Comprare casa a New York

Investire nel mercato immobiliare della grande mela. Condo o co-op. Questioni fiscali e legali. Le prime cose da sapere per un italiano che voglia comprare casa nella capitale del mondo

Per chi abbia la disponibilità economica e finanziaria di diversificare i propri investimenti di lungo periodo, a New York City si può unire l'utile al dilettevole. Il mercato immobiliare di Manhattan è stato sempre molto appetibile per gli europei e soprattutto per gli italiani, storicamente amanti del mattone. Ad esempio, la crisi finanziaria del 2007-2008, che ha devastato il mercato americano del cosiddetto real estate praticamente ovunque, a Manhattan non è riuscita che a fermare l’aumento costante dei prezzi per qualche mese soltanto.

Sulla base di vari rapporti pubblicati da siti specializzati del settore immobiliare a New York, nel 2016 il prezzo di vendita medio di un appartamento è cresciuto del 3%, mentre quello per metro quadro è aumentato del 6%. Le vendite sono scese di circa il 15% per vari motivi tra cui ad esempio prezzi delle case troppo alti, scarsa offerta di case con prezzi più 'abbordabili' e incertezza data dalle elezioni presidenziali.

Condo o Co-op?

Un investitore con interesse ad acquistare una proprietà ad uso residenziale, ha a disposizione a New York principalmente due tipi di immobili: condominium (condo) e co-op. Le loro principali differenze sono:

  • Aspetti legali relativi alla proprietà di un condo rispetto a un co-op e nel modo di gestione delle unità abitative. Nel primo caso si è proprietari dell’unità immobiliare. Nel secondo si possiedono le quote del palazzo in cui si vive. Differenze sono presenti anche nel momento dell’acquisto relativamente all'ottenimento delle necessarie approvazioni da parte del board e nei requisiti finanziari necessari ad ottenere tale approvazione. Generalmente i co-op hanno regole più restrittive quando si tratta di approvare l’ingresso di un nuovo proprietario rispetto ai condo perché il nuovo proprietario sarà maggiormente coinvolto nella gestione di tutti giorni del palazzo rispetto a un proprietario di un condo. Le differenze hanno una rilevanza nel modo di risoluzione dei problemi ordinari e straordinari legati alla gestione dell’immobile. Per tali ragioni, un investitore straniero generalmente preferisce acquistare un condo perché ha maggior flessibilità e libertà di azione qualora volesse affittarlo oppure venderlo in tempi relativamente brevi.
  • Disponibilità sul mercato immobiliare e il loro prezzo. A Manhattan ci sono più co-op che condo. Ad esempio, un edificio costruito prima delle grandi guerre è sicuramente un co-op mentre le nuove costruzioni sono condominium. Il prezzo di un condo è generalmente maggiore di quello di co-op. I costi da affrontare in sede di chiusura di un contratto di acquisto sono più alti in caso di un condo rispetto a quelli di un co-op. Ad esempio, se si volesse acquistare un condo c'è da comperare la title insurance (assicurazione contro i rischi di imperfezioni nel titolo di proprietà) e in caso la mortage recording tax (tassa di registro sul mutuo accesso nello Stato di New York); a New Yok City è pari a circa il 2 percento del valore del mutuo.

Da un puto di vista fiscale, possedere un condo oppure un co-op non comporta differenze sostanziali sia in caso di affitto che di vendita. Particolari differenze non ci sono nelle percentuali relative alla property tax (la tassa sull'immobile) applicate sia per quanto riguarda un condo che un co-op. 

Per maggiori dettagli, è sempre raccomandabile interpellare un real estate broker e anche un avvocato esperto qualora si dovesse decidere di acquistare un immobile.

Un italiano in cerca di casa a New York: questioni fiscali e legali

Ipotizziamo che un investitore italiano, residente in Italia da un punto di vista fiscale, volesse acquistare un appartamento One Bedroom (con una stanza da letto oltre a cucina-soggiorno e bagno) in un nuovo condominio a New York City. L'investitore deve considerare un prezzo di vendita di partenza di circa un milione di dollari.

Il prezzo di vendita varierà ad esempio dalla zona, da quanto è nuovo il palazzo e dalle cosiddette amenities offerte come una palestra, una piscina, le lavanderie e zone ricreative. Un bravo broker potrà negoziare a ribasso il prezzo di vendita prima del suo acquisto anche se spesso le offerte puntano al rialzo e hanno una buona componente in contanti.

Ipotizziamo anche che l'investitore abbia il cash necessario per poter comperare un One Bedroom a Manhattan e che sia sposato con due figli. Come suggerito sopra, prima di incominciare la ricerca dell’appartamento, l'investitore dovrebbe pianificare l’acquisto da un punto di vista fiscale, sia dal lato americano che da quello italiano.

