Intesa San Paolo porta Caravaggio al Met di New York. Gros-Pietro: sono orgoglioso

Fino al 30 giugno esposto Il Martirio di S. Orsola nel tempio dell'arte della metropoli americana

Viene presentata questa mattina al Metropolitan Museum of Art di New York l’opera di Caravaggio 'Martirio di S. Orsola', alla presenza di Gian Maria Gros–Pietro, presidente del consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo, Michele Coppola, responsabile delle attività culturali di Intesa Sanpaolo, e Francesco Genuardi, Console Italiano a New York. Il dipinto, proveniente dalle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, sede museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, è una straordinaria testimonianza della stagione estrema di Caravaggio e una delle opere più importanti della collezione della Banca.

L’opera viene esposta al pubblico del Metropolitan di New York fino al 30 giugno 2017. Si tratta della tela dipinta nel 1610 alla fine del suo secondo soggiorno napoletano, nella quale il maestro lombardo raffigura, con la violenta drammaticità che lo contraddistingue, il Martirio di Sant’Orsola. Sarà affiancata a un'altra opera di Caravaggio, la Negazione di San Pietro, posseduta dal Met.

“Sono molto emozionato e orgoglioso di aver portato al Metropolitan Museum di New York il Martirio di Sant’Orsola, un’opera che sicuramente rappresenta una delle punte di diamante delle collezioni d’arte di Intesa Sanpaolo e che è esposta nella nostra sede museale di Napoli” afferma Gian Maria Gros-Pietro, presidente del consiglio di amministrazione di Intesa Sanpaolo aggiungendo: "Il nostro Paese, poi, è uno dei luoghi più attraenti al mondo proprio per la ricchezza e la varietà del suo patrimonio culturale. Saper dare una risposta coordinata a questa richiesta avrebbe una ricaduta significativa sulla nostra economia”.

Il dipinto – bene privato ma patrimonio dell’umanità –, è esposto in modo permanente nella sede museale della Banca a Napoli, le Gallerie d’Italia - Palazzo Zevallos Stigliano. In cambio di questo importante prestito, dal 6 maggio la sede museale partenopea ospiterà un altro straordinario capolavoro di Caravaggio proveniente dal Metropolitan Museum: 'I Musici'.

Il prestito dell’opera al Met rientra in una strategia di valorizzazione della collezione artistica di Intesa Sanpaolo e in una politica di collaborazioni e sinergie con le più importanti istituzioni culturali internazionali. Queste rientrano tra le azioni di Progetto Cultura, piano triennale degli interventi culturali della Banca, assieme allo sviluppo del polo museale delle Gallerie d’Italia a Milano, Napoli e Vicenza, e a Restituzioni, collaudato programma di restauri dei beni artistici e architettonici del Paese.

Keith Christiansen, curatore d’Arte Europea del Metropolitan Museum, ha affermato: “Sono lietissimo che Intesa Sanpaolo e il Metropolitan Museum of Art di New York abbiano potuto collaborare per questo scambio di grande risonanza. Presentare oggi a New York, l’uno accanto al altro, il Martirio di Sant’Orsola di Intesa Sanpaolo, e la Negazione di San Pietro del Metropolitan costituisce una vera opportunità, dato che sono due quadri quasi certamente dipinti negli ultimi due o tre mesi di vita dell’artista, utilizzando uno stile quanto mai riduttivo o, meglio, essenziale, dove le figure emergono dallo sfondo nero quasi come spettri di un mondo oppresso dal peccato e dal dolore”.

Intesa San Paolo
Altri Servizi

Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Ci sono anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie tra le donne che accusano il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali. Le due attrici lo hanno dichiarato in un'intervista al New York Times, appena pubblicata. "Questo modo di trattare le donne finisce qui" ha detto Paltrow, importunata quando aveva 22 anni dall'uomo che ha dato inizio alla sua carriera e che l'ha aiutata a vincere l'Oscar.

Bannon: sfideremo ogni repubblicano in carica, tranne Cruz

L'ex stratega di Trump contro l'establishment repubblicano prepara la battaglia per le elezioni di metà mandato del prossimo anno
AP

Stephen Bannon ha ufficialmente lanciato l'attacco contro l'establishment in vista delle elezioni statunitensi di metà mandato, in programma il prossimo anno. L'ex superconsigliere del presidente statunitense, Donald Trump, tornato a guidare il sito ultraconservatore Breitbart News, è stato intervistato da Sean Hannity su Fox News: "C'è una coalizione che si sta formando che sfiderà ogni repubblicano in carica, fatta eccezione per Ted Cruz".

