"Io sto con LeBron": dopo le critiche del presidente, anche Melania Trump si schiera con la leggenda Nba

Il presidente Donald Trump aveva attaccato 'King James' dopo la sua intervista alla Cnn, mettendo in dubbio la sua intelligenza. Persino la first lady ha sentito il bisogno di dichiarare il proprio appoggio all'atleta
Ap

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha usato la solita tattica contro chi lo critica: mettere in dubbio la sua intelligenza. Lo ha fatto anche questa volta, contro LeBron James, senza dubbio il giocatore di pallacanestro più forte e popolare del Paese, uno dei più grandi della Storia. Sottovalutando, forse, la popolarità di James non solo per il suo lavoro sul parquet, ma anche per quello che fa per la comunità, attraverso la sua fondazione. Tanto che persino la first lady Melania ha sentito la necessità di schierarsi con l'atleta.

"LeBron sta facendo cose molto buone nella sua comunità e a sostegno delle future generazioni e la first lady lo incoraggia" ha affermato la portavoce di Melania Trump, Stephanie Grisham, ricordando l'impegno di James per l'istruzione dei bambini meno fortunati a Akron, in Ohio, sua città natale. James ha aperto una scuola per i bambini che vivono in famiglie disagiate, che offre biciclette e pasti gratuiti agli studenti e servizi di assistenza per trovare un posto di lavoro ai genitori. Scuola che Melania Trump ha fatto sapere di voler visitare.

In precedenza, Trump aveva attaccato su Twitter il campione e la sua intervista sull'odiata Cnn: "È stato intervistato dall'uomo più stupido della tv, Don Lemon. È riuscito a far sembrare Lebron intelligente, il che non è facile!". 'King James' aveva parlato della polemica riguardante la protesta dei giocatori di football americano che si inginocchiano al momento dell'esecuzione dell'inno, in segno di protesta contro il razzismo e le violenze della polizia sui neri. Atleti che Trump vorrebbe vedere cacciati dai campi da gioco, e anche dal Paese. "Lo sport non è mai stato qualcosa che divide la gente, ma qualcosa che unisce. E il presidente ci sta dividendo" ha affermato James, che ha nuovamente lasciato i 'suoi' Cleveland Cavaliers, portati al titolo Nba, per giocare con i Los Angeles Lakers.

James non ha risposto all'attacco di Trump, ma lo hanno fatto molti altri, a partire da Don Lemon, intervistatore di James e uno dei conduttori più popolari della Cnn: "Chi è veramente stupido? Un uomo che mette i bambini in una scuola o quello che mette i bambini in una gabbia?". Il riferimento è ai figli dei migranti irregolari, divisi dai genitori come conseguenza della 'tolleranza zero' voluta da Trump. A sostegno di LeBron James si è schierato Michael Jordan, altra leggenda della Nba, che Trump aveva detto di preferire. "I like Mike!' aveva infatti aggiunto il presidente alla fine del suo tweet contro James. "Io sto con Lebron" ha dichiarato Jordan, "sta facendo un lavoro straordinario per la sua comunità". La Cnn, su Twitter, ha preso in giro il presidente, scrivendo: "Sembra che [Melania Trump] avesse il controllo del telecomando, la scorsa notte", riferendosi al fatto che, se Trump stava guardando la Cnn, il canale 'odiato', forse era 'per colpa' della first lady. Lo scorso mese, secondo i media statunitensi, Trump si era infuriato dopo aver visto che la televisione di Melania, a bordo dell'Air Force One, era sintonizzata sulla Cnn; in risposta, la portavoce della first lady aveva deto che Melania Trump "guarda i canali che vuole".

Giorni fa, anche la figlia del presidente, Ivanka Trump, aveva preso le distanze dal padre, criticando indirettamente la sua politica sui migranti bambini e le violente critiche rivolte ai mass media, durante un'intervista ad Axios.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.