Con ogni probabilità, prima ancora di comperare un biglietto aereo per volare a New York ed iniziare la sua ricerca, l'investitore si ponga queste prime domande: Compro l’appartamento tramite una società? Se sì, che tipo di società? Se decidessi di affittare la casa, quanto sarà l’impatto fiscale? Quando venderò la casa, quanto dovrò pagare di imposte? C’è l’Imu a New York? Se sì, a quanto ammonterà?

Iniziamo con il rispondere all'investitore che la scelta della società dipende principalmente da ciò che si intende fare con l’appartamento. Se lo si affitta, il reddito netto derivante dalla proprietà immobiliare (reddito da locazione meno costi operativi, tassa sulla prioprietà e ammortamenti) sarà soggetto a tassazione negli Stati Uniti. Inoltre, l’aliquota fiscale e il metodo di tassazione dipendono dalla tipologia di società utilizzata per acquistare la proprietà e dall’ammontare del reddito netto generato.

Ad oggi, con le aliquote fiscali in vigore, il reddito netto generato da una Corporation (società di capitali) è tassato con un'aliquota fiscale che varia dal 25% al 38% per quanto riguarda la Federal Tax, e con un’aliquota fiscale di circa 6,50% per la State Tax e per la City Tax (tasse, rispettivamente, federali, statali e municipali).

Il reddito netto generato da una Limited Liability Company (LLC) o da una persona fisica è tassato con un’aliquota che varia dal 15% al 35% per la Federal Tax e dal 4% al 8,82% per la State Tax.

C'è da notare che il reddito netto ottenuto tramite LLC oppure persona fisica non residente non è soggetto alla New York City Tax.

Ovviamente, nel calcolo del computo di un reddito netto bisogna considerare che la casa affittata sarà soggetta ad ammortamento, che i costi inerenti la proprietà sono deducibili (ad esempio le quote condominiali) così come la property tax (simile all’Imu) che ad oggi a New York City si aggira mediamente dell’1,9%.

Se poi l'investitore italiano decidesse di vendere l’appartamento, deve sapere che le eventuali plusvalenze realizzate attraverso una Corporation sono tassate con l'aliquota fiscale ordinaria che può variare da un minimo di 25% ad un massimo di 38% per la Federal Tax, di circa 6,50% per la State Tax e per la City Tax.

Se la proprietà è detenuta da persona fisica o tramite LLC, le plusvalenze realizzate saranno tassate con un’aliquota del 15% oppure del 20%, in relazione all’ammontare della plusvalenza.

Per quanto riguarda lo Stato di New York, le plusvalenze sono tassate con l’aliquota ordinaria dal 4% al 8,82% per la State Tax.

Anche in questo caso, le plusvalenze ottenute tramite LLC oppure persona fisica non residente non sono soggette alla New York City Tax.

L'investitore a questo punto dovrebbe anche considerare i vari aspetti legali inerenti all’acquisto della casa, consultare un professionista per comprendere al meglio, ad esempio, le differenze tra una Corporation e una LLC, capire se conviene comperare una casa come persona fisica oppure se è necessario, implementare strutture più complesse anche tramite l’utilizzo di un Trust.

Dato che l'investitore italiano ha due figli ed una moglie, deve anche tenere presente che ci sono aspetti importanti legati al problema della successione negli Usa e che con le normative fiscali vigenti, può risultare essere molto oneroso ereditare una casa a New York per un cittadino straniero.

Infatti, ci sono alcune opzioni da considerare per quanto riguarda le tasse di successione negli Stati Uniti. Queste possono essere differenti, ad esempio, a seconda che l'investitore italiano e la sua famiglia abbiano intenzione o meno di diventare cittadino Usa in futuro, oppure se considerano di detenere la proprietà attraverso una Corporation, LLC o persona fisica.

Infine, l'investitore però deve anche coinvolgere il suo commercialista italiano al fine di determinare l’impatto degli investimenti sulla sua dichiarazione dei redditi in Italia o su quella dei propri figli.

Pertanto, una pianificazione con un consulente americano fiscale e legale è raccomandabile al fine di proteggere al meglio l’investimento.

Concludo, dicendo a tutti i potenziali investitori italiani che possedere una casa nella 'capitale del mondo' ha il suo prezzo ma anche il suo beneficio. Ed il beneficio può risultare nella stragrande maggior parte dei casi molto profittevole!!

Buon investimento a tutti.