La California del Nord brucia

Almeno 15 morti, 100 dispersi, migliaia di persone rimaste senza casa. E' tra i peggiori incendi nella storia dello Stato
AP

Almeno 15 persone sono morte, più di 170 sono finite all'ospedale, 100 sono disperse e circa 20.00 sono state costrette a evacuare, a causa di almeno 17 incendi che stanno bruciando otto contee nella California del Nord tra cui Napa, famosa per il suo vino, e Sonoma. Le cause delle fiamme, spuntate domenica scorsa, sono ancora oggetto di inchiesta. Oltre 1.500 strutture tra abitazioni, aziende e altri edifici sono stati ridotti in cenere.

Wall Street attende i verbali della Fed

Oggi il rapporto Jolts sui posti di lavoro vacanti
AP

Aig: effetto uragani da tre miliardi di dollari

Il gruppo rischia di chiudere il terzo trimestre in perdita. Soffre nel dop mercato. Il Ceo: "catastrofi senza precedenti".
AP

A causa degli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti e del terremoto che ha fatto tremare il Messico, American International Group subirà nel terzo trimestre una perdita al lordo delle imposte tar 2,9 e 3,1 miliardi di dollari. Lo ha comunicato il gruppo assicurativo americano.

Marchionne torna al Nyse: Ferrari ha prospettive "fenomenali"

Il Ceo celebra il 70esimo anniversario della nascita del gruppo. Dopo il flop in F1 in Giappone resta ottimista: la stagione non è persa ma "sciocchezze tecniche danno veramente fastidio". Apre a un Suv del Cavallino Rampante. No scorporo Jeep da Fca

Due anni dopo la quotazione di Ferrari, Sergio Marchionne è tornato al New York Stock Exchange. Lo ha fatto per celebrare il settantesimo anniversario dalla nascita del gruppo di Maranello, il cui titolo ha guadagnato oltre il 110% dall'ottobre 2015, quando sbarcò in Borsa con un prezzo di collocamento di 52 dollari. Ora ne vale 116. Di questo il Ceo e presidente si è detto "felice" anche perché ha dimostrato al mercato che aveva ragione a esigere una valutazione tipica di gruppi appartenenti alla categoria del lusso. Non a caso lui è "long" sul titolo dal simbolo RACE (corsa), ha fiducia in un marchio in cui ha creduto ancora prima di entrate in Fiat quando era "un aspirante cliente della Scuderia" ed è convinto che l'azienda - che apre all'elettrificazione e ai Suv mentre esclude uno scorporo di Jeep da Fca e nozze con Great Wall - abbia prospettive "fenomenali". E questo nonostante l'ennesimo flop tecnico nella Formula Uno.

Fmi: nove banche faticheranno con redditività, anche Unicredit

Adrian: il rischio è che "non siano in grado di generare abbastanza capitali in futuro nel caso siano colpiti da shock"
Unicredit

Il Fondo monetario internazionale calcola che "le banche che rappresentano asset per 17.000 miliardi di dollari, o circa un terzo di quelle importanti a livello di sistema, potrebbero continuare a generare rendimenti non sostenibili, anche nel 2019".

Fmi: il sistema finanziario si rafforza ma attenzione a cinque vulnerabilità

Sono: la caccia ai rendimenti, il rialzo dei livelli di debito nelle economie del G20, il boom del credito in Cina, volatilità bassa e l'incremento della dipendenza delle nazioni a basso reddito. Redditività un problema per 9 banche

Anche se il sistema finanziario globale "continua a rafforzarsi" e lo stato di salute così come la resilienza delle banche importanti a livello di sistema globale "continua a migliorare", il Fondo monetario internazionale crede che questo non sia il momento per compiacersi. "Azioni sono necessarie perché le vulnerabilità sono in aumento". Se non tenute sotto controllo, "potrebbero mettere a rischio la crescita in futuro". Inoltre, nove banche faticheranno negli anni a venire nel restare sufficientemente redditizie. Tra di loro c'è Unicredit.

Il problema di Amazon con i prodotti di lusso

Regole poco rigide sulla contraffazione e sui rivenditori non autorizzati tengono lontani dal colosso dell'E-commerce marchi come Gucci, Fendi, Louis Vuitton, Moet&Chandon e tanti altri

All’inizio di quest’anno Swatch Group, conglomerata svizzera che opera nel campo degli orologi, aveva manifestato l’intenzione di vendere alcuni dei suoi prodotti di lusso su Amazon. Dopo mesi di colloqui l’accordo tra le due compagnie si è concluso con un nulla di fatto e il motivo lo spiega un articolo del Washington Post.