascita di una nuova "Passenger Economy" con una dimensione pari a più del doppio di quella della "Sharing Economy".

Quando le persone non saranno più al volante divendando semplicemente passeggeri, ossia quando le self driving car saranno praticamente ovunque, si creeranno opportunità economiche che nel 2035 varranno 800 miliardi di dollari e nel 2020 arriveranno a 7.000 miliardi. E' quanto emerge da una ricerca commissionata da Intel a Strategy Analytics.

L'idea è che le auto autonome rivoluzioneranno anche i concetti odierni di possesso, manutenzione e utilizzo di un veicolo. Come esattamente, ancora non si sa, ma secondo Intel i numeri parleranno da sé. Un uso sempre più massiccio da parte delle aziende della Mobility-as-a-Service (nuovo concetto che si sta definendo di un'idea di trasporti come servizi) genererà, secondo le previsioni, 3.000 miliardi di dollari o il 43% della "passenger economy"; per i consumatori la cifra è vista a quota 3.700 miliardi di dollari di vendite, quasi il 55% del totale. L'utilizzo di app innovative e servizi che emergeranno con l'evolvere di questo settore genererà 200 miliardi di dollari. Nella ricerca, inoltre, si stima che gli incidenti d'auto caleranno: saranno almeno 585.000 le vite salvate tra il 2035 e il 2045, cifra definita "conservativa". Diminuiranno anche le ore passate in mezzo al traffico per i pendolari: oltre 250 ore in meno l'anno nelle città del mondo più trafficate. Sarà inoltre possibile far scendere anche i costi per la sicurezza pubblica e la gestione degli incidenti su strada: i risparmi sono previsti a quota 234 miliardi di dollari, sempre tra il 2035 e il 2045.

"Le aziende dovrebbero iniziare a pensare adesso alla loro strategia per la guida autonoma", ha detto in una nota l'amministratore delegato di Intel, Brian Krzanich. "Meno di dieci anni fa nessuno parlava del potenziale di un'app o della sharing economy, che ancora doveva emergere, perché nessuno poteva prevedere cosa sarebbe successo", ha continuato il Ceo. "Ecco perché abbiamo iniziato questa conversazione in anticipo, per aprire gli occhi della gente, in modo che veda il flusso di opportunità in arrivo quando le auto diventeranno il più grande generatore di dati mobile che usiamo, e le persone passeranno dall'essere guidatori all'essere passeggeri".

In maniera non dissimile da quanto successe con la corsa allo spazio degli anni '60, l'annuncio di oggi è una chiamata alle armi rivolta al mondo affinché porti le sue migliori menti a lavorare per questa sfida", ha detto l'urbanista ed esperto di mobilità futura Greg Lindsay. "Il futuro della mobilità, l'avanzamento economico e l'emergere di nuove opportunità di crescita come la Passenger Economy, richiedono un dialogo continuo. Sono felice di collaborare con Intel per portare questa discussione sulla strada e cercare soluzioni attraverso le lenti dei diversi settori industriali che daranno forma al nostro futuro: dai produttori di auto agli investitori, dai politici alle start-up".


Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Tra i conti in programma, quelli di Morgan Stanley e Goldman Sachs
AP

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Migliorano le prospettive del Fondo monetario internazionale non solo per l'economia mondiale ma anche per quella italiana, vista in crescita dell'1,5% quest'anno, tanto quanto il Giappone. Per il 2018 è atteso un +1,1%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Annual Meetings che da giovedì entreranno nel vivo a Washington, Stati Uniti. Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,2% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio e dello 0,7% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso aprile. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi.

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap