Intesa Sanpaolo porta a NY startup del lusso, anche per promuovere il sistema paese

Tre italiane e sette internazionali: si sono presentate a un centinaio di potenziali investitori riuniti nella sede della banca, a pochi passi dal Nyse

Intesa Sanpaolo conferma il suo ruolo di acceleratore dell'innovazione e di realtà di successo con due iniziative organizzate a New York, entrambe dedicate al mondo del fashion-tech. L'obiettivo: fare emergere le realtà più promettenti della moda e del lusso nell'ambito di un programma più ampio che ha come intento anche la crescita del sistema paese.

Da un lato, il gruppo è stato partner del Decoded Fashion New York Summit 2017, un evento che si è svolto l'uno e il due novembre e che da cinque anni riunisce marchi, retailer, innovatori e player tecnologici per confrontarsi sull'evoluzione del sistema moda e sui trend del settore, inclusi gli effetti del commercio elettronico. In quell'occasione sono state presentate tre startup italiane, selezionate dalla banca: Design Italian Shoes, piattaforma e-commerce per la vendita di calzature maschili su misura e Made in Italy; iCoolHunt/NextAtlas, che offre soluzioni big data per l'analisi in tempo reale dei trend emergenti nel fashion; NearIT, specializzata insoluzioni di marketing di prossimità per i marchi. Sono le stesse che oggi si sono ripresentate presso la sede newyorchese della banca italiana davanti a circa 100 potenziali investitori. Lì, per la prima volta nell'hub a pochi passi dal New York Sotck Exchange, Intesa Sanpaolo ha organizzato la 106esima edizione della StartUp Initiative, un programma di accelerazione internazionale lanciato dall'istituto di credito nel 2009 e oggi governato dal suo Innovation Center. Il format prepara promettenti startup high-tech al confronto con il mercato e le aiuta a trovare le risorse necessarie per crescere grazie all’incontro con potenziali investitori e partner industriali. La modalità usata è stata quella tipica in Usa del pitching: le startup (oltre alle tre italiane, anche sette internazionali) hanno avuto qualche minuto per descriversi, momento a cui ha fatto seguito una sessione di domande e risposte.

Per capire il senso del programma di Intesa basti qualche numero: le startup che, a vario titolo, vi hanno partecipato (chiamate 'alumni') sono state oltre 1.100. Sono 800 quelle che sono arrivate all’incontro con oltre 9.500 tra investitori, imprese e altri attori dell’ecosistema dell’innovazione. Del totale, si contano oltre 130 casi di successo che hanno raccolto più di 120 milioni di euro di investimenti e 12 cosiddette exit (la startup è diventata un'azienda a tutti gli effetti che si è quotata o che è stata protagonista di M&A industriali). Su un panorama di circa 500 'alumni' italiani attivi a inizio 2017, Intesa ha calcolato l’impatto sull’economia reale: un fatturato annuo complessivo di oltre 122 milioni di euro e oltre 1.700 persone impiegate.

Maurizio Montagnese – chief innovation officer di Intesa Sanpaolo - ha sottolineato come attraverso progetti strategici e iniziative dell'innovazione sviluppate dalla banca "l'obiettivo alla fine sia quello di fare crescere il Sistema Paese; se pensate che in Italia ci sono circa 7mila startup rispetto al mezzo milione e oltre del mercato britannico, capiamo che siamo in grande ritardo rispetto al gap da coprire". Anche per questo Intesa Sanpaolo effettua ogni anno 200 milioni di investimenti in progetti di innovazione, che corrispondono al 20% del suo capital budget.

Tony Gherardelli responsabile promozione dell'Innovation Center - il centro innovazione che seleziona le startup - ha spiegato che "StartUp Initiative è un ottimo strumento con cui le realtà industriali clienti del gruppo possono effettuare uno scouting mirato. In passato abbiamo collaborato con realtà come Miroglio, Eni, Novartis, e in futuro sempre di più svilupperemo programmi dedicati a specifiche esigenze".

Daniela Orlando, Global Head per il Retail & Luxury, ha spiegato che "essere innovativi permette di dare valore aggiunto al cliente su quelle che sono le evoluzioni del modello di business, posizionando la banca in modo forte".

Biagio Calabrese, general manager dell'hub newyorchese di Intesa Sanpaolo, ha aggiunto che "la nostra sfida è seguire imprese non solo sulla base del loro profilo creditizio ma anche tenedo conto della loro prospettiva di capacità di creazione valore, una cosa che va oltre il bilancio". In quest'ottica Intesa Sanpaolo da New York offre "una piattaforma per tutte le imprese che vogliono internazionalizzarsi e che hanno bisogno di una banca qui. A quelle americane offre una piattaforma europea, non solo per grandi operazioni di acquisizione".

Mentre Gherardelli, con l'Innovation Center, punta a rinforzare la presenza su Londra e a portare avanti le collaborazioni con programmi di accelerazione in Asia, in particolare a Hong Kong, il CIO di Intesa studia come usare l'innovazione per creare la banca "del futuro" e "per il futuro", quella che è al passo con le evoluzuoni tecnologiche e che serve imprese, clienti, Italia e - per quanto possibile - il resto del mondo.

Altri Servizi

Email Clinton, accusate 38 persone ma non ci fu uso volontario di informazioni classificate

Lo ha stabilito un'indagine del Dipartimento di Stato che ha messo sotto accusa i funzionari. L'ex first Lady attacca una delle candidate dem alle presidenziali, accusandola di essere "un asset dei russi"
Ap

Hillary Clinton torna a occupare prepotentemente le prime pagine dei quotidiani americani e i dibattiti dei talk politici d'oltreoceano. Da un lato, l’ex segretario di Stato è stata coinvolta nella chiusura delle indagini sull'emailgate, dall’altro, ha invece denunciato una possibile nuova interferenza dei russi nel voto delle prossime Presidenziali nel 2020.

Siria, McConnell contro Trump: "Il ritiro delle truppe è un errore strategico"

Duro attacco del leader dei repubblicani al Senato dalle pagine del Washington Post
AP

Duro attacco di Mitch McConnell a Donald Trump per la linea militare scelta dal Tycoon in Medio Oriente. "Ritirare le forze americane dalla Siria è un grave errore strategico", ha scritto sulle pagine del Washington Post il senatore del Kentucky, leader della maggioranza repubblicana al Senato nonché uno dei più stretti alleati del presidente americano.

Le Maire: "Libra non benvenuta in Europa, la vieteremo"

Il ministro dell'Economia francese contro la valuta virtuale di Facebook: "Stiamo lavorando con Italia e Germania a una serie di misure, in gioco c'è la nostra sovranità"

Francia, Italia e Germania stanno lavorando a una serie di misure per vietare in Europa l'uso di Libra, la moneta virtuale di Facebook. Lo ha detto il ministro dell'Economia francese, Bruno Le Maire, sottolineando che "Libra non è benvenuta in Europa. Vareremo misure con Italia e Germania perché è in gioco la nostra sovranità'" ha detto durante una conferenza stampa a margine delle riunioni del Fondo monetario internazionale e della Banca mondiale a Washington.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Segnali positivi da Pechino. Oggi, giornata senza dati macro e trimestrali
AP

Siria, Nyt: Trump favorevole a piccolo contingente Usa nell'est

Servirebbe a proteggere i campi petroliferi dall'attacco dell'Isis o di altre milizie
U.S. Department of Defense

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sarebbe favorevole a un nuovo piano del Pentagono che prevede di lasciare un piccolo contingente nell'est della Siria, forse circa 200 soldati, per combattere l'Isis e proteggere i campi petroliferi dell'area. Lo scrive il New York Times, che cita una fonte dell'amministrazione.

Wall Street, occhi su Cina e Brexit

La crescita economica rallenta a Pechino, mentre a Londra si discute dell'accordo con l'Unione europea
AP
AP

Hillary Clinton irrompe nelle primarie democratiche. E lo fa con fragore, non per annunciare la sua candidatura ma per lanciare l’allarme: la Russia vuole dividere l’elettorato democratico. Mosca ha “messo gli occhi su qualcuno che e’ attualmente nelle primarie democratiche e la stanno preparando per essere la candidata di un partito terzo”, ha detto l’ex segretario di Stato, senza fornire alcuna prova a sostegno delle sue accuse.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP
AP

L’impeachment e’ una minaccia ‘mortale’ per la presidenza di Donald Trump e la Casa Bianca farebbe bene a iniziare a considerarla come tale. Lo ha detto Steve Bannon in un’intervista con il New York Post.