Unsplash
Unsplash
Unsplash

Altri Servizi

Wall Street attende i risultati degli stress test

Tra i dati macro, in programma le richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione
AP

Uber, le tappe chiave che hanno portato alle dimissioni di Travis Kalanick

Gestione sessista, molestie, toni infantili e scandali nei quattro mesi che hanno portato al crollo dell'amministratore delegato del gruppo che vale 68 miliardi di dollari. E la quotazione a Wall Street si allontana
AP

Dopo settimane di tensioni e voci sempre più insistenti, ma soprattutto dopo mesi di scandali Travis Kalanick si è dimesso dalla posizione di amministratore delegato di Uber. La conferma è arrivata questa mattina dal gruppo californiano, valutato 68 miliardi di dollari, una cifra che lo rende l'azienda non quotata più ricca della Silicon Valley.

Vertice Usa-Cina a Washington: pressing di Trump sulla Corea del Nord

Dopo il caso dello studente Usa tenuto prigioniero a Pyongyang, voci di nuovi test nucleari da parte del regime di Kim Jong-un. Bombardieri americani volano sulla penisola coreana (per una esercitazione)
AP

La Corea del Nord sarà quasi certamente in cima all'agenda dell'incontro odierno tra rappresentanti di Usa e Cina. Pensato per essere il primo meeting del "dialogo diplomatico e per la sicurezza" voluto lo scorso aprile dal presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping, quello in calendario oggi vedrà Washington spingere su Pechino affinché metta più pressione su Pyongyang.

Si è dimesso Travis Kalanick, l'amministratore delegato di Uber

Kalanick, che ha fondato Uber, aveva già deciso di prendere un'aspettativa indefinita a seguito di un rapporto critico sulla gestione disfunzionale della società
AP

Travis Kalanick si è dimesso come amministratore delegato di Uber, lo ha confermato la società. Le sue dimissioni seguono una serie di scandali presso l'azienda internazionale di gestione di trasporti, tra cui accuse di molestie sessuali e sessismo. Uber è valutata 68 miliardi di dollari, una cifra che la rende l'azienda non quotata più ricca della Silicon Valley.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

I senatori repubblicani svelano il loro 'Trumpcare', molto simile alla versione della Camera

Dovrebbe approdare in Aula la prossima settimana. La sua approvazione non è scontata: già Rand Paul ha detto che non voterà a favore della proposta di legge

I repubblicani del Senato statunitense, che da sete anni promettono di cancellare l'Obamacare, hanno compiuto un passo importante verso il loro obiettivo, presentando una prosa di legge che taglia drasticamente il Medicaid, il programma di assistenza sanitaria per i poveri, e mette fine all'obbligo per gli statunitense di acquistare una polizza assicurativa, introdotto da Barack Obama. Nel complesso, la versione del Senato appare molto simile a quella della Camera, che avrebbe dovuto cambiare da cima a fondo. La proposta di legge approderà in Aula probabilmente la prossima settimana.

Oracle da record a Wall Street: torna a valere 200 miliardi di dollari

Utili e ricavi sopra le stime per il colosso del software, che raggiunge una capitalizzazione che non toccava dalla bolla tech. E' il primo gruppo di questo genere ad arrivare a un simile traguardo
iStock

Utili e ricavi trimestrali oltre le stime, grazie alle attività cloud. Questo spiega il rally nel dopo mercato a Wall Street del titolo Oracle, arrivato a guadagnare oltre il 10% e spingendosi sopra quota 51 dollari per la prima volta. La capitalizzazione del gruppo fondato da Larry Ellison (nella foto) è così balzata sopra i 200 miliardi di dollari per la prima volta dalla bolla tech di fine anni '90. E' la prima azienda che vende quasi esclusivamente a grandi gruppi e alla pubblica amministrazione ad avere raggiunto un tale valore. E' la dimostrazione di come il mercato inizi a credere nella transizione di Oracle verso il cloud computing.

Wall Street, l'attenzione resta sul petrolio

Ieri, chiusura in calo. Greggio in territorio "orso"
AP

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP

Per più di un anno i diplomatici americani hanno avuto colloqui segreti a Pyongyang e in alcune città europee con negoziatori nucleari della Corea del Nord, nel tentativo di liberare i prigionieri Usa e di stabilire un canale diplomatico per fermare i programmi nucleari e missilistici del Paese.

Elezioni Congresso Usa: Trump festeggia, democratici demoralizzati

Risultati al di sopra delle aspettative per la minoranza, che non è però riuscita a conquistare nemmeno uno dei quattro seggi alla Camera in mano al Gop e in gioco in queste elezioni speciali
Ap

I democratici hanno ottenuto un risultato molto migliore nelle elezioni speciali per il Congresso in questa primavera di quello ipotizzabile dai più ottimisti solo pochi mesi fa. Alla fine, però, hanno perso in tutti e quattro i distretti che erano in mano ai repubblicani e in cui si è votato, compreso l'atteso sesto distretto della Georgia, in un'elezione fortemente in bilico e che sarà ricordata per essere stata la più cara nella storia della Camera statunitense (oltre 50 milioni di dollari), con molti fondi arrivati da altri Stati del Paese.